Connect with us

Scienza e Tecnologia

The Surge 2, lamiere e morte nel nuovo titolo “Souls-like”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Con The Surge 2, gli sviluppatori tedeschi Deck13 tornano con un’avventura tutta nuova per Pc, Xbox One e PS4 che abbandona l’idea del protagonista preimpostato e mette sul campo un personaggio creato dal giocatore. Il titolo dà inoltre maggiore attenzione alla trama e soprattutto all’ambientazione, sempre più distopica e cyberpunk. Le buone premesse quindi ci sono tutte e il gioco, specialmente per chi apprezza il genere souls-like è un buon prodotto per molti aspetti. The Surge 2 si lascia alle spalle l’ambientazione del primo titolo trasferendo i giocatori nella nuova Jericho City, ossia una città composta da vari distretti, tutti presidiati da mercenari più o meno corazzati che hanno avuto l’ordine di tenere le strade sgombre e di eliminare chiunque si trovi a esplorare la zona. Ma per quale motivo? Difficile dirlo: il personaggio che si controlla, creato attraverso un semplice editor all’inizio della partita, è miracolosamente sopravvissuto a uno schianto aereo ma c’è qualcosa in quell’incidente che ancora non quadra. Ritrovatosi all’interno di un carcere sotto attacco, il proprio alter ego virtuale riesce a liberarsi e si pone l’obiettivo di scoprire cosa sia accaduto davvero. Riuscire nell’impresa non sarà semplice, però: le mura in fiamme dell’istituto pullulano di criminali assetati di sangue, avversari da sfruttare per fare pratica con un sistema di combattimento che integra e arricchisce quello del primo episodio. Armati inizialmente solo di due defibrillatori elettrici, il protagonista di The Surge 2 si dovrà aprire la strada fino alla prima MedBay e lì, finalmente, ci si potrà equipaggiare con un esoscheletro potenziato. Il collegamento alla macchina, tuttavia, resetta la situazione dei nemici nell’area e pone chi gioca di fronte alle stesse minacce che si erano già affrontate: nemici agguerriti e capaci di uccidere con solo due o tre colpi ben assestati. Una formula ben collaudata per questo sottogenere degli action RPG, che tuttavia non trova supporto nella narrazione, anche stavolta poco ispirata e priva di spunti degni di nota.

Nel primo The Surge, uno dei principali difetti lamentati dal pubblico e dalla critica era proprio un’ambientazione asettica e piatta dall’inizio alla fine, con pochi guizzi di design. Gli sviluppatori hanno quindi pensato bene di passare ad un’enorme città piena di vicoli e segreti, fatta di parchi, zone industriali e altri luoghi. Jericho City è infatti composta da ben nove settori diversi tra loro, sia per difficoltà che per design, che variano da una discarica piena di rottami a fogne putride e velenose fino alla zona più ricca fatta di grattacieli di vetro, parchi per bambini o, addirittura, aree forestali. Per quanto concerne la trama di gioco, questa si muove su binari poco lineari e diretti, esattamente come in qualsiasi altro souls-like che si rispetti. La storia viene raccontata tramite dialoghi sintetici, registrazioni e documenti da trovare, oltre a delle missioni secondarie che possono approfondire non poco il mondo di gioco. Incontriamo, infatti, personaggi con particolari linee di dialogo utili a rispondere alle nostre domande, ma non tutte avranno una risposta chiara e dettagliata. Probabilmente una scelta voluta dagli autori visto che questi avevano dichiarato di voler rendere la narrativa decisamente più contorta e complessa del primo gioco. Nonostante le premesse, anche se non mancano personaggi sopra le righe la storia narrata in The Surge 2 si rivela essere sempre meno incisiva, tanto da non scostarsi molto da quella di Warren nel primo capitolo. A stimolare il giocatore per arrivare ai titoli di coda, quindi, non è di certo la narrativa di gioco, bensì la curiosità di affrontare i nuovi pericoli misteriosi e nascosti di Jericho City. Purtroppo, nonostante si tratti di un souls-like nudo e crudo, si arriva a fine gioco relativamente presto: l’avventura non dura oltre le 20-25 ore di gioco, che non sono poche, ma comunque restano e di molto al di sotto dei capostipiti del genere che possono durare anche più del doppio del tempo. Sicuramente l’approcciarsi al gioco in maniera calma e strategica, oltre alla voglia di dedicarsi a tutte le missioni secondarie o a migliorare la propria build di gioco, rendono The Surge 2 un gioco interessante da giocare, ma comunque si attesta ben al di sotto di altre produzioni in quanto ad attività e longevità in generale.

A livello di giocabilità il titolo si difende bene. Risvegliati dal profondo coma in il proprio personaggio si trova, si sarà liberi di esplorare e comprendere cosa sia successo alla metropoli di Jericho, che è ridotta ormai a un futuristico far west. A seguito del disastro generato dalle nanotecnologie, la regola del più forte regna sovrana, e bisognerà applicarla al più presto per farsi largo tra i tanti nemici presenti nella rinnovata mappa, decisamente più ampia rispetto al passato. La progressione segue i modi che già si conoscevano, e ci si troverà dopo poco tempo a passare dalla semplice tuta con cui si è stati ricoverati a diventare dei veri e propri Terminator armati di tutto punto, con tante alternative a disposizione. Anche l’originale sistema per appropriarsi di armi e armature altrui torna in grande spolvero. Gli innesti tecnologici che il protagonista possiede nel corpo permettono di gestire armi e armature in modo calcolato e profondo, infatti, già dopo le prime ore di gioco, l’inventario si popola di diversi tipi di pezzi e categorie, da combinare a piacimento per trovare la build più utile allo scenario con cui faremo i conti. In The Surge 2 è necessario ricordare che è l’energia del nucleo del protagonista a limitare l’utilizzo di pezzi troppo potenti. Proprio per tale ragione essi vanno gestiti al meglio per sfruttarne il più possibile. Riuscendo ad unire più pezzi dello stesso set, poi, si ottengono bonus che vanno aggiunti alle statistiche di attacco, difesa e cambio di status. In più, stavolta, il protagonista non sarà da solo, ma avrà a disposizione un piccolo drone volante che potrà essere richiamato ed equipaggiato a piacere con una vasta gamma di componenti. Il drone gioca un ruolo interessante in The Surge 2: si può usarlo per attirare i nemici, per curarsi o anche per lasciare dei graffiti agli altri giocatori, segnalando minacce e segreti nascosti.

Il sistema di recupero dell’equipaggiamento dei nemici si conferma essere il punto di forza di tutta la produzione. L’implementazione, già notevole nel primo episodio, funziona fluidamente durante i combattimenti, nei quali si può mirare ad una parte del corpo specifica per poi amputarla una volta ridotto in fin di vita il nemico, e fare l’upgrade della propria build con i nuovi componenti “rubati”. Il controllo del personaggio è deputato allo stick analogico destro che si comporta egregiamente, senza complicare e ostacolare le mosse che si hanno in mente. Torna poi anche la terza barra oltre a quelle di vita e stamina, quella della batteria, da tener d’occhio quando si vuole approfittare dei vantaggi degli innesti per recuperare energia o indebolire i nemici. Insomma, quello di The Surge 2 è un sistema che funziona e spicca per varietà di soluzioni e situazioni proposte, nonostante un design non sempre raffinato, ma che riesce ad essere appassionante nell’ottimizzazione delle build o nel superamento di scenari dove l’impianto giusto farà la differenza tra la vita e l’ennesima morte. Altro punto forte, della produzione dei Deck13, è la quantità di strumenti offensivi e difensivi a disposizione. La loro presenza, infatti, stimola il giocatore ad un farming sì ripetuto e leggermente ripetitivo, ma appagante quando si completa un set o si riesce a potenziare al massimo. Per quanto riguarda l’aspetto estetico, The Surge 2 non fa gridare al miracolo, ma resta comunque gradevole da vedere. Ad esempio, anche se Jericho City rappresenta una metropoli interessante che si sviluppa anche in verticale, il passaggio tra i diversi settori è spesso incoerente sia dal punto di vista dell’art design che da quello narrativo. Si tratta di una costruzione spesso confusionaria, nonostante la varietà non manchi. Mancano dungeon labirintici, mancano strade tortuose e soprattutto mancano approcci di gioco diversi in base ai nemici presenti in zona. L’ambientazione sci-fi cyberpunk è molto appetibile, ma a nostro avviso poteva offrire molto di più visto il grande potenziale che essa possiede. The Surge 2 inoltre è graficamente inferiore al primo capitolo e anche sul piano delle performance il gioco originale ha la meglio. Scalettature di ogni tipo, texture piatte e scialbe ed effettistica al minimo storico. In termini di risoluzione e frame-rate, su Xbox One X, il gioco offre due tipi di soluzioni: qualità e prestazioni. La prima porta il gioco in 4K upscalati e 30 fps con particolari problemi di frame-pacing, mentre in modalità prestazioni si passa ad una risoluzione FullHD e 60 fps non propriamente stabilissimi. Insomma, dal punto di vista grafico si poteva fare sicuramente qualcosina in più. In conclusione, con l’uscita di The Surge 2 ci si aspettava un salto di qualità rispetto al passato, ma purtroppo il titolo non decolla più di tanto. Giocandolo ci siamo trovati di fronte ad un titolo migliorato molto sul fronte del sistema di combattimento, ma ci aspettavamo un guizzo in più in tutte le aree di gioco. Purtroppo The Surge 2 arranca su altri aspetti importanti come level design ed art design, presentando peraltro una narrazione scialba e poco convincente. A chiunque abbia amato il primo capitolo consigliamo sicuramente di dare una chance a questo successore in quanto rappresenta un miglioramento in quasi tutti gli aspetti, salve quello grafico. Per chiunque invece si dovesse avvicinare per la prima volta al gioco, consigliamo di provarlo prima di acquistarlo in quanto l’alto tasso di difficoltà e il level design non proprio brillante potrebbero scoraggiare e stancare presto.

GIUDIZIO GLOBALE:

Grafica: 7,5

Sonoro: 7,5

Gameplay: 8,5

Longevità: 7

VOTO FINALE: 7,5

Francesco Pellegrino Lise

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere
Commenti

Scienza e Tecnologia

Ombre dal Profondo, il lato oscuro della Luna apre l’anno 3 di Destiny 2

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Con Ombre dal Profondo, uscito il primo ottobre su Pc, Xbox One e Ps4, prende il via l’anno 3 di Destiny 2. Con questa nuova espansione finalmente lo sparatutto Sci-Fi targato Bungie sembra aver preso la giusta direzione e di seguito vi spiegheremo per filo e per segno tutto quello che c’è da sapere. Prima di esaminare le novità introdotte per questo terzo anno, però, è bene ricordare che il 2019 è stato un anno turbolento in casa Bungie, tra la scissione con Activision e l’acquisizione della totale indipendenza, si sono spalancate le porte a molteplici possibili scenari. Scenari che hanno portato a grosse novità. Destiny 2, infatti, è diventato ufficialmente free to play e per i giocatori pc è approdato su Steam. Ovviamente la versione gratuita è quella base (qui la nostra recensione) che comprende il primo anno di contenuti, e sebbene questa scelta potrebbe sembrare soltanto la naturale adozione di un modello di business differente, rappresenta in realtà una vera e propria presa di posizione sul prodotto attualmente in commercio. Tale decisione fa presumere l’intenzione da parte della software house statunitense di continuare a supportare il brand senza saltare subito, come molti temevano, a un terzo capitolo. Con Ombre dal Profondo, Bungie non offre solo nuovi contenuti e mappe ma un nuovo modo di giocare a Destiny 2 modificando le dinamiche che hanno caratterizzato The Forsaken (qui la nostra recensione) e migliorando il tutto. Questo nuovo dlc riporta i giocatori sulla Luna, quindi per chi è un fan di vecchia data sarà un vero e proprio ritorno alle origini, mentre per i nuovi giocatori ci sarà davvero tanto da esplorare e fare.

La Luna in versione Destiny 2 è una Luna molto simile ma nello stesso tempo differente rispetto a quella esplorata nel titolo originale. Un’intensa attività sismica ha attirato l’attenzione dell’Avanguardia e ovviamente il protagonista viene chiamato ad indagare sulla presenza dell’Alveare e delle inquietanti presenze dell’Oscurità che hanno invaso nuovamente il satellite della Terra. L’Alveare ha iniziato a diffondersi su tutta la superficie e oltre, costruendo l’imponente e inquietante Fortezza Scarlatta. In Ombre dal Profondo fa il suo ritorno anche Eris Morn, la misteriosa cacciatrice che ha osservato i movimenti dell’Alveare sin dalla morte di Oryx, il re dei corrotti. Eris, che ha la funzione di Npc della nuova area di gioco, mostrerà una piramide nera sepolta sotto la superficie della Luna che sembra generare una forte Oscurità per contrastare la Luce del Viaggiatore. Lo scopo dei guardiani in Ombre dal Profondo sarà quindi quello di scoprire i misteri della piramide e penetrare al suo interno per svelare cosa si celi dietro alle inquietanti presenze generate dall’Oscurità. La lore introdotta con il nuovo DLC ci è sembrata interessante e ben realizzata. Bungie ha chiaramente puntato sull’effetto nostalgia dei giocatori di vecchia data, riuscendo chiaramente nell’intento. Il ritorno di vecchie ambientazioni e personaggi si incastra perfettamente con le novità introdotte, accontentando sia i veterani che i neo giocatori. La “nuova” area è ricca di dettagli e ambientazioni fantastiche che arricchiscono il già ampio universo di Destiny 2. Le missioni della storia sono ben equilibrate e si amalgamano davvero bene con le attività sia vecchie che nuove. Assalti, Cala La Notte, Azzardo, Serraglio, Crogiolo e Stendardo di Ferro vengono affiancati dalle cacce agli incubi, le Invasioni Vex e il raid introdotto da una decina di giorni. Insomma il tutto sembra funzionare bene. Se a questo si affianca un nuovo livello di luce da raggiungere, nuove caratteristiche e statistiche per le armature e l’introduzione di un artefatto stagionale che offre vari bonus, il tutto si traduce in moltissime ore di gioco extra. Se proprio si vuole trovare un difetto in Ombre dal profondo, esso è la miriade di cose che settimanalmente si devono fare per progredire in maniera seria con uno o più personaggi.

Durante il passaggio tra il primo al secondo capito di Destiny, la sensazione era che il target a cui volesse rivolgersi fosse cambiato, con l’intenzione di aprirsi a un bacino di utenza più occasionale, a discapito dei player più hardcore che in realtà spendevano tempi di gioco maggiore tra i mondi del sistema solare. Inutile dire, i risultati di questa scelta si sono visti e I Rinnegati è stato soltanto il primo passo nel tentativo di cambiare rotta. Con Ombre dal Profondo, questa inversione di tendenza si potrebbe dire completata e Bungie sembra avere come primo obbiettivo, quello di dare maggiore profondità alle dinamiche che regolano la giocabilità. La prima grande novità di Ombre dal Profondo riguarda le armature, aggiornate ora alla loro versione 2.0. Queste adesso hanno ben sei statistiche, ovvero mobilità, resilienza, recupero, intelletto, disciplina e forza, e ogni singolo pezzo fornisce casualmente ognuna di queste sei caratteristiche. Inoltre, ogni pezzo potrà essere potenziato fino al livello di energia 10, che rappresenta sostanzialmente il numero di punti spendibili nelle modifiche equipaggiabili. Perché sì, i pezzi di armatura non hanno più perk casuali, ma solo spazi per le mod. Queste sono ottenibili dai giocatori semplicemente giocando, tra drop casuali e ricompense e sbloccabili in maniera permanente. Vien da sé come la personalizzazione del proprio equipaggiamento e delle proprie build acquisisca quindi una profondità notevolmente superiore che non in passato, dando piena libertà ai giocatori di sperimentare a proprio piacimento, a patto naturalmente di aver ottenuto o acquistato le mod necessarie. La novità più interessante di Ombre dal Profondo però è senza dubbio il manufatto, da non confondersi con gli artefatti visti in precedenza nel terzo anno del primo Destiny con i Signori del Ferro. Questo, piano piano che si potenzierà, consentirà di spendere i suoi punti per sbloccare modifiche uniche, da utilizzarsi poi nelle proprie armi e armature. Queste mod varieranno da quelle più semplici, che costano un semplice punto energia delle armature, a quelle più efficaci, dal costo che raggiunge persino le 7 unità, ma dagli effetti considerevoli o dedicati solo al raid. Una volta potenziato al massimo, l’esperienza che viene guadagnata lo farà livellare ulteriormente, dando ai guardiani livelli di potere bonus, che andranno a sommarsi al livello luce del personaggio. Sebbene questi valori aggiuntivi non si rifletteranno nel potere delle ricompense, virtualmente il livello totale del guardiano potrà ora aumentare all’infinito. C’è da sottolineare una cosa importante però: questi manufatti sono definiti stagionali, perché dureranno soltanto il tempo della stagione in corso. Quindi una volta che si darà il via alla nuova stagione, cambiando l’artefatto, si perderanno tutti i bonus e i punti luce extra ottenuti e si dovrà livellare di nuovo per guadagnare i benefici che saranno disponibili.  Tale escamotage rende Ombre dal Profondo un gioco vivo e che per essere goduto pienamente avrà bisogno di essere giocato per moltissime ore.

Per quanto riguarda la nuova area di gioco offerta da Ombre dal Profondo, la Luna, essa è stata integrata perfettamente, ricostruendo fedelmente tutte le aree esterne e gran parte di quelle sotterranee, con le dovute modifiche causate dall’attività dell’alveare e con il dettaglio naturalmente aumentato. Ma non è tutto qui, sono state aggiunte anche un buon quantitativo di nuove aree, come il Porto del Tormento, o tutti i claustrofobici tunnel sotto la Fortezza Scarlatta, molto ben caratterizzati, costruiti in puro stile alveare, amalgamati perfettamente alle vecchie aree e senza dare quella spiacevole sensazione di distacco tra vecchio e nuovo, e soprattutto sono sufficienti a giustificare la re-introduzione della Luna. Se la location però viene promossa a pieni voti, un discorso analogo non si può certamente fare per la campagna principale, che ha come quasi unico risultato quello di lasciare una strana sensazione. Ovviamente ogni stagione, differentemente da quanto visto in The Forsaken, offrirà un pezzo di storia in più, però la storia raccontata è veramente troppo breve. Era chiaro fin dai primi trailer rilasciati in estate che gli eventi narrati in Destiny 2 fino al lancio di Ombre dal Profondo avrebbero portato i guardiani ad affrontare, alcune delle peggiori minacce che si sono dovute fronteggiare negli ultimi cinque anni, da Crota fino a Ghaul, e a onor del vero Bungie non ha nemmeno voluto far passare gli Incubi come una novità: sono quel che sono, degli incubi che ci tormentano, e gran parte della narrazione ruota attorno a questo concetto. Il problema di fondo è che nelle circa 6 ore necessarie a completare la storia principale, composta da missioni principali, secondarie e assalti, si va davvero poco oltre questo concetto, con un finale che lascia si la curiosità, ma a cui si arriva con un climax crescente che chiaramente non genera l’esaltazione sperata, sfociando in una conclusione momentanea che porta inevitabilmente il giocatore a chiedersi “e adesso?”. La sensazione è chiaramente che la narrazione non si concluda lì, e a dirla tutta, Bungie ha fatto esattamente quello che aveva detto che avrebbe fatto, ossia sviluppare la narrazione lungo tutto l’anno, non limitandosi alle sole missioni principali e non soltanto alla stagione attualmente in corso. Fortunatamente però il bello di Destiny è che una volta finita la campagna ha inizio il vero gioco: taglie giornaliere e settimanali, assalti, cala la notte, crogiolo, azzardo, serraglio e adesso invasioni vex, caccia agli incubi saranno le attività da svolgere in solitaria o in compagnia per ottenere armi ed equipaggiamento migliore. Ovviamente poi, per chi vuole godere del massimo dell’esperienza offerta da Destiny 2, come ogni espansione “maggiore” che si rispetti, Bungie ha anche lanciato un nuovo raid chiamato “Il Giardino della Salvezza”. Per chi non lo sapesse, in quest’attività un gruppo di 6 giocatori dovrà affrontare una missione particolarmente lunga e dalle dinamiche complesse che richiederanno gioco di squadra, coordinazione e tanta, tanta pazienza.

Parlando del raid, possiamo dirvi che in “Giardino della Salvezza” i guardiani dovranno combattere nel Giardino Nero, uno dei “mondi” più affascinanti ma peggio sfruttati di tutto il brand. La location è completamente inedita e i quattro step che compongono l’incursione porteranno i giocatori a sfidare i Vex in una magnifica combinazione di geometriche strutture amalgamate perfettamente alla straordinaria vegetazione. E’ sorprendente come il team in carico della progettazione di quest’attività, riesca ancora una volta a creare interessanti dinamiche che ne aumentano sì la complessità, ma senza sfociare nell’eccesso, integrando addirittura meccaniche simili ad azzardo con le particelle da depositare o richiedendo ai giocatori di utilizzare i guardiani come ripetitori per creare flussi di energia tra due punti. Dovendolo paragonare a quanto visto in passato, il raid presente in Ombre dal Profondo risulta essere un buon compromesso fra coordinazione e buona comunicazione tra i players. Farsi prendere dal panico o fare le cose troppo di fretta non porterà a nulla, quindi è bene aver presente tutte le dinamiche e non essere mai avventati. L’unico ostacolo al completamento del raid è il livello di luce che, specialmente per chi si avvicina per la prima volta al mondo di Destiny, può apparire davvero alto. Sicuramente il Giardino della Salvezza non è il raid più difficile visto fino a ora, ma in ogni caso offre un buon livello di sfida, quindi, per chiunque volesse provarlo, consigliamo di trovare un clan e di partire tutti insieme. Alla luce di quanto detto, vi riassumiamo che cosa sarà presente con Ombre dal Profondo: nuova campagna, pattuglie sulla Luna, due nuovi assalti, personalizzazione delle armature 2.0, manufatto stagionale Occhio del Guardiaporta, nuove mosse finali, aggiornamenti del Crogiolo, il ritorno di due mappe PvP dall’era di D1: la Corte della Vedova e la Breccia del Crepuscolo, eliminazione nei Laboratori del Crogiolo, due nuove armi di punta: una per Azzardo e una per il Crogiolo, ricompense di grado stagionale gratuite, che includono: la nuova arma esotica, Promessa di Eriana, tre set di armature leggendarie (uno per classe), due armi leggendarie. Inoltre sono presenti gli engrammi luminosi Il meglio dell’anno 2, possibilità di avere un tetto massimo di Lumen maggiore (da 100mila a 250mila) e moduli di aggiornamento. Tirando le some quindi, con Ombre dal Profonda, Destiny 2 si arricchisce di tante cose nuove e, se preso seriamente, il titolo riempirà le vostre giornate senza mai deludervi. Ovviamente trattandosi di un MMO fermarsi alla sola campagna è riduttivo e non valorizza assolutamente il titolo. Attualmente il titolo di Bungie è davvero in grado di tenere incollati allo schermo per un anno intero. Quindi, se avete voglia di un titolo appassionante, con tante cose da fare e che vi dia la possibilità di stringere nuove amicizie, con Destiny 2 Ombre dal Profondo potreste aver trovato veramente ciò di cui avete bisogno.

GIUDIZIO GLOBALE:

Grafica: 8,5

Sonoro: 9

Gameplay: 9

Longevità: 9,5

VOTO FINALE: 9

Francesco Pellegrino Lise

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

In evidenza

Eccellenze italiane, Luca Parmitano al comando della Stazione Spaziale Internazionale

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Luca Parmitano è il nuovo comandante della Stazione Spaziale Internazionale. L’astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea è il primo italiano, e il terzo europeo, ad assumere questo ruolo. La cerimonia per il passaggio di consegne con il comandante russo Alexei Ovchinin è avvenuta su una stazione orbitale affollatissima, con ben nove astronauti a bordo. Ieri Ovchinin è rientrato sulla Terra e Parmitano ha iniziato ufficialmente la Expedition 61.

CLICCARE SULLA FOTO PER GUARDARE IL VIDEO SERVIZIO

Il video servizio trasmesso a Officina Stampa del 3/10/2019

“Ringrazio tutti per la fiducia che mi date”, ha detto Parmitano, emozionatissimo, in diretta dalla Stazione spaziale, collegato anche con la sede dell’Agenzia spaziale italiana. La cerimonia celebrata in orbita si è conclusa con il suono simbolico di una campanella di ottone. Felice per l’importante incarico anche il presidente dell’Agenzia spaziale italiana Giorgio Saccoccia, che ha fatto i suoi “auguri di buon lavoro a Parmitano”, sottolineanco che l’astronauta “permette all’Italia spaziale di raggiungere un grande traguardo”. 

Saccoccia ha poi commentato: “Diventare comandante della Stazione spaziale internazionale è un grande privilegio, il primo per un astronauta italiano. È il riconoscimento della sua grande professionalità e delle sue competenze dimostrate sul campo e in volo”. Parmitano era entrato a far parte nel 2009 del corpo astronauti dell’Agenzia spaziale europea.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Scienza e Tecnologia

eFootball PES 2020, il calcio di Konami torna alla grande

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Per l’edizione del 2020, Pro Evolution Soccer ha cambiato nome fregiandosi del prefisso “eFootball” che sancisce apertamente la sua attenzione al crescente mondo degli esports. Ma perché un titolo riesca a riunire una vasta community sotto una sola bandiera, c’è ovviamente bisogno di un gameplay che possa incontrare i gusti di gran parte dei giocatori: eFootball PES 2020, in tal senso, rappresenta il capitolo della maturità per Konami, un gioco che migliora praticamente qualsiasi aspetto del predecessore, puntando dritto al trono del miglior titolo calcistico. Prima di addentrarci nell’analisi del gameplay di eFootball PES 2020, è necessario parlare di tutte le novità presenti nelle tante modalità di gioco che Konami ha inserito nel suo nuovo titolo. Partiamo dall’unica, nuova modalità del titolo, ossia: Matchday. Questa tipologia di gioco consiste essenzialmente in un torneo online strettamente collegato alle partite più importanti che settimanalmente si susseguono nei vari campionati europei e non. Matchday prevede dunque l’utilizzo e la scelta di una squadra da supportare durante tutto l’arco del già citato torneo grazie alle vittorie che raccoglieremo durante lo stesso; tali vittorie porteranno dei punti alla squadra ed al giocatore, utili eventualmente a portare il giocatore a cimentarsi in una finale trasmessa in streaming all’interno del titolo in esclusiva per tutti i giocatori di eFootball PES 2020. Ogni partita inoltre porterà al giocatore delle ricompense da utilizzare in MyClub, l’Ultimate Team del gioco di Konami, che si va perfezionando di anno in anno. Tale modalità rappresenta sicuramente un’aggiunta apprezzabile, ma assolutamente non rivoluzionaria; le partite di Matchday infatti potranno essere giocate solo in orari piuttosto precisi e decisi da Konami stessa.

Per quanto riguarda MyClub, possiamo affermare che poche sono le aggiunte apportate da Konami a quella che punta ad essere la vera e propria rivale di Ultimate Team, che dunque risulta essenzialmente identica a quella di PES 2019. Dopo aver creato un allenatore liberamente personalizzabile nell’aspetto, ci si troverà a comandare una squadra composta da perfetti sconosciuti, che bisognerà di volta in volta integrare con giocatori di alto grado da acquisire tramite la valuta ingame, i GP. Ogni giocatore sarà acquistabile tramite dei “palloni”, ordinati per grado di rarità, che garantiranno sempre un calciatore della rarità desiderata; ovviamente il ruolo dell’acquisto sarà praticamente sconosciuto sino all’apertura dei tanto discussi “pacchetti”. Unica vera novità da segnalare nella modalità MyClub è quella relativa alla presenza di una schermata riepilogativa dei vari calciatori disponibili per l’acquisto ad ogni accesso alla stessa. All’interno di eFootball PES 2020 ci sono poi le classiche amichevoli, da giocare contro la CPU, online o contro un amico, i vari campionati e coppe europee, le divisioni online già viste lo scorso anno e la storica e sempre gradita Master League, che è forse la modalità che ha ricevuto le aggiunte più sostanziose. Konami ha infatti provato ad innovare il suo storico e memorabile Campionato Master grazie all’inserimento all’interno dello stesso di una componente narrativa.

All’inizio della Master League bisognerà infatti scegliere le fattezze del proprio allenatore che non sarà più liberamente personalizzabile, ma da selezionare tra alcune vecchie leggende del calcio giocato, tra cui spiccano i nomi di Maradona, Gullit, Roberto Carlos (chiamato Larcos per via delle licenze), e così via. Una volta selezionato l’allenatore si verrà trascinati in delle sessioni puramente narrative che, grazie alle scelte fatte, potrebbero cambiare le sorti della squadra. Tali sequenze consistono essenzialmente nella scelta degli obiettivi stagionali, in delle interviste pre e post gara e così via. Tuttavia, se all’inizio il giocatore viene trascinato con forza all’interno di questa struttura, col passare del tempo le sessioni di intermezzo cominciano a lasciare un po’ l’amaro in bocca, in quanto troppo ripetitive e spezzettate. Tanti sono stati inoltre gli aggiustamenti apportati da Konami a questa modalità, che l’anno scorso soffriva di qualche problemino relativo soprattutto alle trattative utili a portare nuovi rinforzi alla propria squadra, che ricordiamo, potrà essere o composta da giocatori reali o da talenti di fantasia. Il Campionato Master offerto da eFootball PES 2020 dunque è sicuramente una delle modalità più riuscite di questo titolo, che speriamo venga migliorato ancor di più l’anno prossimo. Infine, è bene ricordare la presenza della modalità Diventa un Mito, che permetterà di creare un proprio alter ego virtuale il quale, a suon di gol e buone giocate, dovrà scalare le gerarchie di club e nazionali. Tale modalità è essenzialmente identica a quella dello scorso anno; divertente, curata e molto riuscita. In sostanza dunque l’offerta ludica di eFootball PES 2020, nonostante non abbia alcune aggiunte di rilievo assoluto rispetto allo scorso anno, è sicuramente da promuovere. Le modalità disponibili sono tante e ben strutturate, quindi c’è tanto materiale con cui divertirsi su Pc, Xbox One o PS4.

Dopo aver descritto le varie modalità di gioco, passiamo finalmente al vero pezzo forte di eFootball PES 2020: il gameplay. Il titolo targato Konami è il miglior simulatore calcistico attualmente sul mercato. Il ritmo di ogni singola partita è parecchio ragionato e praticamente identico a quanto si vede ogni fine settimana in tv o dal vivo negli stadi. Konami infatti ha fatto tesoro delle critiche che i fan avevano rivolto a PES 2019, prendendo di buono quanto fatto durante lo scorso anno e migliorando tutte le criticità che affliggevano il titolo. Sono stati infatti totalmente eliminati i difetti riguardanti l’arbitraggio, criticatissimo in quanto eccessivamente severo, e i portieri, che adesso compiono balzi felini dando sfoggio a parate di altissima qualità, animate in maniera molto realistica. Una volta avviata la prima partita, ci si accorge subito di essere dinanzi a un titolo incredibilmente profondo, realistico, il cui impatto sorprende fin da subito in maniera più che positiva. Le animazioni di ogni singolo calciatore sono state riscritte e migliorate, con risultati davvero eccellenti; la fluidità che queste donano ai movimenti dei 22 giocatori in campo e al gioco stesso è praticamente tangibile, non solo esteticamente ma anche in termini di puro gameplay. Addio quindi ai giocatori legnosi e spaesati visti nelle scorse edizioni della saga, e benvenuta riproduzione praticamente perfetta di quello che è il calcio giocato, fatto di contrasti, inserimenti, tocchi sbagliati, dribbling e così via. Ogni singolo passaggio, o meglio, ogni singola azione di gioco, tiene conto della posizione del giocatore rispetto al pallone, in modo da riprodurre nella maniera più fedele possibile il calcio giocato. Rari infatti sono i casi in cui un calciatore mal posizionato o marcato stretto dal difensore avversario riuscirà ad eseguire un tiro perfetto, uno stop a seguire o un passaggio pulito; per giocare a questo titolo dunque, è necessario ragionare e tener conto di tanti fattori che fino a qualche anno fa erano totalmente ignorabili.

A contribuire a questo enorme senso di realismo ci pensa anche la dinamica della palla, perfezionata in maniera semplicemente fantastica; deviazioni, rimbalzi, rimpalli e quant’altro hanno un impatto abbastanza marcato sulla fisica del pallone, che prenderà traiettorie “anomale” ma tuttavia parecchio fedeli alla realtà. Una delle nuove feature presenti in PES 2020 è quella relativa al cosiddetto Finesse Dribbling, supervisionata da Don Andrès Iniesta, ex stella del Barça. Utilizzando entrambe le levette analogiche del controller sarà infatti possibile eseguire trick di vario tipo che il più delle volte, se correttamente utilizzati, lasceranno gli avversari di turno inermi e apriranno la strada verso la porta avversaria. Per quanto apprezzabile e ben costruita, abbiamo trovato questo nuovo sistema di controllo particolarmente ostico, soprattutto nelle prime partite, poichè l’utilizzo di entrambi gli analogici con un timing perfetto risulta piuttosto complicato e artificioso. In sostanza dunque il gameplay di questo nuovo PES rappresenta il massimo apice raggiunto da una simulazione calcistica negli ultimi anni: ragionato, appagante, divertente, realistico. Un vero e proprio spettacolo per chi cerca una simulazione calcistica realistica ed estremamente divertente. L’intelligenza artificiale del titolo merita un’altra menzione anche per aver ben implementato il modo in cui l’andamento della partita può influenzare la performance dei giocatori. Arrivati per esempio a un vantaggio di 3 gol è palese come i giocatori della squadra vincente giochino con molta più tranquillità, addirittura diventando leziosi e rischiando talvolta errori banali, mentre chi è in svantaggio può farsi prendere dalla disperazione con difensori che vagano senza meta, rassegnati all’impossibilità di fermare le avanzate avversarie. Insomma, le sensazioni sul campo quest’anno sono davvero positive. E’ forse dai tempi della PlayStation 2 che un capitolo di Pro Evolution Soccer non aveva un feeling così fresco e soddisfacente, dimostrando che Konami sembra sapere il fatto suo su come far evolvere la formula in maniera sensata. Da segnalare che anche quest’anno la console di Microsoft rimane purtroppo l’unica (a causa delle policy restrittive del produttore) dove è impossibile importare pacchetti non ufficiali di licenze aggiornate; pertanto chi vuole sistemare i nomi “farlocchi” presenti in molte delle squadre dovrà farlo manualmente. L’editor per farlo è comodo, ma è comunque un lavoro immenso se lo si vuole fare bene. Per quanto riguarda la realizzazione tecnica, anche questa è vistosamente migliorata, con una grafica più convincente di prima e con 60 frame al secondo piuttosto stabili. Riguardo alle performance, rimane qualche caricamento un po’ lungo e le solite attese durante le rimesse o i calci piazzati, ma complessivamente anche il comparto tecnico ha fatto un vistoso salto in avanti. Il gioco è ovviamente tradotto per intero in italiano, con la telecronaca nostrana che anche quest’anno è opera del duo Fabio Caressa e Luca Marchegiani. Che dire di più, se si vuole giocare a una simulazione calcistica bella da vedere, divertente e con una giocabilità impressionante, eFootball PES 2020 è la scelta migliore che si possa fare.

GIUDIZIO GLOBALE:

Grafica: 8,5

Sonoro: 9

Gameplay: 9,5

Longevità: 9

VOTO FINALE: 9

Francesco Pellegrino Lise

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Ottobre: 2019
L M M G V S D
« Set    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it