Connect with us

Redazione Lazio

Roma, San Camillo: 8 arresti per corruzione falso e truffa

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Rilevanti irregolarità nell’esecuzione dei lavori inerenti i padiglioni “Casa Accoglienza” e “Marchiafava” dell’Azienda Ospedaliera “San Camillo-Forlanini”, che hanno portato a pericolosi cedimenti strutturali verificatisi nel mese di Agosto 2016. I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma Trastevere hanno eseguito un’ordinanza di applicazione di misura cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Roma,  nei confronti di otto indagati, a conclusione di approfondite indagini.

Gli accertamenti dei militari hanno fatto emergere un arbitrario esercizio dei poteri pubblici rivestiti, utilizzati nell’esclusivo interesse delle ditte esecutrici dell’opera, con la consapevole e quotidiana omissione dell’esercizio dei poteri e doveri di controllo, culminata, in più circostanze, con la volontaria falsificazione di atti riguardanti certificazioni di costi sostenuti per realizzare i lavori.

Sulla base di quanto ricostruito, il “prezzo” di tali falsificazioni si è materializzato in più circostanze con la corresponsione, a dipendenti pubblici, di somme ingiustificate di denaro, mascherate sotto forma di retribuzione da lavoro dipendente.

Due indagati sono stati sottoposti agli arresti domiciliari, quattro indagati sono stati colpiti dalla misura interdittiva del divieto temporaneo di esercitare attività imprenditoriale e altri due indagati sono stati colpiti dalla misura interdittiva della sospensione dall’esercizio di un pubblico ufficio.

I reati contestati sono truffa, frode nelle pubbliche forniture, falsità materiale commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici, falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici, crollo di costruzioni, corruzione per un atto contrario ai doveri d’ufficio, appropriazione indebita, turbata libertà degli incanti, rivelazione ed utilizzazione di segreti di ufficio e omissione di atti d’ufficio.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere
Commenti

Cronaca

Stop plastica in mare: da Torvaianica a Palermo volontari all’opera

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

TORVAIANICA (RM) – Raccolte decine di rifiuti sia sull’arenile che in acqua a Torvaianica. L’opera di bonifica grazie alla delegazione del Movimento ecologista Ecoitaliasolidale in occasione dell’Earth Day, la ricorrenza nata il 22 Aprile 1970 negli Usa per evidenziare la necessità di conservare le risorse naturali della Terra. Le iniziative si sono articolate da Torvaianica fino a Palermo e all’isola di Pantelleria. “Dopo la raccolta in spiaggia – hanno fatto sapere dal Movimento ecologista – con un gruppo di Sub abbiamo raccolto numerosi rifiuti in mare intorno alla Riserva di Tor Paterno che anch’essa è interessata alla diffusione in mare della plastica. Quest’anno il nostro impegno è per chiedere lo ‘Stop alla plastica in mare’, con una serie di iniziative di informazione specifica in materia di inquinamento della plastica sulle coste italiane.”

I mari del mondo sono invasi dalla plastica

Da uno studio coordinato dall’Università della Georgia è stato calcolato con precisione la quantità di plastica gettata nei mari: ben il 5 per cento di quella prodotta nel mondo finisce ogni anno fra
le onde. Complessivamente fra bottiglie, tappi, rivestimenti, imballaggi, si parla di 12,7 milioni di tonnellate che inquinano fortemente il mare. E il vero problema della plastica è il suo tempo di decomposizione, infatti per una bottiglia sono necessari circa 20 anni e circa un secolo per posate di plastica o accendini. Inoltre da non sottovalutare che le microparticelle di plastica vengono ingerite dai pesci che le scambiano per plancton, il loro cibo, e che successivamente tale sostanze nocive vengono ingerite da noi mangiando il pesce, con evidente pericolo per la salute.

Il Mediterraneo tra le acque più inquinate

Se il trend di inquinamento della plastica in mare prosegue con questi ritmi e senza adeguate soluzioni in termini anche di leggi specifiche per la diminuzione dell’utilizzo della plastica, secondo lo studio della Fondazione Ellen MacArthur presentato in occasione del Forum economico mondiale di Davos, nel 2050, in termini di peso, gli Oceani potrebbero contenere più bottiglie di plastica che pesci e tra le acque più inquinate vi è proprio il Mediterraneo.

L’appello di Ecoitaliasolidale ai vacanzieri e alle istituzioni

“Chiediamo come Ecoitaliasolidale con queste iniziative, – dicono ancora dal Movimento ecologista – in vista del prossimo periodo estivo, una particolare attenzione da parte di tutti i vacanzieri al fine di non lasciare sulle spiagge ed in mare ogni sostanza o materiale che possa inquinare ed al contempo chiediamo alle Istituzioni di adottare provvedimenti sanzionatori piu’ incisivi per i trasgressori, una maggiore fruibilità nelle spiagge degli appositi contenitori per conferire i rifiuti differenziati , nonché rafforzare i servizi di pulizia. Azioni concrete proprio nella giornata dell’Earth day perché la lotta alla plastica in mare – concludono da Ecoitaliasolidale – non termina con la bella stagione e il rischio del 2050, più plastica in acqua che pesci, è dietro l’angolo “.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Metropoli

Anguillara Sabazia, via San Francesco: dopo il Tar, la denuncia in Procura, l’interrogazione comunale e l’ombra della Corte dei Conti l’amministrazione Anselmo fa partire il count down per il ripristino del doppio senso di circolazione

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

ANGUILLARA SABAZIA (RM) – Conto alla rovescia per il ripristino del doppio senso di circolazione ad Anguillara Sabazia sul tratto di via San Francesco compreso tra via Carlo Alberto dalla Chiesa a la “Croce”. L’intervento di adeguamento della segnaletica stradale nonché la rimozione degli stalli di sosta realizzati su via di San Francesco avrà inizio a partire dalle ore 6 di Sabato 28 Aprile 2018. Questo quanto disposto dal responsabile della Polizia locale di Anguillara – Francesco Guidi – con la determina dirigenziale del 20 aprile, dopo che è stata presentata un’interrogazione urgente condivisa da tutti i consiglieri di opposizione in merito al mancato ripristino del doppio senso di circolazione nonostante la sentenza del Tar del 6 aprile pubblicata lo scorso 12 aprile.

Manciuria (AnguillaraSvolta): Un grazie particolare al Comando dei Carabinieri e Polizia locale per aver fatto rispettare la sentenza di un Giudice”

Ancora una settimana, pertanto, per vedere concretamente attuata la sentenza del Tar Lazio che ha di fatto annullato l’ordinanza sindacale che stabiliva il senso unico sul tratto di strada e contro la quale avevano presentato ricorso alla giustizia amministrativa alcuni residenti tra i quali il presidente di AnguillaraSvolta Sergio Manciuria. “Tre passaggi (Sentenza, Denuncia e Interrogazione) – commenta il presidente di “AnguillaraSvolta” – che noi cittadini ci saremmo volentieri risparmiati. L’arroganza e l incapacità amministrativa di un sindaco – prosegue – che antepone il proprio ego alla trasparenza, alla partecipazione e al rispetto della legalità sta indirizzando la città verso l’anarchia. Non mi capacito – prosegue Manciuria – come un Movimento di cambiamento che si appresta a guidare una Nazione possa tollerare al proprio interno un politico il cui stile rammenta quello di un tempo remoto cioè privo di ascolto e coinvolgimento dei cittadini. Un sussulto di dignità all’interno di coloro che credono in quei valori fondanti sicuramente imprimerebbe una svolta e una rinascita per Anguillara. Un grazie particolare – ha aggiunto il presidente di AnguillaraSvolta al Comando dei Carabinieri e Polizia locale per aver fatto rispettare la sentenza di un Giudice”.

La sconfitta dei “Diversamente amministratori”

Una sconfitta per quelli che il presidente Manciuria definisce come “diversamente amministratori” e per un sindaco condannato la cui presenza istituzionale probabilmente è diventata scomoda oltre che imbarazzante per i vertici del M5s – Anguillara è sparita dal sito M5s dove vengono indicati i Comuni pentastellati – e che ora oltre ad essere stati denunciati, da commercianti e ricorrenti, alla Procura della Repubblica, per non aver immediatamente adempiuto all’ordinanza del Tar, rischiano di finire sotto la lente di ingrandimento della Corte dei Conti per una scelta che ha visto impiegare delle risorse pubbliche per l’installazione della segnaletica di senso unico e degli stalli di sosta che ora saranno rimossi con il dispendio di altre risorse, senza contare tutte le spese legali fino ad oggi sostenute per affrontare questa vicenda di fronte al Tribunale Amministrativo del Lazio e per quelle a venire nel caso la Procura regionale della Corte dei Conti ravvisasse il danno erariale.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Litorale

Anzio, presa la banda dei rapinatori violenti: erano l’incubo degli automobilisti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

ANZIO (RM) – Nel corso della mattinata, i Carabinieri della Compagnia di Anzio hanno dato esecuzione ad una ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Tribunale di Velletri, su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti di tre cittadini di origine romena, A.A. di 38 anni, P.R.N. di 28 anni e A.A. di 37, ma domiciliati nel comune di Aprilia, ritenuti responsabili di aver commesso 3 rapine, nei primi mesi di quest’anno, due delle quali a Nettuno ed una ad Anzio.

Le vittime, complessivamente tre, erano tutti lavoratori di origine indiana ma regolarmente residenti in Italia

All’interno della banda vi era anche un minore, già oggetto a fine febbraio, di misura cautelare emessa dal Tribunale dei Minorenni della Capitale ed attualmente ristretto presso l’Istituto di Pena minorile di Roma per i medesimi fatti.

Il modus operandi era sempre lo stesso: individuato l’obiettivo, approfittando del buio, la banda si avvicinava alla vittima a bordo di un’autovettura. Una volta scesi colpivano il malcapitato con calci e pugni per poi depredarlo del portafoglio. Proprio all’interno di un portafoglio hanno rinvenuto, oltre a 300 Euro in contanti, un bancomat con annesso il codice pin che, nel corso della notte stessa e del giorno successivo alla rapina, hanno utilizzato per fare acquisti e prelevare denaro contante per un totale di circa 2700 Euro. Tutte le movimentazioni sono state meticolosamente analizzate da parte degli inquirenti e grazie alla visione dei filmati di videosorveglianza dei bancomat e degli esercizi commerciali hanno potuto individuare ed identificare i rei.

Altra peculiarità del loro operare era quella di spacciarsi quali appartenenti alle forze dell’ordine, al fine di convincere, con la scusa di un controllo, l’ignara vittima a salire a bordo dell’autovettura. Così facendo potevano raggiungere un’area isolata, ove poi costringevano con violenza il malcapitato a consegnare il denaro contante o eventuali gioielli in oro.

Uno dei soggetti destinatari di misura cautelare era già detenuto per reati analoghi presso la Casa Circondariale di Latina, mentre i suoi complici, sono stati accompagnati presso il carcere di Velletri.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

aprile: 2018
L M M G V S D
« Mar    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

L’Osservatore su Google+

Le più lette

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it