Connect with us

Cronaca

Caso David Rossi, omicidio o suicidio? Analisi deduttiva dei fatti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 5 minuti
image_pdfimage_print

I grandi investigatori della letteratura gialla asseriscono, dalle pagine dei loro autori, che non esiste il delitto perfetto

Che cioè non è possibile uccidere una persona senza essere scoperti. Questo è vero in linea di principio. Ma un delitto è perfetto quando viene mascherato da suicidio, o da incidente.

Abbiamo provato a immaginare come si siano svolti i fatti quella famosa sera di maggio del 2013, nella sede del Montepaschi, a Siena, nell’ufficio del dottor David Rossi, Responsabile della Comunicazione della banca. Abbiamo provato ad immaginare che non di suicidio si sia trattato, ma di un omicidio premeditato e attentamente pianificato da esperti di morte. La Magistratura farà luce su ogni aspetto della vicenda, e alle sue conclusioni ci affidiamo. Ma troppo interessanti sono le anomalie di questo ‘caso’, messe in luce dal servizio del giornalista delle Iene Antonino Monteleone. Proviamo perciò, nell’ipotesi che di delitto si sia tratto, a percorrere la via di chi analizzerà, o ha già analizzato ogni elemento che possa portare ad una soluzione.

 

Gli assassini

Possiamo chiamarli così, nella nostra simulazione. Sono occorse probabilmente non meno di tre persone per portare a termine l’omicidio. Tre persone di sesso maschile, di età compresa fra i 25 e i 40 anni, esperti di ciò che andavano a fare, avvezzi alla morte, forse militari o ex militari. Senza segni particolari, ad esempio, nell’abbigliamento, ma vestiti in modo anonimo, che non suscitasse curiosità; magari con una borsa professionale di pelle in mano, come se dovessero discutere con Rossi di qualcosa e dovessero portare dei documenti. Dei tre, uno è rimasto fuori, a copertura dell’operazione, e due sono entrati, attraversando una porta già aperta, e il secondo se l’è chiusa alle spalle.

L’orario

Dopo le 19,30 in banca non c’è più nessuno, o quasi. Il basista – dobbiamo considerare anche quello – ha riferito che il dottor Rossi si trattiene ogni sera oltre l’orario degli impiegati, e sono sicuri di trovarlo solo. Oppure la circostanza non è abituale, e allora dobbiamo pensare che qualcuno abbia avvertito chi di dovere della presenza del funzionario, solo, in fondo al corridoio, con la porta aperta. Nessuno ha controllato se anche la finestra del tragico volo fosse già aperta, o se sia stata aperta dagli ‘operatori’, nel qual caso si sarebbero potuto rinvenire tracce papillari – impronte digitali – almeno di uno dei due sulla maniglia. Tracce di DNA avrebbero potuto essere reperite in particolare sulle maniche della camicia della vittima, visto che vasti ematomi hanno interessato le braccia, all’altezza specialmente dei bicipiti. Essendo poi stata ‘ripulita’ successivamente la scena del crimine, nessuno ha inteso cercare nella stanza tracce anche di DNA estranee a Rossi e ai suoi collaboratori.

Le modalità dell’omicidio

Non esiste dunque il delitto perfetto, secondo alcuni. Casi molto vecchi sono stati risolti dopo venti o trent’anni grazie alle nuove tecniche scientifiche. Nel caso di David Rossi consideriamo l’ipotesi che di delitto si sia trattato, e non di suicidio. Chi l’ha ordinato e progettato ha considerato i presupposti: la preoccupazione di Rossi per le indagini della Guardia di Finanza, certe operazioni – acquisizione di Antonveneta – nelle quali lui era coinvolto, e magari pensieri di natura familiare e affettiva. Qualcuno ha riferito di averlo visto, negli ultimi tempi, con un’espressione grave, come se avesse preoccupazioni importanti. Quindi era logico organizzare un finto suicidio. Siamo rimasti con due sicari dentro l’ufficio, con la porta chiusa, e il terzo fuori. Non sappiamo se i due abbiano manifestato immediatamente le loro intenzioni, né se la finestra fosse chiusa. Ipotizzando che uno dei due si sia diretto alla finestra, e l’abbia aperta, Rossi può aver subito compreso le loro intenzioni. Ne è nata una colluttazione, della quale sono testimoni i segni sul volto e sulle braccia di Rossi. Una colluttazione non è mai silenziosa. Possibile che nessuno abbia sentito rumore, grida o trambusto? Nel servizio delle Iene si vede chiaramente che la finestra dell’ufficio di Rossi ha il davanzale molto basso, e che, per sicurezza, è stata installata una sbarra che è posta a circa 25 centimetri dal davanzale, per evitare cadute accidentali. È stato quindi necessario alzare il corpo della vittima oltre la sbarra, e per fare questo occorrono almeno due persone, anche prestanti fisicamente, ed esperte nel corpo a corpo. Due persone che l’hanno preso per le braccia e per le gambe, portandolo oltre il riparo effimero della sbarra, dopo aver tentato di ridurlo all’impotenza colpendolo sul volto: di questo fanno fede le vaste ecchimosi all’altezza dei bicipiti, la ferita al polso sinistro, causata dalla compressione esercitata sull’orologio – che poi si è strappato ed è caduto per terra – e i segni sul volto, dovuti a percosse. Rossi ha cercato di tenersi avvinghiato ad uno dei suoi uccisori, ed è per questo motivo che il corpo è caduto con il viso rivolto al muro del palazzo, piuttosto che verso l’esterno, come di solito succede nei casi di suicidio. È questo il motivo per cui, come dice l’esperto della famiglia Rossi, non c’è stata rotazione in avanti del corpo, e l’impatto è avvenuto prima con le gambe, poi con il bacino e per ultimo con il busto e il capo. Rossi è rimasto agonizzante per ventidue minuti – secondo l’orologio della telecamera di sorveglianza – con le braccia aperte e la camicia parzialmente fuori dai pantaloni, fatto dovuto alla colluttazione.

 

La scena del crimine

Non sappiamo se uno dei due sicari si sia affacciato alla finestra dopo il volo, probabilmente sì. Abbiamo però la registrazione della telecamera di sicurezza che ci mostra, immediatamente dopo l’impatto del corpo sul selciato, due figure che si affacciano all’imbocco del vicolo. La prima molto confusa, evanescente, solo un attimo. La seconda più intellegibile, ma non abbastanza da poter essere identificata. Si vede anche un furgoncino parcheggiato all’inizio del vicolo, che copre parzialmente la visuale della piazzetta: nessuno ha indagato su quel veicolo, se fosse lì abitualmente, se vi fosse stato parcheggiato quella sera in previsione dei fatti, proprio per coprire la vista della piazzetta, né chi ne fosse il proprietario. Nella nostra analisi i tre operatori hanno poi lasciato la scena indisturbati. Davanti i primi due, dietro, il palo. Le banche sono piene di telecamere di sorveglianza interne: ormai non è più possibile andare a controllarne i filmati nei quali certamente i tre sicari sono stati ripresi. La cosa preoccupante è che mezz’ora dopo la caduta di Rossi, qualcuno è andato nel suo ufficio, ha trovato l’orologio strappato dal cinturino e lo ha gettato accanto al corpo: di questo fa fede sempre la registrazione della telecamera di sorveglianza. Allora dobbiamo pensare che qualcuno sia stato inviato a coprire le tracce della colluttazione, a rimettere tutto in ordine , e, trovato per terra l’orologio, lo abbia gettato vicino al corpo. Non avrebbe potuto tenerlo in tasca, perché compromettente, né avrebbe potuto lasciarlo dov’era, in quanto avrebbe testimoniato di una lotta. Né avrebbe potuto scendere e poggiarlo accanto al cadavere, per ovvie ragioni. Era qualcuno della banca? Forse sì, molto probabilmente. Allora c’è qualcuno della banca che sa, e che non parla.

 

I mandanti

Per conoscere i mandanti dobbiamo conoscere il movente. È chiaro che un’operazione del genere – sempre che le cose siano andate in questo modo – parte da molto in alto. Eliminare un funzionario di banca non è cosa comune. Bisogna pensare – sempre che i mandanti fossero nell’ambito bancario – che fosse in possesso di informazioni scomode, e che avrebbe potuto riferirle alla Magistratura, o alla Guardia di Finanza, – cosa che lui aveva dichiarato di voler fare – informazioni che avrebbero coinvolto persone di alto livello, magari politici importanti, o che le sue informazioni avrebbero nociuto talmente tanto, da mettere in pericolo la stessa esistenza della banca. Questo nel caso, già ipotizzato, che il rischio fosse nelle indagini sull’operazione di acquisto di Antonveneta. Ma quando Rossi, in una sua mail, dice di ‘aver fatto una cavolata’, a cosa si riferisce? Certo l’acquisizione della Banca Antonveneta non era dipesa da lui, ma da qualcuno molto più in alto. A questo punto viene da pensare alla registrazione che Monteleone ha ‘carpito’ all’ex sindaco di Siena Piccini. Una registrazione in cui il Piccini parla di ‘informazioni avute da una persona vicina ai Servizi’, riguardanti festini con cocaina ed altro che si sarebbero tenuti in una villa nell’Aretino, e ai quali avrebbero partecipato alti funzionari di banca, politici e ‘toghe’, in una sorta di ricatto reciproco. E questo, secondo la registrazione del Piccini, potrebbe essere il motivo per cui il caso Rossi è stato archiviato per ben due volte.

 

Ancora molto ci sarebbe da dire, e da analizzare. Fermiamoci qui. Aspettiamo i risultati delle indagini della Magistratura, e speriamo che sia fatta luce sull’ennesimo ‘caso’ dubbio italiano, riguardante un grande organismo come il Monte dei Paschi. Senza che diventi un ‘cold case’, da risolvere fra venti o trent’anni.

Roberto Ragone

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Sicilia, ondata di maltempo: caos e dispersi. Alcamo in ginocchio

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Il maltempo che imperversa sulla Sicilia nella serata di domenica ha causato pesanti disagi anche al traffico aereo: a Catania sono stati decine i voli cancellati o dirottati (alcuni anche sullo scalo di Lamezia Terme, in Calabria), mentre consistenti sono i ritardi accumulati da molti altri voli. I problemi nella Sicilia orientale hanno impattato anche sull’aeroporto di Palermo, con voli cancellati e ritardi.

Gravi disagi ad Alcamo

Nella serata di domenica una pioggia torrenziale ha colpito Alcamo (Trapani), allagando strade, abitazioni, negozi e magazzini. Danneggiate alcune auto travolte dalla furia dell’acqua. Gravi disagi alla viabilità in città e nell’hinterland, compresa Alcamo Marina.

Continuano le ricerche della coppia dispersa

A Scordia, nel Catanese, continuano le ricerche della coppia, marito e moglie, lui 67 anni e lei 54, che da domenica sera risulta dispersa. A fare scattare l’allarme era stato un automobilista rimasto bloccato dentro la sua auto per la presenza di un fiume di acqua e fango in strada. Messo in salvo dai vigili del fuoco ha detto loro di avere visto una coppia a bordo di una Ford Fiesta che, in contrada Ogliastro, sarebbe scesa dall’auto e sarebbe stata travolta dalla furia dell’acqua.

Turisti soccorsi nel Catanese

Sempre a Scordia, la Protezione civile ha soccorso cinque turisti stranieri. Il pulmino sul quale viaggiavano è stato investito dalla furia dell’acqua lungo la strada statale 385 che collega con Catania. I turisti hanno dovuto abbandonare il mezzo e sono stati portati in un’area sicura da alcuni volontari della Protezione civile. I passeggeri di un bus di linea hanno invece trovato rifugio presso il vicino stabilimento Oranfrizer. Altri automobilisti sono stati soccorsi dopo essere stati bloccati nelle loro auto a causa dell’acqua che ha allagato le strade della zona.

Continua a leggere

Cronaca

Reggiano, fatto inginocchiare e poi ucciso: vittima e carnefice entrambi del Crotonese

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Assume i contorni di un’esecuzione, la morte di Salvatore Silipo 29enne, originario di Crotone e abitante a Gualtieri, nel Reggiano, ucciso – ieri pomeriggio – all’interno dell’autofficina di ricambi pneumatici ‘Dante Gomme’ a Cadelbosco Sopra.

A quanto si è appreso, l’uomo sarebbe stato fatto inginocchiare e poi ucciso con un colpo diretto al collo.

Per la morte di Silipo è stato arrestato, nella notte, dai Carabinieri – con l’accusa di omicidio, ricettazione e porto illegale di armi e munizioni – il 70enne Dante Sestito, originario di Cutro, nel Crotonese e residente a Cadelbosco Sopra, nel Reggiano, gestore dell’autofficina nella cittadina emiliana. L’uomo, la sorsa notte, è stato interrogato dal pm, la dottoressa Piera Cristina Giannusa, alla presenza del suo legale avvalendosi della facoltà di non rispondere. La pistola usata per il delitto un revolver ‘Smith & Wesson’ calibro 44 Magnum, illegalmente detenuta e risultata rubata, è stata sequestrata insieme a 18 colpi di cui uno esploso. L’arma – sempre a quanto si è appreso – è stata rubata a Pieve di Cento, nel Bolognese, nel gennaio del 2019. Il 70enne era stato bloccato e disarmato dall’intervento di due Carabinieri di una pattuglia della stazione di Castelnovo Sotto – in transito nei pressi dell’azienda di pneumatici e diretti allo stadio per svolgere servizio di ordine pubblico – allertati dalle urla e dalla presenza in strada di un cugino della vittima che si trovava con lui nell’officina.

Continua a leggere

Cronaca

Coniugi no vax in fin di vita per Covid

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Due coniugi dell’Europa dell’est non vaccinati, contagiati dal Covid una decina di giorni fa, sono in condizioni gravissime, ricoverati nella stessa stanza della terapia intensiva di Padova.

I due si erano presentati in ospedale con problemi respiratori. Confermato il contagio da coronavirus, sono stati ricoverati prima in stanze separate poi insieme in una cosiddetta “box Covid”, dove sono attaccati ai respiratori.

Secondo quanto riferito dal quotidiano Il Gazzettino, all’arrivo in ospedale i due hanno spiegato di non essersi vaccinati. Ora sono ricoverati assieme in un’ampia stanza di terapia intensiva dove lottano tra la vita e la morte.

Continua a leggere

I più letti