Connect with us

Roma

CERVETERI – LADISPOLI, MANIFESTAZIONE DEI VOLONTARI ANIMALISTI TRA L'INDIFFERENZA DELL'AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI LADISPOLI

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 2 minuti Pascucci: “Quando si parla di diritti (delle persone, degli animali, di tutti) la nostra Amministrazione comunale è sempre fortemente schierata!”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Redazione

Cerveteri / Ladispoli (RM) – Questo il grido del volontariato animalista di Cerveteri e Ladispoli che sabato 9 Agosto ha civilmente manifestato nell’indifferenza delle Amministrazioni comunali interessate.

Nessun politico si è sentito in dovere di confrontarsi con questi cittadini. Al silenzio religioso dell’Amministrazione di Ladispoli risponde su un network il sindaco di Cerveteri Alessio Pascucci che da giovane ma navigato politico illustra i successi della sua Amministrazione: 40 cani fatti uscire dal canile, controlli a tappeto e sequestri. Uno stanziamento di 40.000 euro per un’area dedicata ai cani, un possibile cimitero per animali e addirittura un eco parco per cani e gatti!
Che le Amministrazioni si adoperino insieme ai volontari per far uscire i cani dai canili  è non solo apprezzabile ma un dovere che produce un notevole risparmio per le casse comunali. Bene anche per i controlli a tappeto, anche se in realtà è un tappetino.
Il sindaco Pascucci conclude “Quando si parla di diritti (delle persone, degli animali, di tutti) la nostra Amministrazione comunale è sempre fortemente schierata!”
Il sindaco Pascucci, la delegata Rognoni e il Comandante Tortolini sanno la stima e il rispetto che ho delle loro persone, a loro, ma anche a tutti gli amministratori comunali del comprensorio, voglio dire che tutto questo è assolutamente insufficiente e non corrisponde alle reali esigenze per combattere incisivamente la piaga del randagismo.
 Facciamo uscire i cani dai canili ma soprattutto mettiamo in atto quel poco che chiedono i volontari per impedire che entrino nei canili!! Sono anni che il volontariato chiede strutture di ricovero temporaneo per accudire cani e gatti smarriti o abbandonati.
Facciamo le aree di sgambamento ma se queste sono le uniche risorse valutiamo le priorità, magari è più urgente una campagna di sterilizzazione che è la causa principale dei continui abbandoni di cucciolate canine e feline.
La ASF RMF è divisa in 4 distretti. Il distretto F2 è l’unico che non ha un ambulatorio chirurgico veterinario. Questo comporta notevoli difficoltà logistiche per i volontari che si occupano della cura delle colonie feline.
La finalità della lotta al randagismo non è quella di costruire canili ma di fare in modo che i canili siano solo un ricordo del passato. Mentre pensiamo a progetti ambiziosi di eco parchi sarebbe bene dare ai volontari gli strumenti per incidere efficacemente sul randagismo!
Gli sportelli per i diritti degli animali gestiti da associazioni di volontariato sono sportelli informativi dove i cittadini possono trovare risposte sulle normative e i regolamenti comunali, un punto d’incontro tra i cittadini, il volontariato e le Amministrazioni.
 Altra cosa è l’Ufficio Tutela Animali comunale  che è sotto la responsabilità di un responsabile amministrativo nominato dal sindaco. Ufficio che si deve occupare di segnalazioni, esposti e denunce relativi a maltrattamenti e dare risposte nei casi di non rispetto dei regolamenti comunali.
I cittadini e le Associazioni che si rivolgono all’ Istituzione Comunale devono trovare un’interfaccia che conosca leggi e regolamenti comunali.
Concludo invitando Sindaci, Giunte e Consiglieri comunali ad ascoltare la voce del volontariato animalista che è quello che sta sul campo e a cui si ha il dovere di dare risposte concrete. 

Vincenzo Vona                                

Litorale

Civitavecchia, controlli a tappeto per il Ferragosto: pioggia di sanzioni

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Civitavecchia (RM) – I Carabinieri della Compagnia di Civitavecchia e dei Comandi dipendenti in coincidenza del fine settimana di Ferragosto, ottemperando alle direttive del Comando Provinciale Carabinieri di Roma, hanno ulteriormente incrementato le attività di controllo sul litorale nord della provincia romana.Le attività, mirate a garantire maggior sicurezza ai residenti e ai vacanzieri, hanno consentito di identificare oltre 200 persone e controllare 120 veicoli, elevando oltre 30 sanzioni al Codice della Strada. Denunciate inoltre 5 persone, a vario titolo, per guida in stato di ebbrezza alcolica e guida reiterata con patente revocata. A Santa Marinella, i Carabinieri della locale Stazione hanno anche denunciato due uomini, in evidente stato di ebbrezza alcolica, individuati quali presunti responsabili di alcuni tentativi di furto a bordo di autovetture in sosta sulla pubblica via. In un caso sarebbero riusciti a rubare un paio di occhiali da sole e alcune chiavi Dovranno dunque rispondere di furto aggravato e tentato furto in concorso.Tra i comuni di Ladispoli e Cerveteri, i Carabinieri hanno trovato 6 persone in possesso di modica quantità di stupefacenti, tra hashish e marijuana, e li hanno segnalati alla Prefettura – U.T.G. di Roma, quali assuntori.Nel comune di Fiumicino, soprattutto nella località Passoscuro, affollatissima in questi giorni di vacanze, i Carabinieri della locale Stazione hanno invece concentrato la propria attenzione sul fenomeno delle serate danzanti presso i lidi balneari che, talvolta, si trasformano in vere e proprie discoteche non autorizzate a cielo aperto. Nel corso delle verifiche i gestori di due attività sono stati sanzionati, per oltre 1.500 euro ciascuno, ed è stata disposta anche la sanzione accessoria dell’immediata cessazione dell’attività svolta senza alcuna autorizzazione o licenza comunale. Analoghi servizi proseguiranno anche nei prossimi week-end al fine di garantire un sano divertimento a tutti i frequentatori della zona.

Continua a leggere

Cronaca

Campagnano, maltratta e perseguita due donne. Era stato appena scarcerato

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Nel pomeriggio del 12 agosto 2022 i Carabinieri della Stazione di Campagnano di Roma, in esecuzione dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari di Tivoli su richiesta di questa Procura, hanno arrestato un 40enne, già noto alle forze dell’ordine, gravemente indiziato di atti persecutori e maltrattamenti nei confronti di due donne.

L’uomo, che in passato era già stato arrestato e condannato per gli stessi reati nei confronti delle medesime vittime e di un’altra giovane ragazza, non appena scarcerato, ha reiterato i comportamenti vessatori e persecutori nei confronti delle donne, in particolare con messaggi intimidatori anche tramite social network, nonché presentandosi in più occasioni fuori dall’abitazione di una delle due.Le ragazze hanno subito negli anni condotte violente che si ripetevano anche in occasione dei permessi d’uscita di cui lo stesso fruiva nel periodo di detenzione in carcere.

Il supporto delle famiglie e la professionalità dei Carabinieri hanno incoraggiato le vittime a denunciare le violenze fisiche e psicologiche subite, consentendo alla Procura della Repubblica di Tivoli di chiedere ed ottenere un tempestivo provvedimento restrittivo.

L’indagato sarà nuovamente associato in carcere in attesa di giudizio.Si dimostra ancora una volta l’alto tasso di recidiva degli uomini maltrattante perfino dopo l’espiazione della pena in carcere.Occorrono strumenti di controllo per verificare se il carcere ha raggiunto l’obiettivo della risocializzazione ovvero se gli uomini maltrattante usciti dal carcere proseguono, come accade nell’85% dei casi, nell’aggredire la stessa vittima.La procura di Tivoli da tempo richiede e ottiene misure di prevenzione a tutela delle donne in questi casi In modo tale che l’uomo all’atto della scarcerazione viene sottoposto alla sorveglianza speciale di pubblica sicurezza e al divieto di avvicinamento alle persone offe. Nel caso in esame la procura di Tivoli non era informata di questa scarcerazione

Continua a leggere

Castelli Romani

Velletri, maltratta la madre per mesi e le estorce soldi

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

ROMA – I Carabinieri della Stazione di Velletri hanno eseguito un’ordinanza di applicazione di misura cautelare in carcere, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Velletri su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti di un cittadino italiano di 46 anni ritenuto responsabile dei reati di maltrattamenti in famiglia ed estorsione ai danni della madre di 71 anni.La vittima ha denunciato ai Carabinieri di aver subito per mesi (in particolare nel corso di questa estate, tra giugno e agosto) numerosi episodi di vessazioni che, talvolta, sono sfociati in richieste di somme di denaro mediante ripetute minacce. L’ultimo di questi fatti si è verificato lo scorso 8 agosto quando i Carabinieri sono dovuti intervenire per l’ennesima lite tra madre e figlio. In tale frangente la donna, minacciata con un coltello e costretta ad assistere al danneggiamento degli arredi della propria abitazione, ha deciso di presentare formale denuncia-querela che, collegata agli elementi raccolti nell’immediatezza dei fatti, è stata utile ad attivare la cosiddetta procedura del “codice rosso”.Il pronto intervento dei Carabinieri e della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Velletri ha consentito di raccogliere in breve tempo i gravi indizi di colpevolezza richiesti per l’emissione della misura cautelare in carcere.Eventi come quello appena descritto, annoverabile tra i tanti casi di maltrattamenti in famiglia che si verificano tra le mura domestiche, fanno comprendere, ancora una volta, quanto sia importante che la vittima si rivolga alle Autorità competenti. La capacità di ascolto offerta alla vittima, la corretta attuazione delle procedure, la sinergia tra Forze dell’Ordine e Autorità Giudiziaria, sono elementi che portano a interrompere per tempo condotte come quelle appena descritte.L’indagato è da ritenersi presunto innocente in considerazione dell’attuale fase del procedimento – indagini preliminari – fino a un definitivo, eventuale, accertamento di colpevolezza con sentenza irrevocabile.

Continua a leggere

I più letti