Connect with us

Metropoli

Bracciano, la video intervista al giornalista antimafia Paolo Borrometi [ESCLUSIVA]

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

BRACCIANO (RM) – Il giornalista Paolo Borrometi, originario della provincia di Ragusa, vive sotto scorta dall’agosto del 2014 a causa delle continue minacce da parte di Cosa nostra. E’ finito nel mirino dei boss mafiosi per le sue inchieste “scomode”.

Ieri a Bracciano durante la cerimonia ufficiale che ha visto concedere la cittadinanza onoraria al giornalista antimafia Paolo Borrometi quest’ultimo ha ricordato come sia significativa per lui la giornata del 16 aprile, quando esattamente cinque anni fa si trovava in ospedale a seguito di un’aggressione di stampo mafioso: “Quel giorno – ha detto – segnò l’inizio per me di una serie di minacce e atti organizzati dalla criminalità contro la mia persona. Oggi 16 aprile 2019 mi trovo in un altro contesto”.

Poi il giornalista ha stemperato la situazione: “Caro sindaco – ha detto – non ho i soldi per pagare le tasse comunali per il conferimento della cittadinanza onoraria”. Una risata ha contagiato l’Aula. Poi Paolo Borrometi ha parlato del suo libro “Un morto ogni tanto”. Un’opera dove sono presenti esperienze personali nonché inchieste che hanno portato ad esiti positivi per la collettività come l’operazione che ha portato al commissariamento il Comune di Vittoria fulcro di attività mafiose con business di milioni e milioni di euro.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere
Commenti

Metropoli

Anguillara Sabazia, emergenza acqua potabile: accuse gravissime degli amministratori comunali a Asl e Arpa Lazio

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

ANGUILLARA SABAZIA (RM) – L’amministrazione comunale di Anguillara Sabazia contesta i rilievi sull’acqua effettuati dall’Arpa Lazio lo scorso 4 aprile dove è stata certificata una presenza di arsenico 5 volte superiore al valore massimo consentito dalla legge.

Lo scorso 18 Aprile, infatti, la sindaca Anselmo ha emanato un’ordinanza di non potabilità riguardo l’acqua erogata dal pozzo “Biadaro”, ultimo pozzo della città sabatina rimasto immune fino a due giorni fa da ordinanze di non potabilità, a seguito della comunicazione della Asl che informava la prima cittadina che l’Arpa Lazio, a seguito di rilievi effettuati lo scorso 4 aprile, aveva registrato il valore di arsenico pari a 51 Ug/l.

Un’ordinanza, dunque, che è scattata dopo 14 giorni dai rilievi, periodo quest’ultimo durante il quale la popolazione è rimasta ignara del fatto che l’acqua non poteva essere utilizzata per uso alimentare.   

Gli amministratori comunali hanno inoltrato una lettera alla Asl e all’Arpa Lazio contestando quanto appurato dall’unico organo deputato ai rilievi – Arpa Lazio – asserendo che:

“L’acqua prelevata dai pozzi dell’acquedotto del Biadaro prima che venga trattata dall’impianto di osmosi, presenta da sempre valori di arsenico compresi fra i circa 19 microg/litro provenienti dal Pozzo n. 3 fino ai 23 microg/litro del Pozzo n. 8 con una media di circa 21 microg/litro, per cui anche ad impianto di osmosi spento questo sarebbe il livello massimo di arsenico presente” e che nella giornata del 18 Aprile sono state effettuate delle campionature di acqua da 2 laboratori accreditati che hanno certificato una concentrazione di arsenico pari a circa 6 microg/litro, quasi 10 volte in meno rispetto al risultato di Arpa Lazio.

Gli amministratori comunali hanno definito come “impossibili” i rilievi effettuati da Arpa Lazio.

Accuse gravissime, quelle rivolte dagli amministratori comunali nei confronti di Asl e di Arpa Lazio che se dovessero rivelarsi veritiere esporrebbero l’Agenzia regionale a gravi responsabilità anche in materia di allarmismo.

In attesa che chi di competenza voglia fare chiarezza, per ora tra la cittadinanza regna il caos in quanto per tutti i pozzi vige il divieto di utilizzo dell’acqua erogata.   


Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Metropoli

Anguillara Sabazia, Silvio Bianchini (Pd): “Ecco la vera faccia della Giunta Anselmo”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

ANGUILLARA SABAZIA (RM) – Riceviamo e pubblichiamo da Silvio Bianchini capogruppo Pd in Consiglio comunale ad Anguillara Sabazia

“Prima le famiglie!”, urlavano i grillini locali fuori dal Palazzo, ma è storia ormai passata.

Oggi, la maggioranza guidata dalla Sindaca Anselmo, rinnegando ogni promessa elettorale, tradendo ogni attesa, riserva ai cittadini di Anguillara il suo dono pasquale: aumenti delle tariffe della mensa scolastica e dell’asilo nido del 10%, aumento del livello di indebitamento dell’ente, aumento della TaRi per i possessori di case sopra gli 80mq!

Il bilancio è l’atto più importante perché definisce la direzione politica annuale, è il documento dove sono ripartite le somme a disposizione dell’amministrazione per intervenire sulle aree che la stessa ritiene strategiche.

Ebbene, nel bilancio 2019 targato M5S, non c’è alcuna traccia di politica sociale, di sostegno alle famiglie e di supporto alle fasce deboli della nostra società. Nulla! Per contro sono stati aumentati i mutui e il livello di indebitamento.

Tra le voci approvate con il bilancio c’è anche la TaRi

Per la prima volta, come anche rilevato dai revisori, l’approvazione della tariffa è stata fatta in violazione di quanto stabilito all’art. 8 del Dpr 158/1999 ovvero in assenza del Piano Economico Finanziario del servizio. A nulla è servito evidenziare questa gravissima mancanza all’assessore competente che, visibilmente imbarazzato, ha affermato che i chiarimenti devono essere discussi in conferenza dei capigruppo. Come se il Consiglio comunale fosse subalterno allo stesso. Alla faccia della trasparenza.

Chiederò conto agli organi preposti di questa violazione

I cittadini sappiano, quindi, che la somma della TaRi 2019 che verrà loro recapitata a casa non si sa come è stata determinata.

Solo bar, ristoranti e alberghi (che sono solo 2 ad Anguillara) risparmieranno qualche decina di euro che però, essendo inalterati i costi totali del servizio, rispetto allo scorso anno, saranno le famiglie con la casa grande a dover compensare.

Un bilancio di fantasia

Fantasia di interventi che non si realizzeranno mai, tranne (gli unici) quelli finanziati con mutui che peseranno sulle spalle dei cittadini per i prossimi 30 anni.

Nel 2018 è stato acceso un mutuo di 1.700.000,00 euro che prevede interessi annui di oltre 100.000,00 euro e ancora non autorizzato dalla Cassa Depositi Prestiti, pertanto anticipato dallea casse comunali togliendo interventi.

Nel 2019 è previsto un altro mutuo pari a 1.436.000,00 euro, anche questo comporterà interessi annui di circa 100.000,00 euro.

Sono scelte scellerate, miopi, che stanno conducendo il Comune verso il baratro di ulteriore indebitamento che sarà difficilmente sostenibile e provocherà impegni di risorse economiche che si sarebbero potute utilizzare in altro modo.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Metropoli

Anguillara Sabazia, valori arsenico 5 volte superiori alla norma al biadaro: la comunicazione arriva dopo 14 giorni dalle analisi

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

ANGUILLARA SABAZIA (RM) – Continua l’emergenza arsenico nei pozzi che servono l’acqua potabile ad Anguillara Sabazia per i quali ormai da diversi mesi permane l’ordinanza di non potabilità. E in via della Maianella, l’unico pozzo che era rimasto fino a ieri immune da ordinanze di non potabilità, il valore dell’arsenico nell’acqua è risultato di 51 Ug/L, ben 5 volte superiore al massimo consentito dalla legge di 10 Ug/l.

Questo quanto rilevato dall’Arpa Lazio, l’unico organo deputato a stabilire i valori di potabilità delle acque, che il 17 Aprile ha trasmesso i rilievi effettuati lo scorso 4 aprile alla Asl, dopo ben 13 giorni. A questo punto la Asl ha immediatamente informato il sindaco di Anguillara Sabazia, primo garante della salute pubblica, chiedendo di emettere ordinanza di non potabilità in considerazione della tossicità dei valori riscontrati. Il 18 Aprile, quindi, il sindaco di Anguillara Sabazia ha emesso l’ordinanza di non potabilità.

14 giorni, quelli che intercorrono tra la data del prelievo (4 Aprile 2019) e la data di emissione dell’ordinanza (18 Aprile 2019) in cui la cittadinanza di Anguillara Sabazia, interessata dal pozzo inquinato, ha creduto di utilizzare l’unica acqua a norma rimasta sul territorio.

Polemica sui social

“E considerate – scrive Enrico Stronati già assessore all’Ambiente e Consigliere comunale ad Anguillara Sabazia – che per 14 giorni i fenomeni dell’amministrazione (che si sono anche alzati lo stipendio appena insediati, per evidenti capacità che solo essi ritengono di avere) vi hanno fatto bere questa acqua. MAI livelli di Arsenico così alti! E l’impianto del Biadaro potrebbe trattare il doppio dell’acqua che tratta con Arsenico a 100 microgrammi/litro. C’è qualcosa che proprio non torna.
Sappiatelo”.     

“La Resurrezione è alle porte – ha detto Sergio Manciuria Presidente di “AnguillaraSvolta” – ma la città di Anguillara Sabazia rimane sotto la conclamata incapacità amministrativa della giunta Anselmo che in appena tre anni, mai successo in precedenza, riesce a conseguire l’en plain su tutti i pozzi comunali per i quali oramai da mesi vige l’ordinanza di non potabilità dovuta principalmente alla presenza di arsenico”. Manciuria ha così commentato l’emissione dell’ordinanza di non potabilità del pozzo Biadaro rimasto finora  unico a fornire acqua potabile. “La sindaca, – ha proseguito il Presidente di “AnguillaraSvolta” piuttosto di occuparsi solo di feste della primavera la cui formulazione suggerita con delibera e senza una gara lascia perplessi e sgomenti  – sottolinea il Presidente di AnguillaraSvolta – provi a studiare un piano di emergenza per garantire al cittadino-contribuente una qualità e potabilità in linea con i parametri di legge. Siamo letteralmente inorriditi da un atteggiamento alla Ponzio Pilato oltre che menefreghista e al limite della legalità, visto il protrarsi di un fenomeno divenuto incontrollabile ed esteso a tutto il territorio”.

“Il persistere di tale stato emergenziale dovrebbe inevitabilmente condurre alla chiusura di scuole e attività commerciali che, prive di un servizio sostitutivo capillare e non sporadico con autobotti, non può protrarsi sine die senza un doveroso intervento del Prefetto e della Asl che avochi a sé una soluzione definitiva. Come sta accadendo nella vicina capitale, dove la Raggi, a dimostrazione della consueta inefficienza grillina non è in grado di gestire l’emergenza dello smaltimento dei rifiuti,  per il bene di Anguillara la prima cittadina pseudo pentastellata  rassegni le dimissioni senza anteporre scuse su un passato oramai troppo lontano. Come Associazione – conclude Manciuria – non lasceremo trascorrere ulteriore tempo e, se come prevediamo, questa “diversamente amministrazione” non provvederà immediatamente al rimborso per un servizio inesistente e lesivo della salute pubblica, ci rivolgeremo ad un legale del ramo consumatori per il giusto ristoro. Approfittiamo dell’occasione per augurare alla cittadinanza una Serena Pasqua con l’auspicio che sia l’ultima sorpresa sotto questa cattiva stella”.  

Una situazione, quella della presenza di arsenico nell’acqua che sembrava dovesse risolversi definitivamente con l’installazione dei dearsenificatori, ma che ad oggi, a quanto pare, risulta ancora irrisolta vista anche l’abbondanza delle varie ordinanze di non potabilità che si stanno collezionando nella città sabatina. E mentre si discute se cedere all’Acea la gestione idrica, che quantomeno garantirebbe la qualità del servizio anche se con costi maggiori per gli utenti, chi ne paga le conseguenze sono i cittadini che continuano a pagare le bollette per un servizio inutilizzabile per le finalità alimentari e chi ci guadagna sono le case produttrici di acqua minerale.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Aprile: 2019
L M M G V S D
« Mar    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it