Connect with us

Cronaca

COSA NOSTRA PAGA IL MUTUO ALLA DONNA DEL BOSS: ECCO I DETTAGLI DELL'OPERAZIONE ANTIMAFIA DI PALERMO

Clicca e condividi l'articolo

All'alba di oggi hanno arrestato 37 persone, la 38esima è ancora ricercata

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Redazione

Un boss dei boss, un "super boss", come lo definiscono gli investigatori: e' il ruolo svolto da Paolo Calcagno, reggente del mandamento di Porta Nuova, tra i fermati dell'operazione dei carabinieri di Palermo 'Panta Rei'. Calcagno, spiega il colonnello Salvatore Altavilla, comandante del reparto operativo del comando provinciale, "anche per la carica assunta e per il prestigio che Porta Nuova ha sulle altre famiglie, viene considerato una sorta di super capo, chiamato a dirimere le controversie esistenti pure in altri territori e mandamenti, anche al di fuori della citta'". Per l'ufficiale "gli arresti di oggi dimostrano come l'economia palermitana sia ancora condizionata da Cosa nostra. Sono in tutto 27 le estorsioni accertate, di queste 14 nei confronti di commercianti che operano nel centro di Palermo e 9 fuori dal territorio cittadino. Va comunque sottolineato che gli operatori economici hanno collaborato, denunciando o ammettendo il ricatto mafioso". L'organizzazione mafiosa, conferma Altavilla, "puntava anche al controllo del mercato ittico di Palermo, imponendo prezzi anche alle singole bancarelle e tendendo a far sparire dal mercato le ditte concorrenti a quelle sottoposte al controllo della mafia"

Cosa nostra paga il mutuo alla donna del boss, ritenuta la nuova capo cosca del mandamento di Porta nuova, Teresa Marino. È quanto emerge dall'operazione antimafia 'Panta Reì dei Carabinieri del Comando provinciale di Palermo che all'alba di oggi hanno arrestato 37 persone, la 38esima è ancora ricercata. Gli investigatori lo hanno scoperto anche grazie alle numerose intercettazioni registrate negli ultimi mesi durante l'indagine coordinata dalla Dda di Palermo. In particolare, gli inquirenti fanno riferimento a un dialogo il cui «contenuto risultava di estremo interesse, poiché si aveva piena contezza del fatto che a Teresa l'organizzazione mafiosa stesse addirittura pagando il mutuo di un'abitazione». Circostanza già emersa nel corso di un'altra conversazione del 23.05.2014 «in cui Teresa raccontava al genero Angelo De Simone che Paolo Calcagno aveva investito Alessandro Bronte di prendersi carico di tale incombenza». «Dal contenuto di questa conversazione, emergeva che il mutuo era stato acceso attraverso una prestanome compiacente che però si lamentava di essere stata ricompensata con pochi spiccioli e stava creando qualche problema che un altro interlocutore prontamente prospettava a Teresa», come scrivono i magistrati nel provvedimento di fermo. «Fabio D'Alia le diceva che quel giorno la donna non si era presentata in banca e aveva anche »sbagliato« a parlare al telefono, tanto da costringerlo a interrompere la chiamata: »…me ne sono andato in banca …inc… e ho fatto tutte cose senza di lei, però cosa devo fare con questa? Ci devo andare, cominciò a parlare pesante pure per telefono e io gli ho chiuso il telefono«, emerge da una intercettazione. Teresa Marino ascoltati i fatti, »immediatamente ordinava a Fabio di andare presso l'abitazione della donna per risolvere la faccenda («…tu ora lo sai dove devi andare? A limite ci vai a casa…» e «..ci vai con cosa… ci fai chiamare i maschi..»)

Teresa Marino, moglie del boss Tommaso Lo Presti, è la figura che fa da tramite tra il capomafia di Porta Nuova recluso al 41 bis e gli uomini della cosca. Fino a "reggerne" le sorti in prima persona. Lo sostengono i magistrati della Dda di Palermo. "La Marino – si legge nel provvedimento di fermo dell'operazione 'Panta Rei' eseguita dai carabinieri del comando provincia di Palermo contro i clan di Porta Nuova e Bagheria – in maniera indiretta, fungeva da 'faro' sugli odierni assetti del mandamento di Porta Nuova di cui lei era parte pienamente attiva, delineandone le gerarchie, le vicende criminali e le azioni delinquenziali che lo caratterizzano e ne rappresentano la fonte di sostentamento". Una certezza investigativa raggiunta grazie anche agli investigatori dell'Arma che sono riusciti a piazzare cimici in casa del boss, in via Cipressi a Palermo, riuscendo a "captare" incontri e conversazioni di assoluto rilievo. "Le prime conversazioni intercettate si rivelavano, immediatamente, di rilevante interesse – si legge – sia per il loro contenuto sia per la presenza, quali interlocutori, di soggetti di notevole interesse operativo. Quest'ultimo aspetto, infatti, avvalorava quanto premesso e denotava la piena organicita' della Marino al sodalizio delle cui vicende si occupava attivamente". Nel salotto di casa Lo Presti, nel giugno 2004 la Marino parla con Alessandro Bronte uno dei fermati, e ribadisce l'interesse del mandamento per gli stupefacenti. La donna boss sottolinea il suo peso "decisionale" rivestito all'interno del mandamento quando, per tranquillizzare il suo interlocutore e garantirgli la piu' ampia copertura del suo operato nel traffico di droga, gli dice che bastera' che ai sodali riferisca che aveva parlato con lei: "Al limite male che vada vieni a sapere cose, me l'hai detto a me per dirglielo non ti creare problemi…", "se questa e' una cosa che… tu falla… al limite me lo hai detto a me… gli dici no… glielo devo dire lui…"

Cronaca

Macerata, ristruttura casa e trova armi pesanti sotto il pavimento

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

MACERATA – Ristruttura casa e sotto il pavimento del garage trova un vero e proprio arsenale risalente al secondo conflitto mondiale: 8 bombe a mano, due mitragliatrici Thompson di fabbricazione americana con 6 caricatori, un mitragliatore B.a.r. di fabbricazione americana, una mitragliatrice Mp 40 di fabbricazione tedesca con tre caricatori, 2 caricatori a banana e numerosissimo munizionamento vario cal. 9; 45 e 7.62.

E’ successo a Cingoli in provincia di Macerata dove il proprietario dell’immobile ha subito allertato i carabinieri del posto che hanno immediatamente isolato e vigilato l’intero perimetro chiedendo il supporto dei colleghi del Nucleo Artificieri e Antisabotaggio del Comando Provinciale di Ancona che hanno poi messo in sicurezza il materiale bellico rinvenuto e bonificato tutta la zona.

Tutto il materiale è stato posto sotto sequestro e messo a disposizione della Procura della Repubblica di Macerata.

Continua a leggere

Cronaca

Roma, non accetta la fine della storia d’amore e colpisce con una testata la ex

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

ROMA – I Carabinieri della Stazione Roma San Paolo hanno denunciato a piede libero un 36enne romano con le accuse di percosse e maltrattamenti contro familiari o conviventi.

I militari, in transito in vicolo di Grotta Perfetta, hanno visto una discussione particolarmente animata tra un uomo e una donna e sono subito intervenuti per sedare gli animi.

I Carabinieri hanno appurato che pochi istanti prima, la donna – una 40enne originaria di Milano – mentre era in compagnia della figlia di 11 anni avuta da una precedente relazione, aveva avuto una violenta discussione in casa con il suo ex compagno, durante la quale era stata colpita al volto da una testata.

La vittima, prima dell’arrivo dei Carabinieri, stava tentando di raggiungere la sua auto, insieme alla figlia, per scappare dalla furia del 36enne.

Gli accertamenti dei Carabinieri hanno permesso di appurare che il 36enne non ha mai accettato la decisione della donna di interrompere la loro relazione sentimentale, iniziata nel mese di gennaio del 2020.

Visitata dal personale del 118, la donna ha rifiutato le cure mediche e non ha voluto sporgere querela per le percosse ricevute.

Ai militari non risultano pregressi episodi dello stesso genere.

Continua a leggere

Costume e Società

1000Miglia, Polizia Stradale al fianco dei partecipanti fino alla tappa finale

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

61 poliziotti con 32 moto, 10 auto, un furgone per il trasporto di materiale, un carro soccorso per eventuali esigenze assicurerà il servizio di scorta e sicurezza della gara d’epoca

Partita ieri la più celebre corsa d’auto d’epoca del mondo, la “1000Miglia” e come sempre la Polizia Stradale sarà al fianco dei partecipanti fino alla tappa finale del 19 giugno.

La prima tappa parte da Brescia e raggiungerà Viareggio, il giorno dopo la carovana riprenderà la corsa per raggiungere Roma e ripartire poi alla volta di Bologna; l’arrivo sarà a Brescia il 19 giugno.

I 61 poliziotti con 32 moto, 10 auto, un furgone per il trasporto di materiale, un carro soccorso per eventuali esigenze assicurerà il servizio di scorta e sicurezza della gara d’epoca che quest’anno, pur rispettando il tradizionale percorso da Brescia a Roma e ritorno, per la prima volta invertirà il senso di marcia.

Insieme alle 400 auto d’epoca partecipanti, ci saranno anche le nostre Alfa Romeo Giulia, la Lancia Flaminia e l’Alfa Romeo Giulietta; la nostra Lamborghini Huracan prenderà invece parte alla “1000 Miglia” Experience con le spettacolari Supercar e hypercar moderne.

La Lancia Flaminia Berlina del 1961 ha un motore V6 a benzina, 80 cavalli, 4 marce e 2.5 cc di cilindrata e può raggiungere i 160 chilometri orari; l’Alfa Romeo Giulietta 1300TI del 1961 ha un motore a 4 cilindri a benzina, un cambio a 4 marce, 65 cavalli e può raggiungere i 155 chilometri orari mentre l’Alfa Romeo Giulia Super 1600TI del 1974 ha una cilindrata di 1570 cc ha un’alimentazione a benzina e 5 marce.

Continua a leggere

I più letti