Connect with us

Editoriali

Elezioni 2018, al via i saldi di fine legislatura: voti uno ne prendi tre

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 4 minuti
image_pdfimage_print

Mai nella storia d’Italia, da quando i padri costituenti con il decreto legislativo luogotenenziale n. 74 del 10 marzo 1946 indissero le elezioni per la prima legislatura che si tennero il 18 aprile 1948, una campagna elettorale fu così caotica, così vuota di contenuti e così affollata da liste e listarelle di sprovveduti, di sconosciuti, di digiuni da qualsiasi conoscenza dello stato socio-economico del paese.

Durante le elezioni del 1948 per la prima legislatura i partiti in lizza furono solo tre:

la Democrazia Cristiana rappresentata dall’allora presidente Alcide De Gasperi, il Fronte Popolare Democratico con primo in lista il segretario Palmiro Togliatti e l’Unità Socialista con in cima alla lista Ivan Matteo Lombardo. Oggi sono ben 103 simboli, un vero ballo del qua qua (ra) qua composto da paperi e papere che sanno solamente fare qua qua più che qua qua. Sono liste piene di contendenti vuoti a perdere. Quelle prime elezioni del ‘48 si possono accomunare con quelle odierne solo per il fatto che i partiti principali si presentano divisi come si presentarono allora i socialdemocratici freschi di una scissione avvenuta un anno prima, guidata da Giuseppe Saragat. Oggi i “Saragat” sono più di uno e si identificano in Orlando, Bersani, Cuperlo, Civati e tanti altri ancora. Ma se la sinistra piange, la destra non ride, anche questa è lacerata tra gli ex missini, i liberali e qualche nostalgico monarchico. Tempi passati che non ritorneranno più. Vivono solo nei ricordi di pochi. Allora l’affluenza registrava il record del 92,9% e nel 1948 stravinse la Democrazia Cristiana. Altri tempi, altra politica, altri statisti.

Oggi chi ci capisce qualcosa è bravo

Nel seggio elettorale sventoleranno 103 simboli, una lenzuolata apparentemente di liste distinte però in sostanza, a giochi fatti, si raggrupperanno secondo riti e convenienze prestabilite e dopo il 4 marzo rincaseranno. L’ignaro elettore che deciderà di votare Renzi, per esempio, dopo avrà la sorpresa di trovare incartato nell’involucro un Tabacci e una Bonino. Chi si aspettava l’abolizione dell’odiato abbonamento tv e un bonus di 80 euro per ogni figlio minorenne, al loro posto troverà uno Ius Soli e il biotestamento perfezionato. Qualcun‘altro scommetterà su Berlusconi, lusingato dall’idea dell’abolizione della tassa sulla prima casa e quella sull’auto. Grande sarà la sua delusione nel trovare la Brambilla con i suoi gatti e cani, impegnatissima a difendere il loro welfare. Chi invece poserà l’occhio su Di Maio, aspettandosi lo stipendio di cittadinanza, potrebbe avere l’amara sorpresa di trovare, brillando tra le cinque stelle le lune della Boldrini e di Pietro Grasso, trainando barconi pieni di clandestini dalle sponde africane.

L’hanno chiamato “rosa-tellum” e come tutti i romanzi rosa, i più intricati, anche questo, come intrighi, misteri e nodi da sciogliere ne ha a iosa

Al Nazareno, si è venuto a sapere, che domenica c’è stata la notte dei coltelli. Urla e spinte, esclusioni e dimissioni, rinunce e delusioni. L’agenda prevedeva l’assegnazione dei candidati alle liste. Renzi ha superato se stesso. Un milanese nella lista a Palermo e una fiorentina a Bolzano. Un finimondo. A nulla è valso lo sforzo immane dei pacificatori. Matteo si è barricato dietro un drappello dei suoi fedeli. La mattina dopo si contavano i caduti sul campo. A girare in mezzo ai caduti si è visto un Ugo Sposetti sputare fuoco e fiamme contro Renzi, un Minniti offeso e sconsolato e un D’Alema, seduto sul ciglio del marciapiedi aspettando l’avverarsi delle sue profezie. Dissenzienti, dimissionari, retrocessi, licenziati e scartati hanno tutti dichiarato di sostenere il Pd e rimandare la resa dei conti a dopo il 4 marzo. Ci sta già chi parla di un nuovo congresso e nuovo segretario.

Notte scura e senza stelle per il futuro del Parlamento

La “notte dei cristalli” c’è stata anche in casa Liberi e Uguali e il bacillo della discordia ha contaminato anche i quartieri del Centrodestra. Caratteristica di queste elezioni sono i candidati sradicati dal loro territorio ed inviati a pescare voti in acque sconosciute. Grazie a questo vergognoso stratagemma, imposto dall’alto delle segreterie dei partiti, gli elettori, che forse fino ad oggi non erano convinti, ora hanno la prova provata che il voto loro conta poco e niente perché gli equilibri del Paese si decidono nelle segreterie dei mestieranti della politica.

“Andate a votare!” Votare chi? Votare per cosa?

Simboli a non finire, liste interminabili e i posti per aspiranti deputati stanno facendo gola a tutti. Giornalisti, direttori di riviste e programmi tv, ex direttore di Tg24, figlia di un ex parlamentare missino e tutto il mondo allineato dell’informazione. Programmi elettorali, a prescindere dalle baggianate a cui non si è sottratto alcuno di loro, programmi veri e propri non si sono visti. Gli argomenti che gli italiani aspettano: lavoro-povertà-casa-immigrazione-sicurezza- sono gli assenti di questa tornata elettorale. In mezzo a questo bailamme, si muovono, alzando critiche a tutti, intorpidendo ulteriormente le già confuse idee degli elettori, listarelle e listini e come cani sciolti , si aggirano tra un partito e l’altro. Fra questi si possono incontrare Alternativa Popolare, Noi con l’Italia, poi corre Tosi, Cesa e Fitto come quarta gamba di Berlusconi. Si troveranno Rinascimento e Potere al Popolo e tanti altri ma tanti da far girare la testa e non fare capire niente a nessuno.

Sembra esaurita l’era dei magistrati in politica. Matteo Renzi ha dichiarato “È ormai finito il tempo della subalternità” e poi “Basta con la politica subalterna ai magistrati.”

Ora è iniziata l’era dei giornalisti e del mondo dell’informazione. C’è stato un tempo quando abbondava la classe medica. Non c’è pace nella politica e a forza di cambiare professionalità s’abbassa sempre più la lasticina del livello di efficienza e della competenza. La pazienza è la virtù dei forti. Tutto arriva a chi sa aspettare. Passerà questa generazione di politici improvvisati e ne arriverà, auguriamoci, una con competenze e volontà per dedicarsi al bene di questo paese.

Emanuel Galea

Editoriali

Un anno senza Silvio Berlusconi

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Era il maggio del 2016, mancavano pochi giorni alla sfida tra Beppe Sala e Stefano Parisi candidati sindaco di Milano.
Io ero un “semplice” candidato nel municipio 8 ove ero residente.
Una serata elettorale come tante io, ovviamente, giacca e cravatta come “protocollo detta”.
Si avvicina un amico e mi fa: vuoi venire a salutare il presidente?
Io tentenno – non lo nascondo, mi vergognavo un po’ – lo seguo entro in una stanza.
Presenti lui, il presidente, Maria Stella Gelmini, il mio amico ed un altro paio di persone.
Presidente lui è Massimiliano Baglioni è uno dei candidati del nostro schieramento, dice il mio amico.
Il presidente mi stringe la mano mi saluta e con un sorriso smagliante mi chiede:
Cosa pensa di me?
Ed io, mai avuti peli sulla lingua, rispondo:
Presidente non mi è particolarmente simpatico, lo ammetto, ma apprezzo in Lei quella Follia che ci unisce in Erasmo da Rotterdam.
Sorride si gira verso la Gelmini e dice:
Mary segna il numero di questo ragazzo, mi piace perché dice ciò che pensa.
Si toglie lo stemma di Forza Italia che aveva sulla giacca e lo appende sulla mia.
Non lo nascondo: sono diventato rosso.

Oggi, ad un anno dalla morte di Silvio Berlusconi riapro il cassetto della mia memoria per ricordare questo italiano che ha fatto della Follia un impero economico, una fede calcistica, una galassia di telecomunicazioni.
Conservo con cura quella spilla simbolo di  un sogno, simbolo di libertà.
Grazie ancora, presidente, ma si ricordi: non mi è, ancora oggi, simpatico.

Continua a leggere

Editoriali

Elezioni Europee 2024, vince astensione e populismo

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Due i vincitori di queste elezioni: il partito dell’astensione ed il populismo. Il primo, ormai da tempo, resta in testa come primo partito. Non elegge nessun rappresentante ma dimostra, qualora ce ne fosse bisogno, la disaffezione cronica degli italiani al voto.

Il populismo ha due nomi: da una parte Roberto Vannacci – l’uomo solo al comando continua a piacere “all’italico popolo” – dall’altra la Ilaria Salis che, dalle carceri ungheresi, si trasferirà, a “furor di popolo”, nell’emiciclo del Parlamento Europeo.

La dimostrazione che ormai le campagne elettorali sono più figlie di fatti personali, un libro ed un processo, che programmi concreti. Chissà cosa avrebbero pensato Robert Schuman, Konrad Adenauer ed Alcide De Gasperi di questo risultato?

Che idea, anche stavolta, si farà l’Europa che conta dei nostri Eurodeputati?
Ricordo, anni fa, l’educazione ed il rispetto di un uomo eletto al parlamento europeo che rinunciò, dapprima, all’immunità affrontando il processo e poi si dimise tornando agli arresti: un uomo d’altri tempi ed altra cultura, giornalista e liberale … si chiamava Enzo Tortora.

Ma un fatto resta davvero interessante da valutare: in Francia Marie Le Pen o meglio, il suo partito, Rassemblement National, vince le elezioni ed il presidente, Emmanuel Macron serra le fila antidestra chiamando i francesi al voto.

Continua a leggere

Editoriali

Europa alle urne: ecco gli scenari che si potrebbero aprire nel post elezioni

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

L’Europa si prepara a uno degli eventi più significativi del suo calendario politico: le elezioni europee. In tutti i 27 Stati membri, i cittadini sono chiamati alle urne per eleggere i rappresentanti al Parlamento Europeo, un’istituzione che gioca un ruolo cruciale nel processo decisionale dell’Unione Europea. Quest’anno, con una partecipazione attesa di centinaia di milioni di elettori, queste elezioni potrebbero ridefinire il futuro politico del continente.

Quante persone sono chiamate al voto?

Si stima che circa 400 milioni di cittadini europei abbiano diritto al voto nelle elezioni del 2024. Questo rappresenta uno dei più grandi esercizi democratici al mondo, con una partecipazione che copre una vasta gamma di culture, lingue e contesti socio-economici. La varietà degli elettori riflette la diversità dell’Europa stessa, con sfide e priorità che variano notevolmente da un paese all’altro.

Gli scenari post-elezioni

Le elezioni europee non solo determinano la composizione del Parlamento Europeo, ma possono anche influenzare significativamente la direzione politica e le priorità dell’Unione Europea nei prossimi anni. Ecco alcuni scenari possibili che potrebbero emergere dal voto:

1. Ascesa della destra liberista

Come accennato in articoli precedenti, un’importante vittoria per i partiti di destra liberista potrebbe portare a un cambiamento radicale nelle politiche economiche dell’UE. Questi partiti spingono per una maggiore liberalizzazione del mercato, la riduzione delle regolamentazioni e una diminuzione del ruolo dello Stato nell’economia. Se queste forze dovessero ottenere una maggioranza significativa, ci si potrebbe aspettare un’ondata di riforme economiche volte a stimolare la crescita e la competitività.

2. Rafforzamento dei partiti verdi e progressisti

Negli ultimi anni, i partiti verdi e progressisti hanno guadagnato terreno in molte parti d’Europa, spinti da una crescente preoccupazione per il cambiamento climatico e le questioni ambientali. Se questi partiti dovessero aumentare significativamente la loro rappresentanza, l’UE potrebbe vedere una maggiore enfasi sulle politiche di sostenibilità, transizione energetica e giustizia sociale. Questo potrebbe includere misure più severe per ridurre le emissioni di carbonio, investimenti in energie rinnovabili e politiche per ridurre le disuguaglianze sociali.

3. Un ritorno al nazionalismo e al populismo

Un altro scenario possibile è l’ascesa dei partiti nazionalisti e populisti, che hanno già mostrato una notevole forza in alcuni paesi membri. Questi partiti spesso criticano l’integrazione europea e promuovono un’agenda politica che favorisce l’autonomia nazionale rispetto alle decisioni comunitarie. Se queste forze politiche dovessero ottenere un successo significativo, l’UE potrebbe affrontare nuove tensioni interne e una maggiore difficoltà nel raggiungere consenso su questioni chiave come la politica migratoria e la cooperazione economica.

4. Stabilità e continuità

Un risultato che vede una combinazione equilibrata di forze pro-europee potrebbe garantire una maggiore stabilità e continuità nelle politiche dell’UE. Questo scenario potrebbe favorire la cooperazione tra diversi gruppi politici per affrontare le sfide comuni, come la ripresa economica post-pandemica, la sicurezza comune e il rafforzamento delle relazioni internazionali dell’Europa.

Le elezioni europee del 2024 rappresentano un momento cruciale per il futuro dell’Unione Europea. Con circa 400 milioni di elettori chiamati alle urne, il risultato determinerà non solo la composizione del Parlamento Europeo, ma anche la direzione politica e le priorità dell’UE nei prossimi anni. Mentre l’Europa si prepara a questo importante appuntamento democratico, l’attenzione è rivolta agli scenari che potrebbero emergere e alle implicazioni che avranno per il continente e per il mondo intero.

Continua a leggere

SEGUI SU Facebook

I più letti