Connect with us

Castelli Romani

Castel Gandolfo, prevenzione tragedie familiari e abusi della burocrazia: primo passo del sindaco Monachesi verso il modello Pisa

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Il ruolo svolto dall’avvocato Giuseppe Mazzotta dell’Unione Giuristi Cattolici Italiani

CASTEL GANDOLFO (RM) – Grande interesse per l’incontro-dibattito organizzato, nell’ambito delle celebrazioni del “Giorno della Memoria” nella Sala Consiliare del Comune di Castel Gandolfo sul tema “La persona umana come valore fondante del nostro ordinamento Costituzionale”. L’evento è stato considerato anche l’avvio del viaggio culturale verso il “Premio Castel Gandolfo 2019”

Dopo i saluti del Sindaco Milvia Monachesi e della giornalista Chiara Rai organizzatrice del Premio insieme alla dottoressa Maria Grazia Piccirillo, è intervenuto il prefetto Francesco Tagliente nella veste di Chairman e moderatore dell’evento premettendo una riflessione sul valore della Persona nel nostro ordinamento costituzionale e sulla importanza di rivolgere ascolto e sostegno a quelle persone che non hanno più risorse ed energie per farsi assistere da un legale, commercialista o psicologo.

Sono poi intervenuti lo psichiatra neuroscienziato Pietro Pietrini ora direttore della Scuola IMT alti studi di Lucca, socio fondatore della Società Italiana di Neuroetica; l’avvocato Giuseppe Mazzotta Presidente Unione Giuristi Cattolici di Pisa; Paolo Giusti responsabile sportello di ascolto della Fondazione Toscana per la Prevenzione dell’Usura; Antonio Cerrai, presidente del Comitato provinciale CRI di Pisa; Romano Pucci, presidente Confartigianato Impresa Pisa, tutti già componenti del Servizio di ascolto e sostegno.

“Durante il mio mandato da Prefetto di Pisa – ha detto Tagliente nel presentare l’Avvocato Giuseppe Mazzotta – ho avuto il privilegio di conoscere tanti cittadini benemeriti con una vocazione sociale meritevole di grande rispetto.

Da sx l’Avvocato Giuseppe Mazzotta, il sindaco Milvia Monachesi e il Prefetto Francesco Tagliente

Quando ho deciso di istituire il “Servizio di ascolto e sostegno per prevenire tragedie familiari di soggetti in situazioni di disagio originate da motivi economici incolpevoli o comunque riconducibili alla situazione di crisi” ho registrato una immediata convinta disponibilità da parte ti tanti rappresentanti di istituzioni, enti, e associazioni con una forte vocazione istituzionale e sociale.
Tra i primi a manifestare la pronta entusiastica disponibilità, incoraggiante per portare avanti l’iniziativa, fu il presidente dell’Associazione Forense Unione Giuristi Cattolici di Pisa.
L’avvocato Giuseppe Mazzotta- ha proseguito Tagliente – mi apparve da subito una persona per bene, una grande Uomo particolarmente sensibile alla difesa della vita e della dignità umana, un Egregio Signore. Lo ha confermato sottoscrivendo il protocollo d’intesa istitutivo del Servizio di ascolto e sostegno e gestendo poi, a titolo di volontariato sociale, l’aspetto legale di molte persone in difficoltà prese in carico dal Servizio:
Con competenza, professionalità e grande sensibilità è riuscito anche a negoziare una soluzione per far restituire la casa pignorata ad una famiglia con un disabile grave a carico, indirizzata a Paolo Giusti dello Sportello antiusura della Misericordia di Pontedera e poi presa in carico dal Servizio di ascolto.
E’ riuscito a superare resistenze continue, talvolta inconcepibili ma, individuando un percorso fruttuoso anche presso il giudice delle esecuzioni, riuscendo a concludere positivamente la vicenda legale e consentendo di chiudere il caso restituendo casa, dignità e serenità a una famiglia che si sentiva disperata
Con mio grande piacere – ha poi detto ancora il prefetto – il 26 novembre scorso sono stato invitato a presentare il volume “Egregio Signore. Essere padri nella fragrante semplicità del gesto.”
La lettura del libro mi ha offerto l’occasione per riflettere sulla importanza di tenere vivi i valori, condividendoli e declinandoli, anche nell’intimità della nostre relazioni familiari.
La pubblicazione – ha concluso – si articola in brevi episodi, di una relazione tra genitore e figlio da cui traspare la personalità ereditata dell’Egregio Signore. La potenza del linguaggio rispettoso della persona anche quando sottoposta a misure coercitive, il portamento signorile elegante, la capacità di ascolto, la famiglia numerosa del sud ricca di valori, il poliziotto servitore della gente con grande umanità e l’eredità di tanti momenti di piccoli semplici gesti e silenziosa ed intima confidenza tra genitore e figlio. Dalla lettura riaffiora la memoria di una relazione genitoriale che prosegue nel corso di tutta l’esistenza.

In questo si sperimenta il “valore dei valori”, quando la relazione coi nostri cari prosegue anche in loro assenza, sulla traccia lasciata. In un mondo ove ciascuno insegue la costruzione di un’identità attraverso quanto ritiene di riuscire a fare; i valori ci mettono in contatto con l’identità che scaturisce da ciò che già siamo, e che offre all’onestà, all’ascolto, alla presenza, alla generosità e comprensione, il contenuto che ci accomuna tutti, rendendoci parte di una comunità.
E’ per questo che le storie come quelle narrate nel volume riflettono il contenuto costituzionale dei valori evocati e sui quali si fonda la nostra convivenza civile.

Print Friendly, PDF & Email

Castelli Romani

Ciampino, Bartolucci: “Quelle procedure di gara d’appalto”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Ad intervenire sulla questione appalti del Comune di Ciampino è Marco Bartolucci, cittadino ciampinese ed ex consigliere comunale. Ecco la nota:

“Durante la scorsa consiliatura e nel periodo di gestione commissariale, ho seguito da vicino gli affidamenti degli appalti del nostro Comune e più volte mi sono visto costretto a segnalare le molte anomalie riscontrate . Il picco di queste anomalie è stato raggiunto nell’ambito dell’affidamento del “Servizio di gestione, stampa e notificazione delle sanzioni amministrative del Comando della Polizia Locale”.

Per quest’appalto sono stati effettuati una raffica di affidamenti diretti sempre e soltanto in favore del medesimo appaltatore. È stata, poi, alterata l’essenza stessa del servizio ponendo l’anticipazione delle spese postali per molte decine di migliaia di euro a carico dell’operatore, trasformando l’appalto in una sorta di appalto misto di “postalizzazione” e di “servizi finanziari”.

Insieme ai miei colleghi Daniele De Sisti e Marilena Checchi abbiamo prodotto, durante la scorsa consiliatura, le dovute segnalazioni, facendo richiamo al principio di rotazione, sia all’Autorità Nazionale Anticorruzione che all’allora Segretario Generale e Responsabile Anticorruzione del Comune di Ciampino che, assumendo un suo provvedimento formale già dal 15 dicembre 2017, ne aveva accertato la ripetuta violazione del Codice degli Appalti unitamente all’appalto per il servizio di vigilanza dei beni di proprietà comunale.

A darne ulteriore conferma, ci ha pensato il Consiglio di Stato con la recente sentenza del 5 novembre 2019, n. 7539, con la quale è intervenuto nuovamente sul principio di rotazione negli appalti confermando la sentenza del Tar del Lazio n. 535 del 2018. Con questo pronunciamento viene ribadito uno dei principi cardine per gli affidamenti sotto soglia ovvero il principio della “rotazione” che ha lo scopo di prevenire il formarsi di posizioni monopolistiche fra gli operatori economici nella gestione dei servizi locali. Con questa sentenza si ribadisce inoltre che, nel passaggio da un affidamento diretto ad una successiva procedura con bando, non possa essere invitato l’operatore uscente e questo proprio in virtù del principio di rotazione.

Ma cosa è cambiato nel frattempo a Ciampino? Sembrerebbe nulla! Infatti, a colpi di affidamenti diretti e debiti fuori bilancio, è stata oltrepassata molto abbondantemente, dal dicembre 2017, la soglia del milione e trecentomila euro tra servizio di postalizzazione ed anticipazioe fondi per spese postali ciampinesi. Recentemente poi, pur essendo l’operatore uscente, il “monopolista delle multe” è stato comunque invitato ad una procedura di gara che lo ha poi visto aggiudicatario, violando così per l’ennesima volta il Codice degli Appalti anche in virtù della sentenza citata.

Auspico pertanto che la Sindaco Ballico e la sua maggioranza prestino la massima attenzione alla materia intervenendo con azioni che diano un forte segno di discontinuità rispetto al passato attraverso un rigoroso ed urgente monitoraggio di tutti gli affidamenti nel rispetto della normativa sugli appalti ed a vantaggio dell’economicità ed efficienza dei servizi”. Marco Bartolucci

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Castelli Romani

Nemi, grosso masso sulla via De Sanctis: sfiorata tragedia

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

NEMI (RM) – Un grosso masso è caduto dal costone sovrastante la via De Sanctis a Nemi. La grande roccia si è fortunatamente fermata sul marciapiedi. Sfiorata la tragedia in quanto il masso avrebbe potuto colpire qualche pedone o automobilista di passaggio. Quello della urgente messa in sicurezza del costone sulla via De Sanctis è ormai un problema noto. Anche durante le scorse ondate di maltempo e calamità naturali si sono verificati piccoli smottamenti sempre nello stesso punto.

Questo annoso problema si somma al fatto che ancora sembrano lontani i lavori di demolizione e ricostruzione del ponte sulla Nemorense ormai chiusa da circa un anno, nonostante la Città Metropolitana, su sollecitazione del consigliere di maggioranza a Nemi e metropolitano Giovanni Libanori, abbia stanziato già oltre un milione di euro per l’infrastruttura.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Castelli Romani

Genzano, svastiche in Comune

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

GENZANO DI ROMA (RM) – Svastiche sotto il tributo ai caduti nel cortile interno del Comune di Genzano. Questa mattina la spiacevole sorpresa per i residenti della Città dell’Infiorata che andrà al voto per le comunali in primavera dopo un periodo di commissariamento a seguito della caduta del governo pentastellato di Daniele Lorenzon. Il tenore delle scritte è chiaro e l’avviso anonimo ancora di più. Sul posto gli agenti della Polizia Locale di Genzano

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Novembre: 2019
L M M G V S D
« Ott    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it