Connect with us

Metropoli

Anguillara Sabazia, abusi a cinque stelle: il consigliere Fioroni presenta un’interrogazione

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

ANGUILLARA SABAZIA (RM) – Interrogazione Consiliare, protocollata oggi al Comune di Anguillara Sabazia dal consigliere del gruppo misto Antonio Fioroni, per conoscere i provvedimenti che l’Amministrazione Comunale, attraverso l’Ufficio Area Tecnica edilizia Privata, ha intrapreso o che intende intraprendere riguardo il fabbricato di proprietà di un consigliere di maggioranza denunciato come civile abitazione all’interno della zona A di parco in fascia di inedificabilità a ridosso del lago di Bracciano e del fiume Arrone e che non risulta provvisto di alcuna licenza edilizia.

Il fatto è stato riportato lo scorso 16 ottobre su questo giornale

Anguillara Sabazia, abusi a cinque stelle: consigliere denuncia il fabbricato nella dichiarazione obbligatoria, ma è in zona inedificabile

a seguito dell’esposto di un cittadino che lo scorso mese di settembre aveva presentato un esposto segnalando il disboscamento della strada di accesso al fabbricato del consigliere di maggioranza, denunciando anche la presenza di opere in cemento e muratura. Esposto al quale fece seguito il sopralluogo dei carabinieri insieme al personale dell’Ufficio Tecnico comunale.

Una vicenda per la quale è stata aperta un’inchiesta e che ancora oggi, dopo quasi due mesi dall’esposto e un mese dal sopralluogo, non vede traccia sull’Albo Pretorio online di ordinanza di rimessa in pristino dello stato dei luoghi. Un presunto abuso che vede implicato un consigliere di una maggioranza in odore a 5 Stelle e che ora rischia di diventare l’ennesima débâcle per l’amministrazione guidata dal sindaco Sabrina Anselmo.

Di seguito il testo dell’interrogazione presentata dal Consigliere Antonio Fioroni:

“Al Presidente del Consiglio Comunale Silvia Silvestri
Al Segretario Comune di Anguillara Dott.ssa Alessandra Giovinazzo

Oggetto : Interrogazione Consiliare con risposta orale urgente ai sensi dell’art. 36 comma 3 del Regolamento di Consiglio e Dlgs 267/2000

Egr.
Presidente del consiglio Comunale il sottoscritto Antonio FIORONI componente del Gruppo Consiliare Misto per Anguillara nelle more dell’art. 36 comma 3 del Regolamento di attuazione dell’Assemblea Consiliare e in funzione Dlgs 267/2000 ai fini del corretto espletamento del mandato di controllo sull’attività amministrativa
R I C H I E D E
nei termini di legge e regolamenti vigenti, risposta scritta sui provvedimenti che l’Amministrazione Comunale attraverso l’Ufficio Area Tecnica edilizia Privata ha intrapreso o che intende intraprendere e meglio specificati di seguito.
P R E M E S S O
che in data 16 Ottobre 2018 il giornale Osservatore d’Italia pubblicava sul sito on line un articolo denominato “Abusi a Cinque Stelle” facendo riferimento espressamente ad un componente della maggioranza che dichiarando un fabbricato, nell’ambito della dichiarazione del patrimonio del consigliere e pertanto noto a questa maggioranza sin dal 2016, in località La Marmotta – Acquedotto San Paolo ;
C O N S I D E R A T O
che l’Amministrazione Anselmo nonostante nel proprio programma elettorale abbia dichiarato ai cittadini di Anguillara la massima trasparenza soprattutto nei casi riguardanti chi detiene il ruolo di consigliere e giunta nel rispetto delle leggi e norme vigenti , tutt’ora non rivela o smentisca tale notizia ;
C O N S I D E R A T O
che dalla data del 09 Ottobre 2018, contestualmente all’accertamento congiunto con i Carabinieri del Comando Stazione di Anguillara, non risulta avviato il procedimento ai sensi dell’art. 7 comma 1 e 2 della legge 241/90 con le modalità successive dell’ art. 8 individuandone la persona coinvolta ;

Lo scrivente consigliere Antonio FIORONI richiede risposta orale ai seguenti quesiti della presente interrogazione e precisamente:

1) Riferisca l’Amministrazione le motivazioni per le quali alla data odierna non risulta avviato ufficialmente quanto previsto dall’art. 7 commi 1 e 2 della Legge 241/1990 nella fattispecie indicata dall’Osservatore d’Italia e chi risulta il RUP ;

2) Riferisca l’Amministrazione se è intenzione della stessa, qualora accerti delle difformità o abusi edilizi insanabili a carico del consigliere di maggioranza , dar seguito all’espulsione dal Gruppo Movimento Cinque Stelle o pseudo tali ;

3) Riferisca l’Amministrazione in caso di inottemperanza alla demolizione se intende acquisire l’immobile al patrimonio comunale .

Sicuro di un immediato riscontro ,riservandosi la trasmissione ad altri organi competenti in caso di omissione nei trenta giorni di rito, si inviano i piu’ Cordiali Saluti.
Allega copia articolo Osservatore d’Italia
Anguillara S. 30 Ottobre 2018

IL CONSIGLIERE COMUNALE
Gruppo Misto
Antonio FIORONI”

Metropoli

Anguillara Sabazia, i conti non tornano: sanzioni per l’ex Sindaca Anselmo e l’ex Responsabile Finanziario

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

La Corte dei Conti rileva incompletezze e irregolarità nella relazione di fine mandato

ANGUILLARA SABAZIA (RM) – Multati l’ex sindaca di Anguillara Sabazia e l’ex responsabile del servizio finanziario per un totale di 4.624,75 euro per aver presentato in ritardo la relazione di fine mandato oltre a “incompletezze ed irregolarità” nel merito del contenuto.

Il provvedimento sanzionatorio è stato determinato lo scorso 30 novembre dalla nuova amministrazione comunale dopo che i magistrati della Corte dei Conti hanno accertato che la ex prima cittadina Sabrina Anselmo in carica fino allo scorso 18 febbraio, ha sottoscritto la relazione di fine mandato – 2016- 2020 – in data 9 settembre 2020, peraltro solo a seguito di sollecito della magistratura contabile, l’Organo di Revisione – OREF – ha potuto quindi procedere alla prevista certificazione riscontrando ed evidenziando l’erroneità dell’affermazione, contenuta nella relazione di fine mandato, secondo cui nell’esercizio 2019 il Comune non avrebbe presentato, in sede di rendiconto, indicatori di deficitarietà strutturale rilevando invece la sussistenza di un indicatore di deficitarietà strutturale, riferito all’eccessiva mole di debiti fuori bilancio.

Nella medesima certificazione, inoltre, l’Organo di revisione ha precisato di non potere certificare le risultanze della contabilità economica patrimoniale, per come esposte nella relazione di fine mandato, rinviando alle osservazioni già svolte in proposito in sede di parere sullo schema di rendiconto degli esercizi 2017, 2018 e 2019.

La Corte dei Conti ha quindi deliberato che “il Comune di Anguillara Sabazia e, per esso, il Sindaco pro tempore, dia riscontro alla presente deliberazione entro sessanta giorni dalla sua ricezione, comunicando le misure adottate per dare attuazione alle sanzioni previste dall’art. 4, comma 6, del d.lgs. n. 149/2011; la trasmissione della presente deliberazione al Sindaco, al Presidente del Consiglio comunale, affinché ne dia sollecita comunicazione al Consiglio comunale, all’Organo di revisione dell’Ente; la pubblicazione della presente pronuncia sul sito istituzionale del Comune, ai sensi dell’art. 31del d.lgs. n. 33/2013, sezione “amministrazione trasparente”.

Il Comune ha quindi provveduto a sanzionare per euro 3.115,29 l’ex Sindaca Anselmo e per euro 1.509,46 l’ex Responsabile del Servizio Finanziario Eugenio Maria De Rose.

Continua a leggere

Metropoli

Anguillara Sabazia, fallita “temporaneamente” la mission a Cinque Stelle di rimuovere la storica edicola del lago

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

ANGUILLARA SABAZIA (RM) – Gli ex amministratori Cinque Stelle di Anguillara Sabazia volevano rimuovere la storica edicola del lago su viale Reginaldo Belloni ma non hanno avuto ragione, almeno per il momento, davanti al Giudice amministrativo che ha sospeso l’ordinanza (n. 176 del 12 dicembre 2019, notificata in data 7 gennaio 2020) che intimava la rimozione del chiosco. Adesso si aspetterà il merito.

Tra l’altro come indicato nell’ordinanza n. 4223 del 10/06/2020, lo spostamento dell’edicola in contestazione era stato assentito in via temporanea, fino al completamento della riqualificazione dell’area ed individuazione area chioschi, un piano mai realizzato e forse completamente sfumato a meno che la nuova amministrazione non abbia un progetto di riqualificazione da attuare.

Adesso non è finita ancora e per il momento l’edicola è salva. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio ha accolto l’istanza cautelare e, per l’effetto, sospeso gli atti impugnati. La trattazione nel merito avverrà il 2 febbraio del 2021.

Continua a leggere

Metropoli

Colleferro, cappuccini e cocaina: sospesa la licenza al titolare del “Bar dello Spaccio”: un luogo di ritrovo in pieno centro cittadino di avventori con precedenti penali in materia di droga

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

COLLEFERRO (RM) – Proseguono i controlli e il monitoraggio degli esercizi commerciali da parte dei Carabinieri della Compagnia di Colleferro. I militari della Stazione di Gavignano hanno proposto all’Autorità di Pubblica Sicurezza preposta, la sospensione della licenza di un noto bar del centro della cittadina colleferina.

Il provvedimento è scaturito dalle varie segnalazioni pervenute al numero d’emergenza “112” e dai numerosi servizi di controllo del territorio, che i militari delle Stazioni di Gavignano e Colleferro hanno costantemente effettuato riscontrando, in quel locale, l’assidua presenza di avventori con precedenti penali in materia di droga, facendolo diventare un luogo abituale di ritrovo.

Decisivo è stato, tra l’altro, l’attività della Stazione Carabinieri di Gavignano proprio nei pressi del bar, dove i militari hanno arrestato il titolare 41enne, per spaccio di sostanze stupefacenti. In quella circostanza i Carabinieri hanno rinvenuto e sequestrato 8 dosi di cocaina, occultate all’interno del registratore di cassa.

I Carabinieri di Gavignano hanno notificato al titolare dell’esercizio commerciale, il provvedimento che impone la chiusura temporanea di 30 giorni, ai sensi dell’art.100 del Tulps. 

Continua a leggere

I più letti