Connect with us

Castelli Romani

Albano Laziale, elezioni: una storia ancora tutta scrivere

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 3 minuti
image_pdfimage_print

ALBANO LAZIALE (RM) – Certamente un paio di mesi fa lo scenario nel centrosinistra di Albano Laziale era poco delineato e più in empasse. Lasciava intendere diversi sbocchi aperti sulla scelta del futuro candidato alla poltrona di palazzo Savelli.

Dopo qualche attesa e nomi che hanno riecheggiato per le stanze del palazzo si è poi sciolta la riserva: il candidato sindaco è il consigliere comunale e metropolitano Massimiliano Borelli, dirigente del Pd, molto attivo nell’attuale squadra di governo del sindaco Nicola Marini. Senza dubbio una brava persona. Una persona onesta che certamente riuscirà ad attirare molti consensi in maniera trasversale. Cosa positiva almeno fino a quando si corre e si compete.

Dell’avvocato ed editorialista de Il Sole 24 ore Gabriele Sepio non si è parlato più, probabilmente l’assessore al Sociale non ha ritenuto opportuno accettare dato anche il suo impegno con il Governo nel Terzo Settore, guai però a mettere solo in discussione il suo amore per la città di Albano Laziale.

Del professore universitario a Tor Vergata, l’ingegner Luca Andreassi invece non si è discussa neppure l’ipotesi. Il Pd ha fatto spallucce mentre lui è passato a Italia Viva.

Anche Enrica Cammarano è passata nel partito di Renzi. Presto si vedrà a chi spetta ufficialmente la rappresentanza. Senza sgomitate, s’intende. Italia Viva ad Albano Laziale o meglio Andreassi, tace. Non una parola sul suo profilo personale Facebook a corredo della notizia della candidatura di Borelli. Ci saranno colpi di scena?

È proprio Massimiliano Borelli infatti ad aver annunciato pubblicamente di aver accettato la proposta di candidarsi a sindaco, arrivata, sembrerebbe da una larga coalizione: “Qualsiasi viaggio – dice Borelli – anche il più lungo, è cominciato con un primo passo dice Lao Tzu. Il mio primo passo oggi, è stato quello di accettare di essere candidato a Sindaco della mia città, grazie al sostegno e alla indicazione di tutte le delegazioni politiche. Non è stata una decisione semplice: so quanto sia difficile oggi rappresentare una comunità. Farlo bene significa tempo sottratto agli affetti, dover prendere decisioni difficili, ricevere applausi ma anche denunce. Non farlo significava però avere un rimpianto. E allora ho accettato di mettermi in viaggio. Ma non lo farò da solo. Non sarà un cammino solitario. Altri hanno già fatto un pezzo di strada, ed io ho collaborato a tracciarla. Adesso occorre continuare e renderla migliore. Farla insieme significa avere una meta comune. Tutti noi possiamo fermarci un attimo e immaginare come sarà Albano tra 5 anni. Ecco, io ho qualche frammento di sogno, possiamo metterlo insieme ad altri frammenti e costruire la nostra storia. Nei prossimi giorni saremo ancora, con la testa e con il cuore, presi dalle feste, non c’è tempo per pensare a questo. E’ giusto che sia così. Ma finite le feste, con il nuovo anno, inizieremo questo viaggio. Per ora godiamoci questi giorni cercando la serenità”.

Il suo post su Facebook ha incassato centinaia di consensi (pollici in sù, emoticon) e molti commenti positivi. A dimostrazione, come detto, del potenziale largo consenso che Borelli dimostra di avere. Con lui sembrerebbe esserci anche chi fino a ieri ha guardato a destra: Domenico e Marica Roma ad esempio che notoriamente hanno circumnavigato piazze di destra con bracciate tra i partiti della Meloni e di Salvini pur mantenendo sempre la veste civica di Movimento Futuro Italia con un bel Tricolore come sfondo. Anche loro sembrano guardare a Borelli. Come biasimarli? Se guardano a destra è facile accorgersi ancora di una spaccatura non facile da sanare, nonostante le affermazioni ufficiose e gli slogan: “Andiamo compatti”. C’è Marco Silvestroni che vuole candidare Ferrarini, mentre dall’altra parte, l’altra anima, vorrebbe convergere su un erede più naturale ma non condiviso trasversalmente come può essere Borelli.

Insomma a destra i giochi non sono ancora fatti, sembra si navighi a vista ma non potrebbero mancare colpi di scena. Anche lì le possibilità di competere con il centrosinistra testa a testa fino all’ultimo voto sono più che concrete. Ma prima è chiaro, tocca decidere e anche in fretta chi portare.

I cinque stelle? Non pervenuti. Almeno non con l’intensità del tempo che fu. E si profila, quindi, una sfida a due: centrosinistra vs. centrodestra. Una storia ancora tutta scrivere.

Castelli Romani

Velletri, ospedale Colombo: indetta la gara per l’acquisto di una Tac di ultima generazione

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Marchitelli: “Un importante passo avanti nel miglioramento dei servizi sanitari offerti alla comunità”

È ufficiale l’indizione della gara di appalto per l’acquisto di un tomografo computerizzato 128 slice, completo di accessori e servizi connessi destinato all’Ospedale Colombo di Velletri. L’impegno economico è di circa 624 mila euro finanziato con il fondo del Giubileo 2025. La nuova Tac di ultima generazione garantisce un’eccellente qualità dell’immagine, rapidità nell’acquisizione e l’ottimizzazione del mezzo di contrasto con una considerevole riduzione della dose radiogena. Il macchinario si va ad aggiungere ad un’altro già presente all’interno del Presidio Ospedaliero di Velletri.

Soddisfazione arriva dall’Assessore regionale al Bilancio Giancarlo Righini: «Mi complimento con la direzione della Asl Roma 6 che grazie a questo importante atto contribuisce a garantire i requisiti minimi fondamentali per il Colombo che è Dea di primo livello, serve un territorio vasto, dotato di Pronto soccorso e svolge funzioni di accettazione in emergenza urgenza per patologie complesse. Sicuramente una importante dotazione ed una efficace risposta per i residenti dell’area».

L’intera procedura è seguita dall’Ingegnere Alessandra Candreva direttore UOC Ingegneria Ospedaliera e delle Tecnologie Sanitarie insieme al suo staff.

La macchina per cui si è indetta la gara sarà in grado di rilevare e valutare anche le lesioni di piccola entità e di seguirne l’evoluzione nel tempo, nonché di ottenere una valutazione estremamente dettagliata dell’estensione del tumore. Una grande accuratezza diagnostica ottenuta anche grazie a un software che riduce le distorsioni o la perdita di informazioni causate dalla presenza di metalli nel corpo. Il tomografo dovrà dunque essere dotato di vari software tra cui quello di elaborazione 3D, che consente la ricostruzione di immagini tridimensionali, con qualsiasi orientamento nello spazio.

Per il Commissario Straordinario Asl Roma 6 Francesco Marchitelli si tratta di un atto necessario per potenziare le dotazioni in un nosocomio che copre un vastissimo territorio dei Castelli e dei Comuni limitrofi: «È un importante passo avanti nel miglioramento dei servizi sanitari offerti alla comunità. 

Grazie a questa nuova Tac i pazienti avranno accesso a una diagnostica ancora più avanzata e tempestiva, garantendo un trattamento più efficace e mirato». 

Per il Direttore Sanitario Asl Roma 6 Vincenzo Carlo La Regina il potenziamento del servizio consentirà di continuare e implementare valutazioni sempre più accurate delle condizioni dei pazienti, facilitando la diagnosi e la pianificazione dei trattamenti.

Oltre ai benefici pratici, l’aggiunta della nuova TAC oltre a quella già presente al Colombo di Velletri rappresenta anche un segnale tangibile dell’impegno delle autorità sanitarie locali nel migliorare l’accesso ai servizi e nell’investire nella salute della comunità.

Continua a leggere

Castelli Romani

Rocca Priora, sospesa la scuola d’infanzia: sopralluogo della Asl

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Una notizia che lascia alquanto esterrefatti: è stata sospesa temporaneamente la scuola comunale “servizi per l’infanzia” a seguito osservazioni del Servizio Igiene e Sanità
Pubblica ASL ROMA 6. L’8 febbraio c’è stato un sopralluogo ed erano presenti presenti 18 bambini di età compresa tra i due e i tre anni.

L’Azienda Sanitaria ha osservato che i locali in cui viene svolta l’attività educativa non presentano i requisiti igienico-sanitari previsti dalla normativa vigente per il servizio in corso e quindi è stato ritenuto opportuno provvedere a rimodulare in modo parziale il servizio,ottenendo, se previsti dalla normativa vigente, i relativi nulla osta necessari allo
svolgimento dell’attività. Nel frattempo la scuola resta chiusa.

Addirittura per l’attività della scuola, non risulta essere mai stato rilasciato nullaosta igienico-sanitario ai sensi della normativa vigente. L’unico atto prodotto dal servizio Sanitario è quello risalente al 17/04/2001 relativo al progetto di recupero del Palazzo M. Giacci.

Di chi sono le responsabilità? Intanto si auspica che la scuola riapra presto!

Continua a leggere

Castelli Romani

Velletri, partono i lavori per il parcheggio multipiano

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Via le auto durante il cantiere

Dal giorno 26 febbraio 2024 inizieranno i lavori per la realizzazione di un parcheggio multipiano in via Madre Teresa di Calcutta, pertanto non sara’ piu’ possibile sostare nella predetta area.
Per gli utenti che intendano usufruirne, sara’ disponibile il parcheggio dell’area ex amore, con tariffe agevolate e servizio di bus navetta per il collegamento con il centro storico.

Si tratta di una struttura di cinque piani nella zona dell’attuale parcheggio in via Madre Teresa di Calcutta (vicino all’ospedale pubblico Colombo). Sfruttando la disposizione del terreno, il progetto risulta poco impattante con un edificio che ospiterà 400 posti auto. Oltre a una serie di servizi che migliorano l’accessibilità e la mobilità.

Infatti un piano sarà dedicato alla logistica con la possibilità di smistare le merci tra mezzi più grandi e mezzi più piccoli alimentati elettricamente per evitare che il centro venga invaso da mezzi grandi e impattanti. Inoltre sono previsti una serie di locali da destinare alle attività ricreative  compreso un campo da padel e spazi dove sarà possibile svolgere attività culturali.

Continua a leggere

SEGUI SU Facebook

I più letti