Connect with us

Roma

GENZANO, FABIO PAPALIA SCENDE IN CAMPO: "MENO TASSE E PIU' SICUREZZA"

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 4 minuti Dai programmi futuri ai progetti concreti: ne parla il candidato sindaco

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 4 minuti
image_pdfimage_print

di Chiara Rai

Genzano (RM) – Anche Genzano, storica roccaforte "rossa" torna al voto in primavera. Mentre si delinea il complicato quadro delle primarie del Pd alle quali parteciperà anche il sindaco uscente Flavio Gabbarini, dall'altra parte, iniziano ad inquadrarsi le prospettive. Fabio Papalia, giovane consigliere comunale di opposizione ma "veterano" della politica genzanese, si candida a sindaco e L'osservatore d'Italia ha inteso intervistarlo.

 

Fabio Papalia, mi parli della tua scesa in campo e della tua squadra?
Ho iniziato a fare politica a 16 anni a Roma; all’età di 18 anni mi sono candidato a Genzano come consigliere comunale con Alleanza Nazionale. E’ stata, ovviamente, la prima candidatura e da quel momento ho iniziato ad interessarmi di Genzano e della politica comunale.
In pochi mesi abbiamo stretto una fondamentale collaborazione con la Lista Barbaliscia e con il consigliere Arnaldo Melaranci. Collaborazione che a distanza di 10 anni ha portato una notevole
ed importante crescita creando un punto di riferimento per molti cittadini.
Dalle divisioni del 2006 e da quello che fu un risultato pessimo del centrodestra genzanese siamo arrivati, nel 2011, ad avere una coalizione compatta che per soli
90 voti non ha raggiunto il ballottaggio.
Nel 2011 sono diventato consigliere comunale e l’attività finora portata avanti
è stata molto intensa. In questi 5 anni sono state protocollate più di 500 interrogazioni scritte che vanno aggiunte alle altre interrogazioni presentate in sede consiliare.
Molte sono le situazioni affrontate e segnalate alle autorità
competenti per ulteriori approfondimenti e verifiche.
Ad oggi lo scenario partitico e politico è radicalmente cambiato e di conseguenza abbiamo rivisto molte strategie ma, nonostante tutto, le collaborazioni instaurate il giorno dopo le elezioni del 2006 sono ancora valide e attive. Abbiamo costituito una bella squadra e stiamo lavorando per ampliarla il più possibile. La notizia di qualche mese fa che vede Maria Grazia Barbaliscia come candidata in consiglio comunale ha portato uno stimolo fondamentale ed importantissimo; rappresenta una novità e al tempo stesso la storia di un percorso politico e civico che nessuno può e deve dimenticare. L’aspetto fondamentale del nostro gruppo è che ognuno di noi fa politica per passione e non per lavoro; questo consente ad ognuno di noi di dedicarsi alla politica genzanese senza secondi fini.



Come pensi che vadano a finire le primarie del Pd?

Non sono contrario alle primarie, anzi secondo me sono uno strumento ottimo per coinvolgere a pieno la base del partito ed ogni singolo tesserato e simpatizzante. In questa circostanza, però, risulta anomalo il ricorso alle primarie. Un sindaco che va ad ultimare il suo primo mandato, in teoria, non dovrebbe legittimare la sua ricandidatura passando per le primarie. Se questo avviene significa che il partito e la coalizione di cui fa parte non ne condivide l’operato. Sotto questo punto di vista è ancora più singolare che il suo vice sindaco si presenti alle primarie rendendosi conto dopo 4 anni e mezzo che la giunta di cui ha fatto parte, sin dal primo momento, ha letteralmente fallito. Lotte intestine o mal governo di Gabbarini? Secondo me la risposta si rispecchia in entrambi i quesiti.
Genzano ha visto stravolto il voto dei cittadini delle elezioni del 2011. Il Pd che ha perso le elezioni si è ritrovato in maggioranza, dopo neanche due anni, per un mero gioco di segreterie politiche. Questo secondo me è irrispettoso nei confronti degli elettori.
Ora assistere a questo “teatrino” dove ogni attore protagonista ha comunque governato Genzano negli ultimi 30 anni fa sorridere. Le solite persone che si propongono per l’ennesima volta. Sinceramente non mi interessa chi di loro vincerà le primarie, rappresentano lo stesso modo di governare. Non vedo differenze tra questi 4 candidati, ognuno di loro ha fatto parte delle stesse maggioranze e giunte. Vogliono far credere che la colpa sia di qualcun’altro?

 

Una cosa buona che ha fatto l'amministrazione di Gabbarini e dove, a parer tuo, ha mancato di più
Una cosa buona fatta da Gabbarini?….domande di riserva ci sono? Facciamo prima ad elencare dove ha fallito. A partire dal rinnovamento tanto sbandierato che non si è mai concretizzato. Ci siamo ritrovati praticamente la stessa maggioranza degli ultimi 15-20 anni. Aliquote comunali, praticamente tutte al massimo; una carente manutenzione di strade e verde pubblico, piano parcheggi fallimentare e inutile, una gestione improvvisata del Comando della Polizia Locale (comandanti cambiati ogni 6 mesi alternati a periodi senza comandante). Videosorveglianza e sicurezza del territorio? materia oscura per la maggioranza. Ora, dopo 5 anni di richieste, si ricorderanno di attivare qualche telecamera a pochi mese dalle elezioni. Raccolta differenziata da rivedere e migliorare, soprattutto per la pulizia delle strade. A questo va aggiunto la situazione Assoservizi che ancora oggi presenta molti aspetti che andrebbero chiariti. Vicenda che abbiamo da tempo segnalato alla Corte dei Conti e Procura della Repubblica poiché alcuni passaggi ci sono sembrati molto preoccupanti. La gestione del Palacesaroni è diventata una comica. Agibile si, agibile no, poi forse….
Opere pubbliche? il parcheggio davanti la caserma dei Carabinieri resta un miraggio, probabilmente verrà improvvisata una sistemazione da rivendersi sotto campagna elettorale.
Il Teatro ormai è noto a tutti, molti cittadini ne ignoravano l'esistenza. Tra manifesti, comunicati e grazie anche all'intervento di Striscia la Notizia che ha accettato il nostro invito ora tutti i cittadini sono venuti a conoscenza di questa vergogna. Una struttura senza futuro dal costo di quasi 5 milioni di euro.
Il depuratore dei Landi non pervenuto dal 2001. Ora si parla di una sua attivazione.
Per queste due opere ci siamo attivati anche presso la Procura della Corte dei Conti per fare luce sulla gestione dei fondi utilizzati. Sono ancora molte le cose che ci sentiamo di contestare..

 

Qual'è la ricetta per Genzano? Ritieni che il centrodestra possa correre compatto?
Stiamo lavorando per una coalizione compatta, valutando anche l’ipotesi di presentare sole liste civiche. L’intento è quello di andare comunque uniti. Le divisioni non portano da nessuna parte. Ci stiamo impegnando per coinvolgere persone provenienti da qualsiasi parte politica, un progetto trasversale aperto a chiunque voglia schierarsi liberamente per cambiare Genzano portando il proprio contributo.
Stiamo studiando un programma elettorale per il rilancio di Genzano, alcuni punti riguarderanno: la diminuzione delle aliquote comunali tramite una revisione e rivalutazione del patrimonio comunale; interventi per una maggiore sicurezza dei cittadini, la predisposizione di un apposito ufficio per bandi regionali, statali e comunitari; una modifica completa del piano parcheggi; interventi sul tema della Raccolta Differenziata rivendendo molte questioni sia per le pulizia delle paese che per una maggiore praticità per le famiglie genzanesi. Infine la mappatura degli interventi per una riqualifica del decoro urbano: strade, marciapiedi e verde pubblico

 

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Castelli Romani

Monte Porzio Catone, “Ho fatto tornare bambino un intero paese”: l’intervista esclusiva alla Presidente della Pro Loco

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 7 minuti
image_pdfimage_print

Virna Cupellini, classe 1989, mamma di Ginevra, 11 anni, e Francesco, 9 anni (quasi 10, ci tiene a precisarlo) da più di un anno la nuova presidente della Pro Loco Monte Porzio Catone

L’abbiamo incontrata in uno dei bar centrali del paese a due passi da quel “Garibaldine”, come dicono in paese, che è l’emblema ed il simbolo di questa associazione.

Una ragazza solare, molto attiva (quello che sottolineiamo è che per fare da “fori porta” ,l’arco di ingresso al paese, al bar ha saluto ed abbracciato una decina di persone segno tangibile di una grande popolarità e di una simpatia prorompente)

Virna, ci diamo del tu, oppure?

Ma certo che si .. in fondo è una chiaccheriata che faccio assai volentieri con te.

Allora subito giù dritto con le domande: ma chi te l’ha fatto fare?

(mi guarda subito con il suo sorriso e mi dice):
Pensa, quando mi fanno questa domanda mi scoccio un po’ … ti spiego.
Negli ultimi anni mi avevano chiesto in tanti di diventare presidente.
La morte improvvisa di Carmelo (
Carmelo Santoro ex presidente n.d.s.) che era stato per anni il cuore della Pro Loco ed il successivo periodo del Covid aveva rallentato moltissimo le attività della Associazione. C’era bisogno di una nuova spinta, di nuova benzina.
Tante le volte che in Paese mi chiedevano di prendere in mano questo gruppo già collaudato da anni di esperienza.
Gli impegni personali, il lavoro, la famiglia e chi più ne ha più ne metta mi avevano sempre fatto rispondere, anche se a malincuore, no.
Poi, questo lo sanno in pochi, una mattina mi chiama il sindaco
(Massimo Pulcini n.d.s.) e mi dice che alcuni monteporziani avevano chiesto al presidente della Pro Loco di Monte Compatri di dargli una mano per il Carnevale.
Non te lo nascondo il mio “orgoglio” monteporziano ha avuto la meglio ed ho detto un SI convinto e forte.

Quindi mi stai dicendo che è colpa di quel nostro “pazzo” amico comune Claudio Monti (presidente della Pro Loco Monte Compatri n.d.s.) se oggi tu ti trovi qui?

Avoja! Sua e di Emanuele Carli (altro esponente della Pro Loco di Monte Compatri n.d.s.) che incontrai in quei giorni successivi al mio SI perché si offrirono di darmi una mano per preparare quel primo evento, il Carnevale Monteporziano del 2023, che facemmo assieme a loro.
Una sorta di “guerra” tra paesi all’insegna dell’allegria e della spensieratezza.
Quindi non è stato un “chi me lo ha fatto fare” ma è stata una scelta al momento giusto, all’occasione giusta: una sana follia scatenata da un’altra sana follia.

Continuo con l’ironia: hai evitato una “guerra di coriandoli” tra paesi?

(sorride di cuore) Lo puoi dire forte!
Ti immagini le reazioni: ao’ i monticiani che ce vengono a insegna’ a festeggia’ carnevale!
Sarebbe stato uno smacco davvero enorme per tutti noi
(continua a sorridere facendo davvero comprendere come il suo ruolo la riempia di gioia e di carica) e – aggiunge ridendo – ho evitato che Monte Porzio fosse invasa dai coriandoli monticiani

E poi ancora:

… nel mio cuore resta indelebile l’immagine che ho di me bambina.
Un paese sempre in festa. Luci, colori, fantasia, una sana spensieratezza che riempiva davvero il cuore a grandi e piccini. Ecco perché ho voluto “mettermi in gioco”.

Carnevale 2023

Ma dopo il dolce … un po’ di “amaro” me lo consenti? Anche la Pro Loco di Monte Compatri è stata oggetto di qualche polemica e Claudio mi ha risposto con una frase che, personalmente, ho incorniciato. Lui mi disse: quelli che fanno polemica sono talmente pochi che il loro rumore non ci da alcun fastidio.
Fai tuo questo pensiero?

Certo che si – risponde decisa – anzi aggiungo che io sono, da sempre, una donna che accetta critiche, consigli, suggerimenti ma debbono avere un qualcosa di propositivo.
Se nascono solo con lo scopo di denigrare, distruggere non hanno nessun senso in quanto non è sicuramente facile poter accontentare o soddisfare tutti, si agisce nel modo migliore e, ovvio, se ci sono idee in più sono la prima ad accettarle e metterle in atto.
Ma remare solo contro, permettimi, non ha senso e soprattutto non serve a nulla.

Secondo te, oggi, hanno ancora un senso le varie Pro Loco?

Guarda necessariamente hanno dovuto cambiare la loro collocazione, mi spiego meglio.
Un tempo nascevano per organizzare esclusivamente le sagre, le feste patronali, etc. oggi debbono diventare un po’ la Vetrina del Paese.
Debbono fare in modo che le varie associazioni, enti, presenti sul territorio si trasformino in tessere di un mosaico capace di diventare l’istantanea del Paese e la Pro Loco deve essere capace di mettere queste tessere una di fianco all’altra.
Ti dico una cosa: in questi giorni a Monte Porzio c’è stata Orchidee dal Mondo. Per la prima volta in assoluto la Pro Loco ha dato la disponibilità a collaboratore mettendo le proprie risorse a disposizione della Associazione che da oltre 20 anni gestisce questo evento di natura internazionale.
Quello che io ed i ragazzi e le ragazze vogliamo fare è essere un po’ la benzina a tutte quelle che possono essere le attività di rilancio culturale, turistico, di immagine del nostro paese.
Lo so, è uno sforzo immane ma non te lo nascondo: quando un evento finisce mi manca quella adrenalina che nasce proprio dal coinvolgimento.
Può sembrare paradossale: uno stress che a me crea sorrisi e voglia di divertirmi.

Si legge nei suoi occhi davvero qualcosa di unico, una luce particolare.

Nel mentre venivamo al bar mi hai parlato della bambina che è in te, mi spieghi meglio: è collegata alla tua scelta nell’accettare il ruolo di Presidente della Pro Loco?

Certo! Il tram tram quotidiano delle nostre vite smorsa quell’entusiasmo che io, da mamma, vedo negli occhi dei miei figli quando si gettano a capofitto nelle loro attività.
Quando insieme agli altri vivo questi eventi ho gli stessi occhi dei miei figli. Riesco a far tornare a vivere quella Virna bambina colpita dalle luci, dai colori, dai profumi, dalle emozioni.
E ti dico che già a quella prima edizione del Carnevali lessi negli occhi di molti miei coetanei, e non solo, quella stessa luce.
Posso dirti con estrema franchezza che avevamo fatto tornare un intero paese “bambino”

Tra pochi giorni Monte Porzio andrà al voto. C’è qualcosa che vuoi dire ai candidati?

Non necessariamente. Perché siamo un paese fortunato.
La collaborazione con l’amministrazione attuale nasce da un rapporto di rispetto reciproco e soprattutto dalla volontà condivisa di fare il Bene del Paese e vale lo stesso con le attuali forze di opposizione che apprezzano il nostro lavoro anzi lo sostengono proprio nell’ottica davvero super partes che la Pro Loco rispecchia.
Noi non facciamo attività di partito, consentimelo.
Noi siamo una libera associazione di liberi cittadini che si mettono a disposizione della collettività con amore ed entusiasmo quindi sappiamo bene che il nostro impegno verrà sempre messo al centro di ogni azione amministrativa della nostra Città.

Tu e Claudio siete quasi ormai delle “leggende” nei vostri comuni: ma mi spieghi sta cosa della Festa dei Folli come vi è venuta in mente?

(sorride a crepapelle)

La festa dei folli 2023

È voce comune che noi siamo il “Paese dei Matti” allora perché limitarci solo al Carnevale per mostrare tutto ciò? Anni fa l’Associazione Carnevale Enzo Torreggiani creò il Carnevale Estivo. Dopo quello invernale realizzato grazie alla spinta di Claudio ed Emanuele tanta gente mi ha chiesto di riportare in auge anche quello estivo. E da lì l’idea di fare nascere la Festa dei Folli proprio per far in modo che questa “sana follia contagiosa” potesse colorare ancora una volta le calde giornate d’estate. Debbo dirti che ha avuto un successo insperato e soprattutto ha portato in piazza centinaia di persone. Anche perché poteva sembrare una follia tentare di eguagliare ciò che il carnevale monteporziano aveva sempre fatto fino a quel momento.
Però, noi, folli ce semo de natura, e allora VAAAAI! Ed è stato TOP!
Quella è stata praticamente la consacrazione del mio impegno nei confronti della mia comunità e del mio paese!
Siamo il “Paese dei Matti”? Quindi non potevamo evitare di farlo.

Che dirti, vorrà dire che questa estate mi dovrò sdoppiare per festeggiare con te e con Claudio?

Guai a mancare – mi risponde – sorridendo.

Festa dei Folli a parte che cosa bolle nel pentolone della Pro Loco di Monte Porzio?

Il mio sogno è quello di aumentare le feste e gli eventi.
I commercianti, le varie associazioni e i cittadini stanno rispondendo con un immenso entusiasmo.
Facendo la lista parto con un evento che dovrebbe svolgersi a breve con la società Iperico (la società che gestisce il museo del Vino n.d.s.) abbiamo in cantiere un evento enogastronomico.
Poi la Festa dei Folli, in più volevo coinvolgere la Banda e far tornare la loro festa, Sant’Antonino, l’Estate Monteporziana, ciò tutta una serie di eventi che, come ti dicevo prima, potessero tornare a far risplendere ogni istante il nostro stupendo paese.
Vuoi che te lo dica con uno spot? Voglio trasformare il “grigiore” di molte giornate in un turbinio di colori … chiedo troppo?

Il calciobalilla umano in piazza 2023

Hai le idee davvero molto chiare e quello che entusiasma è la tua forza e quella formidabile “Virnabambina” che alberga in te.
Io amo chiudere le mie interviste così: ho la bacchetta magica puoi far avverare un desiderio per la tua famiglia ed uno per Monte Porzio: cosa chiedi?

Oddio, non ero preparata.
Beh, per la mia famiglia visti i momenti che viviamo chiedo serenità perché oggi assistiamo ad un mondo davvero pieno di mille e più incertezze.
Per Monte Porzio ti posso rispondere con un mio sogno?

Vai …

Allora sono bambina passo l’arco arrivo sulla piazzetta della Chiesa e la vedo scintillante di colori, di luci, di brillantini, sono colpita dal calore che le centinaia di persone che riempino la piazza mi trasmettono, riesco addirittura a toccare le emozioni di tutti.
Non so se riesco a spiegare questa mia visione, questo mio sogno.
Ecco io vorrei che questo accadesse ogni volta che noi monteporziani facciamo una festa, un evento: vivere insieme questa magia.

Il sorriso di Virna diventa ancora più contagioso e credo che non vi sia nessuna immagine più bella per chiudere questa nostra chiacchierata.
Ci salutiamo con un abbraccio e credo che sia davvero importante continuare a far rivivere, ogni tanto, quel bambino che ognuno di noi ha dentro l’anima.
Basta poco … sognare ma con cuore ed occhi aperti.

Continua a leggere

Castelli Romani

Monte Compatri, scoperta fabbrica della cocaina: involucri incendiati

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

FRASCATI – I Carabinieri del Nucleo Investigativo del Gruppo di Frascati hanno arrestato quattro persone, tra i 20 e 30 anni, tre provenienti dal quartiere Tor Bella Monaca e uno di Monte Compatri, tutte già note per precedenti reati, gravemente indiziate dei reati di produzione, fabbricazione e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti in concorso e danneggiamento a seguito di incendio.
A seguito di un prolungato servizio di osservazione e pedinamento, i Carabinieri hanno notato uno strano viavai all’interno di un immobile di campagna nel comune di Monte Compatri e hanno quindi deciso di eseguire una verifica all’interno sorprendendo i quattro indagati che alla vista degli operanti hanno appiccato, all’interno del locale protetto da porte blindate, un incendio. Il fuoco è stato prontamente spento dagli stessi Carabinieri accertando che gli indagati avevano dato alle fiamme centinaia di involucri di cocaina, destinati allo spaccio.
I Carabinieri del Nucleo Investigativo del Gruppo di Frascati hanno rinvenuto in totale circa 1 kg di cocaina, sequestrato insieme a numeroso materiale per il taglio e confezionamento in dosi: centinaia di ritagli circolari in plastica destinati a contenere le singole dosi, centinaia di buste ermetiche, decine di accendini, circa 1,4 kg di sostanza da taglio del tipo mannite e bilance di precisione.
Ma non solo, i Carabinieri – supportati nella ricerca dello stupefacente dall’Unità Cinofila della Polizia Municipale di Ciampino – hanno rinvenuto all’interno del bagno un blocco di cocaina, ancora non porzionato del peso di 180 g.
Alla luce di tutto quanto accertato, i quattro sono stati arrestati e tradotti nel carcere di Velletri, a disposizione della locale Autorità Giudiziaria.
É importante precisare che, in considerazione dello stato del procedimento, gli indagati devono considerarsi innocenti fino a sentenza definitiva.

Continua a leggere

Metropoli

Bracciano, violenta aggressione all’ospedale: panico tra medici e pazienti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

BRACCIANO (RM) – Sono stati momenti di tensione quelli vissuti da medici e pazienti all’ospedale Padre Pio. I Carabinieri della Sezione Radiomobile della
Compagnia di Bracciano hanno arrestato un cittadino italiano di 52 anni, con precedenti,
gravemente indiziato del reato di resistenza a Pubblico Ufficiale. L’uomo, in visita a dei
parenti presso l’Ospedale Padre Pio di Bracciano, in evidente stato di alterazione, aveva
aggredito fisicamente e minacciato il personale sanitario, inveendo anche contro i visitatori
presenti. A seguito dell’evento è stato richiesto l’intervento del 112, appurando che lo
stesso soggetto, pochi minuti dopo si era allontanato per poi importunare il personale di un
vicino supermercato. A seguito delle immediate ricerche i Carabinieri della Compagnia di
Bracciano hanno individuato l’uomo che, restio al controllo, li ha aggrediti, minacciandoli.
All’esito dell’attività il 52enne è stato arrestato in flagranza di reato e condotto presso il
carcere di Civitavecchia. In data 10 aprile 2024 l’arresto è stato convalidato ed è stata
disposta da parte dell’Autorità giudiziaria la custodia cautelare in carcere.
Si comunica il tutto nel rispetto dei diritti dell’indagato (da ritenersi presunto innocente in
considerazione dell’attuale fase del procedimento, fino a un definitivo accertamento di
colpevolezza con sentenza irrevocabile) e al fine di garantire il diritto di cronaca
costituzionalmente garantito.

Continua a leggere

SEGUI SU Facebook

I più letti