Connect with us

Castelli Romani

Lanuvio, cambiamenti per sosta e circolazione: arriva l’ordinanza

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

L’Amministrazione comunale comunica che nelle prossime ore verrano apportate delle modifiche alla circolazione e alla sosta in via San Lorenzo, Via Tempio di Giunone e in Via Marianna Dionigi. Il contenuto dell’ordinanza avrà come oggetto le seguenti azioni:

  • IN VIA SAN LORENZO:
    1) la circolazione veicolare è disposta a senso unico di marcia , con direzione da via Sforza Cesarini a via Tempio di Giunone.
    2) La sosta dei veicoli è consentita solo negli appositi stalli di sosta ed è regolamentata , eccetto per i residenti in Via San Lorenzo, a 60 minuti con obbligo di esposizione del disco orario
  • IN VIA TEMPIO DI GIUNONE:
    1) la circolazione veicolare è disposta a senso unico di marcia, con direzione da San Lorenzo a via Giovanni XXIII
    2) la sosta dei veicoli è consentita solo negli appositi stalli di sosta ed è regolamentata, eccetto per i residenti in via Tempio di Giunone, a 60 minuti con obbligo di esposizione del disco orario.
  • IN VIA MARIANNA DIONIGI:
    1) la circolazione veicolare è disposta a senso unico di marcia, con direzione da via Giovanni XXIII a via Teresa Dionigi.
    2) la sosta dei veicoli è consentita solo negli appositi stalli di sosta ed è regolamentata, eccetto per i residenti in via Marianna Dionigi, a 60 minuti con obbligo di esposizione del disco orario.
  • SU VIA GIOVANNI XXIII:
    in corrispondenza con l’intersezione con Via Tempio di Giunone, è instaurato l’obbligo di proseguire diritto.
  • SU VIA TERESA DIONIGI in corrispondenza con l’intersezione con Via Marianna Dionigi è instaurato l’obbligo di proseguire diritto.
    L’Amministrazione comunale rende noto che, al fine di informare la totalità della cittadinanza, pubblicherà l’ordinanza sui canali istituzionali : Albo Pretorio, Sito Internet, Affissione Cartacea dell’ordinanza.
    Nei primi mesi, chiariscono gli Amministratori, valuteremo l’andamento della circolazione così come modificata e la confermeremo qualora si riscontrassero degli effetti positivi per la cittadinanza.

Tale indirizzo, conclude la nota degli Amministratori comunali, è mirato a garantire maggiore sicurezza ad automobilisti e pedoni ed a ricavare più spazi per il parcheggio delle automobili dei residenti.

Castelli Romani

Genzano di Roma, tutti pazzi per il gelato come si faceva una volta

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Matteo Grizi, Ambasciatore del Gelato Artigianale Italiano nel Mondo, ha aperto da pochi giorni una nuova gelateria

GENZANO DI ROMA (RM) – La crisi è forse alle spalle (speriamo!) ma uno dei settori maggiormente colpiti dalle chiusure e dalle limitazioni, é stato quello delle gelaterie. Alcuni gelatieri hanno dovuto chiudere sedi e locali prestigiosi, mettere in cassa integrazione i dipendenti oppure pagarli di tasca propria. Molti hanno fatto leva sul delivery e sull’asporto ma gli incassi hanno aiutato solamente a pagare le spese fisse e soprattutto per non perdere i clienti facendoli disabituare alle proprie delizie artigianali.

Per questo è bello raccontare finalmente una buona notizia che dopo tanti mesi vale proprio la pena di comunicare: Matteo Grizi, Ambasciatore del Gelato Artigianale Italiano nel Mondo, ha aperto da pochi giorni una sua nuova gelateria a Genzano di Roma, in Corso Antonio Gramsci 77.

Un grande sforzo economico ma anche un incredibile gesto di positività verso il futuro

Nella sua nuova gelateria, si possono degustare ben 40 gusti: dalla ricotta salata, al suo pluripremiato pistacchio croccante, 20 tipi di frutta di stagione tra cui le fragole del posto (le famose fragole dei Castelli Romani) che dall’anno prossimo verranno coltivate direttamente su un terreno di famiglia.

Matteo Grizi sta lavorando molto su una grande novità che raccoglie molto entusiasmo: i gusti salati. E infatti tra le sue nuove proposte gourmet, ci sono la ricotta salata e l’arachide salata.

Nel suo laboratorio a vista, si può vedere la macchina verticale a pala, con la quale produce ogni giorno il suo gelato artigianale, una macchina che garantisce una migliore strutture e qualità del gelato: insomma, il gelato come si faceva una volta…

Investimenti oculati, scelte strategiche, qualità del prodotto, tenacia e tanto ottimismo che solamente gli imprenditori abituati sul campo al rischio di impresa possono avere. Seppur Matteo Grizi è ancora molto giovane (ha appena 36 anni), fa oramai il gelatiere da 15 anni ed ha già un’altra gelateria ad Albano, in Piazza Luigi Sabatini 19 (Piazza Pia).

Un bel segnale positivo che vale la pena raccontare dopo mesi di notizie drammatiche dal punto di vista della sanità e del mondo dell’economia che ha lasciato sul campo in questi mesi, un vero disastro per l’Italia ma soprattutto per il settore dei ristoranti, bar, gelaterie e pizzerie (i cosiddetti pubblici esercizi).

Palmares di Matteo Grizi: selezionato tra gli 8 miglior  pistacchi alla Fiera digitale SIGEP 2021, migliore giuria tecnica al Gelato Festival 2017, inviato dalla Regione Lazio in Europa per la divulgazione del gelato italiano nel 2019, 5° classificato al concorso dell’Associazione Italiana Gelatieri nel 2018, 4° classificato al Concorso Cioccolato al SIGEP 2019.

Continua a leggere

Castelli Romani

Nemi, un fiume di fogna da via De Sanctis precipita nel lago

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

NEMI (RM) – La grandine di ieri, un olezzo indescrivibile su via G. De Sanctis dove un tombino è straripato con acqua di colore marrone che fuoriusciva di continuo. L’ odore di fogna ha in pochi minuti invaso tutta la strada.

Dalle foto e dal video girati ieri è possibile vedere come una grandine che si è interrotta dopo circa 10 minuti abbia letteralmente mandato in tilt la zona alta di Nemi dove insisterebbero anche dei piani di lottizzazione.

L’acqua scura e maleodorante si è naturalmente riversata a valle

Dalle immagini e video è evidente che l’infrastruttura fognaria non sembra reggere neppure le abbondanti precipitazioni.

Come sono stati operati i lavori ai chiusini? Si sta facendo opera di manutenzione e salvaguardia per evitare che eventi meteorici compromettano la sicurezza del Paese? Per altro siamo in zona dove il dissesto idrogeologico è una piaga per il territorio. Vanno bene gli eventi ma in questo caso la programmazione appare di tutta evidenza carente.

Continua a leggere

Castelli Romani

Frascati, elezioni: tante le liste a sostegno di Francesca Sbardella

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

FRASCATI (RM) – Francesca Sbardella candidata a Sindaco di Frascati sostenuta da una larga coalizione di centrosinistra ospite ad Officina Stampa dove ha rilasciato un’intervista a Chiara Rai.

Francesca Sbardella ospite di Chiara Rai a Officina Stampa del 10/06/2021

Frascati, città per antonomasia definita “la Perla dei Castelli romani” è situata sui Colli Albani, a 326 metri sul livello del mare e in posizione dominante rispetto Roma, con un territorio immerso nel polmone verde rappresentato dal parco regionale. Sorella più prossima alla Città Eterna, con la quale confina, è caratterizzata dalla splendida e cinquecentesca villa Aldobrandini che insieme agli affascinanti siti archeologici e alle splendide dimore rinascimentali, esterna la bellezza di una città che non trova facile confronto per importanza storica, ricchezza paesaggistica, architettonica ed eccellenza enogastronomica, tra cui svetta il famoso vino conosciuto e apprezzato in tutto il mondo.

Ma Frascati ospita anche una delle comunità scientifiche che per numero di ricercatori e vastità tipologica delle ricerche portate avanti rappresenta un unicum nel panorama nazionale e tra i più significativi a livello internazionale. Un fattore di grande rilevanza socio-culturale e una grande risorsa per l’economia locale. Ed è’ proprio qui che si sta portando avanti una delle più grandi sfide nel campo della scienza: imbrigliare l’energia delle stelle per ottenere una fonte di energia inesauribile sicura e pulita. Un grande progetto denominato DTT il divertor tokamak che dopo il 2050 dovrà mettere in rete energia elettrica da fusione nucleare. Una grande sfida per tutto il Paese Italia per creare occupazione nel settore industriale con ricadute scientifiche tecnologiche ed economiche. Un’occasione unica per l’ambiente, una grande chance per la formazione e l’impiego dei giovani e una grande occasione per Frascati e la sua intera comunità che si trovano al centro di un futuro che sta già bussando alle porte della Città.  

Continua a leggere

I più letti