Connect with us

Costume e Società

Grande abbuffata: dieta subito per perdere i chili di troppo? Ecco i consigli degli esperti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Con l’anno nuovo ci proponiamo tutti dei buoni propositi e tra questi anche di togliere i chili di troppo presi durante i quindici giorni natalizi, ma non sappiamo per la maggior parte delle persone come ritornare ad una discreta forma fisica in tempi più o meno celeri restando in salute e mantenendo un aspetto salutare.

Durante le feste ci siamo lasciati andare un po’ tutti a “piccoli peccati di gola” con dolciumi, panettoni di vario genere o a i primi piatti tipici natalizi tradizionali che caratterizzano ogni regione d’Italia e così inevitabilmente ci siamo ritrovati in questi giorni qualche fastidioso chiletto che ci provoca disagio con la sensazione di gonfiore e ci fa rinunciare al tanto amato jeans stretto o al tubino che teniamo ben custodito nel guardaroba. Ma come possiamo perdere i chili di troppo presi durante le feste natalizie e ritornare ad una discreta forma fisica?

 

Che tipo di alimentazione dobbiamo adottare e che tipo di attività fisica dobbiamo svolgere dopo il periodo post-natalizio?

L’Osservatore D’Italia ha voluto porre queste domande su come togliere i chili di troppo dopo la grande abbuffata natalizia a due professionisti del settore, il Dott. Biologo Nutrizionista Stefano Scafuri, laurea conseguita presso l’Università Federico II di Napoli, attualmente collabora con vari studi in tutta la Campania tra cui a Monte di Procida al “Centro Diagnostica Medica”, ed il Dott. Andrea Miele diplomato in Osteopatia, Laurea in Scienze motorie e proprietario del Club Miele Associazione sportiva, insegnante e partecipazione a vari corsi.

 

Dott. Stefano Scafuri come possiamo togliere i chili presi durante il periodo natalizio?

Con l’Epifania che tutte le feste porta via arriva il momento di fare un bilancio di queste feste natalizie. Come ogni anno, nonostante i buoni propositi, ci si ritrova con qualche chilo di troppo, con la sensazione di pesantezza e gonfiore addominale. Le prime regole per affrontare un felice ritorno alla normalità sono di evitare di salire sulla bilancia e di disfarsi delle montagne di dolcetti e cioccolatini che fanno bella mostra di sé all’ingresso o sul tavolo della sala da pranzo. Sono giorni infatti quelli passati che si sa, caratterizzati da prelibatezze in ogni pasto e nonostante abbiamo cercato di desistere dal consumarle c’è poco da fare: in un momento o in un altro abbiamo ceduto alla tentazione di succulenti piatti o golosissimi dolci. Sebbene abbiamo strutturato un programma integrato di alimentazione ed esercizio fisico nelle settimane precedenti le feste, il peso accumulato durante le feste natalizie può, se non si riprende immediatamente la retta via, determinare un incremento generale che contribuisce al sovrappeso e/o obesità in futuro.

 

Come comportarci quindi?

Il mio consiglio è di abbandonare il luogo comune di fare tutto “LENTO E GRADUALE” perché non serve a nulla, anzi, vi rema contro!

Esiste il concetto definito set-point ossia un complesso meccanismo all’interno dell’organismo umano che cerca di mantenere il livello di grasso corporeo in un intervallo più o meno stabile. Questo livello di grasso corporeo pre-determinato è dipendente da un ormone prodotto dal grasso corporeo stesso, la leptina. Per far sì che tale intervallo non si stabilizzi a nostro sfavore sono fondamentali i primi giorni post-feste per recuperare ed in particolare è vantaggioso privilegiare nel primo dei pasti con buone quantità di frutta (centrifuga di kiwi e ananas) e verdura (carota, sedano, cipolla, bietola, spinaci, radicchio sono deliziosi anche sbollentati, conditi con un filo d’olio e una spolverata di spezie) per depurarsi dalle tossine in eccesso, liberare l’intestino dalle scorie e contemporaneamente reidratare il corpo. In tal senso anche le tisane possono essere molto utili e in particolare il the verde o un infuso a base di menta, finocchio, liquirizia o cardo mariano. Il nostro organismo si svuota dall’eccesso di carboidrati sotto-forma di glicogeno ( il motivo per cui ci sentiamo gonfi) iniziando ad attingere energia dalle riserve di grasso.

Il secondo giorno post-feste può essere caratterizzato invece dall’introduzione di una minima concentrazione di carboidrati sotto forma di cereali e da pasti tendenzialmente proteici (carni bianche o pesce) accompagnati da tanta acqua e da una buona dose di verdura fresca; i CHO permettono di sostenere l’attività del fegato mentre le proteine sono fondamentali per mantenere attivo il tessuto muscolare pur permettendo all’organismo di attingere alle sue scorte adipose.

 

Dott. Andrea Miele che tipo di attività fisica ci consiglia dopo le feste?

Rifacendomi al discorso preciso e competente del Dott. Stefano Scafuri ritengo funzionale integrare il movimento fisico come strategia per accelerare il metabolismo e quindi il processo definitivo di dimagrimento in questo caso post festività natalizie. Dopo questi quindici giorni di festività è una buona prassi preparare la mente e il corpo ad un Gennaio all’insegna di una buona educazione alimentare e motoria.

 

Le domande che tutti si pongono: attività aerobica o anaerobica per perdere chili?

La risposta è tutte e due, ma dipende dall’obiettivo se è a breve, medio o lungo termine. Se l’obiettivo è rimettersi subito in forma, meglio dare subito una svolta dinamica alla giornata e preferire le attività aerobiche a quelle anaerobiche e quindi concentrarsi più sulle calorie che sui grassi. A mio avviso sarebbe opportuno scegliere un esercizio fisico basato sulla durata, sulla resistenza, in questo modo si utilizzeranno grandi quantità di ossigeno che aiuteranno i muscoli a lavorare bene e l’organismo a bruciare più calorie. Il mio consiglio è quello di praticare attività all’aperto come camminata, la corsa, il ciclismo, ma anche lo sci di fondo o il nuoto, questo perché permette di prendere una bella boccata di ossigeno soprattutto dopo le ore passate a tavola. Bisogna in questo momento puntare più sulla durata a bassa intensità, non sulla forza e la potenza, quindi camminare e pedalare sono due semplici attività che migliorano la funzionalità cardio circolatoria, l’attività respiratoria e metabolica attivando le nostre energie primordiali utilizzando i nostri schemi motori di base. Il mio consiglio è iniziare mettendoci volontà, impegno e costanza, dedicando tre-quattro volte a settimana all’esercizio fisico. Un’altra buona pratica è quella di iniziare il nuovo anno scrivendosi in palestra, prediligendo le attività aerobiche per iniziare a smaltire i chili di troppo.

Concludendo: utilizzare i nostri schemi motori di base, le nostre capacità motorie e condizionali stimoleremo il nostro sistema muscolo scheletrico attraverso l’allenamento a bruciare inizialmente le calorie e man mano i grassi

Giuseppina Ercole

 

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere
Commenti

Costume e Società

Zoomarine: fine settimana di festeggiamenti per la Giornata mondiale della terra

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

TORVAIANICA – Zoomarine, il più grande Parco marino italiano, festeggia in Italia l’Earth Day, la Giornata mondiale della terra. 2.000 bambini da tutto il Lazio sono attesi nel prossimo week end al
Parco per una serie di azioni simboliche ed educative a difesa del pianeta. Si parte dallo stop all’utilizzo delle cannucce in plastica per le bibite e la notevole riduzione di ogni prodotto promozionale stampato su carta.
L’Earth Day il 22 aprile è la più grande manifestazione ambientale del pianeta, l’unico momento in cui tutti i cittadini del mondo si uniscono per celebrare la terra e promuoverne la salvaguardia.
La Giornata della Terra, iniziativa promossa dal presidente John Fitzgerald Kennedy, coinvolge ogni anno fino a un miliardo di persone in ben 192 Paesi del mondo.
La data è stata scelta dalle Nazioni Unite che celebrano l’Earth Day ogni anno, un mese e due giorni dopo l’equinozio di primavera, ovvero il 22 aprile.
Zoomarine, da sempre impegnato in prima linea in Italia nella sensibilizzazione ed educazione ambientale, non manca all’appuntamento ed ha organizzato per venerdì, sabato e domenica una tre giorni ricca di avvenimenti educativi al Parco. Ad iniziare da gesti fortemente simbolici.
Lo scorso anno, proprio in occasione dell’Earth Day, fu piantato l’albero n° 100.000 nella nuova area del Parco denominata “Avventura nella Foresta” che ospita la voliera più grande d’Italia Quest’anno si punta, invece, sul riciclo creativo.
Domani, venerdì 20, tutti i bambini presenti al Parco, in team con gli insegnanti, saranno impegnati nel riutilizzo dei tappi di plastica per la realizzazione di una scritta da record, la parola Earth Day.
I bambini, assistiti ed aiutati dal team di biologi di Zoomarine, scelgono così simbolicamente di festeggiare la Giornata della Terra, ricevendo l’attestato di “Ambasciatore della Terra”.
Domenica 22 il cuore delle attività in programma, con una serie di laboratori interattivi con educatori ed esperti chiamati ad approfondire nozioni utili su quali piante coltivare in questo periodo, come farlo, come garantire condizioni migliori a fiori e giardini ed ogni consiglio utile a promuovere una cultura del verde.
Allo scopo sarà allestito un laboratorio, in collaborazione con “Sos Verde”, che avrà in programma attività educative con i semi e saranno distribuite in omaggio più di 200 piantine a tutti i Partecipanti.
Diverse, inoltre, le attività che coinvolgeranno in prima persona i visitatori. In programma azioni di riciclo creativo con particolare riferimento a come rendere più verdi le nostre case, i terrazzi e i giardini cercando di dare una mano agli insetti impollinatori (come le api) che soffrono a causa dell’inquinamento e dell’utilizzo sconsiderato di prodotti chimici in agricoltura.

Infine due azioni simboliche ma di grande impatto ecosostenibile, una scelta che Zoomarine ha iniziato a fare già dalla stagione 2017. Dallo scorso anno infatti il Parco applica la policy di non stampare più mappe cartacee da distribuire al pubblico, con l’obiettivo di ridurre notevolmente l’uso della carta. Percorsi digitali e schermi interattivi sostituiscono la carta nelle informazioni al pubblico. Da quest’anno ancora più attenzione all’ambiente, con la scelta di non servire più bevande con le
cannucce, in modo da ridurre la quantità di rifiuti e l’utilizzo e smaltimento della plastica. “Zoomarine è una grande oasi verde affacciata sul mare del litorale romano. Con i nostri 40 ettari di verde
e le migliaia di piante ed alberi che da anni ospitiamo nel Parco, rappresentiamo certamente un ecosistema di grande rilievo per il Lazio e l’Italia – spiega il dott. Renato Lenzi, amministratore delegato del Parco -. Nella nostra mission c’è l’educazione e la sensibilizzazione, a partire dai bambini, sui temi della sostenibilità ambientale e del rispetto del pianeta. Si può imparare giocando, divertendosi, ed è questo il nostro modello educativo. Una visione che ogni anno trasmettiamo a 600mila persone che ci fanno visita da tutta Italia”.
Nata il 22 aprile 1970 per sottolineare la necessità della conservazione delle risorse naturali della Terra, la Giornata della Terra è divenuta un avvenimento educativo ed informativo fortemente sentito a livello mondiale.
I gruppi ecologisti lo utilizzano come occasione per valutare le problematiche del pianeta: l’inquinamento di aria, acqua e suolo, la distruzione degli ecosistemi, le migliaia di piante e specie animali che scompaiono, e l’esaurimento delle risorse non rinnovabili. Si insiste in soluzioni che permettano di eliminare gli effetti negativi delle attività dell’uomo, come il riciclo dei materiali, la conservazione delle risorse naturali come il petrolio e i gas fossili, il divieto di utilizzare prodotti chimici dannosi, la cessazione della distruzione di habitat fondamentali come i boschi umidi e la protezione delle specie minacciate.
L’idea della creazione di una “Giornata per la Terra” fu discussa per la prima volta nel 1962. In quegli anni le proteste contro la guerra del Vietnam erano in aumento, ed al senatore Nelson venne l’idea di organizzare un “teach-in” sulle questioni ambientali.
Nel corso degli anni la partecipazione internazionale all’Earth Day è cresciuta superando oltre il miliardo di persone in tutto il mondo: è l’affermazione della “Green Generation” che guarda ad un futuro libero dall’energia da combustibili fossili, in favore di fonti rinnovabili, alla responsabilizzazione individuale verso un consumo sostenibile, allo sviluppo di una green economy e a un sistema educativo ispirato alle tematiche ambientali.

Situato a Torvaianica, alle porte di Roma, con i suoi 40 ettari di verde, acqua e attrazioni, con una media di 600.000 visitatori l’anno e 60.000 studenti, Zoomarine si conferma come uno dei Parchi divertimento più importanti d’Europa oltre che primo Parco acquatico italiano all’insegna dell’intrattenimento e dell’offerta educativa.
Il Parco ospita, oltre ai delfini, dimostrazioni con leoni marini, foche, uccelli tropicali, oltre a specie acquatiche quali pinguini, pellicani e fenicotteri, per un totale di 315 animali di 29 specie diverse.
Prima struttura nel nostro Paese a ricevere il riconoscimento di Giardino Zoologico nel 2009, Zoomarine collabora con 15 Università italiane e straniere in progetti rivolti al benessere e alla tutela degli animali e alla sensibilizzazione del pubblico sul tema della salvaguardia ambientale.
Completano l’offerta giostre acquatiche e attrazioni meccaniche per grandi e piccoli, un Acquapark da 5.000 posti, un’ampia area piscine e la Zoomarine Beach, una distesa tropicale di sabbia con ombrelloni di paglia, il Cinema 4D, l’Era dei Dinosauri, un percorso interattivo all’interno di una foresta preistorica popolata da dinosauri animatronics che nel mese di Ottobre sono parte di un percorso di paura dedicato alla celebrazione di Halloween.
Dolphin Discovery, azienda leader al mondo nel settore dei parchi tematici con mammiferi marini, è il gruppo gestisce 27 parchi tematici nel mondo in 9 Paesi diversi attraverso il coordinamento della struttura globale che ha il suo quartier generale in Messico e che annovera più di venti anni di esperienza grazie ad uno staff internazionale di alto spessore tecnico d’avanguardia.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Costume e Società

La buona educazione sportiva e il potere della determinazione. L’esempio della giovane ginnasta Sara Bruno Tagliente

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

APRILIA – Le avevano ripetuto più volte in famiglia, che nello spirito dell’educazione del pedagogista sportivo Pierre de Coubertin è importante partecipare, non vincere. Che l’importante nella vita, non è trionfare ma combattere, che le doti dell’atleta devono essere anche grande energia, calma e controllo di se stesso. E con questo spirito si era presentata al centro sportivo asd “Le Ginnaste” di Aprilia per partecipare alle finali del campionato primavera di ginnastica artistica.

Ma in famiglia aveva sentito ripetere più volte anche la massima latina “nihil difficile volenti” perché durante la competizione agonistica oltre al suo talento ha rivelato tutta la sua determinazione. Alla fine la premiazione, la consegna di 4 medaglie, l’emozione di salire quattro volte sul podio, La gioia della vittoria.

La giovane ginnasta Sara Bruno Tagliente, nelle prove individuali della sua categoria, si è aggiudicato 4 medaglie: il primo posto a corpo libero, primo posto a trave, terzo posto a trampolino e terzo a volteggio. E si è aggiudicata il primo posto pure nella classifica generale delle prove individuali MP3A Il merito di questo traguardo sportivo va sicuramente ricondotto anche alla capacità organizzativa della UISP (Unione Italiana Sport per Tutti), che ha saputo motivare e appassionare alle varie discipline sportive, ginnasti di tutte le età.

Così come molte altre promesse salite sul podio, infatti, Sara si allena alla polisportiva Ginnastica Roma 7, dove la dedizione e l’impegno delle istruttrici sta portando tantissime ginnaste ai livelli alti della ginnastica artistica italiana

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Costume e Società

Salvamamme, 20 anni di attivismo concreto: ecco i numeri

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Diecimila famiglie con 20.000 bambini di 100 nazionalità diverse, di cui il 25% italiane, sostenute negli ultimi 10 anni e oltre 3,4 milioni di beni distribuiti, tra vestiario, alimenti, giocattoli, prodotti per l’igiene, materiale di puericultura, carrozzine, passeggini, lettini, con una media di 170 pezzi a bambino, per un totale stimato di 12 milioni di euro.

Sono alcuni dei numeri più recenti dell’attività di Salvamamme, che ieri ha inaugurato le celebrazioni del ventennale dell’associazione con un evento nella sede di via Ramazzini, all’interno di Croce Rossa.

“La nostra associazione da più di vent’anni assiste migliaia di famiglie con bimbi e ha aiutato concretamente tante donne vittime di violenza nel momento di maggiore fragilità – ha detto la Presidente di Salvamamme, Grazia Passeri – I romani, gli italiani, si sono dimostrati straordinariamente generosi con donazioni di ogni tipo, ma noi, per andare avanti e sostenere le importanti spese logistiche, abbiamo bisogno di essere supportati economicamente”, è l’appello che ha lanciato.

Ospiti d’onore dell’evento le principesse Maria Chiara, Maria Carolina e Camilla di Borbone delle Due Sicilie, che, dopo gli importanti riconoscimenti internazionali, tra i quali l’Humanitarian Award della Un Women for Peace Association e il Peace Jam Visionary Award, è stata nominata “Ambasciatrice di Salvamamme nel mondo”, e che, con la presidente di Croce Rossa di Roma, Debora Diodati, ha ricevuto una preziosa targa, un bassorilievo in argento dipinto con smalti a fuoco realizzato interamente a mano dal maestro orafo Michele Affidato.

“Ogni giorno lotto affinché tutte le donne vittime di violenza vengano aiutate e supportate nel cammino di ripresa dei loro diritti e della loro dignità. Salvamamme tende la propria mano a tutti coloro che ne hanno bisogno e oggi, in questo splendido luogo, sono felice di poter far parte di questa grande famiglia”, è il commento commosso di Camilla di Borbone. Il Principe Carlo, che presiede il Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio, con la sorella Beatrice, ha voluto supportare concretamente, in linea con i principi statutari, due iniziative di Salvamamme, “La Valigia di Salvataggio” e il progetto “Nursery in Rete 2.0 & i bambini crescono” che, da giugno 2017 ad oggi, ha già sostenuto 800 bambini distribuendo oltre 100.000 tra capi di vestiario, alimenti, giochi, carrozzine, passeggini, box, libri per un valore complessivo di 500.000 euro. Nel ricevere il riconoscimento la Presidente di Cri Roma Debora Diodati ha sottolineato che “Salvamamme a pieno titolo fa parte di quell’Italia che aiuta, che è il modo di essere dei tanti volontari della Croce Rossa, e che fa della solidarietà non un concetto astratto, ma una realtà fatta di tante azioni concrete”.

Le ha fatto eco il Mons. Augusto Paolo Lojudice, Vescovo della Diocesi di Roma Sud, che ha auspicato “che si ampli la rete che sappia far fronte alle difficoltà dei bambini e delle loro mamme che vivono molteplici sofferenze”. “Sono da sempre insieme al Salvamamme con l’obiettivo di aiutare a crescere bene migliaia di bambini, ma anche attenta ad ascoltare parole non dette e sguardi significativi e per tendere la mano a tante donne ed aiutarle ad uscire dal buio della violenza”, ha spiegato Barbara De Rossi, presidente onoraria di Salvamamme. E per il successo di “Nursery in rete 2.0”, vincitrice dell’avviso pubblico della Regione Lazio su “interventi per il contrasto delle povertà estreme e della marginalità sociale”, i festeggiamenti si sono raddoppiati e sono stati messi gratuitamente a disposizione per 100 famiglie una speciale “carta moneta” dell’Associazione tramite la quale hanno potuto comporre a proprio gusto, serviti come veri “clienti”, un corredino per sé e i loro piccini con i capi più belli e nuovi.

Per l’occasione hanno portato i saluti Marta Leonori, Consigliera Regione Lazio, Massimiliano Bizzozero, Referente progetti sociali Fiamme Oro Rugby della Polizia di Stato e Pietro Giulio Mariani, Direttore CRI Roma. L’evento, organizzato anche grazie al supporto di Crystiano Cavallucci, owner di Creative Solution, di SIFA srl, si è concluso all’insegna del grand gourmet con un light lunch a cura del famoso chef Bruno Brunori con i vini gentilmente offerti da Enosis di Carlo Dugo, la torta “ogni bambino è un piccolo principe” realizzata da Valentina Passeri e per tutti un pensiero speciale: i cioccolatini di “Madagascar l’origine del cioccolato”.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

aprile: 2018
L M M G V S D
« Mar    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

L’Osservatore su Google+

Le più lette

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it