Connect with us

Redazione Lazio

Roma, San Camillo: 8 arresti per corruzione falso e truffa

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Rilevanti irregolarità nell’esecuzione dei lavori inerenti i padiglioni “Casa Accoglienza” e “Marchiafava” dell’Azienda Ospedaliera “San Camillo-Forlanini”, che hanno portato a pericolosi cedimenti strutturali verificatisi nel mese di Agosto 2016. I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma Trastevere hanno eseguito un’ordinanza di applicazione di misura cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Roma,  nei confronti di otto indagati, a conclusione di approfondite indagini.

Gli accertamenti dei militari hanno fatto emergere un arbitrario esercizio dei poteri pubblici rivestiti, utilizzati nell’esclusivo interesse delle ditte esecutrici dell’opera, con la consapevole e quotidiana omissione dell’esercizio dei poteri e doveri di controllo, culminata, in più circostanze, con la volontaria falsificazione di atti riguardanti certificazioni di costi sostenuti per realizzare i lavori.

Sulla base di quanto ricostruito, il “prezzo” di tali falsificazioni si è materializzato in più circostanze con la corresponsione, a dipendenti pubblici, di somme ingiustificate di denaro, mascherate sotto forma di retribuzione da lavoro dipendente.

Due indagati sono stati sottoposti agli arresti domiciliari, quattro indagati sono stati colpiti dalla misura interdittiva del divieto temporaneo di esercitare attività imprenditoriale e altri due indagati sono stati colpiti dalla misura interdittiva della sospensione dall’esercizio di un pubblico ufficio.

I reati contestati sono truffa, frode nelle pubbliche forniture, falsità materiale commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici, falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici, crollo di costruzioni, corruzione per un atto contrario ai doveri d’ufficio, appropriazione indebita, turbata libertà degli incanti, rivelazione ed utilizzazione di segreti di ufficio e omissione di atti d’ufficio.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere
Commenti

Cronaca

Metro C di Roma, indagini chiuse: 25 persone a rischio processo, tra cui l’ex sindaco Gianni Alemanno

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

La Procura di Roma ha chiuso le indagini relative ai lavori legati alla Metro C di Roma. In 25 rischiano di finire sotto processo per i reati che vanno dalla truffa (per 320 milioni) alla corruzione e al falso. Tra gli indagati anche l’ex sindaco di Roma, Gianni Alemanno, l’ex assessore alla Mobilità Antonello Aurigemma (giunta Alemanno), l’ex assessore alla Mobilità Guido Improta (giunta Marino), l’ex dirigente del ministero delle Infrastrutture Ercole Incalza e dirigenti di Roma Metropolitane e Metro C all’epoca dei fatti.

L’innesco del fascicolo, coordinato dal procuratore aggiunto Paolo Ielo e dal sostituto Erminio Amelio, è legato ad una nota del collegio sindacale ed un esposto di una associazione che risale al 2013. Agli indagati viene contestato, a seconda delle posizione, il reato di concorso in truffa aggravata ai danni di enti pubblici in relazione a due episodi ritenuti illeciti: il primo, del 6 settembre del 2011, che ha indotto in errore il Cipe (quanto all’emanazione della delibera autorizzativa del pagamento), oltre allo Stato, alla Regione Lazio e al Comune, fa riferimento al pagamento di 230 milioni di euro, somma che per gli investigatori rappresentava un ingiusto profitto a Metro C, quale Generale Contractor, in quanto “non dovuta”. Il secondo che risale al novembre 2013, riguarda l’erogazione di altri 90 milioni di euro (mai avvenuta), sempre a beneficio di Metro C, quale tranche per la prima fase funzionale dei lavori, anche in questo caso finanziamenti non dovuti perché frutto di un precedente accordo illecito (accordo transattivo). I pm contestano anche alcuni episodi di corruzione legati ad assunzioni di figli e parenti di funzionari pubblici.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Metropoli

Anguillara Sabazia: pesanti accuse del consigliere Antonio Fioroni

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

ANGUILLARA SABAZIA (RM) – Il consigliere Antonio Fioroni di recente uscito dalla maggioranza annuncia in un video pubblicato su Facebook di aver denunciato l’amministrazione Anselmo per diffamazione a mezzo stampa per il comunicato in cui veniva chiamato Giuda, viscido, strisciante e traditore per il fatto di aver preso la decisione di passare nelle fila dell’opposizione.

Fioroni ha continuato a denunciare il fatto che il consigliere De Rosa abbia pubblicamente chiesto a Fioroni duemila euro mensili fino a fine mandato per essere uscito dalla maggioranza così come scritto nel Patto etico firmato da tutti i componenti della ex maggioranza pentastellata: “Aspetto un bonifico di 2 mila euro – Fioroni ricorda le parole di De Rosa – entro il 5 agosto. Appena puoi chiamami che ti faccio avere l’iban mensile. Ebbene – prosegue Antonio Fioroni – io voglio sfidarvi: denunciate il fatto che io non vi do 2mila euro al mese e voglio vedere quale giudice mi condannerà per questo. Quindi o andate avanti con la richiesta oppure se continuate con queste minacce sarò costretto a fare un’altra denuncia”.

I punti disattesi del patto etico

Inoltre Fioroni si è soffermato sui punti 2,3 e 4 di un patto etico che secondo lui non ha più alcun valore per il semplice fatto che tutti i punti dello stesso sono stati disattesi dall’amministrazione di Sabrina Anselmo: “Non c’è stata nessuna consultazione pubblica sul consumo dei suoli e i piani integrati, non sono stati organizzati incontri pubblici ogni 6 mesi ma uno solo in due anni dove si faceva presente che c’erano dei problemi di comunicazione all’interno della maggioranza: “Ilpatto etico è diventato carta straccia per i vostri comportamenti – ha aggiunto Fioroni – quindi se volete 2 mila euro al mese da me, fatemelo scrivere da un giudice. E poi mi chiedo – ha proseguito Fioroni – dov’era il patto etico quando c’è stata la condanna della sindaca? Io l’ho difesa e continuo a difenderla perché si è trattato di un fatto personale ma se si vuole difendere la sacralità di questo patto etico in questa maniera allora il mio suggerimento è che dovreste dimettervi tutti quanti seduta stante per i vostri comportamenti”.

L’accusa di Fioroni su incarico diretto da 450mila euro

Infine Fioroni ha fatto presente che è stato dato un incarico diretto per i lavori del bando aree periferiche di 450 mila per Ponton Dell’Elce a Vincenzo Cosentino e Camilla di Carmine. Quest’ultima è la proprietaria dello studio di cui era proprietario l’attuale capo area all’ufficio Tecnico Dottor Egidio Santamaria. Lui stesso ha dato l’incarico al suo ex studio. E allora visto che siete così trasparenti come spiegate alla cittadinanza questo affidamento diretto?”

Guai in vista per i giornali locali che hanno pubblicato il comunicato dell’amministrazione

Guai in vista dunque per le testate locali che hanno pubblicato il comunicato dell’amministrazione Anselmo pieno di offese nei riguardi Fioroni perché hanno contribuito a fare da megafono alla diffamazione con l’aggravante della diffusione a mezzo stampa. Si ricorda che L’Osservatore d’Italia, a differenza di altri, ha deciso di non pubblicare quel comunicato proprio per il tenore dei toni e offese presenti all’interno.

Una comunicazione che risente della mancanza della figura professionale dell’addetto stampa

Questo comunicato è frutto dell’assenza della figura professionale di addetto stampa che è totalmente assente al Comune di Anguillara. Per legge la comunicazione dev’essere infatti affidata ad un giornalista iscritto all’Ordine e non trattata in questa maniera. Ma su questo punto ci eravamo già soffermati in passato.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Metropoli

Anguillara Sabazia, l’amministrazione Anselmo raddoppia… il rischio milioni di euro

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

ANGUILLARA SABAZIA (RM) – L’amministrazione Anselmo ad Anguillara Sabazia raddoppia il rischio rimborsi portandosi alla quota record di circa 5 milioni di euro. Somma che nel caso il Comune dovesse soccombere nei vari giudizi porterebbe ad un dissesto finanziario da guinnes dei primati per la città sabatina.

Oltre due milioni di euro la richiesta, con contestuale messa in mora, quella presentata dal Consorzio Coires al Comune relativa ad inadempimenti contrattuali legati alla realizzazione della strada che avrebbe dovuto collegare Anguillara con Cesano. Un progetto ormai ventennale che ha assistito a tanti annunci e slogan da parte dei vari amministratori succedutisi, tra cui l’attuale sindaca ex pentastellata, ma che a tutt’oggi resta solo un disegnino sulla carta. Una somma quella richiesta dal Consorzio che va ad aggiungersi ai 2 milioni e mezzo di euro richiesti dalla Sogeea SpA, società che si occupava del servizio di istruzione delle pratiche di condono edilizio per l’Ente locale. Un contenzioso, quest’ultimo, su cui dovrà decidere la Camera Internazionale dell’Arbitrato, della Mediazione e della Conciliazione (AMC).

Manciuria (AnguillaraSvolta): “Una conduzione amministrativa invisa ed egocentrica”

“Sono passati circa otto mesi da quando il Sindaco Anselmo, con toni trionfalistici annunciava soddisfatta l’imminente “dirittura di arrivo” dell’Anguillara Cesano: niente di più falso considerato che ad oggi la conferenza dei servizi si è impantanata nella sospensione per carenza di documentazione e ben più grave nella richiesta di messa in mora e risarcimento danni pari ad oltre 2.000.000 di euro “. Questo un primo commento del presidente di AnguillaraSvolta Sergio Manciuria, in merito alla notizia della recente riserva apposta dalla Ditta Appaltatrice Consorzio COIRES il cui contratto di Appalto pari ad euro duemilioniseicentomila, fu sottoscritto nel lontano maggio 2011.

“Avremmo da ridire anche sulle gesta ottimistiche – continua l’esponente sabatino- relative alla romanella su via Anguillarese con discapito della seconda rotatoria altezza edicola (aspettiamo la contabilità finale per esprimere un giudizio di merito), cosi come per la piscina di via Duca degli Abruzzi per incarico nuovo progetto di copertura, oggetto di recente rescissione contrattuale, nonostante come Associazione, avessimo segnalato già le pecche nell’agosto del 2016.
Oggi ci limitiamo ad evidenziare le contraddizioni di una conduzione invisa ed egocentrica il cui punto di forza è divenuto il dileggio biblico e surreale con gli ex esponenti della maggioranza, piuttosto che la risoluzione delle problematiche quotidiane. Dopo due anni di improbabili scusanti legate alle politiche del passato – ribadisce Manciuria – riteniamo per il bene di Anguillara che il cambiamento, nell’eccezione più nobile, abbia fallito ed esaurito il suo compito, tra l’altro esponendo le casse comunali , in poco meno di tre mesi tra Sogeea SPA e Consorzio COIRES, al rischio di rimborsi per oltre 5.000.000 di euro. Dopo Giuda Iscariota e Cefa il Pescatore – prosegue Manciuria – è arrivata l’ora che i vari Ponzio Pilato smettano di lavarsi le mani mettendo fine ad una ormai conclamata incapacità, diventando invece artefici di quell”energia propulsiva necessaria per il rinnovamento della macchina amministrativa. L’augurio – conclude il presidente di AnguillaraSvolta – è che non rimangano prigionieri della fibra ottica mentre Ponton Elce, come il resto della Città, non ha l’acqua corrente, per tenersi stretta una poltroncina sempre più scottante.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

luglio: 2018
L M M G V S D
« Giu    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

L’Osservatore su Google+

Le più lette

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it