1

Cavese Academy 1919 (calcio, I cat.), capitan Chialastri: “Vogliamo riscattarci al più presto”

Cave (Rm) – La Prima categoria della Cavese Academy 1919 ha inciampato al primo ostacolo. Il ritorno in Prima categoria non è stato felice per i colori biancazzurri: nel primo turno di campionato i ragazzi di mister Umberto Fatello hanno perso 2-0 sul campo della Semprevisa. Tocca a capitan Daniele Chialastri, capitano e centrocampista classe 1989, l’analisi della sfida: “Non mi sento di dire che sia stata una brutta prestazione nel complesso, ma forse serviva un po’ più di cattiveria e tenacia in mezzo al campo. Abbiamo preso gol nel primo quarto d’ora del primo tempo e poi dopo un minuto a inizio ripresa su palla inattiva. In entrambe le frazioni evidentemente c’è stato un approccio sbagliato, ma forse hanno inciso la troppa voglia di fare bene e il cambio di categoria. Un passo falso ci può stare, anche perché ci sono un nuovo mister e alcuni innesti rispetto al vecchio gruppo e quindi dobbiamo oliare determinati meccanismi. Forse il difetto più grande è stato quello di non avere una reazione incisiva dopo la rete del 2-0, ma ora guardiamo oltre”. E cioè all’esordio stagionale ufficiale all’Ariola contro il Colonna che ha aperto il suo campionato con un pari interno con l’Atletico Lariano: “Sarà emozionante tornare a giocare una partita vera sul nostro caso. Speriamo che sia una bella gara, abbiamo tanta voglia di riscatto: la medicina migliore, però, è quella di fare risultato. Non conosco gli avversari, ma questo girone F è tra i più tosti dell’intera categoria: per capire i reali valori, però, bisognerà attendere qualche settimana”. Il capitano rimane fiducioso sulle possibilità della Cavese Academy 1919: “Con i nuovi innesti e la base della scorsa stagione possiamo dire la nostra e ambire ad un posto tra le prime sei della classe”. La chiusura di Chialastri è sul nuovo corso societario: “Emanuele Giacchè è stato mio compagno e tecnico e ora è anche presidente assieme a Daniele Flavi. Sono persone preparate che vivono il paese e sanno cosa significa questa società, possono fare solo bene”.




Marino Pallavolo (serie D femminile), capitan Sabra ci crede: “Abbiamo potenzialità importanti”

Marino (Rm) – Se l’esordio della serie B maschile non è stato felice (0-3 sul campo dei teatini del Paglieta), in casa Pallavolo Marino è stato applaudito in maniera convinta il debutto delle ragazze della serie D che si sono imposte con un perentorio 3-1 sul campo del Cali Roma. Il gruppo di coach Marco Di Lucca ha vinto 3-1 (25-19, 20-25, 25-12 e 25-20), mostrando una buona organizzazione e tanta qualità come conferma il capitano del gruppo Sabrina Sabra. “La partita è andata sicuramente molto bene – dice la banda classe 2000 – Abbiamo cominciato molto cariche, poi abbiamo avuto un calo di concentrazione nel secondo parziale e quello ci è costato un set, ma la squadra ha immediatamente reagito e nel terzo e quarto set siamo riuscite a chiudere i giochi”. Sabato le marinesi faranno il loro esordio in casa contro l’Onda Volley: “Non so molto delle prossime avversarie, se non che hanno vinto col Monteverde al debutto in campionato. Per noi sarà molto bello tornare a giocare coi tifosi nel palazzetto: la loro presenza dà una carica speciale, soprattutto alle ragazze più giovani del gruppo”. La Sabra è ormai una presenza fissa all’interno della Pallavolo Marino: “Sono arrivata qui da Pavona e ho iniziato il mio settimo anno. All’epoca cominciai con l’Under 16 allenandomi anche con l’allora serie B2, ormai questo club rappresenta una seconda casa per me e ora sono felice di essere il capitano di questo gruppo”. Che ha tutte le carte in regola per fare un torneo da protagonista: “Abbiamo delle potenzialità importanti, ma per competere ai vertici bisogna avere più continuità mentale nel corso di ogni singola partita. Alcune ragazze sono salite dalle giovanili e quindi devono abituarsi a un campionato “maggiore”, ma il gruppo è molto unito e questo è un aspetto fondamentale per fare bene”. La chiusura è su coach Di Lucca: “E’ al secondo anno con noi e ormai sa come prenderci. E’ un tecnico e una persona abbastanza tranquilla e precisa e ha instaurato un bel rapporto con la squadra”.




ULN Consalvo, Civitareale da giocatore a “stagista” con la Scuola calcio: “Mi diverto tanto”

Roma – L’ULN Consalvo, sin dal momento della fondazione ad opera dei tre fratelli Umberto, Luigi e Natalino Consalvo, si è da sempre fondata su valori e principi ben precisi. E Valerio Civitareale, ex giocatore del club capitolino e attuale collaboratore del mister dei Primi calci 2013 Armando Ciarrocchi (che è anche il responsabile del settore di base), li ha assorbiti benissimo e se ne è innamorato. “Ho cominciato a giocare a pallone in questa società all’età di otto anni perché c’era un mio amico – dice Civitareale, oggi 18enne – Sin da subito, mi è piaciuto il clima molto famigliare che ho trovato e quando c’è stata l’ipotesi di cambiare club l’ho sempre declinata proprio perché qui sono sempre stato bene. Così ho continuato a giocare qui per dieci anni fino alla scorsa stagione, quando ho fatto parte del gruppo 2003 (ex Under 19, ndr) che era allenato da mister Pino Centrone. In quest’annata, al mio quinto anno di liceo linguistico, ho deciso di fermarmi con il calcio, anche se non mancano le partitine di calcetto con gli amici. Un po’ il campo e l’allenamento, ma anche la vita di spogliatoio mi mancano e magari l’idea di collaborare con la Scuola calcio dell’ULN Consalvo è partita anche da qui e dall’esplosione di tesserati che c’è stata nel gruppo 2013: quando la società mi ha prospettato questa possibilità, all’inizio ho avuto qualche remora, ma ora devo dire che mi sto appassionando e divertendo tanto: vedo il calcio da una nuova prospettiva e in un certo senso mi rivedo in questi piccoli calciatori a cui posso trasmettere la mia passione verso questo sport. Magari in futuro potrei fare un percorso da allenatore, chissà”. Civitareale (il cui fratello maggiore Lorenzo ha giocato pure lui con l’ULN Consalvo) ha ritrovato Ciarrocchi: “Armando è stato il mio primo allenatore, è come un secondo papà per i suoi piccoli allievi: ha un modo di fare unico coi bambini. Ha già dimostrato una grande fiducia nel sottoscritto e io lo aiuto a portare avanti il programma di allenamento con una parte del folto gruppo 2013”.




Frascati Scherma, dieci medaglie ai campionati italiani Under 14. Molinari: “Un risultato eclatante”

Frascati (Rm) – Si è conclusa a Riccione la grande kermesse dei campionati italiani Gpg (Under 14). Nei dieci giorni di gare in terra romagnola, il Frascati Scherma ha fatto un’autentica “scorpacciata” conquistando dieci medaglie (quattro ori, un argento e cinque bronzi) e tanti piazzamenti nei primi otto o a ridosso degli stessi. “Un risultato eclatante – dice il presidente Paolo Molinari – Per i nostri colori è stata una delle migliori edizioni dei campionati italiani che io ricordi. La novità è che è arrivata una vittoria da tutte e tre le armi e questo ci riempie di soddisfazione. Un risultato ancor più importante considerato il periodo difficile da cui usciamo e che in parte stiamo ancora vivendo: evidentemente siamo riusciti a tenere botta durante la pandemia non avendo quasi mai chiuso la palestra e questo ci ha premiato. Inoltre abbiamo portato a Riccione quasi 70 ragazzini e siamo stati in linea con le partecipazioni dei campionati italiani precedenti”. Per chi ha ottenuto un bel piazzamento, ma anche per chi non c’è riuscito, in ogni caso c’è da continuare a lavorare: “Le statistiche sono abbastanza variabili: ci sono campioni che nel Gpg hanno stentato e altri che hanno fatto bene. Parliamo sempre di atleti giovanissimi, i risultati dipendono da tanti fattori”. Di sicuro il settore Under 14 del Frascati Scherma continua a crescere: “In questa stagione abbiamo quasi toccato quota 50 nuove iscrizioni, non solo con ragazzi in età Gpg (ovvero dai dieci anni in su, ndr), ma anche con quelli dai 6 ai 9 anni. La cosa ci ha un po’ meravigliato, ma è un “effetto” legato anche all’anno post-olimpico”.
Il Frascati Scherma, dunque, applaude i suoi quattro ori (la fiorettista Mariavittoria Berretta tra le Allieve, gli sciabolatori Matteo Ottaviani tra gli Allievi e Filippo Landi tra i Maschietti e lo spadista Achilleas Antonou tra i Maschietti), il suo unico argento (il fiorettista Manfredi Di Russo tra i Ragazzi) e i cinque bronzi (gli sciabolatori Samuel Marcelli tra i Ragazzi, Ludovica Rossetti tra le Giovanissime e Riccardo Aquili tra i Giovanissimi, ma anche i fiorettisti Davide Alteri tra i Giovanissimi e Mauro Addato tra i Ragazzi), ma anche i tanti “piazzati” tra i primi otto ovvero la spadista Giorgia Amati (settima tra le Ragazze), i fiorettisti Damiano Pozzi (ottavo tra i Giovanissimi), Leonardo Albert Papi (quinto tra i Maschietti), Joan Sinopoli (quinto tra i Ragazzi),
Emanuele Iaquinta (settimo tra i Ragazzi), Asia Pirozzolo (settima tra le Giovanissime) e gli sciabolatori Leonardo Reale (sesto tra i Ragazzi), Martina Calderini (settima tra le Allieve), Greta Vinci (quinta tra le Bambine), Matilde Reale (settima tra le Bambine).
Infine il Frascati Scherma ha organizzato per mercoledì prossimo la “Festa delle medaglie olimpiche e del 13esimo scudetto” della storia del club (il sesto consecutivo che segna un dominio assoluto in Italia): l’appuntamento è fissato per le ore 17,30 presso l’incantevole cornice di Villa Tuscolana.




Valmontone 1921 (calcio), l’Under 21 scalda i motori. Fanfoni: “Gruppo tecnicamente valido”

Valmontone (Rm) – L’Under 21 del Valmontone 1921 scalda i motori. La squadra maggiore del settore giovanile del club giallorosso è l’unica a non aver ufficialmente cominciato il campionato (assieme all’Under 17 regionale che ha visto rinviata la sua prima gara), ma è molto vicina al debutto. “A fine mese dovrebbe iniziare il nostro torneo – dice mister Oreste Fanfoni – Il comitato provinciale sta valutando il numero delle iscrizioni: se le squadre Under 21 saranno poche, le aggiungeranno a quelle della Terza categoria. Certo, se questa ipotesi si concretizzasse i nostri ragazzi sarebbero un po’ penalizzati dall’incrocio con squadre molto più esperte, ma sarebbe anche un modo per accelerare il loro ingresso nel “mondo dei grandi. Abbiamo già fatto delle amichevoli con compagini di Seconda categoria e i riscontri sono stati positivi. Tecnicamente sono un gruppo molto valido, purtroppo le problematiche legate alla pandemia hanno tolto a questi ragazzi quasi interamente il biennio Under 19 e questo può pesare. Lavoro con loro da appena tre settimane, ma sono molto soddisfatto di come si allenano e mi seguono: sono quasi sempre presenti compatibilmente agli impegni lavorativi e di studio e hanno tanta voglia di crescere. La società è stata molto brava a non perderli dopo la loro uscita dall’Under 19”. L’obiettivo principale di Fanfoni è chiaro: “Sono convinto che alcuni di loro, lavorando sodo nel corso della stagione, possano anche entrare nel giro della prima squadra. Per farlo devono andare in campo divertendosi”. Fanfoni è alla sua prima esperienza nel mondo dell’agonistica: “Sono da tre anni in società e finora mi ero sempre dedicato alla Scuola calcio, mentre in questa stagione sarò il primo allenatore dell’Under 21 e collaborerà con mister De Paolis per l’Under 14. E’ una sfida pure per me: mi sono messo a disposizione del club e sento di aver fatto la scelta giusta”.




Centro Sud Italia, non piove più. Gargano, Dg ANBI: “Necessari investimenti. Pronti centinaia di progetti definitivi a servizio del territorio”

Con un’immagine ad effetto sono chiamate “bombe d’acqua” ma, se si escludono i violenti e talvolta tragici eventi estremi, non sta piovendo più, in maniera utile, su Umbria, Abruzzo e Puglia: lo segnalano i dati raccolti nel report settimanale dell’Osservatorio ANBI sulle Risorse Idriche, che registra come, in Settembre, sull’Umbria siano mediamente caduti solo mm. 21,6 di pioggia (mm.24,1 in Agosto), scendendo addirittura a mm. 4,75 nelle zone meridionali della regione; solo 12 mesi fa erano piovuti mm. 101,53!

Peggio ancora va in Abruzzo, i cui pluviometri superano il -90% dopo il -73% di Agosto e l’invaso di Penne segna la peggiore performance dal 2017 (a Settembre erano trattenuti solo 0,59 milioni di metri cubi d’acqua) .

Dati pluviometrici negativi nel mese di agosto anche per le Marche (dal -50% di Montemonaco a -67,3% di Carpegna) con evidenti conseguenze negative sulle portate dei corsi d’acqua, tornati in calo, seppur in vantaggio sul 2019.

In Puglia, nei primi 8 mesi dell’anno si registrano pesanti deficit pluviometrici con generalizzate caratteristiche di “severa siccità”, che sfociano in “siccità estrema” nelle province di Bari e Barletta-Andria-Trani, toccando anche quelle di Brindisi e Taranto fino a sconfinare in buona parte della Basilicata (fonte: Centro Meteo Puglia).

Anche in Emilia Romagna i dati pluviometrici sono largamente negativi: la media regionale delle precipitazioni nel periodo Marzo-Settembre 2021 è la più bassa dal 1961 con un deficit di oltre 200 millimetri nel settore centro-orientale, dove manca all’appello fino al 50% delle piogge; tornano così a soffrire le portate dei principali fiumi con Reno e Nure ancora sotto il minimo storico, così come i bacini piacentini Molato e Mignano sono scesi ai livelli più bassi dal siccitoso 2017 (fonte: ARPAE).

“Questi dati confermano la necessità di un Piano Nazionale Invasi, multifunzionali e perlopiù medio piccoli sul modello dei 1000 laghetti proposti con Coldiretti per incrementare la percentuale di acque di pioggia trattenute sul territorio ed oggi ferma all’11% – indica Francesco Vincenzi, Presidente dell’Associazione Nazionale dei Consorzi per la Gestione e la Tutela del Territorio e delle Acque Irrigue (ANBI) – Accanto a nuove realizzazioni, bisogna portare a termine le opere incompiute e manutentare i tanti bacini, che hanno la capacità ridotta dal progressivo interrimento.”

“Scendendo nel dettaglio – aggiunge Massimo Gargano, Direttore Generale di ANBI – il nostro Piano di Efficientamento della Rete Idraulica del Paese prevede, al Sud, il disinterrimento di 45 invasi ed il completamento di altri 6, garantendo quasi 2700 posti di lavoro, grazie ad un investimento di circa 536 milioni di euro; per quanto riguarda il Centro Italia, sono previsti 36 progetti definitivi per il disinterrimento di altrettanti invasi ed il completamento di altri 6 bacini per un investimento complessivo di circa 186 milioni di euro capaci di attivare oltre 900 posti di lavoro.”

Al Nord calano i livelli dei laghi Maggiore (ora sotto media) e Lario, mentre restano abbondanti le portate del fiume Adda, in Lombardia.

Resta sostanzialmente stabile la media dei flussi nei corsi d’acqua piemontesi con gli estremi della Dora Baltea in aumento e della Stura di Lanzo in decrescita.

Calano anche le portate del fiume Po, largamente sotto i livelli medi e dell’anno scorso, ma che si mantengono comunque su valori superiori alla portata di magra ordinaria.

Reggono, seppur in leggero calo, i fiumi veneti ad eccezione del Piave, che supera i livelli degli anni precedenti, mentre torna ad essere preoccupante la situazione dei fiumi toscani, abbondantemente sotto media e lontani dalle portate del 2020, nonostante la recente ondata di maltempo; l’anno scorso, un più lungo periodo piovoso favorì importanti portate fluviali per molti giorni.

Nel Lazio, il lago di Bracciano è in calo (-11 centimetri), così come i fiumi Liri e Sacco.

In Campania, su base settimanale, i livelli idrometrici dei fiumi Garigliano, Volturno e Sarno risultano in diminuzione, mentre stabile è il Sele, unico superiore alla media del recente quadriennio; I volumi del lago di Conza e degli invasi del Cilento sono in ulteriore calo.

In Basilicata, toccata da una tardiva siccità, gli invasi calano di quasi 10 milioni di metri cubi in una settimana; lo scorso anno, dopo una persistente assenza di piogge estive, la decrescita era stata di solo 1 milione e mezzo di metri cubi in questo periodo.

Nella confinante e siccitosa Puglia, questa settimana l’acqua nei bacini registra -1,5 milioni di metri cubi, mentre quelli sardi segnano il terzo peggior risultato dal 2010 dopo i disastrosi 2016 e 2017 (al 30 Settembre 2021 trattenevano 1039,79 milioni di metri cubi).




Acilia, incubo per una romana di 43 anni: aggredita e inseguita

ACILIA – I Carabinieri della Stazione di Roma Acilia hanno arrestato in flagranza un romano di 38 anni, senza fissa dimora e con diversi precedenti di polizia, con l’accusa di atti persecutori, furto aggravato e lesioni personali.

L’uomo, nel corso di una discussione scaturita per motivi di gelosia, avrebbe aggredito in strada l’ex compagna, una romana di 43 anni, minacciandola e colpendola violentemente con schiaffi al volto, per poi sottrarle anche il cellulare. Solo le urla della donna lo hanno indotto ad allontanarsi.

La vittima, impaurita, si è subito diretta dai Carabinieri della Stazione di Acilia per denunciare l’evento e raccontare una serie di condotte persecutorie, di vessazioni psicologiche e di violenze fisiche commesse dall’uomo in suo danno, non accettando la fine della loro relazione sentimentale.

Proprio nelle fasi di ascolto della vittima, il 38enne, incurante, si è presentato presso la Caserma dei Carabinieri per aspettare l’uscita della donna. I militari hanno quindi raggiunto l’uomo e all’esito di perquisizione, lo hanno trovato ancora in possesso del cellulare rubato poco prima.

L’indagato è stato quindi arrestato e condotto presso la casa circondariale di Velletri in attesa del giudizio di convalida del Tribunale di Roma, all’esito del quale è stato sottoposto alla custodia cautelare in carcere.




Cerveteri, allarme incidenti sulle rotaie: parte la terapia d’urto

“Una distrazione a volte può costare la vita. Ancora oggi leggiamo sulle cronache di investimenti sulle rotaie lungo la linea ferroviaria italiana. Persone che una volta scese dal treno, anziché utilizzare gli appositi sottopassaggi o percorsi indicati, per brevità, troppo convinti che per un passaggio così breve non potrà mai accadere nulla, scelgono di attraversare i binari, incuranti del pericolo immenso che stanno correndo. Per questo motivo, sono felice che il Compartimento Polizia Ferroviaria per il Lazio – Sottosezione di Civitavecchia, abbia voluto anche quest’anno proporre il progetto ‘Train… to be Cool’, un progetto di sensibilizzazione in particolar modo verso i giovani, maggiori fruitori nel periodo invernale dei mezzi di trasporto ferroviario per raggiungere i luoghi di studio, sul rispetto delle regole e sui corretti comportamenti da adottare quando ci si trova in Stazione”.

A dichiararlo è Renato Galluso, Delegato ai Rapporti con RFI del Comune di Cerveteri.

“Da progetto – prosegue Galluso – si tratta di un percorso di sensibilizzazione e educazione civica da portare in particolar modo tra i ragazzi delle scuole. Un’occasione di crescita e maturazione personale, ma anche un modo per far capire loro quanto sia di importanza vitale il totale rispetto delle regole. Troppe volte abbiamo pianto giovani vite che a causa di una disattenzione sono state investite dal treno, non solo lungo la nostra tratta ferroviaria ma un po ovunque. In questi anni da Delegato, ma in tutta la mia carriera lavorativa all’interno delle Ferrovie mi sono sempre battuto quotidianamente su questo tema e rinnovo ancora una volta il mio appello a tutti, adulti e ragazzi: non attraversate mai i binari, per nessun motivo, anche quando non si vedono treni all’orizzonte. È meglio impiegare due minuti in più per uscire dalla stazione utilizzando i percorsi consigliati che lasciarci la vita alla Stazione”.

“Nei prossimi giorni – conclude Galluso – riuscirò a fornire maggiori dettagli su questo progetto, ideato dal Servizio Polizia Ferroviaria del Dipartimento di Pubblica Sicurezza del Ministero dell’Interno e che come Delegato di questa Amministrazione sono felice di poter condividere con i miei concittadini”.




Turi, colombiano spaccia in monopattino: arrestato

L’attività antidroga dei Carabinieri del dipendente NORM – Sezione Radiomobile continua incessante. Infatti nel tardo pomeriggio di ieri, una pattuglia dei Carabinieri, nell’ambito di servizi mirati alla repressione dello spaccio di sostanze stupefacenti, ha tratto in arresto T. P., 34enne, di nazionalità Colombiana.

Erano le 17.00 circa quando la pattuglia in circuito nel territorio di Turi si è accorta dell’atteggiamento sospetto del ragazzo, che nei pressi di Via Putignano repentinamente cedeva un involucro ad un altro ragazzo.

Alla vista degli operatori lo straniero è subito scappato a bordo di un monopattino mentre l’acquirente è stato subito bloccato. In tasca aveva la piccola bustina consegnatagli dal pusher con all’interno un grammo di hashish. A questo punto sono subito iniziate le ricerche dello spacciatore che è stato rintracciato a casa di un suo connazionale.

La droga, sottoposta a sequestro, nei prossimi giorni verrà analizzata dal laboratorio sostanze stupefacenti del Comando Provinciale di Bari.

Terminate le formalità di rito il colombiano è stato arrestato per detenzione e spaccio di stupefacente e rimesso subito in libertà dal P.M. di turno.




Roma, arrestata “molestatrice” per truffa aggravata

ROMA – I Carabinieri del Nucleo Scalo Termini hanno arrestato una cittadina romena di 37 anni, nella Capitale senza fissa dimora e con precedenti, con l’accusa di truffa aggravata.

La donna si era appostata nei pressi delle biglietterie automatiche posizionate nell’atrio della stazione ferroviaria “Termini” e al passaggio dei viaggiatori, fingendosi un’impiegata addetta al servizio, “armata” di penna e di laccio riportante il logo dell’azienda, si prestava per dare loro ausilio nelle fasi di acquisto dei titoli.

Una turista messicana è caduta nella trappola tesa dalla 37enne: la finta addetta, agganciata la vittima di turno, ha svolto per lei le operazioni di acquisto sulla biglietteria automatica, poi ha afferrato i biglietti appena erogati chiedendo alla turista 10 euro quale corrispettivo della prestazione offerta.

In un primo momento, la vittima ha consegnato il denaro, ma il suo atteggiamento minaccioso l’ha spinta, subito dopo, a chiedere spiegazioni alla pattuglia di Carabinieri che ha incrociato poco distante.

I militari si sono messi subito sulle tracce della cittadina romena, sorprendendola in possesso di 165 euro in contanti, ritenuti provento della sua attività illecita, e del “kit” con logo utilizzati per carpire la fiducia delle vittime.

La 37enne è stata trattenuta in caserma dove rimane a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

È il secondo caso in poco più di 10 giorni di questo nuovo genere di truffa, messa in piedi spacciandosi per dipendenti, scoperta dai Carabinieri: l’11 ottobre scorso, infatti, gli stessi militari hanno denunciato a piede libero un’altra donna che aveva attaccato sulla giacca che indossava la patch di uno dei reparti dell’azienda, traendo in inganno un viaggiatore con le stesse modalità.




Canale Monterano, lotta al randagismo: il Comune punta i fari sui cani presenti nel territorio

Guardie Zoofile e Polizia Locale accerteranno se i cani presenti sul territorio comunale sono iscritti all’anagrafe canina

CANALE MONTERANO (RM) – Con l’intento di prevenire il fenomeno del randagismo e aumentare i controlli sulla corretta detenzione degli animali domestici, è partito in questi giorni il servizio delle Guardie Zoofile “Fare Ambiente” di Bracciano, di concerto con la Polizia Locale di Canale Monterano, finalizzato all’accertamento e alla verifica dell’iscrizione all’Anagrafe Canina dei cani presenti sul territorio comunale.

“La nostra Comunità – afferma il Sindaco di Canale Monterano, Alessandro Bettarelli – deve fare un grosso passo avanti in quanto alla cultura della detenzione degli animali e, soprattutto, dei cani. La legge regionale e la normativa nazionale in genere è molto chiara sulle regole che devono essere osservate quando si detiene un cane. In primis l’obbligo di iscrizione all’anagrafe canina tramite microchip, entro i primi due mesi di vita dell’animale. Opportuna anche una polizza assicurativa contro i danni che l’animale può fare. Sul mercato si trovano a prezzi accessibili per intervenire laddove l’animale sia protagonista di danni a persone o cose.”

“L’iscrizione all’anagrafe canina e l’inserimento del microchip – conferma Joao Cersosimo, neo consigliere alla Sicurezza – è fondamentale per tutelare l’animale e combattere i fenomeni dell’abbandono e del randagismo, perché permette di rintracciare facilmente il proprietario. Si tratta di un sistema rapido, innocuo e indolore, che può essere eseguito dal proprio veterinario o rivolgendosi al Servizio della ASL RM4 di Bracciano ad un modico costo.”

“Con l’Amministrazione comunale di Canale Monterano – afferma Andrea Mariani Responsabile delle Guardie Zoofile di Bracciano – stiamo portando avanti un lavoro culturale sul tema degli animali e dei loro diritti, rispondendo così anche alla richiesta di maggiore sicurezza e decoro urbano da parte dei cittadini.”

Per informazioni o segnalazioni riguardanti la detenzione degli animali, e specialmente dei cani, é a disposizione il numero di telefono: 3355391035 della Polizia Locale di Canale.”