Connect with us

Eccellenze sotto scatto

L’ambasciatore Claudio Bisogniero diventa socio ANCRI: tutti gli scatti della cerimonia

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
ROMA – L’ambasciatore Claudio Bisogniero, Cavaliere di Gran Croce al Merito della Repubblica, rappresentante permanente italiano presso la NATO a Bruxelles, diventa socio onorario dell’ANCRI. 
La tessera sociale gli è stata consegnata nel corso di una solenne cerimonia, e riporta lo stesso numero della tessera dell’ANCRI consegnata nel 2015 al padre Riccardo, scomparso 13 marzo 2018, già comandante generale dell’Arma dei Carabinieri e Capo di Stato Maggiore della Difesa.
L’ambasciatore e la sorella Laura, presente alla cerimonia, hanno poi voluto donare le Rosette e i Nastrini OMRI del padre, alla Sezione territoriale di Roma Capitale dell’ANCRI intitolata alla memoria del generale Riccardo Bisogniero,
Fra le molte autorità politiche, religiose, amministrative e militari, era presente anche il generale di Corpo d’Armata dell’Arma di Carabinieri Antonio Ricciardi Comandante del Cutfaa, il Comando Unità per la Tutela Forestale, Ambientale e Agroalimentare.
La cerimonia è stata preceduta da una messa a suffragio, presso la Cappella Paolina della Basilica di Santa Maria Maggiore, alla presenza anche del presidente dell’ANCRI Tommaso Bove, del vice presidente Domenico Garofalo, del delegato ai rapporti istituzionali prefetto Francesco Tagliente, del generale Sergio Testini presidente della Sezione romana, del delegato ANCRI Lazio Valtere Marrazzo e di centinaia di insigniti al Merito della Repubblica iscritti all’ANCRI, nonché di parenti ed amici della famiglia Bisogniero

Print Friendly, PDF & Email

Cultura e Spettacoli

Arti e tradizioni popolari, a Maranola torna il festival “La Zampogna”: l’appuntamento con la musica e cultura tradizionale da non perdere

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

LATINA – Tutto pronto per la XXVI edizione di “La Zampogna – Festival di Musica e Cultura Tradizionale” che si svolgerà il 16 e 17 novembre a Maranola (LT).

Il festival sarà anticipato da un concerto in anteprima a Roma, nel prestigioso Auditorium Parco della Musica, istituzione che collabora al Festival.

“La Zampogna – Festival di Musica e Cultura Tradizionale” rappresenta uno dei festival più importanti in Italia nel panorama della musica popolare e della world music ed è punto di riferimento obbligato per specialisti, musicisti e appassionati.

Questa edizione si svolge esattamente un mese prima dell’inizio della Novena di Natale. Una occasione quindi speciale per prepararsi al periodo di maggior utilizzo di questi strumenti musicali e per incontrare, nei giorni del Festival, musicisti, liutai, studiosi, organizzatori di eventi culturali, giornalisti del settore e un pubblico entusiasta, che conferma quanto sia forte ed in costante aumento, l’attenzione verso questo fondamentale strumento musicale della tradizione popolare italiana.

Molti sono gli artisti presenti nel programma di concerti e di seminari e tanti i suonatori tradizionali e giovani interpreti di zampogna e ciaramella provenienti da tante regioni italiane e dall’estero che affolleranno le strade del centro storico del paese.

Ma il Festival è anche un’occasione unica per avere un contatto diretto con alcuni tra i liutai più importanti della penisola, attivi come costruttori di zampogne, pive, ciaramelle, bombarde, tamburelli e altri strumenti tradizionali.

La mostra-mercato di liuteria tradizionale di Maranola è considerata infatti tra gli appuntamenti più rilevanti del settore e una tappa fondamentale per chi intende acquistare strumenti musicali, oggettistica tradizionale, attrezzi di uso pastorale legati al mondo della zampogna e degli zampognari.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Costume e Società

Napoli, Creattiva: la Fiera delle Arti Manuali fa il pieno di visitatori

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

NAPOLI – Partita ieri a Napoli la 9° edizione di Creattiva. Alla Mostra d’Oltremare la Fiera Nazionale per eccellenza delle Arti Manuali Napoli Creattiva, che terminerà domani.

Boom di visitatori che hanno potuto visitare ben 108 espositori provenienti da 15 regioni (dal Veneto alla Puglia, dal Piemonte alla Sicilia) ed anche quattro nazioni straniere.

La tre giorni di fiera negli anni è diventata un punto di riferimento per gli appassionati del “fai da te”, un appuntamento da non perdere che offre una visione totale del mondo dell’artigianato, dal patchwork al quilting, dallo stencil alle decorazioni, ed inoltre bigiotteria, ricamo, tombolo e tanto altro.

Napoli Creattiva è l’unica manifestazione del Sud Italia del suo genere, ed è la fiera per eccellenza delle arti manuali che mette insieme tradizione ed innovazione, i visitatori saranno immersi in un’esplosione di creatività che mette insieme il passato e il nostro presente con le nuove tecnologie.

Visitare Napoli Creattiva significa ammirare tecniche di lavorazioni in chiave contemporanea, materiali che ricordano il passato del Bel Paese, ma al passo col tempo, i nuovi materiali eco applicati ad antiche sapienze.

I visitatori nel girovagare tra gli stend dei padiglioni 5 e 6 riscopriranno il piacere di creare, oppure di acquistare pregiati manufatti, avranno modo di imparare nuove conoscenze ed anche condividere la propria esperienza. Napoli Creattiva è nata nel 2008 da Promoberg Fiera Bergamo

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Eccellenze sotto scatto

La Stazione a Campoleone: un locale di luci e di bontà

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

A dire il vero mancava una bisteccheria così nella provincia romana. Tutta illuminata si trova all’entrata di via Nettunense incrocio con via Tufello, nella frazione di Campoleone ad Aprilia. E’ tutta illuminata, mangiare all’aperto poi è piacevole perché non è buio, c’è musica di sottofondo e il personale è molto attento alle esigenze delle persone.

La carne è di ottima qualità e poi viene servita cotta alla brace con il forno a legna. Tante le varietà da scegliere nella vetrina vicino la braceria. Così la pizza, eccellente. Da provare sicuramente i primi piatti e il pesce.

Il cibo è di ottima qualità e il prezzo è buono e questo fa della Stazione un locale vincente.

C’è anche l’animazione per i bambini e se si prenota online con The fork si ha almeno il 50 per cento di sconto.

L’umanità e il calore sono poi la ciliegina sulla torta. Il proprietario Hamir è persona attenta che ci tiene molto alla cura del locale e cerca sempre di migliorare il suo locale. Davvero una persona di cuore che, tra l’altro, ha messo a lavorare al bar un ragazzo splendido, Edoardo.

Lo chef del locale si chiama Simone Buzzi, molto conosciuto e apprezzato, collabora con molteplici programmi televisivi e si fa apprezzare per tutti i piatti che sapientemente rielabora non dimenticando mai i sapori della tradizione.

La Stazione è senz’altro un locale dove tornare. Il locale da frequentare tra luci e bontà.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Novembre: 2019
L M M G V S D
« Ott    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it