Connect with us

Politica

Elezioni politiche, prove di leadership e assestamenti al centro

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 4 minuti
image_pdfimage_print

Coalizioni senza pace a due mesi dal voto. Meloni avverte il centrodestra: ‘Senza accordo sulla premiership l’alleanza per governare insieme è inutile’.

‘Chi ha un voto in più indica il premier’, afferma Salvini. Calenda presenta con Bonino il Manifesto del fronte repubblicano, apre a Letta (‘è una persona seria’), chiude a Di Maio, accoglie Gelmini e incontra a sorpresa Renzi: ‘Come premier c’è solo Draghi’. ‘Il tema non è in agenda’, risponde il Pd. Forza Italia perde altri pezzi: lasciano le deputate Annalisa Baroni e Giusy Versace e l’assessore lombardo Mattinzoli. Zingaretti pronto a candidarsi al Parlamento, il Lazio verso il voto nel 2023: ‘Si riproponga il campo largo per vincere’, dice.

Le regole ci sono e vanno rispettate. Giorgia Meloni va giù dritta e manda un messaggio chiaro a Silvio Berlusconi e Matteo Salvini: senza un accordo sulla premiership “non avrebbe senso andare al governo insieme”. Una presa di posizione chiara, quella della leader di Fratelli d’Italia su un tema che rischia di mettere in discussione l’alleanza di centrodestra prima ancora dell’avvio ufficiale della campagna elettorale. E proprio per evitare spaccature quando la campagna elettorale è solo all’inizio a sminare la tensione ci prova Matteo Salvini: “Lasciamo a sinistra divisioni e litigi. Chi avrà un voto in più avrà l’onore e l’onere di indicare il premier. Per quanto ci riguarda, siamo pronti a ragionare con gli alleati sul programma di governo partendo da tasse, lavoro, immigrazione e ambiente”.

Parole che vanno incontro a quanto sostenuto dalla leader di Fdi: “Confido che si vorranno confermare, anche per ragioni di tempo, regole che nel centrodestra hanno sempre funzionato – ribadisce Meloni – e che noi abbiamo sempre rispettato e che non si capisce per quale ragione dovrebbero cambiare oggi”. Che il tema alzi il livello di tensione è ormai evidente tanto che nel vertice convocato per mercoledì nel tardo pomeriggio alla Camera i tre leader ne dovranno comunque discutere. Difficile convincere Fratelli d’Italia a cambiare posizione e magari aprire all’ipotesi, circolata nei giorni scorsi e sostenuta anche da Berlusconi, che a scegliere il premier siano gli eletti dei tre partiti. E’ pur vero che la legge elettorale non prevede che ci sia l’indicazione del candidato alla presidenza del Consiglio nel momento in cui si presentano le liste, ma è evidente che Fdi non sembra disposto a modificare quanto stabilito anche nelle precedenti elezioni quando il centrodestra si recò da Mattarella a chiedere che venisse conferito l’incarico a Matteo Salvini. La Lega infatti era il partito che aveva preso più voti tra quelli della coalizione. Berlusconi, Salvini e Meloni ne discuteranno mercoledì insieme all’altro nodo, non da poco, che i tre sono chiamati a risolvere e cioè la suddivisione dei collegi. Anche qui la regola non scritta che i partiti si erano dati era quella di dividere i posti facendo una media degli ultimi sondaggi. Ma, se da un punto di vista tecnico, nessuno avrebbe da ridire, il problema semmai è dividere i collegi nelle varie regioni: Prima del numero – è il ragionamento che fanno ad esempio gli azzurri – è capire dove abbiamo i collegi, perchè se ad esempio sono tutti in Regioni dove le nostre percentuali sono basse allora diventerebbe un problema.

Azione e Più Europa lanciano il Patto Repubblicano, la premessa di una coalizione che apra anche ad alcuni big usciti da FI e si proponga alle prossime politiche in continuità con l’azione di Mario Draghi. E’ lui, secondo Carlo Calenda, l’unica persona che “bisogna tenere a fare il presidente del Consiglio”, non altri. Il riferimento sottotraccia è all’ipotesi di Enrico Letta candidato premier del centrosinistra. Così, a stretto giro, il Nazareno replica alla stoccata: “Noi non siamo la destra che litiga su Palazzo Chigi e sugli incarichi prima ancora di fare le liste. Nessuno può avere dubbi su ciò che pensano Letta e il Pd su profilo e caratura di Draghi. Ma non è un tema in agenda ora”. Dal fronte degli ex forzisti, che di giorno in giorno si ingrossa sempre più, si fa avanti la ministra Mariastella Gelmini che propone un incontro a Carlo Calenda: “L’agenda Draghi è quello che serve all’Italia. Io ci sono”. Il leader di Azione non se lo fa ripetere due volte: “Con grande piacere”. Intanto, la titolare del Sud Mara Carfagna, formalmente ancora nei ranghi di Forza Italia, continua il periodo di riflessione approfondita sul suo futuro, ma chi la conosce scommette che a stretto giro anche lei ufficializzerà l’addio a Silvio Berlusconi. Azione la aspetterebbe a braccia aperte. “Sono sicura che Mara prenderà la decisione giusta, quella di continuare a contribuire al nostro grande progetto”, dice la delegata forzista ai rapporti con gli alleati, Licia Ronzulli. Parole che attestano lo sforzo in atto dentro FI per evitare un altro divorzio pesante. Chi ha già lasciato gli azzurri, ma non ancora svelato le sue carte è Renato Brunetta. Da registrare la chiara analogia tra “l’unione repubblicana per salvare il paese” lanciata dal titolare della Pa e, meno di 24 ore dopo, il “Patto repubblicano” presentato alla Stampa Estera. Per capire che il progetto in questione si collocherebbe nell’area del centrosinistra, basta incrociare aperture e veti. “Da 24 ore è iniziata la prima interlocuzione col Pd che in questi anni ha preferito altri interlocutori, il M5s e l’estrema sinistra, ad esempio”, spiega la senatrice di Più Europa Emma Bonino. Per il resto, i paletti sono chiari: no “a chi ha fatto cadere Draghi”, dunque M5s, Lega e FI. Luigi Di Maio? “Non so di chi lei stia parlando”, taglia corto Calenda. La replica del leader di Insieme per il futuro non si fa attendere: “Le coalizioni sono fondamentali per stare uniti contro gli estremismi. Essere uniti, fra coloro che hanno provato a salvare il governo di unità nazionale, è un valore”.

Castelli Romani

Rocca Priora, ufficializzata la giunta a guida Claudio Fatelli

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Nasce la giunta di Claudio Fatelli ma nello stesso tempo divampano dalla piazza e dai social numerosi polemiche.
L’ anomalia, a leggere i commenti, risiederebbe nel vicesindaco che, seppure non eletto in Consiglio Comunale, riceve una carica di prestigio negli stessi giorni in cui il Senato approva, in prima lettura, la cosiddetta legge sul Premierato commentata dalla stessa premier, Giorgia Meloni, con le seguenti parole: “… un primo passo per rafforzare la democrazia, dare stabilità alle istituzioni, mettere fine ai giochi di palazzo e restituire ai cittadini il diritto di scegliere da chi essere governati …”.

Nel dettaglio le deleghe attribuite con decreto del Sindaco n. 2 del 19 giugno 2024;
Giuseppe Mariani vicesindaco con deleghe ai lavori pubblici e infrastrutture, mobilità e viabilità; politiche Sanitarie e casa della salute;
Federica Lavalle assessore alle politiche sociosanitarie, welfare, politiche culturali e scolastiche, marketing territoriale e turismo, politiche per la terza età, politiche giovanili , politiche di partecipazione cittadina, sport;
Flavia Testa assessore al bilancio e programmazione, personale e formazione interna, sviluppo economico, attività produttive, commerciali e mercati, informatizzazione e digitalizzazione dell’ente, rapporti internazionali scambi e gemellaggi;
Flavio Pucci assessore all’urbanistica e territorio, manutenzione del patrimonio comunale, manutenzione stradale e decoro, valorizzazione centro storico, sicurezza e protezione civile;
Daniele Pacini assessore alle politiche ambientali e ciclo dei rifiuti, patrimonio mobiliare e immobiliare comunale, valorizzazione dei beni confiscati, politiche di decentramento dei servizi, parchi e giardini.

Lo stesso sindaco, in un comunicato diffuso dalle pagine dell’ufficio stampa, dichiara inoltre che “… giovedì celebreremo il primo Consiglio Comunale nel quale eleggeremo anche il presidente del Consiglio Comunale che, per investitura unanime, sarà il consigliere Franco Spoto …”.

Alla nuova giunta di Rocca Priora giunga l’augurio di un buon lavoro

Continua a leggere

Esteri

Vertici UE, Ursula von der Leyen in pole position

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 3 minuti
image_pdfimage_print

Intesa rimandata al primo euroconclave chiamato a scegliere i vertici nella nuova legislatura.

Nessuna decisione formale era prevista, questo è vero, però ci si aspettava un accordo quantomeno di massima sullo schema, perché la rosa di nomi proposti per i top jobs era giudicata sostanzialmente solida. “Abbiamo una direzione giusta ma in questo momento non c’è accordo”, ha detto il presidente del Consiglio Europeo Charles Michel al termine della cena dei leader. “È nostro dovere concludere entro la fine del mese”, ha poi rassicurato.

La quadriglia prevede Ursula von der Leyen confermata alla Commissione sulle ali del trionfo alle elezioni del Ppe, il socialista portoghese Antonio Costa al Consiglio, la liberale estone Kaja Kallas al ‘ministero degli Esteri’ Ue. La conferma di Roberta Metsola al Parlamento – che però sceglie in autonomia – completa il quadro. I Popolari, poco prima dell’inizio del vertice informale, hanno avanzato però la richiesta di cambiare il colore politico della casella al Consiglio a metà mandato, come accade per l’Eurocamera. Una mossa che potrebbe complicare le cose ma che andrebbe letta nella logica delle trattative sull’intero esecutivo blustellato, con le vicepresidenze comprese. Insomma, pensare di poter chiudere la partita prima di essere giocata era eccessivo.

“Non è mio compito convincere Meloni, abbiamo già una maggioranza con Ppe, liberali, socialisti e altri piccoli gruppi, la mia sensazione è che sia già più che sufficiente”, aveva sottolineato già a ora di pranzo il premier polacco Donald Tusk (uno dei due negoziatori popolari) a chi gli chiedeva se ci fossero altri equilibri di cui dover tenere conto.

“È chiaro che in Parlamento non deve esserci alcun sostegno per il presidente della Commissione che si basi su partiti di destra e populisti di destra”, è stato invece il muro eretto dal cancelliere tedesco Olaf Scholz, secondo cui le elezioni europee “hanno portato una maggioranza stabile” delle stesse forze politiche “che finora hanno lavorato a stretto contatto in Parlamento.

“Viviamo in tempi difficili ed è importante sapere presto cosa succederà in Europa”, ha aggiunto. Il senso di urgenza è condiviso da molti. La logica, spiegano diverse fonti, è quella del pacchetto. La quadriglia è frutto di calcoli alchemici che tengono conto dei voti, dei profili, delle aree geografiche: se si modificano gli addendi, il risultato cambia eccome. La danese Mette Frederiksen, indicata nel pre partita papabile alla presidenza del Consiglio Europeo, si è tirata fuori dalla mischia. “Io – dice – non sono una candidata: Costa è un ottimo collega della famiglia socialista”.

Poi certo, la perfetta sintonia – ed è normale – non c’è ancora. Il presidente slovacco, Peter Pellegrini, sostituto del primo ministro Robert Fico, in convalescenza dopo il tentato omicidio, ha esortato “a stare molto attenti a chi rappresenterà l’Unione europea e la Commissione a livello internazionale, per non creare ancora più tensione di quanto non ve ne sia già”. Un chiaro riferimento a Kaja Kallas, la lady di ferro dell’est, arcinemica di Mosca. 

Detto questo, la prima tessera del mosaico è ovviamente la guida di palazzo Berlaymont. Qui però la domanda è solo una. Cosa farà Giorgia Meloni? Qual è la sua strategia per andare a punti? Nel pre vertice ha incontrato l’ungherese Viktor Orban, che sibillino aveva definito la situazione “ancora fluida”. “Non vedo voci” in seno al Consiglio “che possano mettere in discussione il nome di von der Leyen”, ha affermato però il primo ministro croato Andrej Plenkovic al termine del vertice riferendo di “un dibattito positivo” tra i capi di Stato e governo. Proprio Orban, peraltro, è andato oltre. “Il Ppe – giura il magiaro – invece di ascoltare gli elettori alla fine si è alleato con i socialisti e i liberali: hanno fatto un accordo e si sono divisi i posti di comando dell’Ue”.

Ma è un fatto che dei voti in più all’Eurocamera a Ursula farebbero ben comodo, perché la conferma dei deputati è obbligatoria e in questo passaggio c’è la preferenza segreta (anche se resta aperta l’opzione dei Verdi come stampella). “Ora dobbiamo lasciar marinare le cose”, ha commentato il presidente francese Emmanuel Macron aggiungendo di ritenere l’accordo finale “vicino”. Macron ha tuttavia sottolineato che l’intesa potrebbe non arrivare prima delle elezioni francesi (che si terranno il 30 giugno e il 7 luglio). “Non è comunque il nostro obiettivo”, ha comunque assicurato. 

Continua a leggere

Castelli Romani

Rocca Priora, elezioni: Intervista a 360° ad Antonio Fioritto

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 4 minuti
image_pdfimage_print

Antonio Fioritto, classe 1967, sposato papà di Federica e Flavio, candidato al consiglio comunale di Rocca Priora per la lista Fare Rocca Priora per Claudio Fatelli sindaco.
Un incontro davvero piacevole intervallato tra mille strette di mano ed abbracci: sono anni che ci metto la faccia sia nel mio lavoro sia nella politica, ci dice con grande enfasi.
E già: dopo quattro mandati consecutivi da consigliere comunale si ripresenta per continuare a fornire la sua esperienza, la sua professionalità ed aggiunge: a chi dice che sono “vecchio” rispondo: e meno male. Ma se ancora sono uno tra i più votati è perché le persone si fidano e si affidano a me.
Da questa sua affermazione prendiamo spunto per la prima domanda: Antonio venti anni di consiglio comunale, cosa ti spinge ancora oggi a farlo?
Il mio amore per la città – ci dice con il sorriso – un amore per questo territorio. Sono animato da una voglia di FARE per la mia città per i miei concittadini.
Qualcuno imputa alle vecchie amministrazioni un immobilismo ma tu che oltre ad essere un rappresentante delle istituzioni cittadine sei anche uno dei più affermati professionisti di Rocca Priora, e non solo, cosa rispondi?
Rocca Priora ha avuto uno sviluppo davvero massiccio. È cambiata in meglio, certo esistono ancora alcune lacune da colmare, alcune strutture da potenziare ma rendiamoci pure conto che negli ultimi 30 anni è passata da poco più di 8000 abitanti a quasi 13000. Quindi parlare di un “non sviluppo” partendo da dati che provengono dall’ISTAT è davvero non voler vedere quanti sacrifici e quanto lavoro si sia prodotto dentro Palazzo Savelli.
In un incontro dove mi hai invitato come moderatore hai incentrato la serata su tre temi davvero importanti: Sicurezza, strade e presenza sul territorio. Ci dici anche qui quali sono le tue idee in tale ambito?
La presenza, come hai visto qui oggi, te la evidenzia il numero di persone che ogni giorno mi contatta ed io ho la voglia di ascoltare e di mettermi ogni volta in gioco con loro.
Lo faccio animato da uno spirito di servizio a cui sono stato educato da una sana politica. Avrai pure visto che ho creato un gruppo di lavoro con a capo quello che io definisco in modo scherzoso “il mio erede politico” Pier Matteo De Lucia, un ragazzo di 32 anni laureato in economia che frequenta un master in management aziendale. Da questo gruppo di lavoro conto di creare e di mettere a disposizione di Rocca Priora uno strumento capace di creare la classe dirigente del futuro.

Un’idea davvero eccezionale e per gli altri due punti, sicurezza e strade?
Con Claudio Fatelli (il candidato sindaco della lista Fare Rocca Priora nds) ci siamo presi un impegno solenne: completare le opere di fognature a Rocca Priora. Un impegno serio, diretto da completare in questi cinque anni. Non una sfida ma un lavoro programmato che deve essere compiuto con attenzione e rispetto nei confronti di tanti, troppi cittadini che ancora attendono l’ultimazione dei lavori.
E poi la sicurezza: oggi noi politica, noi amministratori abbiamo il dovere di garantire alle cittadine, ai cittadini, alle loro famiglie di sentirsi sicuri dentro casa e per le strade.
Terremo alta la guardia e metteremo in campo ogni strumento per aumentare i livelli di sicurezza nella nostra città.

Una provocazione, me la consenti? E se ti dico Ospedale Cartoni che mi rispondi?
Ti rispondo secco: deve tornare ad essere Ospedale vero e proprio con un suo Pronto Soccorso.
È una struttura antica ma è stata in grado per decenni di garantire a migliaia di persone una assistenza superlativa. Deve tornare ad esserlo.

Si parla tanto di Valle Latina: tu ci vivi, ci lavori quale deve essere le linee guida per questa espansione?
Al di là dell’attenzione doverosa al territorio bisogna mettere in atto ogni strumento tale da garantire innanzitutto luoghi di aggregazione, luoghi di commercio, ogni struttura che consenta un rapido collegamento con il centro storico. Compito nostro, come amministrazione, sarà quello di fare in modo che Rocca Priora venga percepita e considerata come una sola città. Centro Storico, Colle di Fuori e la Piana debbono diventare ancora di più una città unita e capace di produrre ricchezza per tutti.
Tu, nell’ultima amministrazione, sei stato assessore al Bilancio e con Claudio Fatelli, assessore ai Lavori Pubblici, avete messo in cantiere molte opere che rientrano nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, meglio noto come PNRR. Una perla il nuovo complesso scolastico. È stato difficile?
Abbiamo dovuto rimboccarci le maniche ma abbiamo messo in moto un meccanismo che consentirà a molte famiglie di poter avere una scuola all’avanguardia e che risponde a criteri di sicurezza estremamente avanzati.
Lo sai io sono un geometra e, nei limiti del possibile, ho seguito le varie progettazioni e ti posso garantire che tutto quello che è stato messo in atto lo abbiamo fatto con un solo ed unisco scopo: Rocca Priora merita il meglio e lo meritano i suoi cittadini.

Sai bene che alla fine delle domande io ti presto qualche minuto la bacchetta magica e ti concedo due desideri, uno per te e per la tua famiglia ed uno per Rocca Priora. Che mi dici?
Guarda ho letto qualche tua intervista e ti rispondo così: Rocca Priora è la mia famiglia e quindi voglio regalare questi due desideri alla mia città, per i miei cari l’augurio che mi faccio è la serenità e non credo ci sia qualcosa di più da poter chiedere. Mentre per Rocca Priora vorrei poter dire un giorno: è al top dei Castelli Romani. E come secondo desiderio, ma sul quale sto già lavorando, vorrei poter regalare uno sportello di ascolto per i cittadini in grado di poter recepire le loro richieste in modo immediato.
Hai detto “ci sto già lavorando”, cosa vuoi dire?
Pier Matteo sarà la persona che seguirà tale progetto perché il mio impegno per Rocca Priora vuole essere concreto come lo è da sempre.

Un grazie immenso ad Antonio Fioritto per l’energia e la carica che mi ha trasmesso ma mentre sto chiudendo l’intervista con lui arriva Pier Matteo De Lucia, quello che lui definisce “il suo erede” ed ovviamente non potevamo farci scappare la domanda: Pier Matteo hai una grossa responsabilità, l’erede politico di questo “vulcano” che è Antonio Fioritto.

Pier Matteo De Lucia

Ne vado orgoglioso perché è l’ennesima riprova della volontà di proseguire un progetto politico che ha rilanciato la nostra città. Lo faccio davvero con l’animo carico di energia perché Rocca Priora ha bisogno di persone in grado di FARE.

Il mio grazie si raddoppia: un grazie immenso ad Antonio Fioritto ed un grazie a Pier Matteo.

Continua a leggere

SEGUI SU Facebook

I più letti