Connect with us

Roma

CONTO ALLA ROVESCIA

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 2 minuti Adesso manca il Capo del Governo e può iniziare il count down per le nuove elezioni

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Chiara Rai

Avevamo preannunciato che Bersani, dopo i vani tentativi di corteggiare Grillo e poi Monti, avrebbe candidato due dei suoi alle due Camere del Parlamento ma non certo Finocchiaro, altrimenti sarebbe stata protagonista indiscussa e testa autonoma e pensante che avrebbe offuscato il leader del Pd.

Dunque  l'ex procuratore Antimafia Pietro Grasso è il nuovo presidente del Senato e Laura Boldrini candidata nelle liste di Sel ed ex portavoce dei rifugiati politici dell’Onu è il nuovo presidente della Camera. Adesso manca il Capo del Governo e può iniziare il conto alla rovescia per le nuove elezioni. Nessuno le vuole ma è l'inevitabile destino. Senato e Camera. Due bei nomi, nulla da eccepire. Sicuramente delle scelte che per la loro caratura, trascorso e credibilità aprono ancora una volta ad una possibile condivisione d’intenti col Movimento Cinque Stelle. La stessa Boldrini, donna di una certa età, paladina della tutela dei diritti dei più deboli, portavoce delle persone “normali” veste a pennello gli abiti del mediatore in questo rovente clima politico.

Queste due nomine possono essere intese come vincenti o al contrario disfattrici. E’ pur vero che i grillini al Senato pare abbiano trasferito qualche voto a Grasso, quando la competizione con Schifani si era fatta più intensa. Il bicchiere mezzo pieno consiste nel fatto che è stata eletta la terza donna, dopo Nilde Iotti e Irene Pivetti, presidente della Camera nella storia Repubblicana e che Grasso è il simbolo dell'anticorruzione e della giustizia. Il bicchiere mezzo vuoto è di quattro commensali a tavola, il pasto è servito soltanto per il primo arrivato. Al momento della sua presa di scranno della Boldrino, gli unici a rimanere seduti sono stati i deputati Pdl e devo dire che non hanno fatto una bella figura. La scelta di Boldrini non solo giustifica quella volontà di rinnovamento chiesta dai militanti ed elettori Pd ma anche quella apertura al dialogo con i grillini: “Stiamo iniziando un viaggio insieme e io con cura e umiltà”. Cura e umiltà due parole che sentiamo spesso negli ultimi tempi.

Ancora una volta si dovrebbero prendere ad esempio le parole di quello splendido uomo di Papa Francesco: “sogno una Chiesa povera e per i poveri”. E noi italiani sogniamo un Parlamento equo che tuteli i diritti degli Italiani e sia esempio di buonsenso. Adesso iniziano a capirlo anche i politici, ma come Francesco si è sbrigato a pagare il conto dei suoi pernottamenti, ci si aspetta che i neo deputati non si sbrodolino di privilegi e inizino a lavorare nell’umiltà e con umiltà. Lo scenario idilliaco appena descritto in realtà ha delle spigolosità pericolosissime: Berlusconi, Monti e Cinque Stelle non permetteranno un Governo a senso unico. Adesso dovrebbe entrare in gioco un termine che l’avidità di potere ha prosciugato del suo significato: Responsabilità. Ma purtroppo il suicidio è stato preannunciato in tutte le salse e questo Governo ha i mesi contati.

Metropoli

Canale Monterano, antiche ricette e tradizione: dopo due anni di fermo torna “La Sagra delle Fettuccine Paesane”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

24-25-26 giugno 2022

CANALE MONTERANO (RM) – Torna la Sagra delle Fettuccine a Canale Monterano, il borgo situato a nord della Capitale a pochi chilometri dal lago di Bracciano. Dal 24 al 26 giugno si potrà degustare questa pasta all’uovo “de na vorta”, rigorosamente lavorata a mano dalle nonne del paese portatrici delle antiche ricette della tradizione e dando vita ad uno dei piatti più celebri e gustosi della cucina del borgo e dell’intera regione Lazio.

Dopo due anni di fermo, a causa dell’emergenza pandemica – le donne delle varie contrade di Canale Monterano torneranno a creare diversi tipi di fettuccine in abbinamento a diversi tipi di sughi che faranno immergere i visitatori nei sapori di una volta.


Un appuntamento che con La sagra delle Fettuccine Paesane che sarà anche l’occasione per visitare il borgo di Canale Monterano e la suggestiva Monterano Antica, una delle città fantasma più note del Lazio.

Continua a leggere

Metropoli

Bracciano, a fuoco il muro della chiesa della Misericordia. Il sindaco confuso sull’accaduto?

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

BRACCIANO (RM) – In fiamme nella notte il muro della chiesa della Misericordia a Bracciano, un simbolo per la comunità. Sul lato della chiesa erano posizionati dei cartoni che hanno preso fuoco. Nessuno ha visto o capito cosa sia successo, con tutta probabilità si tratta di un gesto sconsiderato di qualcuno rimasto ad oggi ignoto. Le fiamme non si sono propagate nel circondario. A dare notizia del gesto il parroco Don Piero Rongoni: “Forse un mozzicone di sigaretta “accidentalmente caduto”….. o forse un raro fenomeno di autocombustione, oppure qualche persona annoiata dalla monotonia della quotidianità…. O peggio ancora un atteggiamento irresponsabile verso la chiesa della Misericordia, luogo importante e significativo della nostra comunità braccianese.

Fatto sta che ieri sera del fuoco si è sprigionato bruciando i cartoni appoggiati sulla parete della chiesa, luogo in cui oltre 30 volontari cercano di sostenere oltre 80 famiglie attraverso la consegna di derrate alimentari con il nostro Banco.

Non nego la tristezza e la delusione per questo gesto irresponsabile….. ma non ci arresteremo: puliremo, tinteggeremo, sistemeremo e continueremo la nostra opera sociale e caritativa”.

Non ha forse ben compreso cosa sia successo il sindaco Marco Crocicchi il quale nel dare la solidarietà ha scritto di un terribile incidente che avrebbe mandato in fumo il lavoro di oltre 30 volontari: “Voglio esprimere a nome di tutta l’amministrazione e, ne sono certo, di tutta la comunità di Bracciano, la massima solidarietà per il terribile incidente che stanotte ha mandato letteralmente in fumo il preziosissimo lavoro di raccolta di oltre 30 volontari che stanno cercando di sostenere oltre 80 famiglie attraverso la consegna di derrate alimentari con il Banco organizzato dalla chiesa della Misericordia. Al coraggio e all’impegno dei volontari, della parrocchia e del suo parroco, Don Piero Rongoni l’amministrazione non resterà indifferente e offrirà tutto l’aiuto perchè il loro lavoro è una bellissima pagina della storia della nostra città e va supportato e rilanciato”

Per fortuna il loro lavoro, o meglio le opere e impegno dei volontari sono salvi. Il parroco ha spiegato che l’incendio ha colpito un luogo dove sono impegnati ogni giorno oltre 30 persone.

Continua a leggere

Castelli Romani

Nemi, cemento sulle sponde del lago. Cortuso: “Aggressione e disprezzo di un ecosistema fragile”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Dopo la manifestazione dello scorso sabato e l’interrogazione regionale arriva il commento del candidato sindaco per la “Lista Civica Nemi”

NEMI (RM) – “Cemento. È questo quello che è accaduto nel Centro Canoa in riva al Lago di Nemi: una enorme colata di cemento.” Questo un primo commento del candidato sindaco di Nemi Carlo Cortuso riguardo la piattaforma in cemento armato realizzata sulle sponde del lago di Nemi su un’area, vincolata e protetta, situata in pieno Parco Regionale dei Castelli. “Betoniere – prosegue Cortuso – che si sono alternate, per giorni e giorni, per riempire le casseformi dei terrazzamenti e delle strutture previste da un progetto che nessuno conosce. È possibile che oggi possa ancora accadere questo? È possibile che un’opportunità come la rinascita del Centro Canoa, che doveva essere un esempio di buone pratiche e sostenibilità ambientale a partire dalla sua realizzazione, si trasformi in un incubo di aggressione e disprezzo di un ecosistema fragile come quello del Lago di Nemi? Quanta ignoranza, quanta incompetenza sono necessarie per realizzare questo scempio. Noi sognavamo il Centro Canoa come una risorsa per la collettività, un centro di promozione degli sport acquatici, di educazione ambientale e di monitoraggio dell’ecosistema lacustre e del suo delicato equilibrio. Sognavamo un centro di aggregazione all’interno di una struttura rispettosa dell’ambiente, conforme alle più moderne pratiche di ingegneria ambientale. E invece ci ritroviamo di fronte all’ennesimo disastro da parte di chi sta cercando disperatamente bandierine da appuntare nella prossima campagna elettorale. Non è questa la Nemi che vogliamo.”

Continua a leggere

I più letti