Connect with us

Roma

AMA: OPERAI CON LA 104 "ASSISTEVANO I FAMILIARI" ANDANDO IN PALESTRA

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 2 minuti I due operai, un 24enne ed una 36enne coperti dalla legge 104, hanno attirato i sospetti della direzione in quanto chiedevano di stare a casa per assistere i familiari sempre a ridosso del week e

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

di Matteo La Stella


Roma – Sono stati licenziati 2 dipendenti Ama che, invece di accudire i propri parenti affetti da gravi patologie, utilizzavano i 3 giorni al mese di esenzione dall'attività lavorativa previsti dalla legge 104 per andare in palestra o in giro per negozi.

Il caso. I due operai, un 24enne ed una 36enne coperti dalla legge 104, hanno attirato i sospetti della direzione in quanto chiedevano di stare a casa per assistere i familiari sempre a ridosso del week end. Ama ha assoldato due investigatori privati per verificare la posizione dei due “disertori per necessità”. In seguito alle indagini e ai pedinamenti, però, i due investigatori hanno scoperto che entrambi i lavoratori della municipalizzata, utilizzavano le giornate lontane dal posto di lavoro e regolarmente pagate dall'Inps per andare in palestra o per fare lunghe passeggiate di shopping. Il tutto, documentato in un corposo dossier dagli investigatori, ha permesso l'allontanamento dei due truffatori. In merito alla questione si è espresso il presidente di Ama Daniele Fortini, che ha spiegato: “Addolora licenziare persone, specialmente operai, che traggono il loro reddito dal lavoro. Ma non possiamo fare altrimenti di fronte a chi utilizza in maniera fraudolenta strumenti di tutela di diritti e prerogative che pure costano ai contribuenti”.


L'ama e la 104. La ghigliottina che ha tagliato le teste dei due operai che la facevano in barba all'Ama avrà sicuramente impensierito qualche altro disonesto all'interno dell'azienda, in quanto le assenze dai turni di lavoro coperte dalla legge 104 risultano essere il 20 % di quelle totali. Nell'azienda si contano 1486 aventi diritto alle giornate di stop assistenziale: di questi, circa un centinaio ha diritto a 6 giornate al mese per accudire 2 familiari malati, mentre i restanti hanno a disposizione 3 giorni ogni mese per un solo parente infermo. I parenti assistiti,infatti, risultano essere 1585 che, moltiplicati per i 3 giorni di assenza fanno 4.755 turni scoperti al mese. Un bel colpo per l'azienda che deve ripiegare sugli straordinari per sostituire i dipendenti assenti, anche se le 72 ore mensili lontane dal lavoro vengono rimborsate ad Ama dall'Inps, che ogni anno tira fuori 4 milioni di euro, contro i 7 impegnati dalla municipalizzata per far fronte ai turni scoperti. Il presidente Fortini, però, conta sulla stragrande maggioranza dei lavoratori onesti tra le fila dell'Ama, e dice: “Da parte nostra non c'è alcun atteggiamento vessatorio verso i lavoratori e il mio continuo ringraziamento va alla stragrande maggioranza delle operaie e degli operai che ogni giorno fanno il loro dovere". Il presidente però avverte: “Non ci fermeremo all'improprio utilizzo della 104, stiamo lavorando su tutti i fronti per il contrasto all'assenteismo”.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Castelli Romani

Rocca Priora, sospesa la scuola d’infanzia: sopralluogo della Asl

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Una notizia che lascia alquanto esterrefatti: è stata sospesa temporaneamente la scuola comunale “servizi per l’infanzia” a seguito osservazioni del Servizio Igiene e Sanità
Pubblica ASL ROMA 6. L’8 febbraio c’è stato un sopralluogo ed erano presenti presenti 18 bambini di età compresa tra i due e i tre anni.

L’Azienda Sanitaria ha osservato che i locali in cui viene svolta l’attività educativa non presentano i requisiti igienico-sanitari previsti dalla normativa vigente per il servizio in corso e quindi è stato ritenuto opportuno provvedere a rimodulare in modo parziale il servizio,ottenendo, se previsti dalla normativa vigente, i relativi nulla osta necessari allo
svolgimento dell’attività. Nel frattempo la scuola resta chiusa.

Addirittura per l’attività della scuola, non risulta essere mai stato rilasciato nullaosta igienico-sanitario ai sensi della normativa vigente. L’unico atto prodotto dal servizio Sanitario è quello risalente al 17/04/2001 relativo al progetto di recupero del Palazzo M. Giacci.

Di chi sono le responsabilità? Intanto si auspica che la scuola riapra presto!

Continua a leggere

Castelli Romani

Velletri, partono i lavori per il parcheggio multipiano

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Via le auto durante il cantiere

Dal giorno 26 febbraio 2024 inizieranno i lavori per la realizzazione di un parcheggio multipiano in via Madre Teresa di Calcutta, pertanto non sara’ piu’ possibile sostare nella predetta area.
Per gli utenti che intendano usufruirne, sara’ disponibile il parcheggio dell’area ex amore, con tariffe agevolate e servizio di bus navetta per il collegamento con il centro storico.

Si tratta di una struttura di cinque piani nella zona dell’attuale parcheggio in via Madre Teresa di Calcutta (vicino all’ospedale pubblico Colombo). Sfruttando la disposizione del terreno, il progetto risulta poco impattante con un edificio che ospiterà 400 posti auto. Oltre a una serie di servizi che migliorano l’accessibilità e la mobilità.

Infatti un piano sarà dedicato alla logistica con la possibilità di smistare le merci tra mezzi più grandi e mezzi più piccoli alimentati elettricamente per evitare che il centro venga invaso da mezzi grandi e impattanti. Inoltre sono previsti una serie di locali da destinare alle attività ricreative  compreso un campo da padel e spazi dove sarà possibile svolgere attività culturali.

Continua a leggere

Castelli Romani

Nemi, sos abbandono rifiuti: il sindaco emette ordinanza

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

E’ di oggi 21 febbraio 2024 l’ordinanza firmata dal sindaco di Nemi Alberto Bertucci con disposizioni urgenti in materia di conferimento dei rifiuti su tutto il territorio. Un atto che intima ai cittadini di conferire correttamente i rifiuti e attenersi al servizio porta a porta. Nell’ordinanza il sindaco Bertucci scrive che “permane la necessità di mantenere il controllo sul fenomeno dell’abbandono dei rifiuti”. L’irregolare conferimento dei rifiuti, specie per le utenze non domestiche , verrà sanzionato. Nell’ordinanza ci sono tutte le specifiche, fatto sta che il fenomeno dell’abbandono dei rifiuti nel territorio di Nemi, soprattutto nella zona del Parco dei Lecci, Corsi e Le Colombe è diventato un problema di igiene pubblico e anche di sicurezza perché ormai scorrazzano branchi di cinghiali che frugano tra i rifiuti.

Nonostante gli sforzi delle autorità locali e degli attivisti ambientali, il fenomeno persiste, mettendo a rischio non solo l’ecosistema locale ma anche il benessere della comunità. È ora di affrontare questa sfida con determinazione e collaborazione.

Non aiuta il fatto che vicino al campo sportivo Luciano Iorio vengono abbandonati rifiuti e si trovano spesso residui di bivacchi.

L’abbandono dei rifiuti, che comprende tutto, dai rifiuti domestici ai materiali edili, è diventato un problema diffuso. Questi rifiuti vengono spesso lasciati lungo le strade, nei boschi e lungo le rive del lago, compromettendo la salute ambientale e la sicurezza pubblica. Non solo è un’offesa visiva per residenti e visitatori, ma rappresenta anche una minaccia per la fauna selvatica e l’ecosistema fragile della zona.

Le cause dell’abbandono dei rifiuti sono complesse e multifattoriali. Tra i fattori principali ci sono la mancanza di infrastrutture adeguate per la gestione dei rifiuti, la mancanza di consapevolezza ambientale e il comportamento irresponsabile dei singoli individui. Inoltre, il turismo, sebbene importante per l’economia locale, può anche contribuire all’accumulo di rifiuti se non gestito in modo sostenibile.

Gli impatti dell’abbandono dei rifiuti sono devastanti sia per l’ambiente che per la comunità locale. La presenza di rifiuti può contaminare le risorse idriche, danneggiare la flora e la fauna native e contribuire al degrado del suolo. Inoltre, l’accumulo di rifiuti può fungere da terreno fertile per la proliferazione di malattie e insetti nocivi. Dal punto di vista sociale ed economico, l’immagine negativa associata all’abbandono dei rifiuti può danneggiare il turismo e compromettere il senso di orgoglio e appartenenza della comunità locale.

Affrontare efficacemente il problema dell’abbandono dei rifiuti richiede un approccio integrato e collaborativo. Le autorità locali devono investire nella creazione di infrastrutture per la gestione dei rifiuti, implementare campagne di sensibilizzazione ambientale e applicare sanzioni più severe per coloro che violano le leggi sulla gestione dei rifiuti. Inoltre, è essenziale coinvolgere attivamente la comunità locale, educando i residenti e promuovendo comportamenti responsabili.

L’abbandono dei rifiuti nel territorio di Nemi è una sfida urgente che richiede azioni immediate e coordinate da parte di tutte le parti interessate. Solo attraverso un impegno congiunto delle autorità, della comunità locale e dei visitatori, sarà possibile preservare la bellezza naturale e culturale di questa regione per le generazioni future. Ora è il momento di agire, prima che sia troppo tardi.

Continua a leggere

SEGUI SU Facebook

I più letti