Connect with us

Eccellenze sotto scatto

L’ambasciatore Claudio Bisogniero diventa socio ANCRI: tutti gli scatti della cerimonia

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
ROMA – L’ambasciatore Claudio Bisogniero, Cavaliere di Gran Croce al Merito della Repubblica, rappresentante permanente italiano presso la NATO a Bruxelles, diventa socio onorario dell’ANCRI. 
La tessera sociale gli è stata consegnata nel corso di una solenne cerimonia, e riporta lo stesso numero della tessera dell’ANCRI consegnata nel 2015 al padre Riccardo, scomparso 13 marzo 2018, già comandante generale dell’Arma dei Carabinieri e Capo di Stato Maggiore della Difesa.
L’ambasciatore e la sorella Laura, presente alla cerimonia, hanno poi voluto donare le Rosette e i Nastrini OMRI del padre, alla Sezione territoriale di Roma Capitale dell’ANCRI intitolata alla memoria del generale Riccardo Bisogniero,
Fra le molte autorità politiche, religiose, amministrative e militari, era presente anche il generale di Corpo d’Armata dell’Arma di Carabinieri Antonio Ricciardi Comandante del Cutfaa, il Comando Unità per la Tutela Forestale, Ambientale e Agroalimentare.
La cerimonia è stata preceduta da una messa a suffragio, presso la Cappella Paolina della Basilica di Santa Maria Maggiore, alla presenza anche del presidente dell’ANCRI Tommaso Bove, del vice presidente Domenico Garofalo, del delegato ai rapporti istituzionali prefetto Francesco Tagliente, del generale Sergio Testini presidente della Sezione romana, del delegato ANCRI Lazio Valtere Marrazzo e di centinaia di insigniti al Merito della Repubblica iscritti all’ANCRI, nonché di parenti ed amici della famiglia Bisogniero

Print Friendly, PDF & Email

Cultura e Spettacoli

Premio Nicola Fasano: tutti i premiati nella tenuta di Al Bano Carrisi

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Grande successo per l’edizione 2019 del “Premio Nicola Fasano” ideato dal ceramista Giuseppe Fasano e ospitata nella tenuta di Al Bano Carrisi.

Premiati tra gli altri AL Bano, Angelo Perrino, Francesco Schittulli, Michele e Salvatore Matarrese, Luca Montrone, Daniele Del Genio, l’Ammiraglio Donato Marzano e il prefetto Francesco Tagliente

Si è concluso con un grande successo l’edizione 2019 del “Premio Nicola Fasano” Grottaglie Città delle Ceramiche, organizzato nella tenuta di Al Bano dal vulcanico maestro ceramista grottagliese Giuseppe Fasano.

La serata, organizzata dalla giornalista Titti Battista e condotta magistralmente dalla giornalista Maria Liuzzi di TgNorba24, è iniziata con una “laudatio”, nel ricordo di Nicola Fasano e Carmelo Carrisi, da parte del prof Francesco Lenoci.

Si sono alternati in momenti di spettacolo la violinista Nancy Barnaba, l’applauditissimo duo Panama, i Terraròss, e Cinzia Tedesco.

La conduttrice Maria Luzzi e Giuseppe Fasano, tra un brano e l’altro, hanno consegnato il Premio al padrone di casa Al Bano Carrisi, all’Ammiraglio Donato Marzano, Comandante in Capo della Squadra Navale della Marina Militare; a Angelo Perrino, direttore affaritaliani.it; a Luca Montrone, presidente Gruppo Norba; all’oncologo Francesco Schittulli; a Sergio Fontana, presidente Confindustria Bari-Bat; agli imprenditori Michele e Salvatore Matarrese; a Francesco Cavallo, Presidente di Cantine San Marzano; all’avvocato martinese Angelo Lucarella; a Daniele Del Genio, presidente Cna Federmoda e patron Rossorame;. Ed ancora ai Terraross, alla Jazz vocalist Cinzia Tedesco; al duo della Band Panama; a Sabrina Cannas; a Eleonora Devitofrancesco; a Antonio Lobello, a Alberto Paglialunga; a Maria Wanda Valente e a Pino e Francesco Miola.

Il Premio al presidente Sergio Fontana, all’avvocato Angelo Lucarella e alla vocalist Cinzia Tedesco è stato consegnato dal prefetto Francesco Tagliente, già Questore di Roma

Il dinamico ideatore del Premio Giuseppe Fasano, si è confermato un autentico “vulcano” capace di mettere in evidenza le peculiarità di un’azione artistico-culturale iniziata dai suoi avi nel 1620 e tramandata da padre in figlio.

Chi ha conosciuto in vita il padre di Giuseppe Fasano, ne parla come di un artista vero, maestro su un duplice fronte: la trasmissione dell’arte ceramica ai figli e ad altri ceramisti e la capacità di dialogare con migliaia che chiedevano di visitare suo laboratorio, di conoscere dalla sua voce e di vedere plasmare con le sue mani l’amorfa argilla che, magicamente, acquistava forme e figure di grande fascino.

Tra gli invitati c’erano tantissime personalità, del mondo delle istituzioni, della cultura e dell’imprenditoria tra cui il Prefetto Francesco Tagliente con la moglie Maria Teresa Magrini Grande Ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana; Il comandante provinciale dei carabinieri di Brindisi, colonnello Giuseppe De Magistris; Il Sindaco di Cellino San Marco Salvatore De Luca, e tanti rappresentanti delle Forze armate e dell’imprenditoria come l’Imprenditore crispianese Nicola Colucci con la moglie Antonietta Greco.

E’ stata una serata anche benefica: parte del ricavato è stata devoluta all’associazione Simba, da anni impegnata nel reparto di Oncoematologia pediatrica dell’Ospedale Ss. Annunziata di Taranto.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Cronaca

Nelle tenute di Al Bano Carrisi va in scena il premio Nicola Fasano 2019

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Saranno le Tenute di Al Bano Carrisi, a Cellino San Marco, ad ospitare la terza edizione del Premio “Nicola Fasano” – Grottaglie Città delle Ceramiche.
L’ evento si terrà il prossimo venerdì 6 settembre alle ore 20 proprio nella suggestiva ed affascinante Tenuta Carrisi, circa cento ettari di terreno che parlano del legame che Al Bano ha con la terra e con la natura, della sua storia familiare ed artistica.

Dopo il grande successo riscosso lo scorso anno nella location del Parco della Civiltà a Grottaglie, gli organizzatori della manifestazione, guidati dall’instancabile promotore Giuseppe Fasano, non casualmente hanno scelto le Tenute di Al Bano come sede del Premio di quest’anno.

Al Bano e Giuseppe Fasano sono legati da un’amicizia pluridecennale che non ha interrotto il legame tra la famiglie Fasano e Carrisi, già dai tempi un cui erano in vita Nicola Fasano e Carmelo Carrisi.
Il premio prende il nome “Nicola Fasano” proprio per l’operato di quest’ultimo, vero maestro della lavorazione della ceramica e bravo soprattutto nel tramandare l’arte della ceramica ai figli e ad altri ceramisti. Oggi il figlio Giuseppe si spende per continuare a far conoscere l’arte della lavorazione della ceramica ai giovani e coltiva questa sua forte passione con dedizione ed entusiasmo.
Ad essere premiati durante la serata saranno personaggi del mondo della cultura, del commercio, dell’imprenditoria e delle istituzioni.
La serata sarà condotta dalla giornalista Maria Liuzzi.
Giampiero Laera

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Costume e Società

Crispiano, il Premio Eccellenza Donna 2019 ad Anna De Marco: “Credere sempre in quello che si decide di fare”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

“Le masserie? È stato amore a prima vista”, esordisce così Anna De Marco, guida turistica di Cento masserie in tour, donna crispianese, che grazie alla sua dedizione e alla sua capacità di valorizzare il settore turistico di Crispiano, ha ricevuto il premio Eccellenza donna 2019.
“Un premio consegnatomi davanti a gente entusiasta e in un atmosfera calorosa e di affetto” ha continuato De Marco, che si è detta meravigliata dell’accoglienza riservatagli dalla gente del posto.
Originaria di Massa Lubrense, in Campania, Anna, è dovuta trasferirsi a Crispiano dopo aver sposato un tarantino. Proprio nel territorio delle “Cento Masserie” viene ammaliata di queste ultime e decide subito di mettersi all’opera.
Da oltre quarant’anni la De Marco si spende quotidianamente in un intensa attività sul territorio grazie alla sua qualifica di guida turistica e naturalistica e di operatore di masseria didattica, rilasciate entrambe dalla Regione Puglia.
La sua ricetta? “Bisogna credere sempre in quello che si decide di fare – dice – senza mai mollare. Sono soddisfatta del mio operato e vorrei continuare a dare rilievo alle innumerevoli risorse sia storiche che culturali della provincia di Taranto e della Puglia in generale.
Il mio obiettivo – prosegue De Marco – è quello di far visitare e far toccare con mano, al maggior numero possibile di stranieri, le bellezze che il nostro territorio possiede”.

La vincitrice del prestigioso premio, attualmente gestisce il potenziamento dell’ Infopoint del comune di Crispiano, attraverso cui è possibile far richiesta online per poter condurre delle visite guidate in Masseria, con degustazioni e scoperta delle tradizionali attività che fanno parte della routine quotidiana delle diverse masserie.
“Vorrei che il mio lavoro – conclude – che sta riscuotendo molti consensi, si tramandi anche alle generazioni future e che queste ultime si interessino alla riscoperta e alla valorizzazione delle risorse della loro terra natale, proprio perché il settore del turismo pugliese può benissimo ricoprire un ruolo di primo piano a livello nazionale e può essere sfruttato dalla Regione Puglia per dare lavoro a parecchi giovani in cerca di occupazione”.

Giampiero Laera

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Settembre: 2019
L M M G V S D
« Ago    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it