Connect with us

Roma

TMB Rocca Cencia, il M5S fa harakiri: “Comitati sciacalli”. L’ira dei cittadini

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Scontrarsi è nel DNA del dibattito politico, ma quando vengono superati i limiti della decenza e volano insulti gratuiti e ingiustificati il cuore pulsante della democrazia si ferma e la discussione diventa altra cosa, da condannare senza mezzi termini.

Peggio ancora se a inquinare il confronto, anche se aspro, sono i rappresentanti delle Istituzioni, che, insomma, dovrebbero essere al di sopra delle logiche partitiche.

Ma il M5S del Municipio VI forse la pensa diversamente e pur di aver ragione ricorre a un linguaggio che svilisce l’immagine dello stesso Ente territoriale.

Martedì scorso il Comitato Periferie Roma Est tornava, sull’annosa problematica dei miasmi del TMB Ama di Rocca Cencia, sottolineando preoccupazione, incertezze e responsabilità. “Tre parole chiave”, recita il comunicato, “del momento storico che stiamo vivendo e che ci immettono nella ripartenza della nostra città, ovviamente rispettando il distanziamento sociale e l’uso responsabile delle mascherine. Peccato che gli eroici cittadini del Municipio oltre a sopravvivere al COVID19 devono fare i conti con la puzza e i miasmi che con il caldo della stagione estiva tornano prepotentemente e puntuali a farci compagnia. Nei giorni scorsi è arrivato l’antipasto”.

“A che punto siete con il cronoprogramma dopo 4 (quattro) anni?”, domanda a questo punto il Comitato, “e le isole ecologiche?”. “Apprendiamo le dichiarazioni dell’assessore [municipale, ndr] Ziantoni e del consigliere Tassi, vere e proprie dichiarazione di resa miste a flebili segnali di facciata per salvare il salvabile. Gli esponenti pentastellati ammettono che gli impegni presi con i cittadini sulla riqualificazione del quadrante non sono stati rispettati e le parole della Sindaca [Virginia Raggi, ndr] “e poi Rocca Cencia deve chiudere”, lettera morta”. “Signori non c’è più niente da salvare se non la vostra rispettabilità, a questo punto le vostre dimissioni diventano di fatto un atto dovuto nel rispetto dei cittadini”.

Una critica certamente dura, ma che rispecchia l’esasperazione degli abitanti non solo delle zone intorno allo stabilimento. Dove riecheggiano, funestamente, le dichiarazioni della dottoressa Paola Michelozzi, Direttore dell’Unità di epidemiologia ambientale del Servizio sanitario del Lazio, rilasciate circa sette mesi ai microfoni di Massimiliano Andreetta, autore di un’inchiesta televisiva per la trasmissione “Piazza Pulita”. “A Rocca Cencia vivono circa 250 mila persone. Per loro le aspettative di vita alla nascita sono di tre anni inferiori rispetto a chi nasce e vive nel centro della città. In una zona in cui le polveri sottili (Pm10) sono così tanto e così di frequente al di sopra dei limiti aumenta, e di molto, il rischio di ammalarsi di tumore. Dalle nostre rilevazioni il fattore di rischio a Rocca Cencia si aggira tra l’11 e il 21% in più. Ovvero 9 punti percentuali sopra la media. Anche gli animali non hanno scampo“. Che dire?

Gli animi si scaldano, all’indomani della nota arriva la risposta sulla pagina facebook “Ambiente e Mobilità VI Municipio”, con tanto di logo del MoVimento. “Con la riapertura delle prime attività e l’aumento di rifiuti indifferenziati prodotto da guanti, mascherine e imballaggi usa e getta, la chiusura di Rocca Cencia diventa sempre più urgente. Come Municipio abbiamo votato un indirizzo politico e delineata una strategia, condivisa con la maggioranza capitolina. Ora la Sindaca passi ai fatti. L’estate non è ancora arrivata e il puzzo di questi giorni ci ricorda anni di battaglie e di diritti negati. Sia chiaro agli sciacalli del web e ai “PORTATORI DI ACQUA” delle prossime elezioni che le pubbliche dichiarazioni, da sempre rilasciate sul tema, non saranno, come non lo sono mai state, una dichiarazione di resa, ma un monito per il centro. Sulla chiusura di Rocca Cencia nessun partito si è mai esposto e nessun Municipio, prima di questa Amministrazione, si era fatto parte attiva nella proposta di superamento degli impianti. Il nostro lavoro in Campidoglio e in Regione prosegue a testa alta e con le mani libere!” E il boomerang è servito.

Chi è l’autore? Chi si nasconde dietro a questa pagina? E chi modera i messaggi? L’assessore all’ambiente? Il presidente o altri membri della commissione? Bocche cucite per il momento e nessuna presa di distanza. Neanche dal Presidente del Municipio Roberto Romanella che dovrebbe essere il garante di tutti i cittadini, dato il ruolo ricoperto. Le ragioni della maggioranza potrebbero pure essere sensate, ma apostrofare con il termine “sciacalli” fa cadere tutto. Come si può raggiungere un punto così basso, come si può rivolgere un epiteto del genere, seppur implicitamente, a un Comitato che volente o nolente rappresenta il sentimento popolare. È sinonimo di debolezza, è la risposta di chi si trova in difficoltà e non sa come uscirne. È un segnale osceno, triste, che inquina la democrazia, che offende l’intelligenza di coloro i quali hanno perso i cari o che lottano per salvarsi dal cancro e hanno risposto in quel Comitato, come agli altri, ogni speranza. Perché di cancro si muore a Rocca Cencia, è inutile nasconderselo. A causa dell’area disgraziata che si respira da quelle parti. O si vuole negare anche questo?

“Vergognoso”, scrive Vincenzo D. sotto al post, «avete fatto una manifestazione contro lo stabilimento, prendendo in giro i cittadini, ora che amministrate non siete riusciti a aprire una sola isola ecologica nel Municipio. E vi permettete di accusare cittadini di portatori di acqua e sciacallaggio? Le proverete tutte perché sapete che siete arrivati al capolinea. Razza di incapaci e arroganti”. “Per chiedere la chiusura di Rocca Cencia, serve un’alternativa. Quale sarebbe l’alternativa?”, domanda Giuseppe L. “in 4 anni andava buttata giù quanto meno una bozza di alternative; ad oggi cosa abbiamo?  Vi ricordo che il TBM del Salario è fuori uso e, tutti o quasi i rifiuti della Capitale si riversano qui”. “Il Municipio dice che AMA non ascolta”, rimprovera Cinzia Q., “Ama che la Sindaca non sente, la Sindaca che la Regione è sorda, la Regione che il Governo non da strumenti, e….venne il gatto che mangiò il topo. Vergognatevi tutti, da chi non si fa sentire a chi non sente, perché la puzza quella sì che la sentiamo”. Sdegno e di disapprovazioni anche dai sostenitori del M5S, come quello di Pirro S. “Trovo molta confusione in queste righe, per alcuni tratti sembra un post fatto da un gruppo di opposizione, quando invece fate parte della stessa squadra. Su Rocca Cencia ci credevate, quando manifestavamo tutti insieme, credevate in un progetto che ora sta fallendo: non ci siete riusciti, la colpa è vostra e del Capidoglio”. E ancora, “Avete usato Rocca Cencia per prendere i voti”, prosegue il messaggio, “ma, ripeto, avete fallito”.

“Dopo 4 anni di rimpalli, chiacchiere, bilanci non approvati e passati a fare il gioco delle parti, siamo ancora al punto di partenza”, attacca il Pd municipale, “l’assurdità è che da una pagina social, che sembrerebbe ufficiale, di una commissione permanente consiliare del VI, che andrebbe promossa e gestita per fini informativi istituzionali, se tale, si faccia spinta propaganda politica di basso livello fino al punto di attaccare i cittadini che in queste ore stanno solo rivendicando legittimamente e giustamente i propri diritti. Un atto del genere su un canale (pseudo) istituzionale, sprezzante e offensivo nei confronti dei cittadini del VI, non fa che testimoniare lo stato tutt’altro che lucido di una maggioranza che, dopo anni di gestione amministrativa impalpabile salvo che per i risultati scarsissimi e al ribasso, ormai, presa dalla disperazione e dalla consapevolezza di aver fallito». «Questi teatrini sono svilenti e rispecchiano il livello di discussione. Le responsabilità degli impianti», chiarisce la nota, «sono in capo dall’ente locale di riferimento (per bacini) e quindi, per il nostro caso, a Roma Capitale». «Prima i cittadini e comitati erano amici, ora che sanno di aver perso consenso nei territori, definiscono gli stessi sciacalli», rincara la consigliera capitolina Svetlana Celli, capogruppo della Lista Civica RTR, “è un’Amministrazione alla deriva, municipale e comunale, priva di una programmazione seria. La politica sui rifiuti è mancante in tutto, volevano chiudere l’impianto e oggi hanno ripristinato i cassonetti per le strada, mandando in fumo la differenziata. Manca un piano industriale specifico. Abbiano il coraggio di assumersi le proprie responsabilità e di tacere”.

Dal Comitato Periferie Roma Est, il Presidente Marco Manna definisce il messaggio “assurdo e incomprensibile. Una cosa mai vista prima. La maggioranza 5 stelle del VI Municipio di Roma usa una pagina Facebook con profilo “commissione ambiente e mobilità VI municipio “ per attaccare i cittadini rei di aver ritenuto fallimentare l’esperienza amministrativa dopo le false promesse,gli inutili slogan e l’imminente ritorno della puzza derivante dal polo industriale di Rocca Cencia”. “I signori che oggi sono chiamati alla responsabilità di portare risultati concreti sul problema dei miasmi del polo industriale di Rocca Cencia», prosegue, “dopo essersi visti abbandonati dalla loro Sindaca pensano bene di prendersela con i cittadini. Comprendiamo il loro senso di inadeguatezza e la frustrazione che stanno vivendo, ma lasciate stare i cittadini e la loro libertà di denunciare il vostro fallimento, che resta un dato di fatto e non un opinione. Leggere insulti e illazioni a particolarismi ci inorridisce e ci lascia sgomenti. Smettetela di giocare a fare l’opposizione, abbiate rispetto per i cittadini. Ricordatevi chi siete, cosa avete fatto, da dove venite e abbiate la decenza di ritirare il comunicato». “Purtroppo si avvicina l’estate, che si prospetta diversa dalle precedenti», fa eco il vicepresidente Flavio Mancini, «forse peggio, dato che, come scritto nel post della commissione ambiente, con mascherine guanti e materiale usa e getta, l’indifferenziata aumenterà. I cittadini sono rassegnati e non è giusto: chi gli aveva promesso la chiusura, oggi li incolpa di essere portatori d’acqua non si sa di chi. Se il comune centrale non li ascolta, sarebbe il caso che togliessero il disturbo”.

Gallery

Guidonia, zone industriali: a.a.a. cercasi ditte per gara finalizzata a bonifica

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

GUIDONIA (RM) – Il Comune di Guidonia avvia l’indagine di mercato per individuare gli operatori economici disponibili ad essere invitati a partecipare a una ricerca di mercato finalizzata all’affidamento del servizio di caratterizzazione dei rifiuti e bonifica per le zone PIP 1 e PIP 2.

Si tratta delle zone industriali di Guidonia che oggi appaiono come immense discariche a cielo aperto e dove stazionano centinaia di camper di Rom.


“Auspico – dichiara Giovanna Ammaturo cons. comunale di FdI – che le zone industriali di pregio della seconda città d’Italia non capoluogo di provincia, dove l’Ente ha posto in vendita diversi lotti industriali a trattativa privata di grande interesse per l’economia e nevralgici, siano presto bonificate”. La consigliera di Fratelli d’Italia sono ormai tre anni che presenta denunce e interrogazioni su questa situazione di degrado e incuria.

Uno scenario da terzo mondo che ha suscitato anche l’indignazione di tanti cittadini e degli stessi titolari delle aziende presenti nell’area che hanno sempre richiesto interventi rapidi finalizzati alla tutela della salute pubblica, anche a causa dei roghi tossici, e della sicurezza dei lavoratori che quotidianamente si recano sul posto di lavoro.

“La certezza di una denuncia per omissione di atti d’ufficio, attentato alla salute ed una decina di altri reati concomitanti a seguito dell’esposto del primo settembre nei confronti del sindaco grillino e del Comandante della Polizia Municipale – ha dichiarato ancora Ammaturo – ha convinto l’amministrazione pentastellata attraverso il dirigente l’architetto Egidio Santamaria a predisporre entro l’8 ottobre una manifestazione di interesse per la ricerca del servizio di raccolta rifiuti e bonifica zona PIP 1 e PIP 2 ( n° 2280)”.

Ora occorrerà attendere i tempi della burocrazia prima di poter assistere, finalmente, alla bonifica della zona industriale. Dopo l’indagine di mercato per l’individuazione di ditte da invitare alla gara negoziata per ripulire e sanare questa parte della città si dovrà istituire l’apposita commissione di gara che poi valuterà la migliore offerta che perverrà dagli operatori invitati a partecipare, sperando che tutte le procedure non incappino poi in intoppi amministrativi e ricorsi vari.

Continua a leggere

Ambiente

Bracciano, passeggiata ecologica e di pulizia al “Fosso dei Quadri”: volontari rispondono all’appello del WWF e raccolgono quintali di rifiuti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

BRACCIANO (RM) – Raccolti diversi quintali di materiale, tra carcasse di motocicli, elettrodomestici, materiali ingombranti e di risulta da ristrutturazioni edili, sparso in un ambiente talvolta caratterizzato da completa incuria e da vero spregio del territorio. Questo il risultato della passeggiata ecologica e di pulizia effettuata lungo alcuni tratti del territorio di Bracciano da parte di una ventina di volontari che hanno risposto all’appello rivolto dal Gruppo WWF Monti Sabatini.

L’iniziativa del Gruppo WWF era inserita nella più ampia manifestazione annuale “Urban Nature” prevista per il prossimo 4 ottobre in molte città che nel nostro paese, a vario titolo, studiano e divulgano l’importanza della biodiversità urbana e sono promotrici di esperienze civiche di gestione degli spazi verdi. In tale ambito, gli organizzatori si sono prefissi di procedere alla pulizia di alcune parti del Fosso dei Quadri, – importante canale che raccoglie le acque pluviali (chiare) provenienti, sia dalla parte alta di Bracciano (monte Cotognola), sia dal Fossato del centro storico cittadino -, che sfocia nel lago prima della spiaggia di Santo Celso.

Dalla fine degli anni ‘80 i paesi Sabatini, riuniti nel consorzio COBIS (Consorzio Bacino Idrico Sabatino) per la tutela della qualità delle acque del Lago di Bracciano, raccolgono e trattano i liquami prodotti prima della loro reimmissione nell’ambiente. Una ricognizione effettuata nei giorni precedenti all’operazione di bonifica, aveva evidenziato la presenza di numerosi rifiuti solidi ingombranti e altro materiale plastico e metallico, sia nelle immediate vicinanze, sia nell’alveo del Fosso che, se non raccolti, inevitabilmente con le piogge autunnali ed invernali si sarebbero riversati nel lago.

I volontari, dopo il raduno delle 9 in piazza Gen. Giardino (Pasqualetti), equipaggiati di pantaloni pesanti, camicie a maniche lunghe, scarponi e guanti da lavoro e “armati” di molle prendi oggetti, bastoni chiodati, pale ed attrezzi vari, i volenterosi hanno “pacificamente” invaso i tratti del fosso necessitanti degli interventi di pulizia pianificati, sotto la direzione del naturalista Luigi.

In condizioni ambientali di oggettiva difficoltà, tutto il ciarpame accumulato è stato selezionato, impacchettato per tipologia e poi trasportato all’isola ecologica comunale con il mezzo dei volontari di SalvaguardiAmo Bracciano.

L’iniziativa si è conclusa ben oltre le programmate ore 12:00, in un contesto di generale soddisfazione ed appagamento.

I partecipanti – donando parte del proprio tempo ed offrendo disinteressata disponibilità – hanno testimoniato il proprio genuino rispetto del territorio, serbando nel cuore la speranza di aver – con l’esempio – sensibilizzato le altre realtà civiche, e soprattutto quella parte della cittadinanza talvolta poco attenta, agli ideali di salvaguardia e cura del nostro paese ed in generale del nostro unico pianeta.

Gianni Palumbo

Continua a leggere

Costume e Società

Roma, presentato il 72° Prix Italia della ripartenza: 65 organismi di 38 Paesi presentano 250 titoli

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

ROMA – È stata presentata a Roma la 72a edizione del Prix Italia, la rassegna internazionale, sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, promossa dalla Rai a partire dal 1948 per presentare il meglio di programmi di radio, televisione e web da tutto il mondo, con un’offerta di 250 titoli da 65 organismi di 38 Paesi. Ed il Prix, anche in questo anno difficile, torna a premiare le sue dodici categorie, con un’edizione intitolata “Public Service and the Virtual Newsroom: Back to the Future?”, (Servizio pubblico e redazione virtuale: ritorno al futuro?) , che, dal 24 al 26 settembre, per la prima volta dall’emergenza Covid19, riunisce fisicamente al Maxxi di Roma i rappresentanti delle emittenti più importanti al mondo al fine di scambiarsi competenze, proposte ed esperienze.

Durante la presentazione, il Presidente della RAI, Marcello Foa, ha affermato come non fosse affatto scontato che si potesse essere qui, con “un’edizione che abbiamo fortemente voluto e, almeno in parte, voluto in presenza, nel pieno rispetto di tutte le misure di sicurezza, proprio perché fosse un segnale di fiducia nella ripresa. Un grande servizio pubblico deve reagire alla crisi e in questa pandemia la Rai ha fatto scuola agli altri paesi. Oggi vogliamo farlo anche nella ripartenza“. A cominciare dai giovani e dall’accordo siglato tra Foa e il presidente della Conferenza dei Rettori delle Università Italiane, Ferruccio Resta, per aprire le porte della rassegna agli studenti universitari nei prossimi tre anni (a loro anche l’onore di un Premio speciale da assegnare).

Nonostante la crisi non ci siamo mai fermati“, a sua volta ha dichiarato il segretario generale del Prix Italia, Annalisa Bruchi, presentando la nuova edizione insieme al presidente Graham Ellis e al Direttore di produzione Tv, Roberto Cecatto. Anzi, “abbiamo avuto dieci nuovi emittenti iscritte da otto Paesi” ovvero Colombia, Danimarca, Francia, Monaco, Regno Unito, Thailandia, Uruguay e Venezuela. “Anche se ridotto – ha aggiunto – il calendario è molto ricco: cerimonia di inaugurazione”, e poi “conferenze, relazioni, anteprime e una parte importante dedicata all’YLAB animato dagli studenti delle Università pubbliche del Lazio“. Sui temi, “molti prodotti presenti raccontano la pandemia nel mondo, un modo anche per condividere esperienze e soluzioni”. Due le produzioni Rai nella selezione finale: “La mia jungla” di Rai Fiction (Web Fiction) e “Labanof, corpi senza nome dal fondo del Mediterraneo” di Radio3 (sezione Radio Documentary”.

Tra gli eventi, un omaggio a Sergio Zavoli con Renzo Arbore, Michele Mirabella e Renato Parascandolo; quindi, per Rai2 “Fenomeno Ferragni” con Simona Ventura che intervista Chiara Ferragni e per Rai 4 “Stranger Tape In Town” con Ema Stockholma. E ancora, il 25, l’anteprima Rai Cultura di “Sinfonie di Rinascita (2020)”, in onda su Rai5, e quella di Rai Fiction “Io ti cercherò” con Alessandro Gassmann. Mentre il 26 per “Sapiens. Un solo pianeta” Rai3 presenta la puntata “La vita dal fuoco – Storie di uomini e vulcani” di Mario Tozzi e Rai Cinema il film “The Rossellinis”, dalla 77a Mostra del cinema di Venezia. L’annuncio dei nomi dei vincitori previsto durante la cerimonia del 25 settembre al MAXXI, visibile anche in streaming e tradotta nel linguaggio dei segni su www.prixitalia.rai.it.

Dopo la chiusura, ha inoltre commentato la sindaca della capitale Virginia Raggi, intervenuta alla presentazione, “sta emergendo è la nostra capacità di adattamento. Roma è stata la prima città del progetto 100 Resilient Cities. Ottimo il Prix Italia in presenza, ottimo sfruttare tecnologie e nuove forme di connessione. Questa pandemia ha fatto da catalizzatore di tante trasformazioni di cui prima si sentiva solo parlare e che ora, finalmente, vediamo in atto” ed ha concluso formulando “complimenti a tutti e grazie per aver deciso di organizzare questo evento,per Roma è un onore ospitare il Prix Italia. Rappresenta la capacità di andare avanti di fronte a questo virus maledetto che ha bloccato tutto il mondo”.

Continua a leggere

I più letti