Connect with us

Castelli Romani

Pavona, “carenze” su scuole e campagna elettorale: cosa succede?

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

ALBANO LAZIALE (RM) – Campagna elettorale all’ombra delle scuole ad Albano Laziale? Forse. In un comunicato stampa del portavoce del Movimento Futuro Italia si leggono tanti condizionali e “indiscrezioni”. In pratica si dice che l’apertura delle scuole di Pavona è a rischio a causa di prescrizioni della Asl che a seguito di sopralluogo ha redatto un verbale di contestazione che evidenzia alcune carenze nei plessi scolastici di Via Pescara e di Via Torino: “Qualora non sanati – si legge nel comunicato politico – potrebbero determinare la chiusura anche solo parziale dei predetti plessi.

Con la stessa nota il portavoce del Movimento Futuro Italia Vincenzo Petrone ha altresì, richiesto conferme circa le indiscrezioni secondo cui per far fronte agli adempimenti richiesti dall’Asl sarebbero stati
veicolati i fondi destinati ai lavori di costruzione di una tettoia e di un parcheggio presso la scuola dell’Infanzia e Primaria di via Pantanelle (Frazione di Cancelliera): “Circostanza questa – si legge ancora nella nota – che il Movimento Futuro Italia condanna fermamente in quanto qualora confermata comporterebbe solo il rischio di produrre scuole di serie A e scuole di serie B, in una società in cui è indispensabile che la formazione rappresenti sempre più il differenziale a livello scolastico e lavorativo.
Il Movimento Futuro Italia forte della necessità di comprendere le esigenze e i bisogni reali delle persone, terrà aggiornati i genitori degli alunni frequentanti i plessi scolastici di Via Pescara, di Via Torino (Frazione di
Pavona) e di Via Pantanelle (Frazione di Cancelliera) circa la posizione che assumerà l’Amministrazione Comunale sui chiarimenti richiesti”. Ricevuta e letta la nota i redattori de L’Osservatore d’Italia si sono chiesti: quanto allarme rischio chiusura c’è?

Per dipanare i dubbi abbiamo raggiunto l’assessore di competenza, il vicesindaco Maurizio Sementilli, il quale ha chiarito prima di tutto che non c’è alcun rischio chiusura per i plessi di Pavona e che non esiste alcuna distrazione dei fondi da una scuola all’altra e poi è entrato nei dettagli.

In via Torino – dice Sementilli – sono già in corso i lavori di manutenzione ordinaria, parliamo di piccolissime opere come tinteggiare le pareti, riparare qualche infiltrazione d’acqua, insomma qualche piccola manutenzione strutturale che già stiamo operando e che facciamo di norma ogni qualvolta finisce l’attività alla fine dell’anno scolastico. In via Via Pescara, ci sono alcune piccole opere che deve fare la scuola come la sostituzione tende e altre noi. Già stiamo intonacando il soffitto, e poi provvediamo a tinteggiare le pareti, apporre i paraspigoli e battiscopa, e ci chiedono l’areazione della biblioteca che in realtà sarebbe un corridoio adibito a biblioteca ma stiamo valutando anche lì la situazione. Ci tengo a specificare – ha aggiunto il vicesindaco – che insieme al comitato di scuola con i genitori abbiamo fatto degli incontri e siamo in costante contatto per affrontare tutto in un clima di collaborazione e dialogo“.

Nessuna conferma arriva invece circa le “indiscrezioni” sempre diffuse a mezzo comunicato stampa dal Movimento Futuro Italia secondo cui per far fronte agli adempimenti richiesti dall’Asl sarebbero stati veicolati i fondi destinati ai lavori di costruzione di una tettoia e di un parcheggio alla scuola dell’infanzia e primaria di via Pantanelle: “Nessuna distrazione – dice Sementilli – e poi ci tengo a specificare che la tettoia è ancora da progettare e attualmente non abbiamo previsto soldi da destinare e sul quel terreno stiamo valutando se fare un parcheggio provvisorio lì dove dovremmo realizzare la palestra“.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere
Commenti

Castelli Romani

Ciampino, sequestrati beni mobili e immobili per un valore di oltre 3,5 mln di euro a un noto pregiudicato

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

CIAMPINO (RM) – Un ingente patrimonio – costituito da 15 immobili, autovetture e disponibilità finanziarie, per un valore complessivo di circa 3,5 milioni di euro – nella disponibilità di un pregiudicato abitualmente dedito a reati contro il patrimonio e allo spaccio di sostanze stupefacenti, è stato definitivamente confiscato dai Finanzieri del Comando Provinciale di Roma in esecuzione di un provvedimento emesso dalla Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale capitolino a conclusione di un lungo iter giudiziario.

Tra i beni acquisiti al patrimonio dello Stato, disseminati tra le province di Roma, Latina e Chieti, figurano una lussuosa abitazione ubicata a San Salvo (CH), vari cespiti situati a Ciampino, Marino e Roma, oltre a depositi, conti correnti bancari e quote di fondi di investimento.

Le indagini svolte dai militari della Compagnia di Frascati hanno permesso di accertare, oltre all’elevata pericolosità sociale dell’uomo, gravato da precedenti per furto, ricettazione e spaccio di droga, una rilevante sproporzione tra le ricchezze accumulate e i redditi dichiarati al Fisco, presupposti che hanno consentito alla competente Autorità Giudiziaria di disporre prima il sequestro (nel 2017) e, successivamente, la confisca dei beni posseduti. Nei confronti del soggetto è stata inoltre disposta la misura della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza e dell’obbligo di soggiorno per 5 anni. L’esecuzione del provvedimento ablativo riveste un rilevante valore sociale perché restituisce alla collettività beni illecitamente acquisiti dalla criminalità.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Castelli Romani

Nemi, viaggio tra i tesori di Luciano Mastrolorenzi

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

NEMI (RM) – Le più recenti opere di Luciano Mastrolorenzi sono inserite nel paesaggio urbano del comune di Nemi, luogo caro al maestro fin dall’infanzia e nel quale di recente ha deciso di stabilirsi per vivere e lavorare.

CLICCARE SULLA FOTO PER GUARDARE IL VIDEOSERVIZIO

Il video servizio trasmesso a Officina Stampa del 19/9/2019

All’ingresso del borgo, in piazza Roma, si può ammirare la fontana della Diana cacciatrice, le due teste di Leone da cui sgorga l’acqua nell’antica fontana sul corso principale del paese, quindi l’erma di Caligola, la fontana della Gorgone, accanto al castello Ruspoli e ultima opera in ordine cronologico, il gruppo bronzeo della Grande Madre, divinità pagana venerata anticamente nell’area del bosco nemorense.

Luciano Mastrolorenzi nasce a Roma il 27 marzo 1929; in gioventù frequenta la scuola libera di nudo presso l’Accademia di Belle Arti della Capitale, ma presto dal disegno passa alla scultura, inizialmente con bassorilievi lavorati a sbalzo su lastre di argento e oro per poi passare alla creta e al bronzo.

Proprio grazie alla maestria nella lavorazione di questo metallo e al recupero della tecnica di fusione a cera persa, all’artista è stata affidata nel 1980 la ricostruzione delle due porte in bronzo del Duomo di Colonia in Germania, distrutte durante la seconda guerra mondiale.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Castelli Romani

Castel Gandolfo, tutti pazzi per le Ferrari: partito il count down per la sfilata di domenica

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

CASTEL GANDOLFO (RM) – Oltre 80 Ferrari d’epoca sono attese a Castel Gandolfo domenica 22 settembre per la terza edizione di Cavalcade Classiche, la prima nella Capitale. Un’occasione unica per poter ammirare da vicino le celebri 750 Monza del 1954, la 500 TRC del 1957 e la 275 GTB del 1964.

Alla guida di Ferrari che hanno fatto la storia dell’automobilismo, la Cavalcade attraverserà paesaggi di grandi fascino, arrivando a Castel Gandolfo con una sfilata sul corso della Libertà e l’arrivo a mezzo giorno sulla piazza del borgo, dove saranno accolte per l’apposizione del Timbro sul Carnet de Passage.

La Cavalcade andrà alla scoperta della campagna laziale partendo da Borgo San Pietro sul Lago del Salto e da Rieti per poi salire il Monte Terminillo e visitare le grandiose Cascate delle Marmore. Protagoniste del secondo giorno saranno l’arte e la storia di Todi e Viterbo, con una sosta in orario di pranzo davanti al Palazzo dei Papi. Domenica è dedicata a Roma e ai suoi colli, lungo un percorso che si avvicina alla città eterna passando per Frascati, Castel Gandolfo e il Parco archeologico dell’Appia Antica. Una parata conclusiva per le strade di Roma sarà un grande spettacolo non solo per i proprietari delle Ferrari ma per tutti i cittadini e turisti amanti del Cavallino Rampante.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Settembre: 2019
L M M G V S D
« Ago    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it