Connect with us

Roma

LANUVIO, SUPERATA DEFINITIVAMENTE L'EMERGENZA ARSENICO

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 2 minuti Galieti: "Siamo riusciti a scongiurare l'emergenza arsenico, impedendo che in questi mesi fossero chiusi i rubinetti dei nostri concittadini."

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Redazione

Lanuvio (RM) – Grazie all' entrata in funzione dell’ultimo dei quattro potabilizzatori previsti a Lanuvio dal Piano di rientro nei limiti del D.lvo 31/2001, viene definitivamente superata l'emergenza arsenico su tutto il territorio comunale. L’attivazione del potabilizzatore denominato "Madonna delle Grazie" era programmata per la fine del mese di luglio, ma grazie all'operato dell'Amministrazione Comunale e ai lavori eseguiti da Acea Ato2 è già in funzione entro da fine aprile.

" Siamo riusciti a scongiurare l'emergenza arsenico, commenta soddisfatto il Sindaco di Lanuvio Luigi Galieti, impedendo che in questi mesi fossero chiusi i rubinetti dei nostri concittadini. I nostri consigli sul come affrontare i mesi dell'emergenza sono stati ascoltati dal gestore e questo ci ha permesso di gestire la situazione senza privare nessuno dell'acqua e di concludere in tempi record la realizzazione dei potabilizzatori". Viene così scongiurata l'accensione del pozzo Martufi, che sarebbe stata necessaria con l'innalzarsi delle temperature e che avrebbe erogato acqua con valori di arsenico al di sopra della norma. A partire dai prossimi giorni, comunica in una nota il Primo Cittadino, inizierà un breve periodo di verifica del potabilizzatore con conseguenti riassetti di rete e manovre di stabilizzazione che potranno provocare disagi e/o interruzioni della fornitura elettrica. Si ricorda che è possibile segnalare eventuali guasti o disservizi sulla rete idrica al numero verde Acea: 800 130 335. Al fine di scongiurare il verificarsi delle suddette problematiche, si invita tutta la popolazione ad un consumo idrico destinato esclusivamente al consumo umano, evitando utilizzi impropri quali l’innaffiamento di orti/giardini, il riempimento di piscine private ed altro. Tali fenomeni, conclude la nota sindacale, comportano un forte incremento dei consumi che possono provocare disagi a tutte le altre utenze e potrebbe richiedere ulteriori interventi d’emergenza. Tutta la popolazione è chiamata, per tanto, ad evitare sprechi e ad adottare comportamenti volti a perseguire interesse collettivo.

LEGGI ANCHE:

Metropoli

Anguillara Sabazia, furti auto di turisti in sosta: 2 arresti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Era da qualche tempo che i Carabinieri di Anguillara Sabazia ricevevano segnalazioni per furti su autovettura, in particolare ai danni di turisti che, dopo avere parcheggiato su via Trevignanese, si recavano in spiaggia.Per arginare il fenomeno che stava turbando l’usuale serenità del comune sabatino, i Carabinieri hanno quindi organizzato un mirato servizio di osservazione nel corso del quale hanno notato due soggetti avvicinarsi con aria furtiva ad un’autovettura parcheggiata. I due, dopo avere infranto un finestrino laterale del veicolo, sono stati sorpresi a impossessarsi di un trolley e a tentare di allontanarsi immediatamente ma sono stati inseguiti e raggiunti dai Carabinieri, che li hanno bloccati e perquisiti. In loro possesso, i Carabinieri hanno rinvenuto due cassette degli attrezzi e un trapano, risultate provento di furto perpetrato poco prima con le medesime modalità e restituiti al legittimo proprietario.Gli arrestati, due uomini di 29 e 38 anni, dopo una notte passata in camera di sicurezza, sono stati sottoposti a giudizio con rito direttissimo presso il Tribunale di Civitavecchia, dove il loro arresto è stato convalidato, applicando la misura della custodia cautelare in carcere.

Continua a leggere

Castelli Romani

Castel Gandolfo, morto in ospedale il 35enne affogato ieri al lago

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

L’uomo era stato rianimato da alcuni bagnanti e trasportato in elisoccorso all’ospedale Gemelli

CASTEL GANDOLFO (RM) – E’ morto in ospedale il 35enne di nazionalità irachena che ieri era stato rianimato da alcuni bagnanti al lago Albano di Castel Gandolfo dopo aver avuto un malore ed essere annegato.

L’uomo era stato portato in elisoccorso all’ospedale capitolino del Gemelli in situazione disperata dove è poi deceduto a causa di alcune complicazioni.

Continua a leggere

Castelli Romani

Castel Gandolfo, annega nel lago e viene salvato in extremis da alcuni bagnanti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

CASTEL GANDOLFO (RM) – Un 35enne annega nel lago Albano di Castel Gandolfo e viene salvato da alcuni bagnanti che avevano appena effettuato un corso di BSLD (manovre di primo soccorso con impiego di defibrillatore) promosso dagli operatori sanitari della Asl Roma 6 per la sicurezza in mare e nei laghi.

“Queste iniziative formative producono effetti benefici multidimensionali: ci aiutano a salvare vite; avvicinano le istituzioni ai cittadini; ci rendono persone migliori. I miei ringraziamenti vanno ai nostri operatori sanitari, che si stanno dedicando con grande passione a questo progetto” ha detto il direttore generale della Asl Roma 6, Cristiano Camponi.

Continua a leggere

I più letti