Connect with us

Costume e Società

Campobasso, “Premio donne al timone”: prestigioso riconoscimento a Eliana Tagliente

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 4 minuti
image_pdfimage_print

Campobasso. “Premio Donne al Timone”. Tra le eccellenze al femminile premiata Eliana Tagliente per la sua incisiva attività svolta nella veste di Delegata Nazionale ANCRI alla Pari Opportunità
“Rappresenta un modello di riferimento. Dimostra concretamente come una donna con problemi di salute, mamma, lavoratrice grazie alla tenacia e la forte determinazione, può riuscire anche a dedicarsi e raggiungere obiettivi in attività filantropiche ed umanitarie meritevoli di particolare considerazione sociale e grande attenzione istituzionale”.
Con questa motivazione, la Provincia di Isernia, la Consigliera di Parità della Provincia di Campobasso e Isernia Giuditta Lembo e i membri del comitato tecnico scientifico del Premio “Donne al Timone“ hanno conferito il prestigioso riconoscimento a Eliana Tagliente per la sua incisiva attività svolta nella veste di Delegata Nazionale ANCRI alla Pari Opportunità.
Eliana Tagliente – ha precisato la Consigliera Giuditta Lembo organizzatrice del Premio – è una “eccellenza al femminile, sposata, madre di due figlie di 16 e 11 anni che combatte da 38 anni con il diabete mellito e da 14 anche con la sclerosi multipla. Si è laureata in Giurisprudenza presso l’Università La Sapienza di Roma nel 2001, iscritta all’albo dei giornalisti dal 2002, Nel 2005, dopo il biennio di pratica legale, ha sostenuto l’esame per l’abilitazione alle pratica forense. Ha iniziato a lavorare come legale d’azienda nel 2002 e lo è tutt’ora. Nel 2013 è stata insignita della Onorificenza di Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica italiana.
Il suo spirito combattivo e la sua forte determinazione a non farsi sopraffare dai problemi di salute le consente di mantenere forte l’impegno lavorativo e familiare tenendo alta l’attenzione ai problemi delle persone affette da disabilità.
Attività che realizza soprattutto come Delegata Nazionale alle Pari Opportunità dell’Associazione Nazionale Insigniti dell’Ordine al Merito della Repubblica (ANCRI)”.
Il presidente dell’ANCRI Tommaso Bove parlando dell’impegno come Delegata Nazionale del sodalizio alle Pari Opportunità ha evidenziato che , il 7 dicembre del 2019 in occasione della Giornata internazionale delle persone con disabilità, a Firenze, Eliana coinvolgendo CRI, ANCRI e AISM ha promosso una Giornata seminariale, nel Salone dei 500 a Palazzo Vecchio, dove affrontando il tema degli ostacoli burocratici che limitano i diritti delle persone con disabilità, ha portato la sua testimonianza toccante e coraggiosa al punto da far ritenere necessario istituire un “osservatorio sul rispetto dei diritti della persona malata da parte della burocrazia”.
Alla vigilia del Festival di Sanremo 2020 ha formalizzato il suo disappunto al Presidente della RAI, alla Commissione Pari Opportunità RAI e alla Commissione parlamentare di Vigilanza dei servizi televisivi, sulla scelta di ammettere a Sanremo artisti che abbiano, nel loro repertorio, diffuso testi (e videoclip) di istigazione al femminicidio e comunque di particolare volgarità, ritenendo che la direzione artistica del Festival di Sanremo debba rispettare quei valori insiti nella nostra Costituzione, nelle Convenzioni europee e nello stesso Contratto televisivo pubblico che impone di “superare gli stereotipi di genere, al fine di promuovere la parità e di rispettare l’immagine e la dignità della donna anche secondo il principio di non discriminazione”
Ha sollevato la questione delle difficoltà che la burocrazia pone ai disabili, mettendo in evidenza anche l’esigenza di snellire la burocrazia per l’accesso nelle ZTL delle persone disabili;
Ha focalizzato l’attenzione sul rinnovo delle patenti speciali e messo le basi perché si pensi ad agevolazioni alle aziende che lasciano lavorare serenamente, garantendogli parità di trattamento, persone affette da disabilità (anche per non pesare sui sussidi assistenziali).

Nell’ambito delle iniziative portate avanti per ridurre i disagi e le “barriere burocratiche” dei pazienti con sclerosi multipla, il 14 novembre scorso, a Roma, è intervenuta nell’ambito di un convegno tematico, “Io non sclero”, organizzato al Policlinico Gemelli di Roma, evidenziando le condizioni di vita delle persone costrette a combattere questa malattia dal decorso invalidante progressivo.”
Nel dicembre 2019 ha organizzato, con la partecipazioni di figure istituzionali coinvolte un Focus sulle pari opportunità. A gennaio 2020, in occasione dell’anniversario della Delega Nazionale, ha pubblicato una riflessione sugli effetti del lock down sulla violenza sulle donne alla luce dei dati pubblicati dal Ministero dell’Interno.”
Il tema delle difficoltà che la burocrazia pone ai disabili, è stato affrontato da Officina Stampa. La conduttrice Chiara Rai ha intervistato Eliana Tagliente mettendo in evidenza la necessità di snellire le procedure per l’accesso nelle ZTL alle persone disabili. Nel corso della trasmissione televisiva è stata focalizzata l’attenzione sul rinnovo delle patenti speciali e messo le basi perché si pensi ad agevolazioni alle aziende che lasciano lavorare serenamente, garantendogli parità di trattamento, persone affette da disabilità (anche per non pesare sui sussidi assistenziali).
Nell’ambito della manifestazione organizzata a Campobasso è stato consegnato un Premio alla “Memoria” che la Consigliera di Parità Giuditta Lembo ha voluto dedicare alla ex collega della Provincia di Isernia Tina Fiorenzo scomparsa lo scorso anno.
Tra i premiati anche l’ex Ministro della Difesa Elisabetta Trenta e la criminologa psicoterapeuta Virginia Ciaravolo, Presidente dell’Associazione “Mai più violenza infinita”.
Sono stati, Inoltre, l’Ordine dei Medici di Isernia, il Segretariato della Sezione regionale del Molise FIMP
(Federazione Italiana Medici Pediatri Molise) e l’Ordine dei giornalisti del Molise. Per la sezione “Eccellenze molisane al femminile” sono state premiate: Celeste Condorelli (Amministratrice
delegata del Gemelli Molise), Vittoria Doretti (Responsabile ed ideatrice del Protocollo Operativo “Codice Rosa”, dedicato alle vittime della violenza di genere e dei crimini di odio, recepito nelle Linee guida nazionali), Antonella Cortese (Criminologa e Psicologa impegnata nella tutela dei diritti dei militari e delle forze dell’ordine), Emilia Petrollini (già Dirigente della Regione Molise), Maria Stella Rossi (Scrittrice), Serena Di Nucci (Imprenditrice), Gioconda Marinelli (Scrittrice), Rita Marcogliese (Imprenditrice), Carmelina Colantuono (Imprenditrice e custode della transumanza), Michela Anziano (Presidente Associazione “Un filo che unisce”), Ida Di Ianni (Scrittrice, Direttrice editoriale della Volturnia), Maria Monaco (Funzionaria della Provincia di Isernia), Teresa Ascione (Presidente cooperativa “Creazioni Moda”), Mariantonietta Di Nardo (Presidente Associazione “Mamme, salute e ambiente” di Venafro), Marianna Considerato (Presidente Associazione “Oltre la vita”), Rossella D’Orsi (Responsabile del SIPROIMI/ SAI di Venafro che si occupa dell’accoglienza di richiedenti asilo e titolari di protezione internazionale).
Per la sezione “Uomini illuminati” i premi sono stati conferiti a: Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Consigliera di Parità Provincia di Isernia Provincia di Isernia Enzo Di Giacomo (Presidente Tribunale di Isernia), Francesco Laratta (Già Parlamentare e amministratore Ismea, Ente economico del Governo che si occupa di credito per le imprese agricole), Maurizio Gasperi (Endocrinologo e Professore Cattedra di Endocrinologia Laurea di medicina e Chirurgia-Università degli Studi del Molise), Fernando Galasso, Giuseppe Galasso e Andrea Galasso (Studio commerciale), Pasqualino De Mattia (Presidente Associazione MeToo, responsabile campagna di comunicazione “Non ti amo da morire”), Giorgio Gagliardi (Responsabile progetto “Creazioni Moda”), Gianni Alfano (Segretario regionale del sindacato di Polizia Coisp Molise).

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Costume e Società

Alfa Romeo e Arma dei Carabinieri: con la nuova Giulia si rinnova lo storico sodalizio

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Prime assegnazioni della nuova Alfa Romeo Giulia alla Sezione Radiomobile Carabinieri del Comando Compagnia di Prato. Il veicolo, che fa parte di una flotta di circa 1770 esemplari, verrà progressivamente distribuito anche agli altri Nuclei e Sezioni Radiomobili di tutta Italia.

L’Alfa Giulia e l’ultima erede della primogenita Alfa Romeo 1900M assegnata ai Carabinieri nel 1951, e rafforza e rinnova il sodalizio storico tra l’Arma ed il marchio Alfa, da cui nel 1952 nasceva, proprio con la Alfa Romeo Giulietta, il nome “Gazzella”, nome che rappresentava scatto, agilità ed eleganza, sinonimo del Pronto Intervento compito primario dei Reparti Radiomobili Carabinieri. Il simbolo della Gazzella è poi rimasto stato nello stemma del Radiomobile.

Nel tempo sono transitate nei “ranghi” dell’Arma diverse icone della storica casa milanese come la Giulia Quadrifoglio, lʼAlfetta, l’Alfa Romeo 75, le Alfa 155 e 156 e le recenti 159 e Giulietta, tutt’ora in circuito.

La nuova autovettura, oltre a un invidiabile linea ed una motorizzazione possente, è dotata di un allestimento tecnologico all’avanguardia ulteriormente arricchito dalle specifiche dotazioni operative per il servizio istituzionale, sarà un ulteriore strumento di prevenzione per la città.

Continua a leggere

Costume e Società

Regali di Natale: “Spese frenate dalla paura della pandemia”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Quest’anno per i regali di Natale si spenderanno in termini pro capite 158 euro rispetto ai 164 euro dello scorso anno, -8% rispetto al 2019 e oltre il 36% in meno rispetto al 2009, nel complesso 6,9 miliardi rispetto ai 7,4 miliardi dello scorso anno, con l’inflazione e i rincari delle bollette che rischiano di ridurre ulteriormente la quota di tredicesima destinata a queste spese.

E’ quanto emerge da un’analisi di Confcommercio.

In totale “per il mese di dicembre si stima un valore di circa 110 miliardi di euro di spese per consumi (inclusi affitti, utenze, servizi), valore inferiore di circa 10 miliardi a quanto speso nel 2019”, spiega Confcommercio.

Nel mese la spesa media per famiglia si attesta a 1.645 euro, lo 0,5% in più rispetto all’anno scorso, ma ancora molto al di sotto rispetto al 2019 (-7,5%), aggiunge Confcommercio, sottolineando che crescono le tredicesime complessive destinate ai consumi:32,6 miliardi nel 2021 contro i 29,7 miliardi nel 2020.    “La crescita dei consumi a Natale rischia di essere fenata dai timori per la pandemia, dall’inflazione e dai costi dei consumi obbligati. Per rilanciare la fiducia occorre accelerare il previsto taglio delle tasse, a cominciare da Irpef e oneri contributivi a carico delle imprese”. Così il Presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli. 

Continua a leggere

Costume e Società

Horror, giallo e thriller: ecco i vincitori del “Bloody Festival Roma 2021”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

ROMA – Si è svolta la serata conclusiva di premiazione del “Bloody Festival Roma 2021”, presso la sede di L. Armonia in Via dei Banchi Vecchi 108. 


Testimonial di questa nuova edizione del festival il Maestro dell’italian thrilling, Dario Argento, con la madrina d’eccezione, Manuela Arcuri, e con il critico cinematografico Francesco Lomuscio, nel ruolo di presentatore.

Tra le pellicole in gara, sono stati assegnati i premi come Miglior giallo Yuria di Mattia Riccio. Miglior horror Italian horror stories di Daniele Malavolta, Andrea D’Emilio, Antonio Losito, Vincenzo Della Corte, Francesco Giorgi, Gianluca Bonucci, sotto la supervisione di Claudio Fragasso. Premi Roberto Pariante alla carriera a Claudio Fragasso e Angelo Iacono. Premio speciale a Doppia luce di Laszlo Barbo. Mentre il premio per il Miglior corto è stato assegnato a Massimiliano Reina.

Ad assegnare i premi la produttrice Carla Finelli, la financial manager e produttore esecutivo Sonia Giacometti, il regista e sceneggiatore Giovanni Galletta, il pittore Roberto Russo, la make-up artist Isabella Morelli, lo scenografo Arturo Andreoli e gli attori Eleonora Pariante, Giulio Neglia e Claudio Collevecchio.

Suddivisi in tre diverse sezioni che prevedono Horror, Giallo e Thriller, a concorrere erano i lungometraggi Clara di Francesco Longo, Nati morti di Alex Visani, L’uomo col cilindro di Stefano Simone, Yuria di Mattia Riccio e Italian horror stories, film a episodi diretto da Antonio Losito, Daniele Malavolta, Andrea D’Emilio, Vincenzo Della Corte Gianluca Bonucci e Francesco Giorgi sotto la supervisione di Claudio Fragasso, storica firma del cinema di genere italiano cui si devono, tra gli altri, Palermo  Milano solo andata e La casa 5. Molto spazio anche per i cortometraggi, che, come i film citati, sono stati premiati con appositi sampietrini da una giuria di qualità costituita da professionisti della Settima arte, con direttrice artistica l’organizzatrice esecutiva di ZTV Production Sabina Pariante e presidente il direttore della fotografia e sceneggiatore Mark Melville.

Continua a leggere

I più letti