Connect with us

Ambiente

Tarquinia, “fiume Mignone” sorvegliato speciale: oggi sopralluogo delle istituzioni

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Si è tenuto questa mattina un sopralluogo per verificare la situazione del fiume Mignone e dei fossi affluenti alla presenza dell’Università Agraria di Tarquinia, del Consorzio di Bonifica, della Direzione Regionale Lavori Pubblici, del Comune di Tarquinia, di vari agricoltori e del consigliere regionale Silvia Blasi.
Un sopralluogo scaturito dall’audizione con la VIII Commissione Agricoltura, ambiente della Regione Lazio, tenutasi lo scorso 26 Gennaio e fortemente richiesta dall’Università di Tarquinia.
Proprio il Vicepresidente Alberto Tosoni, nel commentare l’incontro odierno, ha sottolineato l’importante presenza di alcuni agricoltori di Montericcio: “i tarquiniesi stanno dimostrando di essere persone concrete; anche stavolta vari agricoltori hanno sottratto ore al proprio lavoro per contribuire a questa battaglia. L’impegno attivo che stanno mettendo per aiutarci a risolvere questa problematica è preziosissimo: con il Presidente Sergio Borzacchi e tutta l’Amministrazione dell’Università Agraria di Tarquinia teniamo a dire pubblicamente grazie a loro ed al Comitato per la Difesa della Valle del Mignone”.
Al sopralluogo sono stati presenti, oltre al Vicepresidente dell’Università Agraria di Tarquinia Alberto Tosoni, la consigliere Rosanna Moioli ed alcuni membri del loro gruppo, un gruppo di agricoltori di Montericcio, i rappresentanti della Direzione regionale Lavori pubblici, stazione unica appalti, risorse idriche e difesa del suolo della Regione Lazio, del Consorzio di Bonifica Litorale Nord, del Comune di Tarquinia nella persona del Vicesindaco Luigi Serafini e la consigliere regionale Silvia Blasi.

Print Friendly, PDF & Email

Ambiente

Osservatorio Anbi sulle risorse idriche: in Sicilia è siccità annunciata

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Nel resto d’Italia situazione confortante soprattutto al sud

Pur essendo cresciute di una quarantina di milioni di metri cubi da dicembre, le disponibilità d’acqua in Sicilia rimangono abbondantemente sotto i livelli di inizio 2020 (-210,36 milioni di metri cubi), prologo ad un’annata particolarmente siccitosa. A metterlo in evidenza è il report settimanale dell’Osservatorio sulle Risorse Idriche, attivato dall’ANBI, il cui Presidente, Francesco Vincenzi, guarda con preoccupazione all’arrivo dei mesi caldi: “Permanendo l’attuale tendenza idrica, si preannunciano gravi problemi per l’approvvigionamento d’acqua all’agricoltura dell’Isola, penalizzata anche da schemi irrigui incompiuti.”

Se restano confortanti i livelli degli invasi nella vicina Calabria, continua anche il recupero idrico della Puglia, dove non solo si registra una disponibilità maggiore di quasi 120 milioni di metri cubi rispetto ad un anno fa, ma gli invasi di Osento e di Capaccio hanno raggiunto la quota massima, superando la media del recente decennio.

Sono finiti, invece, i benefici delle piogge sulla Basilicata, le cui disponibilità idriche subiscono una contrazione di quasi 13 milioni di metri cubi, pur rimanendo abbondantemente al di sopra dei livelli 2020 (+ 163 milioni ca.).

Analogo è l’andamento in Campania dove, in assenza di precipitazioni da una settimana, i principali fiumi (Volturno, Sele, Garigliano) registrano livelli idrometrici in discesa, seppur superiori alla media del quadriennio 2017-2020; in lieve calo anche i volumi del lago di Conza della Campania e degli invasi del Cilento.

Nel Lazio, le altezze idrometriche dei fiumi Tevere, Sacco e Liri-Garigliano sono al top del recente quadriennio, così come positivi permangono i livelli dei laghi di Bracciano e di Nemi.
Sono altresì le precipitazioni a creare condizioni idriche differenziate in Abruzzo: deficit idrico in alcune zone costiere meridionali ed invece abbondanza d’acqua negli invasi marsicani ed aquilani con la diga di Penne, che trattiene 3,46 milioni di metri cubi d’acqua, un livello mai raggiunto dal 2016.
Sempre più vicino alla capienza massima è anche il bacino del Maroggia, in Abruzzo, oggi a 4,93 milioni di metri cubi a fronte di un limite fissato a mmc. 5,80.

I fiumi delle Marche (Potenza, Esino, Tronto, Nera, Sentino) hanno tutti portate superiori agli anni più recenti, ma inferiori al 2018.

E’ ottima la condizione dei bacini della Sardegna, ora al 93,76% della capacità autorizzata; nello stesso periodo dell’anno scorso trattenevano l’88,13%.
Sotto media, invece, sono i fiumi della Toscana (Arno, Sieve, Serchio, Ombrone) così come, in maniera addirittura più marcata, i principali corsi d’acqua dell’Emilia-Romagna (Reno, Secchia, Trebbia, Taro, Savio).

Per quanto riguarda il fiume Po, la settimana è stata caratterizzata dal lento esaurimento delle portate dopo le abbondanti precipitazioni nelle settimane precedenti, ma a Pontelagoscuro si registra ancora +6% rispetto alle medie di periodo. Febbraio risulta esser un mese molto positivo per la quantità di portata presente nel Grande Fiume, che segna un +32% rispetto alle medie. Per fine mese è previsto che la portata si allinei alle medie di periodo fino alla venuta delle prime precipitazioni primaverili. Stazionario è il quantitativo di innevamento su tutto l’arco alpino, mentre è in lenta diminuzione sull’Appennino; i valori restano comunque abbondantemente sopra le medie di periodo.
Si confermano buone le condizioni idriche dei fiumi veneti (Adige, Brenta, Piave, Livenza, Bacchiglione) così come dell’Adda in Lombardia e dei grandi laghi settentrionali, tutti sopra la media stagionale con un surplus di circa il 16% sul 2020.

Altalenante è, infine, il quadro, che si coglie in Piemonte con Maira, Dora Baltea e Stura di Lanzo in calo rispetto ad un anno fa, mentre Sesia, Pesio e Tanaro sono in significativa crescita; in Val d’Aosta prosegue l’eccezionale performance della Dora Baltea, che segna una portata di 27,6 metri cubi al secondo contro una media mensile pari 3!

“La situazione registrata – sottolinea Massimo Gargano, Direttore Generale dell’Associazione Nazionale dei Consorzi per la Gestione e la Tutela del Territorio e delle Acque Irrigue (ANBI) – evidenzia la necessità di realizzare nuove infrastrutture a servizio del territorio: dai bacini medio-piccoli all’ampliamento del servizio irriguo. Dal Governo attendiamo un segnale di confronto sul nostro Piano di Efficientamento della Rete Idraulica del Paese, capace di creare oltre 21.000 posti di lavoro con un investimento pari a circa 4 miliardi e 339 milioni di euro.”

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Ambiente

Urban Fishing, la moda di pescare in città arriva dal Regno Unito: una tendenza da “prendere all’amo”?

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Questo sport che guarda all’ambiente si sta imponendo anche in Italia, grazie soprattutto al lavoro svolto dai Consorzi di bonifica all’interno dei centri abitati

Si chiama “Urban Fishing” e dall’Inghilterra è arrivata anche in Italia: è la moda bizzarra di pescare in città, un po’ come forma di anti stress un po’ però con un obiettivo ambientale. Infatti potrebbe dare spazio a una pratica utile per la manutenzione di bonifica all’interno dei centri abitati.

Sarà una tendenza da “prendere all’amo”? Immaginate dopo una giornata stressante in ufficio di fare una passeggiata fino al fiume o al torrente vicino a casa vostra e… pescare.

È il concetto dell”Urban Fishing”, una disciplina anglosassone inventata dal restauratore fluviale britannico Theo Pike, autore del libro “Trout in dirty places”. In questo testo, l’esperto indica 50 luoghi nel Regno Unito dove è possibile pescare le trote a pochi passi da un centro urbano.

L’intervista al Dottor Massimo Gargano Direttore Generale dell’ANBI a Officina Stampa del 18/02/2021

A seguire questa “moda urbana”, sono al momento soprattutto gli “streeters”, in gran parte giovani, che si cimentano dalla pesca ultralight di pesci di media pezzatura, a sessioni più impegnative di grossi predatori ittici, sempre nel rispetto delle normative anti-Covid.

Ora questa moda si sta imponendo anche in Italia, grazie a un lavoro svolto dai Consorzi di bonifica all’interno dei centri abitati

Alcuni lavori di ‘manutenzione gentile’ svolti dai Consorzi di bonifica, come per esempio il lavoro di bonifica effettuato sul torrente Mugnone, che scorre a Firenze, hanno dimostrato che è possibile rendere i fiumi urbani non sono solo scarichi di liquami, ma luoghi pieni di vita. In questo caso, alcune sistemazioni idrauliche hanno permesso di rallentare il flusso d’acqua proprio sotto i ponti, creando zone ombreggiate ideali per il rifugio e la riproduzione di pesci e anfibi e migliorando così l’intero ecosistema.

L’immagine emblematica della metamorfosi operata dal Consorzio di bonifica 3 Medio Valdarno non è l’unico caso in Italia, però: Adria nel Polesine è già la ‘capitale’ dell’urban fishing italiano.

“C’è ancora molto da fare, ma l’esperienza fiorentina dimostra che ci si può riuscire -, commenta il presidente dell’Anbi (l’associazione dei consorzi di bacino), Francesco Vincenzi -. È indispensabile la collaborazione di tutti i soggetti che insistono sul corso d’acqua, ad iniziare dal contrasto agli scarichi abusivi“.

“I centri urbani devono riappropriarsi di un corretto rapporto ambientale con i corsi d’acqua, troppo spesso costretti dentro argini innaturali – indica infine Massimo Gargano, Direttore Generale di ANBI – Per questo, ribadiamo la necessità di un Piano Nazionale di Invasi medio-piccoli e multifunzionali, comprendente  anche aree di laminazione delle piene, da posizionare ai confini dei grandi agglomerati urbani per evitare che alvei cementificati o tombati risultino insufficienti di fronte all’estremizzazione degli eventi meteo, conseguenza della crisi climatica.”

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Ambiente

Come risparmiare energia elettrica: consigli e info

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

In un’epoca come la nostra sono tantissime le apparecchiature elettriche ed elettroniche presenti in casa, e cresce enormemente il bisogno di evitare un consumo eccessivo di energia elettrica, per risparmiare soprattutto sulla bolletta. In generale, il risparmio energetico è un tema che sensibilizza tantissime famiglie italiane, poiché è una soluzione che agevola non solo economicamente, ma contribuisce anche a migliorare la vita di tutti, preservando l’ambiente che ci circonda.

In che modo si misura l’energia elettrica: consigli su come evitarne un consumo eccessivo

Esistono tantissime soluzioni che consentono un consumo di energia elettrica equilibrato, che possa favorire, quindi, il risparmio di energia. In ambito elettrico ed elettronico, esiste un dispositivo digitale chiamato multimetro, il quale serve a misurare i diversi valori elettrici, come la tensione, la corrente e la resistenza. Nello specifico, quando si utilizza il multimetro, si effettua un vero e proprio test per il controllo e la misurazione dell’energia elettrica: in questa maniera potremmo venire a conoscenza dei reali consumi energetici e di eventuali guasti o anomalie all’impianto elettrico della nostra abitazione.

Risparmio di energia: soluzioni possibili

Ma come possiamo evitare un consumo eccessivo di energia? Quali sono le soluzioni che ci permettono di risparmiare? Prima di tutto, per un corretto risparmio energetico, è importante la scelta dei nostri elettrodomestici, che influisce enormemente sul consumo energetico. Per questo motivo è preferibile sempre acquistare quelli con una classe energetica superiore, che consentono di risparmiare notevolmente in bolletta, ad esempio, una classe A++ consumerà il 50% in meno, rispetto ad una classe A.

Oltre a prestare attenzione alla classe energetica che li caratterizza, gli elettrodomestici devono anche essere utilizzati nella maniera corretta, soprattutto la lavatrice e la lavastoviglie. Infatti, per ottimizzare i costi in bolletta, consigliamo di attivarli sempre durante le fasce orarie che consentono di risparmiare.

Anche la scelta delle lampadine è fondamentale per risparmiare energia, soprattutto se trascorriamo moltissime ore in casa, con le luci accese nelle diverse camere. A questo proposito, è preferibile acquistare delle lampadine a Led, che ormai hanno completamente sostituito quelle alogene, questa scelta consente di risparmiare notevolmente l’energia elettrica, fornendo una qualità ottima di illuminazione e soprattutto, una durata maggiore.

Altri importanti accorgimenti che possiamo avere per favorire il risparmio energetico, sono quelli relativi ai cosiddetti “carichi fantasma”, cioè al consumo di tutte quelle apparecchiature che restano collegate in casa, ma che non utilizziamo in quel preciso momento.

Visto che, la maggior parte delle persone possiede tantissime apparecchiature elettroniche, sarebbe impensabile ricordarsi in ogni istante di staccare e riattaccare le diverse spine, quindi, consigliamo di raggruppare più dispositivi su una sola presa multipla, in modo tale da disattivarli con più velocità.

Questa operazione, influirà positivamente sul consumo energetico, e ci permetterà di risparmiare notevolmente in bolletta.

Come incide il risparmio energetico sull’ambiente?

Abbiamo visto che esistono tantissime soluzioni per tenere sotto controllo il nostro consumo energetico, e che ci permettono di avere notevoli agevolazioni economiche, ma il risparmio di energia elettrica è importantissimo soprattutto per preservare l’ambiente che ci circonda. Al giorno d’oggi, è necessario tenere d’occhio la gestione dei consumi energetici all’interno delle nostre famiglie, per evitare consumi eccessivi e le dispersioni inutili.

Questa necessità, nasce dal crescente aumento di dispositivi elettrici ed elettronici presenti nelle nostre case, diventati ormai elementi indispensabili per uso quotidiano. Nello specifico, risparmiare energia incide positivamente sull’ambiente circostante, infatti, limita l’esaurimento dei combustibili fossili e riduce l’inquinamento atmosferico. È davvero indispensabile, quindi, sensibilizzare tutte le persone sul tema del risparmio di energia elettrica, spingendola ad attuare costantemente una notevole riduzione dei consumi, contribuendo in minima parte, a preservare la salute del nostro pianeta.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

I più letti