CASSINO, TRIBUNALE: CONCESSI I DOMICILIARI PER STUPRO DI GRUPPO

Redazione

Concessi i domiciliari a due ventenni del Frusinate, in carcere dal 6 agosto scorso per violenza sessuale di gruppo nei confronti di una minorenne. Ha cosi' trovato applicazione una recente sentenza della Cassazione, secondo la quale sono possibili misure alternative al carcere in caso di stupro di gruppo.La decisione e' stata adottata dal Tribunale del riesame di Cassino. I 2 giovani fecero salire la ragazzina sull'auto per accompagnarla a casa ma poi deviarono verso le campagne.

L'avvocato Giulia Bongiorno ha così commentato la recente sentenza della Cassazione: «Questa sentenza rischia di trasformare la violenza sessuale di gruppo in un reato di serie C. E non è giusto dal punto di vista giuridico né sostanziale. Perché se lo stupro è un reato abominevole, l´aggressione del branco è, se possibile, ancora peggio. Ma in Italia c´è un problema culturale, molti considerano più grave un furto o uno scippo che uno stupro».




FILETTINO (FR) IL NUOVO GOVERNO GIURA

Redazione

Pasquale Squitieri premier, Carlo Taormina principe reggente con l'interim del Lavoro: e' nato il primo governo del principato di Filettino (Frosinone), proclamato mesi fa in polemica con l'abolizione dei piccoli Comuni ipotizzata dal governo Berlusconi. Come annunciato nei giorni scorsi il primo ministro e' il regista, marito di Claudia Cardinale, mentre l'avvocato Taormina resta principe reggente. Restano da nominare i ministri del Turismo e dell'Ambiente. Tre su 10 i ministri donna: Giustizia, Cultura e Pari opportunita'




FROSINONE, CRISTOFARI CONGELA DIMISSIONI: LA SINISTRA RACCOGLIE I COCCI

Redazione

Fabrizio Cristofari, che neppure un mese fa aveva annunciato le sue dimissioni da segretario del Pd di Frosinone e motivato i suoi maldipancia, ha 'congelato' le dimissioni seppur non cambiando affatto idea sul fatto di volersi comunque mettere da parte. Probabilmente lo farà non appena sarà ufficializzata la candidatura a sindaco della coalizione di centrosinistra.




FROSINONE TRIBUNALE, L'ACQUA FIUGGI RIMANE ALLA SANGEMINI

Redazione

Il tribunale di Frosinone ha respinto la richiesta avanzata dal Comune di Fiuggi e dalla controllata 'Acqua e Terme Fiuggi' (Atf) per ottenere la rescissione del contratto con la Sangemini e la restituzione dell'imbottigliamento dell'acqua oligominerale. Tra il Comune e l'azienda umbra da alcuni mesi si e' aperto un duro scontro dopo la decisione presa lo scorso giugno dall'impresa di chiudere lo stabilimento (riaperto da alcune settimane) per mancanza di requisiti di sicurezza




ARSIAL, CDA STRAORDINARIO PER INIZIATIVE A FAVORE AZIENDE COLPITE DA EMERGENZA MALTEMPO

Consiglio di amministrazione straordinario dell’Arsial oggi a Frosinone dove si è discusso dei danni prodotti dall’emergenza maltempo. Oltre ai consiglieri e al presidente Erder Mazzocchi erano presenti l’assessore regionale Angela Birindelli, il presidente della Provincia di Frosinone Antonello Iannarilli, l’Assessore provinciale Melone e i rappresentanti delle associazioni di categoria Cia, Coldiretti, Confragricoltura e Copagri. Tra le iniziative proposte per sostenere le aziende in difficoltà, l’assessore Birindelli ha illustrato tre tipologie di intervento:
a) La richiesta del fondo di solidarietà nazionale per le calamità naturali;
b) L’attivazione della misura 1.2.6 del PSR;
c) L’aiuto ed il sostegno attraverso Unionfidi per l’accesso al credito.
Il consigliere Mauro Buschini, promotore dell’iniziativa, ha dichiarato: «Innanzitutto desidero ringraziare il presidente Erder Mazzocchi ed i colleghi consiglieri per aver recepito immediatamente l’esigenza di tenere a Frosinone una riunione straordinaria capace di affiancare concretamente le tante imprese che vivono l’emergenza dettata dal maltempo. Da parte mia la piena disponibilità a collaborare con tutti per il bene dell’agricoltura di questa provincia. La riunione è stata molto produttiva perché si è messo un punto fermo sul metodo da seguire e sulla tempistica certa per il sostegno alle imprese. Inoltre l’Arsial viene individuato, dall’assessorato regionale, come uno dei soggetti che può lavorare per la certificazione dei danni. Relativamente alla questione dell’accesso al credito, ho chiesto e proposto all’assessore regionale di lavorare affinché Unionfidi e Camera di Commercio di Frosinone possano cooperare per arrivare ad una soglia di garanzia dell’80% dei prestiti bancari delle imprese in modo da poter dare un aiuto concreto alle aziende in difficoltà. Da parte nostra la soddisfazione di aver lavorato affinché vi fosse un confronto tra tutte le istituzioni deputate ad intervenire sull’emergenza maltempo in maniera da stabilire una strategia univoca per sostenere le imprese. Occorrerà ora fare un gioco di squadra importante per raggiungere gli obiettivi prefissi.  Soddisfazione anche per la volontà della Regione Lazio per il rilancio dell’Arsial».

 




PROVINCIA DI FROSINONE, TREMA LA TERRA

Redazione

Un evento sismico e' stato avvertito questa mattina dalla popolazione della provincia di Frosinone. Le localita' prossime all'epicentro sono Fumone, Trivigliano e Ferentino. Lo comunica, in una nota, la Protezione Civile.

Dalle verifiche effettuate dalla Sala Situazione Italia del Dipartimento della Protezione Civile non risultano danni a persone o cose.

Secondo i rilievi registrati dall'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia l'evento sismico e' stato registrato alle ore 11.44 con magnitudo di 2.5.




FRUSINATE, SEGNALI POSITIVI PER L'ECONOMIA

Redazione

“Il quadro Economico della provincia di Frosinone illustrato oggi dal presidente della Camera di Commercio, Florindo Buffardi, conferma ancora una volta i fattori di squilibrio che affliggono l’economia del nostro territorio, ma parlano anche di un sistema produttivo sostanzialmente sano e competitivo. E’ emerso chiaramente che, nel complesso, nel periodo 2005-2010 l’economia di tutto il frusinate è cresciuta ad un ritmo superiore di 0,7 punti medi annui rispetto al Lazio, e di 1,2 rispetto all’Italia nel suo insieme”. Lo ha affermato Mario Abbruzzese, presidente del Consiglio regionale del Lazio, intervenuto oggi nel corso della presentazione di tre rapporti redatti dall’Osservatorio economico dell’Istituto Tagliacarne, in collaborazione con l’Ufficio studi della Camera di Commercio del capoluogo.

“Si conferma – ha continuato il presidente dell’Assemblea regionale – l’andamento positivo dell’export, questo perché le piccole e medie imprese del territorio, pur trovandosi in una situazione economica difficile, stanno cercando comunque di rispondere alla crisi con più investimenti, evitando peraltro di licenziare.

Sono convinto inoltre che sia sempre più evidente la necessità di pensare al futuro sviluppo nella nostra provincia, un futuro che non passi unicamente attraverso le grandi industrie – che devono essere comunque incentivate e sostenute – ma che si concentri anche su importanti volani come quello del  turismo e dei servizi, settori portati avanti soprattutto da micro, piccole e medie imprese, che già oggi creano sviluppo e nuova occupazione.

In questa direzione, ho trovato molto confortanti in questo studio i dati sulla concessione dei crediti, fondamentali per far ripartire le imprese e per fare innovazione.  A fine 2010, i crediti concessi dalle banche alle imprese della provincia di Frosinone ammontano a quasi 6,3 miliardi di euro, in aumento dell’11% rispetto all’anno precedente. E anche il 2011 è iniziato molto bene: i crediti superato i 6,6 miliardi alla fine del primo trimestre, un +6% rispetto al trimestre precedente.

La Regione Lazio da parte sua sta mostrando grande attenzione al mondo dell’impresa e lo sta facendo concretamente. Basti pensare ad una serie di provvedimenti varati, come il Piano Triennale del Turismo ed il Piano Casa, che serviranno a rilanciare il settore, e dunque le imprese, edilizio e tutto il suo indotto o a quelle del comparto turistico, la costituzione delle ‘reti d’impresa’ al ‘venture capital’ (40 milioni di euro per il capitale di rischio delle Pmi), la legge di sostegno per lo sviluppo dei Cofidi agricoli, il protocollo d’intesa stipulato per la certificazione ed il pagamento dei crediti che imprese e amministrazioni locali vantano nei confronti dell’amministrazione regionale e i bandi per favorire i Distretti industriali.

La politica che stiamo portando avanti è quindi allo stesso tempo di rigore e sviluppo. Solo liberando maggiori risorse da investire si potrà costruire e consolidare un’economia in provincia di Frosinone e in tutto il Lazio.  Sono certo – ha concluso Abbruzzese – che solo operando in sinergia con tutti gli attori che operano nei mercati riusciremo a dare un futuro ai nostri giovani e alle loro famiglie”.




FIUGGI ACQUE MINERALI, FIAMME GIALLE SCOPRONO DANNO ERARIALE DI 90 MILIONI DI EURO

Redazione

Il Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza  di Frosinone ha scoperto un grande spreco di danaro pubblico nella gestione di un’azienda operante in Fiuggi nel settore delle acque minerali, a totale partecipazione pubblica, quantificando un danno erariale di circa 90 milioni di euro. La complessa ed articolata attività ispettiva espletata dai finanzieri è stata incentrata, prioritariamente, sull’analisi della documentazione amministrativo-contabile acquisita presso la “società delle acque” e, successivamente, integrata con ulteriori elementi probatori. 
Dall’esame della documentazione afferente la gestione della società, così come riportato nei relativi bilanci di esercizio, è emerso che la municipalizzata è stata coinvolta in una situazione di grave crisi economico-finanziaria nel cui contesto i dirigenti hanno posto in essere condotte segnalate alla magistratura contabile poiché volte a disattendere pareri riguardanti investimenti commerciali, espressi da autorevoli professori e professionisti (pareri, peraltro, esplicitamente richiesti e adeguatamente remunerati). E’ altresì emerso che, con riferimento all’unica fonte di ricavi derivante dal contratto di commercializzazione dell’acqua stipulato con una nota società operante nello specifico settore merceologico delle acque minerali, la società è pervenuta ad un accordo extragiudiziale con il quale la stessa ha rinunciato ai crediti e si è accollata oneri per milioni di euro. Il nocumento finanziario  patito dalla società a capitale pubblico, che inevitabilmente si è scaricato sulla collettività, è stato quantificato dagli investigatori della Guardia di Finanza , come già accennato, in circa 90 milioni di euro (comprensivi di rivalutazione monetaria ed interessi) e ha determinato la segnalazione alla Corte dei Conti di 6 responsabili. L’operazione di servizio eseguita dal Nucleo di Polizia Tributaria di Frosinone si colloca nel più ampio contesto operativo afferente l’azione svolta dalla Guardia di Finanza di Frosinone, prioritariamente su richiesta della Corte dei Conti, a tutela del bilancio dello stato e degli Enti locali. Al riguardo si segnala che nell’anno 2011, le Fiamme Gialle ciociare hanno effettuato numerosi accertamenti contabili su delega  della Corte dei Conti, che hanno consentito di accertare danni erariali per circa 68 milioni di euro e di segnalare alla magistratura contabile nr. 37 persone.




FROSINONE SCUOLE, PER IL CASSINATE DUE NUOVI INDIRIZZI: BIOTECNOLOGIE SANITARIE E SCIENZE APPLICATE

Redazione

Il Giunta regionale lo scorso 03 febbraio ha approvato l’importante delibera avente ad oggetto il Piano provinciale di dimensionamento scolastico a.s. 2012-2013.
Tale piano per il Cassinate tante novità di rilievo che migliorano notevolmente l’offerta formativa degli Istituti Scolastici del primo e del secondo ciclo di istruzione.
"Le decisioni sul dimensionamento scolastico – afferma l’assessore all'Istruzione della Provincia di Frosinone Gianluca Quadrini – hanno tenuto conto delle difficoltà interpretative delle nuove disposizioni normative sulla razionalizzazione della spesa dell’organizzazione scolastica.E’ stato un lavoro lungo, complesso e articolato anche per dei paletti necessari fissati dalla recente legge finanziaria. Ma con questo Piano di dimensionamento scolastico la prima cosa che ho voluto garantire è il diritto allo studio per i nostri ragazzi. Va sottolineato che gli accorpamenti previsti dalla legge incidono esclusivamente sul numero dei dirigenti scolastici e sulla dotazione del personale amministrativo scolastico, e non modificano in alcun modo la composizione delle classi né riducono il numero degli insegnanti. Accertati i bisogni formativi ho migliorato qualitativamente e quantitativamente le condizioni di accesso all’istruzione attraverso l’articolazione e la flessibilità organizzativa dell’offerta scolastica anche in relazione alle vocazioni economiche del territorio e alle dinamiche del suo sviluppo.
Nel Cassinate due nuovi indirizzi, uno all’ITIS e precisamente Biotecnologie Sanitarie ed un altro al Liceo Scientifico l’opzione Scienze applicate, entrambe ampliano l’offerta formativa dei due istituti già molto nutrita.
L’obiettivo della programmazione dell’offerta di istruzione e formazione è quello di rispondere più rapidamente e con maggiore flessibilità al cambiamento e all’innalzamento delle competenze e delle qualifiche richieste, oltre che ampliare la scelta dei ragazzi e delle famiglie, ora, con la chiusura delle iscrizioni che c’è stata sabato scorso, vedremo se queste nuove offerte formative, nonostante la poca pubblicità, avranno avuto la spinta necessaria per decollare, io sono convinto che i risultati saranno positivi ed in controtendenza per un territorio che sempre di più è sofferente.




CECCANO ELEZIONI, MASSIMO RUSPANDINI( PDL) UFFICIALIZZA LA SUA CANDIDATURA A SINDACO

Redazione

Un  bagno di folla per la presentazione ufficiale dell’assessore provinciale Massimo Ruspandini quale candidato unico del Pdl e del centrodestra a sindaco di Ceccano. La coalizione messa in campo, senza dubbi la più forte di sempre, si è mostrata compatta e determinata, sicura di avere tutte le carte in regola per ottenere una vittoria storica e garantire così a Ceccano quella svolta e quella rinascita che la popolazione attende dopo anni di inefficienza amministrativa e di regresso sociale, culturale ed economico.
Testimonianza concreta ed eloquente di tutto ciò è stata la presenza dei vertici provinciali e regionali del Popolo della Libertà, di cui Ruspandini è espressione ed elemento di punta. A “battezzare” la candidatura dell’assessore provinciale sono infatti intervenuti Vincenzo Piso, coordinatore regionale del Pdl; Alfredo Pallone, vice coordinatore regionale del partito ed eurodeputato; Antonello Iannarilli, presidente della Provincia; Annalisa D’Aguanno, vicepresidente della commissione regionale Lavoro; Adriano Roma, vicecoordinatore provinciale del Pdl oltre, ovviamente, ai rappresentanti provinciali e locali dei partiti che compongono la coalizione scesa in campo a sostegno di Ruspandini. Il partito è quindi tutto unito e convinto intorno a questa scelta, certo, dai vertici alla base, di come Ruspandini sia l’uomo giusto per vincere nelle elezioni del prossimo 6 maggio. Presenti anche i coordinatori, i rappresentanti e i componenti delle numerose liste, di partito e civiche, che hanno scelto di sostenere Ruspandini nella corsa per Palazzo Antonelli, tutti persuasi che il progetto di rinnovamento proposto sia l’unico in grado di far rinascere Ceccano.
Ma, e forse soprattutto, vanno ricordate le centinaia di persone – fra iscritti, simpatizzanti, supporter e semplici cittadini – accorse all’Impero per affermare la propria scelta di campo, per far sentire il proprio sostegno a Ruspandini e alla sua squadra, per dimostrare quanto Ceccano creda nella sua candidatura e nel suo programma di rinnovamento e rinascita. Uno stato d’animo entusiasta e determinato che è più volte esploso in scroscianti e lunghi applausi che hanno scaldato platea e relatori.
Il presidente della Provincia Antonello Iannarilli ha aperto gli interventi sottolineando come .
Vincenzo Piso, coordinatore regionale del Pdl, ha messo in evidenza le qualità di Ruspandini: .
Alfredo Pallone, vice coordinatore regionale ed eurodeputato del Pdl: .
Dal canto suo Ruspandini, accolto da una vera standing ovation, ha evidenziato con forza come la svolta per Ceccano sia davvero vicina. . Quanto agli obiettivi amministrativi, l’assessore provinciale è stato molto chiaro: .

 

 




FROSINONE, PROCURA DELLA REPUBBLICA APRE FASCICOLO SU CROLLI AL CONSERVATORIO E ALLO STADIO

Redazione

La Procura della Repubblica di Frosinone ha aperto un fascicolo d'inchiesta sulla causa dei crolli al Conservatorio di musica e allo stadio Casaleno