Connect with us

Litorale

Roma, focolaio al campo nomadi di Castelromano. SULPL: “E’ ora di fare chiarezza”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

ROMA – Com’era prevedibile, a causa delle condizioni di sovraffollamento dei moduli abitativi nei campi rom della Capitale e delle condizioni igienico sanitarie spesso denunciate dalle stesse ASL, è esploso un focolaio di Covid 19 nel Campo nomadi di Castel Romano, che conta ad oggi decine di positivi ed un decesso.

L’episodio coinvolge da vicino i caschi bianchi del Corpo di Polizia Locale di Roma Capitale, quotidianamente impiegati nei piantonamenti degli accessi ai campi nomadi censiti ed in particolare a quello di Castelromano, giá posto sotto sequestro giudiziario per un inchiesta inerente il disastro ambientale.

Una nota del Comandante Generale Ugo Angeloni, richiama gli uomini addetti alla guardiania, all’attento controllo sulle eventuali uscite di soggetti posti in quarantena. Sulla vicenda é intervenuto il SULPL (Sindacato Unitario Lavoratori Polizia Locale) che in un comunicato del Segretario Romano Aggiunto Marco Milani rende noto” Riteniamo sia giunto il momento di fare chiarezza su compiti, funzioni e qualifiche del personale di Polizia Locale, cui oggi viene formalmente chiesto di vigilare sull’ottemperanza agli obblighi di quarantena sanitaria, nelle difficili realtá dei campi nomadi. Come Sindacato di lavoratori in divisa, che da sempre si occupano di emergenze sociali, degrado urbano e contrasto alla criminalità diffusa non intendiamo sottrarci a tali compiti ma riteniamo improcrastinabile, affrontare il giusto riconoscimento degli stessi, delle peculiarità, dei rischi e delle mansioni, che vengono richiesti agli appartenenti ad un Corpo di Polizia, sebbene Locale. Mai come ora si rende necessaria una legge di riforma, che estenda alle polizie locali gli stessi diritti e le stesse tutele degli appartenenti alle altre forze dell’ordine e nelle more di questa, é giunto il momento che i Comuni a partire da Roma Capitale, procedano a diversamente riconoscere contrattualmente le peculiarità del servizio di Polizia Locale, rispetto alla restante famiglia dei dipendenti Comunali” Concludono dal Sindacato.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Litorale

Civitavecchia, truffa alla Cassa di Risparmio: sequestrati beni per un milione di euro a due persone

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

CIVITAVECCHIA – Immobili, autovetture e rapporti finanziari, per un valore di circa un milione di euro, sono stati sequestrati dai Finanzieri del Comando Provinciale di Roma, su disposizione del Giudice delle Indagini Preliminari di Civitavecchia, nei confronti dei due persone corresponsabili di una truffa ordita ai danni della Fondazione Cassa di Risparmio di Civitavecchia.

Il provvedimento scaturisce da un’indagine delle Fiamme Gialle della Compagnia di Civitavecchia, dirette dalla locale Procura della Repubblica e coordinate dal Gruppo, che ha preso le mosse dalla denuncia presentata dai vertici della fondazione.

La vicenda ha avuto inizio nel 2015 allorquando la Fondazione cedette a Banca Intesa le quote detenute nella Cassa di Risparmio dell’importo di 19 milioni di euro, il cui provento fu reinvestito nella sottoscrizione di polizze assicurative emesse da una società di Vaduz, nel Liechtenstein, riconducibili a un broker italiano residente in Svizzera, già indagato dall’autorità giudiziaria elvetica e arrestato per truffa.

Dalle investigazioni era emersa anche la responsabilità di due cittadini italiani, un professionista di Tolfa e un civitavecchiese intermediario della transazione, che erano stati denunciati alla Procura della Repubblica di Civitavecchia per i reati di corruzione tra privati, truffa aggravata e di presentazione di infedele dichiarazione dei redditi.

Il primo, membro del comitato investimenti della Fondazione, deputato a valutare la bontà degli impieghi, avrebbe omesso, in cambio di una “tangente” pari a 600 mila euro versatadal broker, i dovuti controlli sui bilanci della società elvetica e sull’effettiva stipula di una polizza assicurativa a garanzia dell’investimento, mentre il secondo, intermediario della transazione, avrebbe beneficiato di una “mazzetta” di 400.000 euro.

Tali proventi illeciti sono stati proposti all’Agenzia delle Entrate per il recupero a tassazione.

A conclusione dell’operazione – che ha riguardato anche le province di Mantova, Milano e Nuoro – sono stati posti sotto sequestro un’autovettura di lusso, conti correnti bancari, rapporti finanziari e quote di proprietà di immobili in Sardegna e a Civitavecchia, oltre a orologi e penne di pregio detenuti in una cassetta di sicurezza.   

L’operazione testimonia l’impegno del Corpo a contrasto da comportamenti fraudolenti che inquinano l’economia legale e carpiscono la buona fede degli investitori.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Litorale

Pomezia, riordino del mercato del sabato. Il Sindaco Zuccalà in visita agli operatori: “La nuova collocazione è una vittoria per tutti”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

POMEZIA (RM) – Il Sindaco di Pomezia Adriano Zuccalà e la vice Sindaco Simona Morcellini hanno fatto visita questa mattina agli operatori del mercato di Pomezia. Dallo scorso 6 febbraio i banchi del mercato hanno lasciato via Orazio per spostarsi tra piazza San Benedetto da Norcia, via Varrone, largo Columella e via Salvo d’Acquisto.

La ricollocazione, che è stata anche l’occasione per ridisegnare la mappatura delle concessioni, mira a valorizzare l’identità storica, commerciale e culturale del mercato di Pomezia restituendo al traffico veicolare via Orazio, in modo da aumentare la sicurezza stradale e recuperare parcheggi.

“La nuova collocazione è stata condivisa con gli operatori e i rappresentanti del settore – spiega la vice Sindaco Simona Morcellini – Un risultato importante che ci consente da una parte di valorizzare le diverse categorie merceologiche presenti e dall’altra di garantire una viabilità più snella e sicura. Il mercato pometino del sabato, oltre ad essere uno dei più grandi del Lazio, è uno spazio fisico e simbolico importante per i cittadini che lo attraversano da anni: il nostro obiettivo è stato riservargli la giusta attenzione per coniugare le esigenze degli operatori con la sicurezza della Città”.


“Per anni i residenti del centro di Pomezia hanno chiesto soluzioni alternative al mercato del sabato – aggiunge il Sindaco Adriano Zuccalà – Oggi finalmente possiamo dire di aver trovato il giusto equilibrio tra le esigenze della cittadinanza e quelle degli operatori commerciali, anche delle attività che si affacciano sul mercato. Un risultato storico di cui ringrazio gli uffici comunali e gli operatori stessi, per la grande collaborazione dimostrata. La nuova collocazione dei banchi, che libera di fatto via Orazio, recupera quasi 100 parcheggi ed elimina l’attraversamento delle auto nell’area del mercato, è una vittoria per tutti”.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Litorale

Torvaianica, va a spasso con 17 dosi di cocaina in tasca: in manette un 32enne

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

TORVAIANICA (RM) – I Carabinieri della Compagnia di Pomezia hanno arrestato in flagranza di reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti un ragazzo di 32 anni originario di Roma.

Nella mattinata di ieri, durante uno dei quotidiani servizi finalizzati alla prevenzione e repressione dei reati svolto in località Campo Jemini, i Carabinieri della Stazione di Torvajanica hanno fermato un 32enne mentre stava camminando in strada con un’insolita premura. Sottoposto a controllo, il giovane è stato trovato in possesso di diciassette dosi di cocaina nascoste dentro a piccoli involucri di plastica solitamente racchiusi negli ovetti di cioccolato, insieme a 110 euro in banconote di vario taglio.

I Carabinieri hanno, quindi, esteso le verifiche nell’abitazione del giovane, ove sono state rinvenute altre 19 dosi e 3 involucri di cocaina per un peso complessivo di 52 grammi, insieme a 10 grammi di marjiuana, una dose di hashish, bilancini di precisione, materiale per il confezionamento ed altri 370 euro in contanti, ritenuti provento della sua illecita attività di spaccio.

Per il pusher sono stati disposti gli arresti domiciliari in attesa del rito direttissimo.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

I più letti