Connect with us

Cronaca

Omicidio Isabella Noventa: riprendono le ricerche del corpo

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Importanti novità in merito all’omicidio di Isabella Noventa, impiegata 55enne di Padova uccisa la notte tra il 15 e il 16 gennaio scorso. Gli inquirenti hanno ripreso le ricerche del corpo nella zona di Noventa Padovana, mettendo in campo il prestigioso ausilio dei cani molecolari della questura di Palermo e della Polizia di Frontiera e del nuovissimo georadar. Tanti gli agenti che stanno minuziosamente setacciando l’area intorno a casolari e proprietà di Freddy e Debora.

Non è la prima volta che gli investigatori controllano quelle aree, in passato infatti la famiglia di Isabella Noventa aveva indicato quelle zone come possibili nascondigli del corpo e lo scorso anno erano state anche controllate. Oggi però l’approccio degli inquirenti è diverso, si tratta infatti di un controllo precipuo con l’ausilio di tecniche scientifiche mai utilizzate prima.

Nuove tecniche e approcci investigativi che tentano di far luce ad un’intrigata vicenda ancora avvolta oggi da una fitta cortina di mistero che da un lato vede l’azione giudiziaria che segue il suo corso e condanna i colpevoli, dall’altro lato una famiglia che lotta e vuole giustizia e verità ma soprattutto risposte, in mezzo c’è il silenzioso limbo dell’assenza di un corpo: elemento fondamentale nonché chiave di volta per la risoluzione del caso. Gli inquirenti hanno fatto un lavoro magistrale su tutti i fronti: hanno sequestrato soldi, hanno fatto intercettazioni, hanno svolto esami scientifici facendo sopralluoghi a casa di Freddy con risultati positivi e rilevando tracce biologiche sul pavimento della cucina; sono stati attenzionati gli 8 cellulari, 5 computer, chiavette USB e SD card di Freddy Sorgato, Debora Sorgato e Manuela Cacco.

Tante sono state le ipotesi formulate in merito alla morte di Isabella Noventa e dalle intercettazioni di Freddy è emerso che un mese prima dell’omicidio aveva chiesto informazioni ad un amico circa l’acquisto di un teaser. Anche Manuela Cacco aveva chiesto ad un amico se fosse stato possibile tenerne uno in tabaccheria. Era l’11 dicembre, precisamente le ore 9.59, quando Freddy Sorgato invia il seguente messaggio whatsapp ad un amico: “Ciao Mike, come stai? Tutto ok? Mi sistemi un aggeggio elettronico che genera corrente? Non mi fa più la scarica”. L’amico in tutta risposta dice: “Ciao Freddy, penso proprio di sì. Mi spiegherai”. Il giorno successivo, alle 18, l’amico invia una foto del suddetto teaser, che risulta essere uguale a quello sequestrato il 23 febbraio 2016. Manuela Cacco voleva un teaser perché c’era “brutta gente in giro”. Secondo l’accusa, queste due testimonianze dimostrano la premeditazione, inoltre il compagno di cella di Freddy ha dichiarato: “Lui più volte e con più persone si è vantato del fatto che gli inquirenti non avrebbero mai trovato il corpo di Isabella. A me ha confidato di averlo gettato in un cassonetto della zona industriale. Il corpo era in più sacchi ed è stato gettato da lui il giorno dopo” e in merito alle circostanze della morte riferisce “In merito alla morte Freddy ha sempre sostenuto che era avvenuta mentre loro due erano a letto e che Isabella era morta durante un gioco erotico; che questa tecnica di sesso estremo”. Come è morta Isabella Noventa? Dov’è stato occultato il suo corpo?

Angelo Barraco

 

Cronaca

Pescara, incendio devasta la zona sud della città: fuggi fuggi dalle spiagge

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Un disastro di proporzioni inimmaginabili

PESCARA – Scene drammatiche a Pescara per un incendio che sta devastando la zona sud della città. Le fiamme hanno raggiunto le abitazioni. 

Fuggi fuggi dalle spiagge: le scintille spinte dal vento hanno fatto incendiare le palme degli stabilimenti balneari. 

Sta bruciando anche la Riserva Dannunziana di Pescara e nella zona sud della città ci sono decine e decine di uomini di tutte le forze dell’ordine. “Abbiamo dovuto evacuare diverse abitazioni e anche stabilimenti balneari a causa del fumo e dei lapilli. Stiamo lavorando con tutti gli uomini disponibili. Il principale avversario è il vento caldo. Con l’elicottero dei vigili del fuoco si sta cercando di limitare i danni”. Queste le parole del sindaco di Pescara Carlo Masci che sta coordinando le operazioni di spegnimento del vasto rogo. 

Cinque, al momento, le persone trasportate in ospedale

Tra queste una bambina e due suore che risiedono in una struttura che si trova nell’area interessata dal rogo. Avrebbero tutte riportato un’intossicazione dopo aver inalato fumo, ma le loro condizioni non sarebbero gravi. È intanto in corso il trasferimento di una quarantina di persone evacuate nel palafiere del porto turistico. Oltre a diverse abitazioni è stata evacuata la casa di riposo di via Paolo De Cecco. Per curare gli intossicati lievi è stato aperto al porto turistico un posto di soccorso gestito dal 118. Sono una quarantina al momento le persone che sono state portate o invitate a recarsi nel posto di primo soccorso al Marina di Pescara. Dalle notizie arrivate in questi minuti risulta che sono almeno una quindicina le ambulanze in servizio.

Continua a leggere

Cronaca

Si sente male durante il concerto: migliorano le condizioni di Gaetano Curreri

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

“Siamo veramente felici di comunicarvi che Gaetano ha superato brillantemente l’infarto e adesso sta bene”. Così il gruppo Stadio su facebook, dopo il ricovero del frontman in ospedale per un malore che lo ha colto la scorsa notte a San Benedetto del Tronto.

“L’abbiamo sentito via telefono e ringrazia tutti per l’affetto e le belle parole spese per lui. Ci uniamo anche noi ai suoi ringraziamenti che condividiamo pienamente, in queste ore difficili il vostro supporto ci ha aiutato tanto, vi teniamo aggiornati” conclude il post.

Il cantante bolognese Gaetano Curreri è ricoverato in terapia intensiva cardiologica presso l’ospedale Mazzoni di Ascoli Piceno dopo essere stato colto da un malore la scorsa notte mentre stava concedendo l’ultimo bis del concerto che ha tenuto a San Benedetto del Tronto nell’ambito della rassegna “Nel cuore e nell’anima. Ritratti d’autore in musica e parole”. Curreri, leader degli Stadio, si è improvvisamente accasciato sul palcoscenico dove si è esibito insieme al Solis String Quartet con “Canzoni da camera”. I primi soccorsi gli sono stati portati da un medico che stava assistendo al concerto, poi l’artista è stato poi trasferito con urgenza in ambulanza al nosocomio ascolano. I medici si sono riservati la prognosi. 

Continua a leggere

Cronaca

Si sente male durante il concerto: il leader degli Stadio ricoverato in terapia intensiva cardiologica

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Il cantante bolognese Gaetano Curreri è ricoverato in terapia intensiva cardiologica presso l’ospedale Mazzoni di Ascoli Piceno dopo essere stato colto da un malore la scorsa notte mentre stava concedendo l’ultimo bis del concerto che ha tenuto a San Benedetto del Tronto nell’ambito della rassegna “Nel cuore e nell’anima. Ritratti d’autore in musica e parole”.

Curreri, leader degli Stadio, si è improvvisamente accasciato sul palcoscenico dove si è esibito insieme al Solis String Quartet con “Canzoni da camera”. I primi soccorsi gli sono stati portati da un medico che stava assistendo al concerto, poi l’artista è stato poi trasferito con urgenza in ambulanza al nosocomio ascolano. I medici si sono riservati la prognosi. 

Continua a leggere

I più letti