Connect with us

Costume e Società

Grande abbuffata: dieta subito per perdere i chili di troppo? Ecco i consigli degli esperti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Con l’anno nuovo ci proponiamo tutti dei buoni propositi e tra questi anche di togliere i chili di troppo presi durante i quindici giorni natalizi, ma non sappiamo per la maggior parte delle persone come ritornare ad una discreta forma fisica in tempi più o meno celeri restando in salute e mantenendo un aspetto salutare.

Durante le feste ci siamo lasciati andare un po’ tutti a “piccoli peccati di gola” con dolciumi, panettoni di vario genere o a i primi piatti tipici natalizi tradizionali che caratterizzano ogni regione d’Italia e così inevitabilmente ci siamo ritrovati in questi giorni qualche fastidioso chiletto che ci provoca disagio con la sensazione di gonfiore e ci fa rinunciare al tanto amato jeans stretto o al tubino che teniamo ben custodito nel guardaroba. Ma come possiamo perdere i chili di troppo presi durante le feste natalizie e ritornare ad una discreta forma fisica?

Che tipo di alimentazione dobbiamo adottare e che tipo di attività fisica dobbiamo svolgere dopo il periodo post-natalizio?

L’Osservatore D’Italia ha voluto porre queste domande su come togliere i chili di troppo dopo la grande abbuffata natalizia a due professionisti del settore, il Dott. Biologo Nutrizionista Stefano Scafuri, laurea conseguita presso l’Università Federico II di Napoli, attualmente collabora con vari studi in tutta la Campania tra cui a Monte di Procida al “Centro Diagnostica Medica”, ed il Dott. Andrea Miele diplomato in Osteopatia, Laurea in Scienze motorie e proprietario del Club Miele Associazione sportiva, insegnante e partecipazione a vari corsi.

Dott. Stefano Scafuri come possiamo togliere i chili presi durante il periodo natalizio?

Con l’Epifania che tutte le feste porta via arriva il momento di fare un bilancio di queste feste natalizie. Come ogni anno, nonostante i buoni propositi, ci si ritrova con qualche chilo di troppo, con la sensazione di pesantezza e gonfiore addominale. Le prime regole per affrontare un felice ritorno alla normalità sono di evitare di salire sulla bilancia e di disfarsi delle montagne di dolcetti e cioccolatini che fanno bella mostra di sé all’ingresso o sul tavolo della sala da pranzo. Sono giorni infatti quelli passati che si sa, caratterizzati da prelibatezze in ogni pasto e nonostante abbiamo cercato di desistere dal consumarle c’è poco da fare: in un momento o in un altro abbiamo ceduto alla tentazione di succulenti piatti o golosissimi dolci. Sebbene abbiamo strutturato un programma integrato di alimentazione ed esercizio fisico nelle settimane precedenti le feste, il peso accumulato durante le feste natalizie può, se non si riprende immediatamente la retta via, determinare un incremento generale che contribuisce al sovrappeso e/o obesità in futuro.

Come comportarci quindi?

Il mio consiglio è di abbandonare il luogo comune di fare tutto “LENTO E GRADUALE” perché non serve a nulla, anzi, vi rema contro!

Esiste il concetto definito set-point ossia un complesso meccanismo all’interno dell’organismo umano che cerca di mantenere il livello di grasso corporeo in un intervallo più o meno stabile. Questo livello di grasso corporeo pre-determinato è dipendente da un ormone prodotto dal grasso corporeo stesso, la leptina. Per far sì che tale intervallo non si stabilizzi a nostro sfavore sono fondamentali i primi giorni post-feste per recuperare ed in particolare è vantaggioso privilegiare nel primo dei pasti con buone quantità di frutta (centrifuga di kiwi e ananas) e verdura (carota, sedano, cipolla, bietola, spinaci, radicchio sono deliziosi anche sbollentati, conditi con un filo d’olio e una spolverata di spezie) per depurarsi dalle tossine in eccesso, liberare l’intestino dalle scorie e contemporaneamente reidratare il corpo. In tal senso anche le tisane possono essere molto utili e in particolare il the verde o un infuso a base di menta, finocchio, liquirizia o cardo mariano. Il nostro organismo si svuota dall’eccesso di carboidrati sotto-forma di glicogeno ( il motivo per cui ci sentiamo gonfi) iniziando ad attingere energia dalle riserve di grasso.

Il secondo giorno post-feste può essere caratterizzato invece dall’introduzione di una minima concentrazione di carboidrati sotto forma di cereali e da pasti tendenzialmente proteici (carni bianche o pesce) accompagnati da tanta acqua e da una buona dose di verdura fresca; i CHO permettono di sostenere l’attività del fegato mentre le proteine sono fondamentali per mantenere attivo il tessuto muscolare pur permettendo all’organismo di attingere alle sue scorte adipose.

Dott. Andrea Miele che tipo di attività fisica ci consiglia dopo le feste?

Rifacendomi al discorso preciso e competente del Dott. Stefano Scafuri ritengo funzionale integrare il movimento fisico come strategia per accelerare il metabolismo e quindi il processo definitivo di dimagrimento in questo caso post festività natalizie. Dopo questi quindici giorni di festività è una buona prassi preparare la mente e il corpo ad un Gennaio all’insegna di una buona educazione alimentare e motoria.

Le domande che tutti si pongono: attività aerobica o anaerobica per perdere chili?

La risposta è tutte e due, ma dipende dall’obiettivo se è a breve, medio o lungo termine. Se l’obiettivo è rimettersi subito in forma, meglio dare subito una svolta dinamica alla giornata e preferire le attività aerobiche a quelle anaerobiche e quindi concentrarsi più sulle calorie che sui grassi. A mio avviso sarebbe opportuno scegliere un esercizio fisico basato sulla durata, sulla resistenza, in questo modo si utilizzeranno grandi quantità di ossigeno che aiuteranno i muscoli a lavorare bene e l’organismo a bruciare più calorie. Il mio consiglio è quello di praticare attività all’aperto come camminata, la corsa, il ciclismo, ma anche lo sci di fondo o il nuoto, questo perché permette di prendere una bella boccata di ossigeno soprattutto dopo le ore passate a tavola. Bisogna in questo momento puntare più sulla durata a bassa intensità, non sulla forza e la potenza, quindi camminare e pedalare sono due semplici attività che migliorano la funzionalità cardio circolatoria, l’attività respiratoria e metabolica attivando le nostre energie primordiali utilizzando i nostri schemi motori di base. Il mio consiglio è iniziare mettendoci volontà, impegno e costanza, dedicando tre-quattro volte a settimana all’esercizio fisico. Un’altra buona pratica è quella di iniziare il nuovo anno scrivendosi in palestra, prediligendo le attività aerobiche per iniziare a smaltire i chili di troppo.

Concludendo: utilizzare i nostri schemi motori di base, le nostre capacità motorie e condizionali stimoleremo il nostro sistema muscolo scheletrico attraverso l’allenamento a bruciare inizialmente le calorie e man mano i grassi

Giuseppina Ercole

 

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere
Commenti

Costume e Società

Eddie Vedder, “Grande artista e grande uomo”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Quante volte si è parlato di grandi artisti nei vari campi dell’arte, per osannarne le qualità, ma molto spesso, interessati alle vicende di gossip? Oppure, avendo avuto la possibilità di avvicinarli, si è rimasti delusi dal loro comportamento scostante ed a volte cattivo? La notorietà, implica spesso un atteggiamento di autodifesa, e quindi creare una barriera fra il personaggio ed il pubblico, non necessariamente di fans, serve a cautelarsi in determinati momenti per la propria incolumità. Comunque, ci sono vari modi per assicurarsi la sicurezza, senza dimenticare, che un artista ha raggiunto certe vette di notorietà, grazie al sostegno costante di una moltitudine di persone, che apprezzandone le qualità, lo hanno sostenuto negli anni di crescita professionale. Il rovescio positivo della medaglia, è rappresentato da quei personaggi importanti per l’opinione pubblica, che, a dispetto della loro notorietà, si presentano con naturalezza, disponibilità e simpatia, mettendo in risalto tutta la loro umanità e gratitudine, per chi è stato artefice del loro successo. Avendo la fortuna di essere amico di un mito, ovvero una leggenda del rock, mi son sentito in dovere di scrivere il mio pensiero nei suoi confronti, al fine di rendere noto pubblicamente il suo lato umano estremamente positivo, in un momento di negatività che il mondo intero sta attraversando. Desidero seguire, l’esempio di un’altra cara amica, Maria Grazia Capulli, che non è più presente materialmente, ma lo è, e lo sarà per sempre nei nostri cuori, la quale, donna e giornalista televisiva straordinaria, è stata l’ideatrice della trasmissione “TUTTO IL BELLO CHE C’E’”, per mettere in evidenza tutto ciò che c’è di buono nella società attuale, lanciando un segnale ed un messaggio di speranza per un mondo migliore. Eddie Vedder, cantante, chitarrista, compositore e leader dei PEARL JAM, complesso rock che fa parte della storia del rock, essendo stati i precursori della corrente GRUNGE, rappresenta l’esempio, di come si può coniugare il successo con la semplicità, la simpatia e la disponibilità del rapporto umano. Vederlo scatenato su un palco nel suo genere musicale, predisporrebbe la gente a pensare magari ad un individuo con mille vizi e comportamenti non troppo ortodossi, invece Eddie è pronto a stupire chiunque abbia o avrà la fortuna di conoscerlo. Persona affabilissima, simpatica e disponibile, stupisce per la sua affettuosità, che ti colpisce subito e ti mette nelle condizioni di trattarlo come un comune vecchio amico. Ora, vedere un artista ormai mito o leggenda come si suol dire, scendere dal suo piedistallo e mostrarsi al naturale con tutta la sua umanità e tutte le battaglie sociali che ha sempre sostenuto e, che continua a sostenere, riempie il cuore di gioia, pensando, che con la volontà di persone dalla coscienza sana, il mondo caotico attuale potrà migliorare. La vita di Eddie non è stata facile, ha dovuto sempre lottare con vicissitudini negative, ma una persona buona non si incattivisce per la propria non benevola sorte, ma utilizza la propria esperienza come arma per reagire nel migliore dei modi, schierandosi e lottando sempre per le giuste cause sociali ed ambientali. Attraverso la sua musica, azioni e comportamenti, si è sempre schierato contro le ingiustizie in prima persona, con coraggio e determinazione, diventando un esempio di lealtà e comportamento sociale. La moglie Jill, molto bella, simpatica e affabile, condivide tutte le qualità umane di Eddie, e, da una coppia così bella non potevano non nascere due figlie altrettanto belle ed affettuosissime come Olivia ed Harper. Quindi, parlare della parte professionale di un grande artista, che, con il suo complesso PEARL JAM riempie gli stadi, mi sembrava superfluo, ma ci tenevo a rendere omaggio e mettere in risalto il lato umano di una persona, che prima di essere un grande professionista, è, e rimane un grande uomo.

Mario Vito Torosantucci

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Costume e Società

Ristorante Sabatino: un’oasi di gusto e bellezza nel cuore di Vigna di Valle

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Redazionale

ANGUILLARA SABAZIA (RM) – Accogliente, fresco e giovane ma dai sapori antichi e tradizionali. Ottimo cibo. Buonissime le pizze con accostamenti originali.

Le pizze tradizionali sono fantastiche. Carne, pesce e primi piatti sono tutti di ottima qualità. Le grigliate sono ottime. I dolci fatti in casa squisiti.

Il ristorante Sabatino si trova immerso nel verde ad Anguillara Sabazia in via Provinciale Vigna Di Valle

Ottimo il rapporto qualità prezzo. Staff cordiale e professionale. Attenti ai dettagli. Quando si cena al ristorante Sabatino ci s’immerge in un’atmosfera magica, specialmente se di sera.

Per prenotazioni contattare il 3397700365 oppure 069960 7055        

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Costume e Società

Palermo, violenza contro le donne: mezzo milione di euro per nuove strutture e servizi

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

PALERMO – Mezzo milione di euro per l’apertura di nuovi sportelli d’ascolto e strutture di ospitalità per donne vittime di violenza. I contributi saranno erogati dall’Assessorato regionale della Famiglia, Politiche Sociali e Lavoro, guidato da Mariella Ippolito. “Continuiamo
con convinzione il potenziamento di azioni mirate al contrasto, alla prevenzione della violenza di genere e al sostegno della vittima di violenza – ha commentato l’assessore Ippolito – attraverso percorsi finalizzati al reinserimento sociale, al recupero dell’autostima, all’inserimento lavorativo e all’autonomia abitativa”.

L’iniziativa dovrà tendere a potenziare i distretti socio-sanitari attualmente scoperti dal servizio. La proposta progettuale dovrà prevedere dettagliatamente tutti i dati connessi all’apertura dello sportello, attraverso la preliminare analisi del territorio, la programmazione delle
attività da svolgere nell’arco di un anno, la previsione di apertura settimanale per un minimo di otto ore, gli operatori da utilizzare, la dichiarazione d’intenti finalizzata alla sottoscrizione di un protocollo d’intesa con almeno uno dei centri antiviolenza già autorizzati e iscritti, il piano economico finanziario e l’eventuale adesione al numero di pubblica utilità 1522. Per quanto riguarda la realizzazione di nuove case di accoglienza ad indirizzo segreto o di strutture di ospitalità in emergenza, la proposta progettuale dovrà prevedere dettagliatamente tutti i dati connessi alla realizzazione della nuova struttura di ospitalità, attraverso la preliminare analisi del territorio, l’individuazione e la disponibilità dell’immobile da adibire all’accoglienza nel rispetto degli standard strutturali, la programmazione delle attività da svolgere nell’arco di un anno, il personale da utilizzare nel rispetto degli standard organizzativi, il piano economico finanziario contenente anche la previsione delle spese di gestione e i costi del personale, l’adesione al numero di pubblica utilità 1522. Per entrambi gli avvisi, associazioni e cooperative sociali, che ne abbiano i requisiti, possono presentare le istanze entro 30 giorni dall’imminente pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

luglio: 2018
L M M G V S D
« Giu    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

L’Osservatore su Google+

Le più lette

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it