Scorta ai governatori pentastellati: Sileri e Azzolina minacciati, facili bersagli

La ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina è stata messa sotto scorta. Da tre giorni viene scortata da uomini della Guardia di finanza. Da alcuni giorni, da quanto si apprende, la ministra è oggetto di minacce e insulti sui social. Azzolina, pur essendo ministro, non aveva la scorta.

Ad occuparsi della sua sicurezza sono gli uomini della Finanza. Lo riferisce all’Adnkronos Bianca Laura Granato, senatrice M5s e componente della VII Commissione Istruzione in Senato. 

Analoghi provvedimenti per il governatore della Lombardia Fontana e per il viceministro alla Salute Sileri.

A quanto si apprende il viceministro avrebbe subito pressioni per tentativi di corruzione e minacce in relazione alla sua attività politica e in particolare alla destinazione dei fondi pubblici per l’emergenza coronavirus. “Ho sentito una volta una persona che ha detto più si sale in vetta e più tira forte il vento. Penso sia nostro dovere dare il massimo se aumentano i rischi”, ha commentato il viceministro ospite di ‘In viva voce’ su Radiouno Rai, dopo la decisione. “E’ sotto scorta? Ho una tutela ma preferisco non parlarne” ha detto a ‘diMartedì’ su La7, dopo la decisione di assegnargli una scorta. “Ringrazio le forze dell’ordine per quello che stanno facendo e l’attenzione verso la mia persona”.

La Procura di Roma ha aperto un’inchiesta. Nel fascicolo, al momento contro ignoti, i pm di piazzale Clodio ipotizzano il reato di minacce gravi. E’ stato lo stesso Sileri a presentare denuncia ed è già stato ascoltato dai magistrati.