Connect with us

Calcio

Angelo Lucarella: “Sarri può fare tanto”. Le parole dell’illustre tifoso laziale

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Si avvicina il giorno del raduno per la squadra del Presidente Lotito: dalla prossima stagione calcistica ci sarà a Maurizio Sarri a guidare i biancocelesti. Lo start operazioni del ritiro dell’intera compagine è previsto per il 7 luglio prossimo.

Non sarà certo facile far dimenticare presto l’addio del figlio prodigo di casa Formello ormai approdato a Milano, in sponda nerazzurra, Simone Inzaghi. Maurizio Sarri pare determinato: alle spalle tante stagioni con il Napoli, poi Chelsea ed in ultimo Juventus prima che prendesse un vero e proprio anno sabbatico. Tra i trofei più importanti uno scudetto italiano ed una Europa League (ex Coppa Uefa).

L’ambiente dei tifosi laziali, dopo l’annuncio dell’avvento del “sarrismo”, ha sicuramente percepito un cambio netto con il passato tra metodo di allenamento, rapporto con i giocatori, comunicazione, ecc.

Tra i super tifosi l’avvocato Angelo Lucarella, tra l’altro scrittore e vice pres. coord. Commissione Giustizia del Ministero Sviluppo Economico, che commenta l’arrivo di Sarri alla Lazio e l’inizio della nuova stagione calcistica per L’Osservatore Italia.

“Sarri può fare tanto.

Negli ultimi anni, soprattutto, ha fatto ulteriore esperienza sul piano internazionale e, aggiungerei, di livello.

Anche se gli anni passati a Napoli sono quelli che più l’hanno affermato concretamente nel calcio di primissima fascia, tuttavia, è indubbiamente un allenatore che si presta a forgiare le squadre verso una dimensione quantomeno europea.

Mi auguro che la piazza laziale possa andargli a genio cosicché riesca a percepire tutta la forza di un ambiente così caloroso come quello biancoceleste.

Costruire davvero qualcosa di interessante e di prospettiva è chiaramente il sogno di tutti, ma l’unica strategia è, come in ogni ambito della vita, l’impegno ed il lavoro; motori principale per raggiungere importanti traguardi con la società.

Di Sarri è risaputo che abbia entrambe le caratteristiche.

Ad ogni modo essendo una scelta alquanto inedita, sia sul piano tattico che di metodo, staremo a vedere i risultati.

Spero che alla Lazio si trovi così bene in futuro, ormai non tanto lontano, da poter fumare qualche sigaretta in meno (mi si consenta la battuta).

Per ora auguro buon lavoro a Mister Sarri con un grande Forza Lazio”.

Calcio

Football Club Frascati, Mari e la nuova Prima categoria: “Vogliamo fare un campionato di vertice”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Frascati (Rm) – La sinergia tra Lupa Frascati e Football Club Frascati non riguarderà solo il settore giovanile. La prova concreta sta nei programmi sbandierati dalla Prima categoria del Football, già l’anno scorso partita per fare un buon campionato (poi praticamente subito interrotto a causa della pandemia) e pronta ad approcciarsi alla stagione 2021-22 con ancora maggiore determinazione, come spiega il responsabile tecnico Andrea Mari. “La collaborazione forte che esisterà tra Lupa Frascati e Football Club Frascati permetterà a tutti i ragazzi, dalle giovanili alle prime squadre, di esprimersi nella giusta dimensione. Oltre a creare le migliori condizioni per collaborare anche a livello di impiantistica e per migliorare tutta una serie di questioni amministrative”. L’avventura della nuova Prima categoria del Football Club Frascati inizierà nei primi giorni di settembre: “Sembra che il campionato possa partire dopo la metà di ottobre e quindi c’è il tempo per fare una preparazione di buon livello” rimarca Mari che pochi giorni fa ha partecipato ad una importante riunione societaria in cui si sono tracciate le linee programmatiche della prossima stagione. “Ci è stato chiesto di allestire un organico che possa competere per il vertice della classifica. Ripartiremo dalle conferme di alcuni ragazzi importanti come Stornaiuolo, Crisari, Ferri, Giampietro, Desai e dei tanti giovani interessanti che avevamo già in rosa. Ma arriveranno anche giocatori di spessore per la categoria che ci consentiranno di fare un ulteriore passo in avanti rispetto alla scorsa stagione”. Il tutto affidandosi alla sapienza e all’esperienza di mister Mauro Fioranelli: “Un tecnico di assoluta garanzia che saprà tirare fuori il meglio da questi ragazzi, come accaduto praticamente per tutta la sua carriera” conclude Mari.



Continua a leggere

Calcio

Atletico Roma VI (calcio), il presidente Paoletti: “Emozione ed ambizione al centro del progetto”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Roma – Una nuova realtà si affaccia nella zona sud di Roma e lo fa con grande determinazione e ambizione. Si tratta dell’Atletico Roma VI che per la stagione 2021-22 ha scelto come quartier generale il centro sportivo di via Torbellamonaca 497, rinominato da poco “Linkem Arena”. E’ lì che il presidente Luigi Paoletti e tutto lo staff dirigenziale e tecnico cercheranno di costruire le basi di un club che vuole consolidarsi e diventare protagonista nel corso degli anni. “Inizieremo con le quattro categorie del settore giovanile agonistico che un tempo si chiamavano Giovanissimi e Allievi e ora si chiamano Under 14, Under 15, Under 16 e Under 17 – dice Paoletti -. Essendo una società neonata partiremo dai provinciali, ma siamo fiduciosi di poter ben figurare sin da subito e così conquistare categorie più importanti. Diversi ragazzi del gruppo 2006 (ovvero la futura Under 16, ndr) hanno già vinto un campionato provinciale due anni fa e sono molto competitivi, ma saranno molto ambiziosi anche i 2005 (Under 17, ndr) e i 2007 (Under 15, ndr) così come i 2008 (Under 14, ndr) che faranno una buona figura nel loro torneo. In futuro, inoltre, la società vuole strutturarsi anche con le categorie maggiori di Juniores e prima squadra, avviando pure un discorso di Scuola calcio”. Paoletti parla a grandi linee del progetto dell’Asd Atletico Roma VI: “Innanzitutto vogliamo consentire ai giovani del territorio di fare sport perché lo sport è vita e supporto psicologico, in special modo dopo un periodo così lungo e duro a causa della pandemia. Come modello ci ispiriamo alla vecchia Lodigiani di Sagramola e ai valori che la ispirava, il nostro slogan è “emozione ed ambizione” perché al divertimento e al riflesso sociale vogliamo unire anche ottimi risultati. In ogni caso invito tutti a venirci a trovare nello splendido centro sportivo che ci ospiterà per tutta la stagione, la nostra segreteria rimarrà aperta per le iscrizioni e per tutte le informazioni ci si può rivolgere anche alle nostre pagine social ufficiali, a cui a breve affiancheremo anche un sito” conclude il presidente.



Continua a leggere

Calcio

Asd Casilina (calcio), Masci sarà l’allenatore dell’Under 14: “Il nostro sarà un percorso biennale”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Roma – Il Casilina ha affidato la panchina dell’Under 14 provinciale ad un tecnico molto esperto e di grande spessore qualitativo: Paolo Masci. L’anno scorso l’allenatore è stato fermo per problematiche di carattere personale, mentre l’ultima esperienza è stata quella sulla panchina dell’Under 19 Elite dell’Atletico Torrenova da subentrante. “Per la prima volta in trent’anni di carriera guiderò un gruppo al primo anno di Giovanissimi – sottolinea Masci – Una sfida che raccolgo con l’entusiasmo di sempre e con il consueto obiettivo di far crescere i ragazzi il più possibile, come da precisa richiesta della società. Loro si troveranno ad affrontare il salto nell’agonistica e al tempo stesso si ritroveranno a giocare a undici: forse quella sarà la difficoltà maggiore, ma non è una cosa che può spaventarci. La categoria? Per me non è assolutamente un problema: è capitata questa opportunità a due passi da casa anche se c’erano state delle proposte da categorie superiori, ma la stima e la fiducia che da subito mi hanno dimostrato il presidente Enrico Gagliarducci e il direttore sportivo Tonino Rovere mi ha lusingato. Darò il massimo per cercare di ripagarli”. Per Masci si tratta di un ritorno a Casilina: “Sono stato qui negli anni d’oro, quando col settore giovanile facevamo paura alle grandi società di Roma. A cavallo tra la fine degli anni Novanta e l’inizio di quelli Duemila, perdemmo un titolo regionale in una finale con la Romulea dopo aver eliminato squadroni come Savio, Terracina e Cisterna, mentre l’anno prima ci fermammo in semifinale sempre contro la Romulea. Adesso c’è una società che deve ripartire da zero e lo sta facendo con organizzazione, competenza e sacrificio”. La chiusura di Masci è sulle prospettive del suo gruppo: “Conosco ancora poco i ragazzi, ma so che il ds Rovere ha allestito una rosa all’altezza, poi nei primi giorni di settembre faremo un’analisi più approfondita delle potenzialità del gruppo. Il nostro percorso sarà biennale, vedremo tra qualche mese a che punto sarà la crescita di questi ragazzi”.



Continua a leggere

I più letti