Connect with us

Scienza e Tecnologia

Il poker, dal presente digitale alle sue origini incerte

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Il poker rappresenta senza alcun dubbio uno dei giochi più amati dagli appassionati di gambling: non esiste nessun altro gioco di carte in grado di riscaldare gli animi al pari di questo e non è un caso che ancora oggi venga considerato come il numero uno tra i giochi d’azzardo. Lo dicono i dati del settore, soprattutto se si pensa al comparto del gioco online e al giro d’affari milionario mosso da questo passatempo. Eppure, prima di arrivare al digitale, il poker ne ha fatta di strada: le origini di questo gioco sono molto incerte, e questo non fa altro che aggiungere ulteriore fascino ad un passatempo che può diventare quasi magico. Ecco perché oggi ripercorreremo la storia del poker e le informazioni note, partendo però dalle ultime novità del digitale.

Il presente del poker è su Internet

Oggi il poker si gioca soprattutto online, per merito dei casinò telematici: siti web che hanno conquistato il cuore e le attenzioni degli appassionati del gioco d’azzardo, per via dei loro innegabili vantaggi. Su casinò online come Leovegas (https://www.leovegas.it/it-it/), infatti, è possibile iscriversi direttamente da casa, fare un deposito e iniziare a puntare al poker e a tanti altri giochi d’azzardo digitali comodamente seduti sul divano. Un processo, questo, che include certamente tanti altri must del settore come ad esempio il blackjack, le slot o la roulette. Di fatto, il presente del poker così come il suo futuro pare essere a tinte digitali: lo sostengono anche i dati raccolti dall’AGIMEG, secondo cui questo gioco nella sua versione online ha prodotto un giro d’affari di oltre 70 milioni di euro lo scorso anno – ma stiamo pur sempre parlando di un mercato che a livello mondiale ha raggiunto nel 2018 ricavi per circa 44 miliardi. Di conseguenza, le poker rooms digitali sanno come affascinare i propri avventori quasi quanto, se non forse più, di quelle classiche.

Il passato, la storia e le origini del poker

Ad oggi gli esperti concordano nel definire il poker un gioco di origine persiana: pare infatti che questo passatempo sia stato introdotto a New Orleans (che ai tempi era ancora colonia francese) dai marinai persiani. I francesi avrebbero dunque appreso questo gioco, per poi portarlo in patria e modellarlo a proprio piacimento: la parola “poker” deriverebbe infatti proprio da “poque”, che in francese significa “inganno”. C’è anche chi sostiene tuttavia che l’antenato del poker sia un gioco di matrice tedesca e che quindi il termine derivi dal tedesco “pochen”.

Il poker è nato in Italia?

Anche l’Italia si inserisce in questo gioco delle paternità, perché esistono dei documenti comprovanti l’esistenza molto antica di un gioco simile al poker: lo zarro milanese. Si tratta di un gioco che venne proibito da Francesco Sforza con un editto del 1531, ma che non gli impedì tuttavia di diffondersi ugualmente a macchia d’olio. Questo passatempo pare condividesse molti elementi con il poker, pur essendo diverso da quest’ultimo: un discorso che in realtà può essere applicato a tutti i presunti antenati del famoso gioco di carte.

Pur essendo impossibile risalire alla vera origine del poker, è comunque indubbio che il gioco probabilmente racchiuda in sé molti elementi ereditati dalle varie culture che lo hanno reso diverso da qualsiasi “antenato”. Se quindi da un lato le origini rimarranno sempre un mistero, dall’altro oggi abbiamo una solida certezza: il futuro sarà digitale.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Vertice Web Italia-Svezia: l’innovazione digitale pilastro della ripresa

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Si è svolto recentemente il “Web Summit Italia-Svezia: l’innovazione digitale pilastro della ripresa”, organizzato da Business Sweden, l’Ambasciata di Svezia in Italia, e il Ministero degli Esteri svedese, a cui hanno partecipato la Ministra per l’Innovazione Tecnologica e la Digitalizzazione Paola Pisano e il Ministro svedese dell’Energia e della Digitalizzazione Anders Ygeman.

Reti a banda ultralarga e tecnologie digitali: sono questi gli ingredienti fondamentali della ricetta per la ripresa economica messa nero su bianco dall’Unione Europea nel Piano “Next generation UE”. Il rilancio e il sostegno agli investimenti rappresentano la priorità europea per far fronte alle conseguenze della pandemia da Coronavirus e per l’avvio di un nuovo percorso votato alla crescita e al recupero della competitività. Lo scopo di questo Web Summit era di mettere a confronto le esperienze e i progetti in campo in Italia e in Svezia sul fronte dell’innovazione digitale con l’obiettivo di individuare nuove sinergie e stimolare iniziative congiunte alla ricerca di un “modello” comune.

Il Ministro Anders Ygeman, e la Ministra Paola Pisano hanno messo a confronto e discusso le loro agende digitali per rilanciare le rispettive economie nazionali.

Oltre ai ministri Ygeman e Pisano, sono intervenuti l’ambasciatore di Svezia Jan Björklund e il vicepresidente di Business Sweden Fredrik Fexe. A dibattito anche rappresentanti delle istituzioni, operatori di telecomunicazioni e tech companies: Elisabetta Ripa per Open Fiber, Roberto Basso per Windtre, Carlo Nardello per TIM, Emanuele Iannetti per Ericsson, Conny Franzén per Genexis e Viktor Wrede per Scrive. L’evento è stato moderato da Mila Fiordalisi, Direttrice CorCom, la rivista online di riferimento sull’economia digitale e l’innovazione.

Qui di seguito si citano alcuni dei punti più rilevanti emersi durante il Web Summit qui di seguito:

  • il progresso congiunto della transizione dell’UE verso un futuro verde e digitale è cruciale, come ha evidenziato la pandemia di Covid-19. Solo lavorando insieme possiamo raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile 2030 che assicurano una società che offra benessere a tutti, aziende competitive e sviluppo economico rispettoso del clima.
  • Italia e Svezia dovrebbero assumere un ruolo guida nel promuovere la copertura della banda larga e la digitalizzazione, anche a livello europeo, e continuare il proficuo scambio di esperienze e conoscenze tra i italiani e svedesi. Diverse aziende ICT svedesi di eccellenza sono presenti in Italia e pronte a contribuire ad accelerare il cambiamento digitale.
  • Esigenza di sfruttare i vantaggi della trasformazione digitale e anche affrontare le sfide ad essa associate, come il divario tra coloro che sono già connessi e coloro che hanno necessità di accedere ai servizi e all’istruzione nelle competenze digitali. Ciò richiede uno sviluppo politico attivo e collaborazione tra le diverse aree politiche.
  • Facilitare accesso ed uso dei servizi digitali, l’esperienza dell’utente è fondamentale per il successo aziendale e anche per gli enti pubblici. La digitalizzazione è davvero uno sforzo congiunto e non c’è una sola ricetta per il successo. Servono soluzioni tecniche diverse e complementari, investimenti in capitale umano e una prospettiva a lungo termine, in cui il governo, le imprese e il mondo accademico lavorino insieme.
  • La digitalizzazione non incrementa automaticamente il giro d’affari delle imprese, ma attraverso un’amministrazione semplificata, le aziende possono liberare risorse da utilizzare per attività creative e di creazione di valore.

Continua a leggere

In evidenza

Nasa, sonda Osiris-Rex alla scoperta delle origini del sistema solare: dopo un viaggio di 4 anni toccato l’asteroide Bennu

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Dopo un viaggio di quattro anni, la sonda Osiris-Rex della Nasa ha toccato l’asteroide Bennu per raccogliere alcune decine di grammi di polvere da portare sulla Terra, destinata a raccontare le origini del Sistema Solare: un’operazione di alta precisione eseguita alla distanza di 330 milioni di chilometri.

“Tutto è andato alla perfezione”, ha annunciato pochi minuti dopo il contatto Dante Lauretta, il responsabile della missione: “E’ stata scritta una pagina di storia stasera”, ha commentato. L’obiettivo della missione è raccogliere almeno 60 grammi di frammenti che spera rivelino gli ‘ingredienti’ originali del sistema solare.

Raccogliere un campione direttamente da un asteroide offre un’opportunità unica di studiare le rocce che risalgono alla formazione del Sistema Solare, avvenuta più di 4,5 miliardi di anni fa. “Mentre i pianeti e le lune sono cambiati nel corso dei millenni, molti di questi piccoli corpi no”, ha detto Lori Glaze, capo della divisione di Scienze planetarie della Nasa.

“Gli asteroidi – ha aggiunto – sono come capsule del tempo che possono fornire una testimonianza fossile della nascita del nostro Sistema Solare”. La sonda, lanciata nel 2016, ha toccato  una zona al centro del sito Nightingale, del diametro di 16 metri, selezionato perché ricco di materiale a grana fine, ma sulla regione incombono massi delle dimensioni di un edificio.

La sequenza di discesa è iniziata quando Osiris-Rex cha acceso i propulsori per lasciare la sua orbita sicura a circa 770 metri dalla superficie di Bennu e scendere verso il suolo. Arrivata a un’altezza di 125 metri, la sonda ha eseguito un’altra manovra per aggiustare la posizione e regolare la velocità.
Circa 11 minuti più tardi, a un’altitudine di 54 metri, la sonda ha frenato e ha cominciato a prendere di mira il suo obiettivo.
Quindi ha toccato la superficie per meno di 16 secondi, sparando una delle sue tre bombole pressurizzate di azoto. Il gas ha sollevato il materiale dalla superficie di Bennu, mentre la sonda si allontanava. Raggiunta una distanza di sicurezza, la sonda ha esteso il suo braccio robotico lungo 3,4 metri per raccogliere i campioni: 60 grammi di polvere e ghiaia da portare a Terra entro il 2023

Continua a leggere

In evidenza

XVIII edizione di BergamoScienza: attesa per l’appuntamento con Luca Parmitano

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Domenica 18 ottobre alle 21 su www.bergamoscienza.it

Un incontro che ci porterà in un viaggio alla scoperta dei futuristici esperimenti condotti nello spazio

La serata conclusiva della XVIII edizione di BergamoScienza, che quest’anno si è tenuto tutto in digitale (www.bergamoscienza.it), vedrà ospite l’astronauta Luca Parmitano, primo astronauta italiano ad aver assunto il comando della Stazione Spaziale Internazionale, rientrato da poco con successo dalla missione Beyond.

Domenica 18 ottobre alle 21, Parmitano si collegherà con Ilaria Zilioli dell’ESA, con l’astrofisico Luca Perri e con il divulgatore scientifico Adrian Fartade per approfondire le ricerche che si svolgono sulla Stazione Spaziale. Andare nello spazio significa trasportarvi anche numerose forme di vita microscopiche, alcune potenzialmente pericolose e altre che hanno invece compiti precisi, come i batteri minatori. L’incontro ci porterà in un viaggio alla scoperta dei futuristici esperimenti condotti nello spazio.

L’incontro con Parmitano sarà l’ultimo delle 16 giornate che hanno visto alternarsi in collegamento live streaming importanti ospiti nazionali e internazionali, tra scienziati, antropologi, psicologi e divulgatori. Un’edizione digitale ricca di interventi, tour virtuali e laboratori online, con cui anche quest’anno BergamoScienza si è confermata capofila tra gli eventi di divulgazione scientifica e culturale, proprio in un momento in cui è più che mai importante mettere la scienza al centro del proprio modo di pensare, comportarsi e scegliere.

Continua a leggere

I più letti