Connect with us

Roma

MARINO LAZIALE, MANIFESTAZIONE CONTRO LA MAFIA DEL 3 SETTEMBRE: INTERVIENE IL PCDI

Clicca e condividi l'articolo

Pcdi: "ciò che contestiamo è il merito e metodo utilizzato per partecipare"

Print Friendly, PDF & Email

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

di Maurizio Aversa*
Marino Laziale (RM)
– Il comune di Marino, tramite il rappresentante ANCI del consiglio comunale, Stefano Cecchi, ha inteso aderire e partecipare alla manifestazione contro la mafia, indetta dal PD e ampliata alla partecipazione – pure critica, come dimostrato dalla partecipazione dei movimenti per la casa presenti che hanno contestato gli esponenti PD – di chi volesse testimoniare il no alla mafia. Poiché la mafia, come diceva Peppino Impastato, “è una montagna di merda”, chiunque manifesti contro la mafia, soprattutto se sia coerente e conseguente tra il pronunciar parole e adottare fatti conseguenti, ha il nostro pieno assenso. Per questo, accettando il richiamo ad elevare in alto la battaglia contro la mafia, non seguiamo la moda, e la facile (non per questo non veritiera) polemica rivolta contro il comune di Marino Laziale che ha voluto aderire “rispondendo all’ANCI nazionale e regionale” visti arresti e indagini in corso.

Invece, ciò che contestiamo è il merito e metodo utilizzato per partecipare. Infatti, se il consigliere delegato si è sentito in dovere di avere il consenso del vicesindaco (cioè la persona più prossima al potere oggi sottoposto a indagine, vista la sua assunzione di guida grazie a Silvagni che l’ha nominato); nonché del presidente del Consiglio comunale (che è noto è parte fondante della maggioranza di Palazzo Colonna); davvero non si comprende come mai il delegato ANCI (associazione nazionale comuni d’Italia), che vuole imprimere e proporre un innalzamento della battaglia, non ha sentito – nel merito e nel metodo – il dovere di coinvolgere, ascoltare, ed eventualmente trovare il consenso alla partecipazione da parte di consiglieri dell’opposizione.

Nella specificità del caso, nel non ricorso alla partecipazione e al confronto, questo comportamento mostra l’incapacità e l’inadeguatezza a voler combattere la mafia, anche in questo caso. Infatti, la prima regola per battere la mafia, è unire le forze e non isolare nessuno se non gli stessi mafiosi. Ci attendiamo, a questo punto, una rettifica che corregga l’errore compiuto, una migliore comunicazione ai cittadini in tal senso; in mancanza di ciò, resta solo la conferma della inefficacia, inutilità e vacuità di questa Giunta e di questa maggioranza. Tanto da confermare la giustezza delle richieste di scioglimento del consiglio comunale.

*segretario PCdI Marino Laziale

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere
Commenti

Metropoli

Bracciano, picchia la compagna in albergo: carabinieri arrestano pregiudicato

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

BRACCIANO (RM) – I Carabinieri della Sezione Radiomobile di Bracciano hanno arrestato un 35enne italiano, con precedenti specifici, poiché responsabile di maltrattamenti in famiglia e lesioni gravi.

L’uomo era in vacanza a Bracciano con una donna che aveva conosciuto recentemente, ed alloggiava presso una struttura ricettiva del posto. Nella notte, ubriaco ed al culmine di un litigio scoppiato molto probabilmente per gelosia ha vessato ed aggredito a mani nude la compagna.

Grazie all’immediata segnalazione del portiere dell’albergo, i Carabinieri sono riusciti ad intervenire rapidamente ed a fermare l’aggressore.

La vittima è stata prontamente soccorsa ed accompagnata al pronto soccorso, ove è stata medicata e dimessa con svariati giorni di prognosi.

L’uomo è stato arrestato e trasferito al carcere di Civitavecchia.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Castelli Romani

Ciampino, sequestrati beni mobili e immobili per un valore di oltre 3,5 mln di euro a un noto pregiudicato

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

CIAMPINO (RM) – Un ingente patrimonio – costituito da 15 immobili, autovetture e disponibilità finanziarie, per un valore complessivo di circa 3,5 milioni di euro – nella disponibilità di un pregiudicato abitualmente dedito a reati contro il patrimonio e allo spaccio di sostanze stupefacenti, è stato definitivamente confiscato dai Finanzieri del Comando Provinciale di Roma in esecuzione di un provvedimento emesso dalla Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale capitolino a conclusione di un lungo iter giudiziario.

Tra i beni acquisiti al patrimonio dello Stato, disseminati tra le province di Roma, Latina e Chieti, figurano una lussuosa abitazione ubicata a San Salvo (CH), vari cespiti situati a Ciampino, Marino e Roma, oltre a depositi, conti correnti bancari e quote di fondi di investimento.

Le indagini svolte dai militari della Compagnia di Frascati hanno permesso di accertare, oltre all’elevata pericolosità sociale dell’uomo, gravato da precedenti per furto, ricettazione e spaccio di droga, una rilevante sproporzione tra le ricchezze accumulate e i redditi dichiarati al Fisco, presupposti che hanno consentito alla competente Autorità Giudiziaria di disporre prima il sequestro (nel 2017) e, successivamente, la confisca dei beni posseduti. Nei confronti del soggetto è stata inoltre disposta la misura della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza e dell’obbligo di soggiorno per 5 anni. L’esecuzione del provvedimento ablativo riveste un rilevante valore sociale perché restituisce alla collettività beni illecitamente acquisiti dalla criminalità.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Castelli Romani

Nemi, viaggio tra i tesori di Luciano Mastrolorenzi

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

NEMI (RM) – Le più recenti opere di Luciano Mastrolorenzi sono inserite nel paesaggio urbano del comune di Nemi, luogo caro al maestro fin dall’infanzia e nel quale di recente ha deciso di stabilirsi per vivere e lavorare.

CLICCARE SULLA FOTO PER GUARDARE IL VIDEOSERVIZIO

Il video servizio trasmesso a Officina Stampa del 19/9/2019

All’ingresso del borgo, in piazza Roma, si può ammirare la fontana della Diana cacciatrice, le due teste di Leone da cui sgorga l’acqua nell’antica fontana sul corso principale del paese, quindi l’erma di Caligola, la fontana della Gorgone, accanto al castello Ruspoli e ultima opera in ordine cronologico, il gruppo bronzeo della Grande Madre, divinità pagana venerata anticamente nell’area del bosco nemorense.

Luciano Mastrolorenzi nasce a Roma il 27 marzo 1929; in gioventù frequenta la scuola libera di nudo presso l’Accademia di Belle Arti della Capitale, ma presto dal disegno passa alla scultura, inizialmente con bassorilievi lavorati a sbalzo su lastre di argento e oro per poi passare alla creta e al bronzo.

Proprio grazie alla maestria nella lavorazione di questo metallo e al recupero della tecnica di fusione a cera persa, all’artista è stata affidata nel 1980 la ricostruzione delle due porte in bronzo del Duomo di Colonia in Germania, distrutte durante la seconda guerra mondiale.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Settembre: 2019
L M M G V S D
« Ago    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it