1

Lazio, politica a confronto: Luca Andreassi (PD) e Marco Cacciatore (M5s) su piano rifiuti 2019-2025

La giunta regionale del Lazio
ha approvato ad agosto il Piano rifiuti 2019-2025, che prevede
l’autosufficienza di Roma nella gestione della spazzatura con impianti per il
trattamento e lo smaltimento, ovvero con una discarica di servizio. Inoltre è
previsto l’innovativo presidio industriale di Colleferro, la raccolta
differenziata al 70% nel Lazio entro il 2025, legalità e investimenti regionali
per sostenere Comuni e aziende pubbliche nella realizzazione di impianti per il
trattamento e lo smaltimento dei rifiuti.

CLICCARE SULLA FOTO PER GUARDARE IL VIDEO

Piano Rifiuti 2019-2025: le posizioni del professor Luca Andreassi (Facoltà di Ingegneria all’Università di Tor Vergata ed esponente del partito Democratico e del Consigliere regionale del Lazio Presidente della X Commissione Urbanistica-Politiche Abitative e Rifiuti Marco Cacciatore 

Nel Piano rifiuti regionale è
ricompresa anche la dismissione del termovalorizzatore di Colleferro,
assegnando a LazioAmbiente la progettazione di un nuovo presidio industriale.

CLICCARE SULLA FOTO PER GUARDARE IL VIDEO SERVIZIO

Il video servizio trasmesso a Officina Stampa del 26/09/2019

Il nuovo complesso vedrà la luce nel 2021

In pratica sarà incentivata la promozione dei centri per il riuso alla realizzazione dell’innovativo compound industriale di Colleferro, dove verranno trattati i rifiuti indifferenziati con processi di lavorazione a freddo, permettendo il recupero di materie prime secondarie, senza alcun impatto ambientale, che potranno essere rimesse sul mercato. Ma ci sono dubbi sulla sua fattibilità e finalità.

Inoltre, per contribuire a
colmare il gap impiantistico, la Regione stanzierà circa 6 milioni di euro, che
verranno messi a disposizione di Comuni e aziende pubbliche del settore,
attraverso un bando pubblico, per la realizzazione di impianti di trattamento e
smaltimento dei rifiuti.

È di qualche giorno fa infine
la notizia che la Giunta regionale abruzzese ha autorizzato, su proposta
dell’assessore Nicola Campitelli, il trattamento di ulteriori 16 mila
tonnellate di rifiuti negli impianti di Aielli (Aciam) e Chieti Scalo (Deco
Spa), in base ad un accordo sottoscritto tra Regione Abruzzo e Regione Lazio,
dopo aver verificato la compatibilità ambientale e gestionale. Si tratta di
rifiuti urbani indifferenziati prodotti da Roma capitale.

Nel frattempo lo scorso 17
settembre è stata approvata in Consiglio Regionale del Lazio la proposta di Legge
113, a prima firma del consigliere Marco Cacciatore (M5S) volta a incentivare
le pratiche di compostaggio aerobico di comunità, di prossimità,
l’autocompostaggio e il compostaggio domestico. Come verrà digerita dai
cittadini del Lazio?