Connect with us

Cronaca

Napoli, omicidio Immacolata Villani. Il marito si è suicidato: i fatti e l’analisi della criminologa Mary Petrillo

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

NAPOLI – “La violenza non è forza ma debolezza, né mai può essere creatrice di cosa alcuna ma soltanto di struggitrice” diceva Benedetto Croce. Una frase che si prefigura come lo specchio di una società contemporanea asettica e che fa certamente molta paura.

Immacolata Villani, 31 anni, è stata uccisa a Terzigno (Na), davanti la scuola elementare che frequentava la figlia di 9 anni

Erano le 8,20, la donna aveva appena salutato la sua bimba con un bacio e si era infilata subito in macchina poiché vi era una pioggia incessante. Un uomo in sella ad uno scooter, si avvicina a lei e gli intima di scendere per parlare, ma non gli da il tempo di aprire bocca che un colpo di pistola –una revolver di piccolo calibro- le arriva dritto in fronte uccidendola. La donna muore sul colpo, uccisa davanti a tante mamme che avevano appena lasciato i propri figli a scuola. L’allarme è stato lanciato dal Sindaco Francesco Ranieri “Mi ha chiamato un’amica in lacrime che stava sul posto e io ho avvisato i carabinieri. Erano le 8,23. Sono sconcertato, non ho parole. Me ne sono dovuto andare da lì per non sentirmi male. E’ assurdo”.

Le indagini partono immediatamente e i sospetti, rafforzati soprattutto dalle testimonianze dei presenti in loco che lo hanno riconosciuto, ricadono immediatamente sul marito Pasquale Vitiello di 35 anni.

L’uomo lavorava nell’indotto dell’Alenia, figlio di un direttore di banca, si stava separando da Imma. Il loro matrimonio era in crisi da molto tempo ma i coniugi hanno continuato la convivenza malgrado la donna avesse un’altra relazione. Immediatamente viene effettuata un’ispezione all’interno della sua abitazione e vengono sequestrate numerose lettere in cui esprimeva la volontà di farsi giustizia da sé. Ma l’uomo non si trova. I Carabinieri lo cercano in lungo e in largo, anche con l’ausilio di elicotteri in tutta la zona del nolano e del vesuviano ma l’esito è negativo. Emerge inoltre che Imma aveva presentato querela il 4 marzo  a seguito di una lite. La salma di Immacolata viene portata via dopo le 11, le scolaresche vengono fatte uscire da un ingresso secondario e la figlia viene dapprima sostenuta psicologicamente dagli assistenti sociali e poco dopo affidata agli zii. E Pasquale? Pasquale si è ucciso con la stessa arma con il quale ha ammazzato la moglie. Il suo cadavere è stato rinvenuto dagli inquirenti in Via Vicinale Mauro Vecchio, in un rurale avvolto dalla vegetazione. Tutti gli elementi del caso lasciano pensare che si sia ammazzato subito dopo il delitto.

La dottoressa Mary Petrilo, criminologa, Coordinatrice del Crime Analysts Team, Docente Master Università Niccolò Cusano ci ha spiegato che:

“Femminicidio e la violenza fisica, economica, psicologica sono tutti reati che, a parer mio, è possibile considerarli  crimini contro l’umanità. Il fatto di non rispettare i diritti delle donne lede, infatti, tutti noi. Ciò  presuppone la costruzione di relazioni sociali diverse, incentrate sulla Persona in quanto tale e sul rispetto reciproco a prescindere da ogni forma di diversità, sia essa sessuale, etnica, ecc. Purtroppo anche la recente cronaca e questi ultimi tragici casi ci hanno confermato che il “femminicidio” scaturisce, per lo più, da pregresse situazioni di violenza cosiddetta domestica.

Solitamente chi commette atti di questo tipo è il marito o compagno, che vuole, a tutti i costi, avere assoluto controllo sulla donna, tanto da indurre in lei diverse tipologie comportamentali: una bassa autostima, tanto che quando la situazione si “cronicizza” la donna non reagisce più e aumenta, purtroppo, la sua dipendenza psicologica nei confronti del suo abusante o può accadere, invece, che la donna riesca a liberarsi da questo rapporto “malato” e quindi l’uomo mette in atto azioni di stalking fino a presentarsi sul posto di lavoro della donna o comunque nei luoghi da lei frequentati, proprio come accaduto nel caso della mamma uccisa davanti scuola della figlia e in questi luoghi questi soggetti  umiliano le loro mogli/compagne per affermare quel controllo che di fatto non hanno più sulla propria vittima e nei casi più tragici sfogano la loro rabbia nel commettere un femminicidio. 

Un identikit tipico è univoco  dell’uomo che esercita violenza e quello di una donna che la subisce non esiste.

La violenza sulle donne è di tipo trasversale, ossia, riguarda tutte le classi sociali. Per capire la tipologia del soggetto abusante è necessario fare riferimento a tre necessità che l’uomo vuole soddisfare: controllo, possesso ed anche invidia, che sfociano in  gelosia morbosa. Alla base di tutto ciò c’è l’insicurezza  e la paura di perdere  quella parte di se stessi che acquisisce valore, a seconda della persona con cui si ha una relazione. Il controllo che il soggetto abusante esercita sulla vittima avviene, in molti casi, attraverso la distruzione di  oggetti, poi sugli animali domestici, sui figli, lo abbiamo purtroppo verificato nel caso di Cisterna di Latina infine, si passa a colpire la propria compagna.  Questa escalation è attuata, in quanto, il soggetto abusante ha un vero e proprio desiderio di provocare una grossa sofferenza alla propria vittima. A  tutte le donne consiglierei, di non cominciare proprio una relazione con un uomo  che è, in modo ossessivo, bisognoso di esclusività, narcisista o che ha una personalità che necessita di eccessivo bisogno di accettazione o che abbia una personalità tecnicamente definita “borderline”, perché sono generalmente soggetti pericolosi; se, invece la storia è in essere e poi portata a termine dalla donna, sento di dire di non accettate mai di incontrare questi individui da soli soprattutto quando chiedono “l’ ultimo incontro chiarificatore”, facendovi credere che sono disposti a cambiare o a dialogare: tutto falso! Rivolgetevi alle forze dell’Ordine e ai centri antiviolenza a voi più vicini e lì sarete seguite anche gratuitamente sia a livello legale che psicologico”.

Angelo Barraco

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere
Commenti

Castelli Romani

Genzano, via dell’Aspro senza luce ne telefono: una situazione da terzo mondo

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Il maltempo ha completamente messo in ginocchio via dell’Aspro (parte bassa) a Genzano di Roma, zona a ridosso del nuovo quartiere di recente espansione, dove sono almeno 80 le famiglie rimaste senza luce ne telefono dalle 17 di ieri fino a tutto sabato mattina.

Una situazione da terzo mondo che ha visto i residenti della zona prigionieri dentro casa al buio, con le candele e i frigoriferi e congelatori che ogni ora si scioglievano sempre di più. L’Enel è intervenuta sul guasto a seguito di numerose segnalazioni.

Ogni volta che piove più di un’ora evidentemente questo interruttore esposto alle intemperie va in bassa tensione e fa saltare la luce in tutta via dell’Aspro mettendo in sicurezza la centralina di zona e potenziando la rete visto che da tanto tempo non si vedono interventi concreti.

Critica anche la situazione del manto stradale completamente dissestato con numerose buche che diventano ancora più pericolose con il maltempo.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Cronaca

Fubine Monferrato si gemella il villaggio di Sokpontà: l’esperienza del sindaco leghista Pettazzi

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

In questa fase dove la Lega viene tacciata di razzismo e di mancata
accoglienza nei confronti dei migranti, troviamo un esempio tangibile di
umanità e di come, invece, si vorrebbe e dovrebbe affrontare il grave
problema.
Il sindaco di Fubine Monferrato e onorevole leghista Lino Pettazzi é
partito mercoledì scorso per il Benin per siglare il gemellaggio con il
villaggio di Sokponta’, la cerimonia ufficiale si terrà sabato mattina a
Gazoue’.

Nel villaggio di Sokponta’ l’associazione fubinese “l’abbraccio” ha aperto un asilo, una scuola, un ospedale pediatrico e un’azienda
agricola.

E’ la seconda volta che l’onorevole Pettazzi si reca in Benin, segno del legame molto stretto che si sta consolidando negli anni con aiuti economici, scambi culturali e tante adozioni a distanza.
Abbiamo contattato telefonicamente l’on. Pettazzi e gli abbiamo chiesto
cosa si stesse facendo nel concreto, questa la sua risposta: “Mi sono
recato con il sindaco del villaggio a visitare la scuola più grande di
Glazoue’ , 2306 alunni suddivisi in 60 aule. Il primo programma concordato é l’allestimento di un’aula multimediale altamente attrezzata, inoltre un progetto culturale per l’insegnamento della lingua italiana”. E continua esprimendo le sue emozioni…” dormo nella missione delle suore, la mattina sveglia presto, ho visitato il loro laboratorio di cucito, la loro produzione di saponette e il loro panificio che da lavoro a 30 donne del villaggio. ma la cosa per me piu’ bella é il contatto continuo con gli abitanti, il vivere fra loro ed, in particolare, il contatto con i bambini. Abbiamo portato per loro 350 magliette con un cuore simbolo del gemellaggio . Tutto questo mi stravolge e riempie l’anima e, sicuramente, non sarà la mia seconda e ultima missione in Benin.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Cronaca

Venezia, un’altra giornata di paura. L’acqua arriva a oltre un metro e mezzo. Si ferma tutto

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Venezia si appresta a vivere un’altra giornata di paura per la nuova super acqua alta prevista in mattinata.

La marea ha raggiunto alle 11.26 una punta massima di 154 alla Punta della Salute e ora, rileva l’Ufficio Meteo del Comune di Venezia, sta scendendo lentamente. Alto il valore anche a Burano dove la marea ha raggiunto i 149 centimetri e a Chioggia con 146.

L’area centrale della città è semideserta, allagata per il 70%.

Il Palazzo Ducale di Venezia è chiuso a causa dell’acqua alta eccezionale che sta nuovamente interessando la città. Lo rende noto la Fondazione Civici musei. Per lo stesso motivo il Patriarcato ha chiuso anche la Basilica di San Marco.

Con l’alta marea è stata sospesa la circolazione dei vaporetti in tutta Venezia. Il sindaco Brugnaro e il governatore Luca Zaia stanno effettuando un sopralluogo nelle zone più allagate, quelle attorno a piazza S. Marco. Ma tutta la città è di fatto allagata, con i turisti chiusi negli alberghi e i negozianti che tentano di limitare i danni.

“Il sindaco Luigi Brugnaro è stato nominato commissario per l’emergenza e con lui ho fatto un sopralluogo a Venezia. La situazione è complessa ma lo Stato c’è e il Governo è pronto a fare tutto ciò che è necessario per proteggere questa preziosa”. Così in un tweet il ministro per i Rapporti con il Parlamento Federico D’Incà.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Novembre: 2019
L M M G V S D
« Ott    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it