Connect with us

Cronaca

Troina: in migliaia ai funerali Padre Luigi Ferlauto

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 3 minuti Un grande sacerdote che ha fatto grandi cose per Troina, per i più deboli e per tutti coloro che hanno creduto e credono nel suo immenso progetto.

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 3 minuti
image_pdfimage_print

di Peppe Cuva

TROINA (EN) – Migliaia e migliaia di persone hanno partecipato nel pomeriggio del 14 settembre presso la cittadella dell’Oasi Maria SS di Troina, in provincia di Enna, ai funerali di padre Luigi Ferlauto, fondatore di quest’Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico.

L’Oasi è un ente a rilevanza nazionale che si prefigge obiettivi di ricerca scientifica insieme a prestazioni di ricovero e cura di alta specialità per lo studio multidisciplinare delle cause congenite ed acquisite del ritardo mentale e della involuzione cerebrale senile, individuazione dei mezzi di prevenzione, diagnosi, cura e riabilitazione.

Quindi in tantissimi si sono radunati per dare l’ultimo saluto a un grande uomo e sacerdote che con il suo altruismo ha creato una struttura di eccellenza medica in un comune della Sicilia centrale, una zona spesso marginale e marginalizzata, dando una speranza in più soprattutto a quei pazienti che fino a quel momento venivano considerati dei reietti della società.

Troina, l’ultimo saluto a padre Luigi Ferlauto fondatore dell’Oasi Maria SS

Una funzione sobria e intensa, a tratti commovente, celebrata dal Vescovo di Nicosia mons. Salvatore Muratore che durante la sua omelia ha voluto ribadire come l’opera di padre Ferlauto sia stata dettata dal Vangelo, dalla voglia di spendersi per gli altri, dall’altruismo che è un tratto distintivo del vero cristiano.

“Le parole del Vangelo sono chiarissime, afferma mons. Muratore, “Qualunque cosa avete fatto al più piccolo dei miei fratelli l’avete fatta a me” padre Ferlauto l’ha presa alla lettera e lo ha incarnato nell’arco dei suo tanti anni di sacerdozio, quando da giovanissimo prete ha intuito che la sua vita doveva essere spesa per i disabili, per gli ammalati più ammalati e più dimenticati ed è stato un profeta, un apripista dentro la chiesa e nella storia in questa direzione”. “Per cui, conclude il vescovo di Nicosia, abbiamo l’Oasi che è una ricchezza immensa per la Sicilia, per il territorio nostro, ma perchè c’è stato un profeta che ha creduto fortemente prima di tutto al Vangelo ed è detto che se Gesù lo incontriamo là lo dobbiamo servire perchè ci ha dato la vita”.

Sul feretro di don Luigi Ferlauto un solo fiore, una sua volontà, a testimonianza della semplicità e grandezza di un uomo.

Presenti al funerale anche le autorità civili e militari di Troina, ma anche di tutto il comprensorio ennese e di tutta la Sicilia, con in testa il sindaco del centro nebroideo Fabio Venezia che commosso e nello stesso momento orgoglioso parla così del suo concittadino padre Ferlauto: “Era un grande uomo, afferma il primo cittadino di Troina, che ha segnato il cammino della storia della nostra comunità. Una perdita incolmabile, ma anche la speranza, la forza, la fede per continuare il suo grande progetto a favore degli ultimi e dei disabili ed è questa l’eredità, lo straordinario patrimonio di valori che raccogliamo tutti uniti per portare quest’opera profetica che è l’Oasi di Troina”.

A fine funzione il presidente dell’Oasi Maria SS padre Silvio Rotondo in un discorso molto intenso e profondo ha ribadito che l’istituto è stato, è e sarà una realtà libera che non sarà mai attaccata alla giacca di nessuno, solo a quella dei propri ragazzi e ha gridato a gran voce che la convenzione con la Regione Sicilia, che si rinnova ogni tre anni, dovrebbe essere un atto spontaneo verso una struttura che fornisce una sanità di eccellenza e soprattutto dà molti posti di lavoro. Un appello accorato quello di padre Rotondo che ha fatto intendere chiaramente che l’Oasi camminerà sempre sulle proprie gambe, anche tra mille difficoltà, senza affidarsi a questo a quel politico.
Subito dopo vi sono state le varie testimonianze di alcuni pazienti dell’Oasi che hanno ringraziato padre Ferlauto per tutto quello che ha fatto per loro, parole e gesti commoventi di giovani e meno giovani che sono entrati nell’istituto e hanno trovato accoglienza e fratellanza, ma soprattutto hanno trovato comprensione e gioia di vivere e anche miglioramenti della propria salute.

Hanno parlato anche le “figlie adottive” di padre Ferlauto e il “nipotino” Lucio, quest’ultimo con infinita dolcezza ha detto: “Mio nonno adesso sicuramente è in paradiso, paradiso paradiso”.

“Ci hai accolte come figlie, testimonia Rosy una delle “figlie adottate” da padre Ferlauto, ci hai dato una famiglia, ci hai dato l’opportunità di ricevere un’educazione speciale fatta di accoglienza, sensibilità verso il prossimo, disponibilità, condivisione, mente aperta, assenza di pregiudizi, fare e agire nell’interesse di tutti non solo del nostro interesse personale e tanto altro.” “Forse non sempre abbiamo recepito e messo in pratica questi principi, continua Rosy, magari ne faremo tesoro da oggi con i nostri figli, con i nostri colleghi e i nostri amici, ciao papà ti vogliamo bene e grazie di tutto e per tutto”.

Poi il feretro di don Luigi è stato portato nella radura sotto la statua della Vergine Maria, che come per Ferragosto, è stata fatta lievitare fino in cima al congegno che la fa sollevare da terra e qui migliaia di palloncini bianchi con su scritto il nome degli ospiti dell’Oasi e un Grazie sono volati in cielo fra gli applausi e la commozione dei presenti.

Poi tutti in corteo a piedi hanno accompagnato padre Ferlauto verso il cimitero di Troina, per salutare per l’ultima volta un grande uomo, un grande sacerdote che ha fatto grandi cose per Troina, per i più deboli e per tutti coloro che hanno creduto e credono nel suo immenso progetto.

Cronaca

Cortei pro Palestina, a Firenze e Pisa manifestanti caricati

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Cariche della polizia alla manifestazione pro Palestina ieri a Firenze e a Pisa. A Firenze è accaduto quando i manifestanti hanno provato a raggiungere il consolato americano. Il corteo, formato da sindacati di base, studenti e comunità palestinese, è partito da piazza Santissima Annunziata per raggiungere, sfilando per il centro, piazza Ognissanti e ha poi proseguito il percorso sul lungarno verso il consolato. A poche decine di metri era presente lo sbarramento delle forze dell’ordine e quando i manifestanti hanno provato ad avanzare sono partite alcune cariche di alleggerimento. Il corteo ha poi fatto ritorno in piazza Ognissanti per gli interventi finali.

“Siamo profondamente turbati da quanto avvenuto oggi a Pisa e Firenze ed esprimiamo la nostra solidarietà e vicinanza alle studentesse e agli studenti. Come cittadini, genitori, rettori di università, riteniamo che l’uso della violenza sia inammissibile di fronte alla pacifica manifestazione delle idee”. Così in una nota Luigi Ambrosio, direttore della Scuola Normale Superiore e Sabina Nuti, rettrice della Scuola Superiore Sant’Anna in merito a quanto accaduto stamani nelle due città toscane in occasione di cortei pro Palestina, con i manifestanti caricati dalle forze dell’ordine.

L’impegno del Dipartimento della Pubblica Sicurezza “è da sempre proteso a garantire il massimo esercizio della libertà di manifestazione e nel contempo ad assicurare la necessaria tutela degli obiettivi sensibili presenti sul territorio nazionale”. Lo afferma il Dipartimento sottolineando che gli scontri a Firenze e Pisa con i manifestanti “fanno emergere le difficoltà operative di gestione, durante i servizi di ordine pubblico, di possibili momenti di tensione determinati dal mancato rispetto delle prescrizioni adottate dall’Autorità ovvero dal mancato preavviso o condivisione dell’iniziativa da parte degli organizzatori”.

Gli episodi di scontro verificatosi nelle manifestazioni a Firenze e Pisa “costituirà, come sempre, momento di riflessione e di verifica sugli aspetti organizzativi ed operativi connessi alle numerose e diversificate tipologie di iniziative, che determinano l’impiego quotidiano di migliaia di operatori delle forze dell’ordine”. Lo fa sapere il Dipartimento della pubblica sicurezza.

Continua a leggere

Cronaca

Viterbo, 80 anni fa moriva il celebre musicista Cesare Dobici: il 25 aprile la cerimonia di commemorazione al cimitero comunale

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 2 minuti

image_pdfimage_print

Il 25 Aprile prossimo, alle ore 11,30, l’ Associazione e Centro Studi Cesare Dobici, nella ricorrenza dell’ottantesimo anniversario della morte di questo celebre musicista viterbese, si ritroverà, unitamente alle Autorità operanti nella Tuscia ed agli appassionati, presso il Cimitero Comunale per deporre un omaggio floreale sulla sua tomba.
Il Dobici, oltre ad essere stato un eminente polifonista e raffinato compositore, fu un eccellente didatta tanto che il suo nome ancora risuona nei Conservatori e le sue pubblicazioni sono tuttora oggetto di studio ed analisi . Vissuto a cavallo tra il XIX ed il XX secolo, docente presso il Conservatorio S. Cecilia ed il Pontificio Istituto di Musica Sacra di Roma, Accademico di S. Cecilia, Dobici fu una pietra miliare del Movimento Ceciliano, caldeggiato dal Pontefice per risollevare la musica in chiesa. Le Messe del Dobici appaiono non solo ricche di abilità compositiva e straordinaria inventiva ma lasciano trasparire la profonda umanità del compositore.
Maestro di Cappella presso la Cattedrale di Viterbo, questo grande artista fu sempre vicino alla sua città nativa: testimonianza gli stupendi Inni a S. Rosa e alla Madonna dei Cimini.
Nel 2012 la Corale S. Giovanni fu promotrice, insieme a Ferdinando Bastianini, di una serie di iniziative volte ad illuminare ed illustrare la figura di questo sommo compositore: da una serie di Congressi e Concerti dove sono convenuti musicisti e musicologi, al restauro del busto del compositore a Prato Giardino, ad un Annullo Filatelico dedicato al ricordo di questo evento.
È stata, inoltre, dedicata un’aula, per conto del Maestro Monsignor Valentino Miserachs, ispirato ed animato da questi eventi, presso il Pontificio Istituto di Musica Sacra e l’illustre Maestro Giovanni Acciai, un luminare della Musica Corale, ha tenuto successivamente una Lectio Magistralis, terminata con un concerto della Fanfara della Polizia di Stato, e una serie di Masterclass destinate a Direttori e Compositori di Musica Corale.
L’Associazione e Centro Studi Cesare Dobici, inoltre, da quei giorni, ha continuamente divulgato la musica del grande artista viterbese, basti far menzione del Convegno tenuto ad una folla incredibile di appassionati, dalla ricercatrice Wanda Folliero nel Giugno del 2022 presso la Sala Mendel degli Agostiniani, luogo tanto caro al Dobici, con il contributo musicale della Corale S.Giovanni. Questo gruppo vocale, diretto da Maria Loredana Serafini, ha messo in programma in ogni suo concerto brani di Dobici e lo stesso Presidente dell’ Associazione, Ferdinando Bastianini, nei suoi concerti organistici, inserisce sempre qualche musica, sempre enormemente apprezzata, del musicista viterbese.
Appuntamento, dunque, il 25 aprile, presso la tomba del Dobici: nelle settimane successive saranno organizzati nuovi eventi tra i quali un nuovo convegno volto a ripercorrere l’attività e la vita a Viterbo di questo musicista e si porrà un riferimento esplicativo della figura dell’artista presso la via a lui dedicata.



Continua a leggere

Cronaca

Anzio, tentato omicidio: arrestato un 41enne con precedenti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura < 1 minuto

image_pdfimage_print

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Anzio hanno dato esecuzione a un’ordinanza, emessa dal Tribunale di Velletri su richiesta della locale Procura della Repubblica, che dispone la custodia cautelare in carcere per
I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Anzio hanno arrestato un 41enne italiano, già noto alle forze dell’ordine, gravemente indiziato del reato di tentato omicidio. Nei giorni scorsi, l’uomo si era incontrato con un 58enne presso un bar lungo la via Nettunense per chiarire alcuni dissidi professionali nati tra i due, in quanto entrambi si occupano di autospurgo.
Evidentemente non hanno raggiunto alcun accordo e, dopo essere usciti nel parcheggio dell’attività, cominciavano ad aggredirsi vicendevolmente. All’improvviso, il più giovane è gravemente indiziato di aver estratto un coltello col quale feriva alla schiena l’altro uomo, immediatamente soccorso e trasportato presso il pronto soccorso dell’ospedale riuniti Anzio – Nettuno.
Inizialmente ricoverato in prognosi riservata, a seguito di un’operazione ai polmoni è stato scongiurato il pericolo di vita.
L’intervento dei Carabinieri sul posto, gli elementi raccolti dai testimoni e le informazioni in possesso dell’Aliquota Operativa della Compagnia di Anzio hanno consentito di raccogliere gravi indizi di colpevolezza a carico dell’indagato, risultato irreperibile dopo ore di ricerche nei territori di Anzio e Aprilia. Per questo motivo, stante la gravità delle vicende e i gravi indizi di colpevolezza raccolti dai Carabinieri, la Procura della Repubblica ha richiesto ed ottenuto la citata misura cautelare nei confronti dell’indagato che è stato arrestato e accompagnato presso il carcere di Velletri.



Continua a leggere

SEGUI SU Facebook

I più letti