Connect with us

Sport

IL CASILINA CALCIO PRENDE IL TITOLO DELLA GIOV. HEL. E DIVENTA LIBERTAS CASILINA 1958

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Redazione

Roma – Non si può ancora dare per scontato il ripescaggio, ma la Promozione avrà una nuova squadra ai nastri di partenza. Si tratta della Libertas Casilina 1958, nata dall’acquisizione del titolo della Giov. Hel., retrocessa ai play out nello scorso campionato, ma praticamente certa del ripescaggio nella seconda categoria regionale dall’alto del suo sesto posto nella speciale graduatoria delle squadre in attesa di “grazia”. Il mentore dell’operazione, ancora una volta, è stato lo storico patron del Casilina calcio Umberto Coratti che spiega così la scelta. «Penso che la borgata di Finocchio meritasse qualcosa di più di un campionato di Prima categoria come quello che ha giocato la Virtus Poli nella scorsa stagione e così ho contattato Giovanni D’Addio e Damiano Casarola (che nelle stagioni precedenti erano passati già al “De Fonseca” con ruoli diversi, ndr) per portare il titolo della vecchia Giov. Hel. qui nel nostro impianto: siamo convinti che la squadra sarà ripescata in Promozione». Una categoria che il patron capitolino conosce molto bene per averla vissuta da dirigente per tanto tempo. Lo stesso Coratti definisce poi i ruoli principali della Libertas Casilina 1958. «Giovanni D’Addio sarà il principale sponsor e curerà da vicino la gestione organizzativa della prima squadra, mio fratello Fabio Coratti sarà presidente del club e Damiano Casarola (che ha fatto comunque bene sulla panchina della Giov. Hel. nella scorsa stagione, tra mille difficoltà, ndr) sarà l’allenatore. E’ presto per parlare di prospettive stagionali, vedremo che tipo di squadra riusciremo ad allestire». La situazione è ancora in evoluzione e non è detto che non possano esserci nuovi innesti all’interno dell’organigramma. La prima squadra e la Juniores regionale (affidata a Francesco Ruperto) giocheranno con la nuova denominazione, mentre dagli Allievi fino alla Scuola calcio il nome sarà quello storico del Casilina che ha ufficializzato l’affiliazione con il Carpi. «Un motivo di vanto, dopo l’esperienza col Brescia» commenta Coratti che ha avuto ragione anche su un’altra iniziativa. «I centri estivi organizzati al De Fonseca sono stati un grande successo: abbiamo avuto circa 150 iscritti – dice Coratti – ed è un’iniziativa da ripetere». 
 

Sport

Valmontone 1921 (calcio, Eccellenza femm.), Coladarce: “Il nostro inizio? Sapevamo di essere forti”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print
Valmontone (Rm) – Sesta vittoria su altrettante partite di campionato per l’Eccellenza femminile del Valmontone 1921 che continua a dominare il girone B della categoria. Le giallorosse hanno travolto con un rotondo 5-0 esterno anche la Vis Alatri (doppiette di Bertini e Cisneros e gol di Di Federico), confermando il loro dominio incontrastato. “Avevamo un po’ sofferto nel precedente match con la Lupa Frascati e siamo entrate in campo ad Alatri con grande determinazione – dice il difensore centrale classe 2004 Francesca Coladarce, ritratta nella foto di Roberto Benedetti – Nel primo tempo potevamo fare anche meglio, pur chiudendo sul 4-0. Nella ripresa abbiamo giocato meglio, anche se abbiamo segnato un gol solo. Comunque era importante vincere e ci siamo riuscite senza grandi problemi”. Per il Valmontone 1921 sono 18 punti con 39 gol fatti e 3 subiti: “Mi aspettavo di poter avere grandi soddisfazioni con questo gruppo – dice la Coladarce – Sapevamo di essere una squadra molto forte, già dalle amichevoli si era capito che potessimo dominare il campionato. Dietro di noi tiene botta la Jem’s Soccer Academy che ha cinque punti di distacco con una gara giocata in meno: sembra l’avversario più pericoloso, ma se lavoriamo duro come stiamo facendo siamo convinte di poter conquistare il primo posto”. Che in ogni caso non regalerà la promozione diretta: “Il fatto di dover fare i play off è un pensiero in più, vogliamo arrivare prime e poi pensare alle partite decisive di fine stagione” dice Coladarce, una delle tante ragazze del Valmontone 1921 che arriva dal futsal: “L’anno scorso mi mancava un po’ il calcio a 5, ma adesso sono completamente calata nel mondo del calcio. Inoltre qui c’è un gruppo molto unito e uno staff molto competente che ci aiuta costantemente”. Nel prossimo turno a Valmontone arriverà lo Sporting Latina: “Sarà l’ultima partita di campionato del 2022 e il nostro obiettivo è quello di chiudere con un altro successo. Prima della pausa, comunque, ci sarà un’altra gara di Coppa, un’altra competizione a cui teniamo tanto” conclude la Coladarce.

Continua a leggere

Sport

Donghia e il centro dei Colli Tuscolani: “Col Football Club Frascati il rapporto va a gonfie vele”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print
Frascati (Rm) – Un punto di riferimento importante per l’attività del Football Club Frascati. Questo, ormai, rappresenta per il sodalizio tuscolano il centro sportivo dei Colli Tuscolani. Il circolo di via dell’Acqua Acetosa è ormai da tre anni uno dei due poli dell’attività del club del neo presidente Alessandro Rocca e del direttore generale Claudio Laureti. “Proprio conoscendoci con il dg è nata la nostra collaborazione – spiega Vitalberto Donghia che assieme a papà Stefano è il proprietario del centro sportivo dei Colli Tuscolani – Si è subito instaurato un rapporto di grande sintonia e rispetto con lui e col responsabile della Scuola calcio Lorenzo Marcelli, cosa che sta proseguendo anche col referente tecnico attuale del settore di base Michel Fabiani, persona di grande competenza e passione. Ospitiamo qui tutti i gruppi della Scuola calcio dal 2011 al 2017 e la sinergia tra Lupa Frascati e Football Club Frascati ha dato un ulteriore impulso anche alla nostra collaborazione che procede a gonfie vele”. Donghia, che sabato scorso ha festeggiato 27 anni attorniato dall’affetto della sua famiglia (in primis la compagna Simona e la primogenita Maria Letizia) e dei suoi amici e collaboratori, parla dei progetti che coinvolgeranno il circolo nei prossimi mesi. “Faremo importanti lavori di ristrutturazione, a partire dalla copertura di due dei sei campi di padel entro il mese di febbraio. Da gennaio, poi, partiranno altri interventi che riguarderanno il totale restyling degli spogliatoi, ma anche la nascita di un’area fitness e di una sala pesi che potranno essere utili anche agli atleti, oltre all’apertura di una tavola calda-pizzeria che impreziosirà ulteriormente il ventaglio dei servizi che già offriamo all’interno del nostro centro sportivo. Ci tengo a dire, però, che i lavori non inficeranno minimamente sull’attività della Scuola calcio che proseguirà regolarmente fino a fine stagione” conclude Donghia.

Continua a leggere

Sport

Vis Casilina (calcio, Under 17 reg.), Abbafati: “Il primo successo? Dovevamo capire le idee del mister”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print
Roma – L’Under 17 regionale della Vis Casilina ha battuto il primo colpo. I ragazzi di mister Marco Savo hanno ottenuto il primo successo stagionale superando in uno scontro diretto casalingo l’Atletico Roma VI per 4-2. A parlare del match è il difensore classe 2006 Cristian Abbafati: “Abbiamo iniziato bene la sfida andando avanti col gol di Angeli, poi loro hanno pareggiato e così si è arrivati all’intervallo, ma il punteggio ci stava stretto perché abbiamo sciupato qualche buona occasione. Nella ripresa siamo tornati in vantaggio con Ciciou, ma loro hanno di nuovo pareggiato su un calcio di punizione. La partita in quel frangente era molto combattuta, ma su un mio assist Pepaj ha siglato la rete del 3-2. Poi ho realizzato il quarto gol con una punizione tirata quasi dalla metà campo: ho visto che il portiere non era pronto, ci ho provato ed è andata bene. E’ stato il mio secondo gol stagionale, c’erano i miei genitori Antonio e Bocena in tribuna e la dedica è per loro”. Il primo successo in campionato può dare slancio alla Vis Casilina: “Abbiamo dovuto conoscere i sistemi e le idee di calcio del mister, inoltre per molti di noi è la prima volta in un campionato regionale e quindi qualche difficoltà era preventivabile. Ovviamente l’obiettivo è quello della salvezza: se continuiamo a impegnarci come stiamo facendo, possiamo raggiungere questo traguardo. I tre punti dello scorso week-end possono darci fiducia ed entusiasmo”. Abbafati, che era alla Vis Casilina già nella passata stagione, parla del rapporto con mister Savo: “L’ho conosciuto quest’anno: si tratta di una persona alla mano con cui si può parlare anche di cose extra-calcio, mi trovo bene con lui”. La chiusura del difensore è sul prossimo turno, sulla carta proibitivo: “Faremo visita all’Atletico Lodigiani prima della classe: sarà una gara tosta, ma andiamo a giocarcela senza paura perché non abbiamo nulla da perdere”.

Continua a leggere

SEGUI SU Facebook

SEGUI SU Twitter

I più letti