Connect with us

Cronaca

Scempio a Pordenone: uccide moglie e figlia a colpi di accetta, Pm chiede ergastolo

Clicca e condividi l'articolo

Per i soccorritori: "E' stata una mattanza"

Print Friendly, PDF & Email

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
di Angelo Barraco

Pordenone – Nel corso dell’udienza svoltasi con rito abbreviato, il Pm Federico Facchin della Procura di Pordenone ha chiesto l’ergastolo per Abdelhadi Lahmar, marocchino di 40 anni che ha ucciso la moglie di 30 anni e la figlia di 7 anni a colpi di accetta nell’aprile del 2015. E’ stato scelto il rito abbreviato per consentire all’uomo l’applicazione di uno sconto di pena poiché l’omicidio pluriaggravato prevede l’isolamento diurno. La parte civile che rappresenta l’associazione “Voce Donna” ha chiesto un risarcimento simbolico di un euro, il difensore dell’uomo ha chiesto invece la predominanza delle attenuanti chiedendo la pena minima applicabile. Per il 28 ottobre è prevista la sentenza. "Questa è la cronaca di una morte annunciata" così dichiararono le amiche della cameriera 30ennne uccisa brutalmente a colpi di accetta il 15 aprile del 2015 nella sua camera da letto dal marito  Abdelhadi Lahmar, che ha scatenato una violenza inaudita anche contro la figlia Hiba di 7 anni, uccidendola nel sonno con un coltello. Le amiche della donna ricordano: “Dal 2010 quell'uomo la perseguitava e lei aveva provato in ogni modo a troncare la relazione. Negli ultimi mesi la situazione si era sopita solo perché lui era in Marocco e riceveva ogni mese gran parte dello stipendio di Touria. I soldi non gli bastavano mai: la chiamava e chiedeva denaro, minacciandola che, diversamente, una volta in Italia, gliela avrebbe fatta pagare”. Il movente di tale furia omicida è legato ad un fatto passionale poiché l’uomo non ha accettato che la relazione con la donna fosse finita. Era rientrato dal Marocco dopo cinque mesi e pochi giorni prima la donna aveva chiesto di poter essere inserita in un programma di protezione tramite un’associazione che si occupa di tutela di tutelare le donne rimaste vittima delle violenze domestiche. La donna doveva entrare nella struttura ma l’appuntamento era saltato all’ultimo momento. La donna inoltre temeva che il marito, qualora lei avesse avviato le pratiche per la separazione, portasse la figlia in Africa. L’uomo era stato convocato in caserma ed era stato ammonito verbalmente, lui però aveva rassicurato i militari dicendo che il problema era stato ingigantito . La donna era pronta per lasciare la case e recarsi presso la struttura che l’avrebbe protetta, era pronta per ritirare i risparmi in banca e ricominciare una nuova vita ma l’uomo tutto ciò non glielo ha permesso poiché ha impugnato l’accetta e l’ha uccisa. Prima ha massacrato la moglie, poi è entrato nella stanza della piccola Hiba che dormiva e l’ha sgozzata nel sonno. L’uomo ha chiamato poi il 113 consegnandosi alla Polizia, per i soccorritori "E' stata una mattanza". 

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Passo Corese: donna si sente sola, chiama i Carabinieri per un po’ di compagnia e loro la raggiungono a casa

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

PASSO CORESE (RI) – Nel tardo pomeriggio di ieri, la Sig.ra Ivana, domiciliata a Passo Corese, 72enne, ha chiamato i Carabinieri perché si sentiva sola.

Il centralinista di turno, percepito lo stato particolarmente triste nel quale si trovava la Signora, ha avvisato il Ten. Carmelo Ceraolo, Comandante del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia, il quale, unitamente al Comandante della Stazione CC di Passo Corese Luogotenente Rosario Caliendo e al Maresciallo Giuseppe Farinelli, Addetto alla Stazione di Fara Sabina, si è recato immediatamente presso il domicilio della Signora Ivana, donandole il calendario storico del 2021.

La donna, commossa dal gesto, ha ringraziato i militari e ha espresso loro il cordoglio per l’uccisione del Carabiniere Iacovacci in Congo.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Cronaca

Milano, arrestati i 10 componenti della banda criminale dei bancomat

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Tra febbraio 2017 e aprile 2019 sono 73 gli assalti portati a compimento dal sodalizio in Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna e Lazio, con un bottino che supera i 3, 5 milioni di euro

MILANO – Alle prime ore di questa mattina i Carabinieri del Comando Provinciale di Milano, a conclusione di una lunga attività di indagine, hanno arrestato i dieci componenti della banda criminale responsabile di aver assaltato diversi sportelli bancomat in tutta Italia.

In manette 10 persone ritenute responsabili, a vario titolo, di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di un numero indeterminato di furti di denaro contante presso gli sportelli ATM di istituti di credito su tutto il territorio nazionale mediante assalto con miscela esplosiva, riciclaggio ed altro.

Le indagini, condotte dal Nucleo Investigativo e dirette dalla Procura della Repubblica di Milano, hanno consentito di disarticolare un sodalizio, i cui capi ed organizzatori abitano e sono cresciuti nel quartiere “Pilastro” di Bologna, specializzato nella realizzazione di assalti notturni in danno di sportelli bancomat.

Le violente esplosioni causate per scardinare gli sportelli bancomat hanno spesso provocato ingenti danni alle strutture e in alcuni casi con conseguenze di inagibilità ad interi edifici.

Tra febbraio 2017 e aprile 2019 sono 73 gli assalti portati a compimento dal sodalizio in Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna e Lazio, con un bottino che supera i 3, 5 milioni di euro.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Cronaca

Emilio Orlando, una firma della cronaca sull’Albo dei Giornalisti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Il giornalista Emilio Orlando figura nuovamente nell’albo dell’Ordine dei Giornalisti del Lazio come pubblicista dopo che nel 2019 il suo nominativo non compariva nell’elenco dell’Ordine dei Giornalisti.

A quanto risulta oggi la sua posizione di iscritto è regolare. Emilio Orlando svolge attività giornalistica principalmente su casi di cronaca nera e di giudiziaria e spesso è ospite di trasmissione televisive.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

I più letti