Connect with us

Ambiente

Marino, Parco della Pace di Cava dei Selci: le opposizioni scrivono al sindaco Colizza

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

MARINO (RM) – Priorità al Parco della Pace di Cava dei Selci, al quale la maggioranza ha intenzione di annullare la vocazione a verde pubblico su buona parte dell’area, riservandola a spazio sportivo.
Una volontà che ha provocato dissenso e preoccupazione nei residenti e nelle associazioni che si vedono privati dell’unico spazio verde a disposizione.
Disapprovazione tradotta in una lettera che i rappresentanti delle forze politiche e civiche del territorio, raccogliendo le istanze pervenute dai cittadini, hanno indirizzato al sindaco Carlo Colizza nei giorni scorsi.
«Considerata la volontà dell’Amministrazione di variare la destinazione di una cospicua parte del Parco della Pace da area verde a spazio sportivo – scrivono i politici – noi Consiglieri comunali Stefano Cecchi, Eleonora Di Giulio, Pamela Ermo, Enrico Iozzi, Cinzia Lapunzina, Sabrina Minucci, Remo Pisani, Franca Silvani, Gianfranco Venanzoni, insieme ai coordinatori dei
partiti Forza Italia, Lega Salvini Premier, Partito Socialista Italiano, Partito Comunista Italiano e delle liste civiche Cittadini di Marino e Idee Nuove per Marino, chiediamo la sospensione immediata degli interventi strutturali previsti al fine di poterne ridiscutere insieme dettagli e contenuti, a nostro avviso altamente lesivi della storica vocazione del Parco, unico del
territorio».
«Molti cittadini e associazioni – fanno sapere – ci hanno manifestato grandi preoccupazioni in merito alla tempistica di realizzazione imposta dall’Amministrazione comunale per l’esecuzione del progetto, che ha già visto la chiusura di gran parte del Parco e che ha, come conseguenza immediata, la compromissione della venticinquesima manifestazione di Boville Estate tenuta da sempre nel mese di giugno. Con la delimitazione dell’area oggetto degli interventi previsti – sottolineano – la manifestazione vede drasticamente ridotto lo spazio a sua disposizione, elemento che pregiudicherà sicuramente la buona riuscita di questa edizione così come di quelle future se il progetto della maggioranza avrà seguito».

«Certi della sensibilità dell’Amministrazione nel comprendere le ragioni che hanno portato alla redazione di questa lettera – concludono i rappresentanti delle forze politiche – auspichiamo una rimozione tempestiva delle barriere di delimitazione dell’area, onde permettere il regolare svolgimento della manifestazione Boville Estate, attesa come ogni anno da migliaia di cittadini. Ci
auguriamo, infine, che il sindaco vorrà considerare in tempi brevi un incontro per valutare anche la nostra proposta in merito al futuro del Parco della Pace».

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere
Commenti

Ambiente

Aprilia, autoparco comunale: è di nuovo allarme discarica a cielo aperto

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

APRILIA (LT) – L’area, di proprietà del Comune di Aprilia, dovrebbe essere destinata al parcheggio delle vetture comunali eppure come ampiamente visionabile dalle foto ogni cosa viene “parcheggiata” nell’autoparco: dall’asfalto ai calcinacci, dai fusti, ai frigoriferi e altri metalli, dall’immondizia ai furgoni dismessi della Progetto Ambiente e persino scheletri di ambulanze.

Giusfredi: “Discarica pericolosa per l’ambiente e per la salute dei cittadini”

“L’autoparco comunale si è trasformato in una vera e propria discarica comunale a cielo aperto – commenta il candidato a sindaco Giorgio Giusfredi – pericolosa per l’ambiente e per la salute dei cittadini. Bell’esempio – prosegue Giusfredi – che si dà ai cittadini sul rispetto dell’ambiente e della legalità! Cosa dice l’assessore all’ambiente Alessandra Lombardi di questo scempio ambientale? Successe lo stesso nel 2009, quindi non è la prima volta che il fatto si ripete”.

L’interrogazione regionale del 2009

Giusfredi ricorda poi che nel 2009 venne presentata un’interrogazione regionale da parte dell’allora esponente di Sel Filiberto Zaratti che chiedeva al presidente della Regione Lazio di “verificare immediatamente la consistenza e la qualità dei rifiuti accatastati illegalmente nell’autoparco comunale di Aprilia e accertare le responsabilità dell’illecito ambientale”. “All’epoca – dichiara ancora Giusfredi – i rifiuti furono tolti, ma evidentemente il “vizio” è rimasto e la situazione dell’autoparco oggi è sicuramente peggiore rispetto al 2009. Sempre nell’autoparco ci sono le famose “rastrelliere”, quelle che furono comprate dall’amministrazione a seguito dell’accesso al finanziamento del Ministero dell’Ambiente per 20 prototipi di bicicletta a pedalata assistita. Sono ferme lì da circa due anni. 24 mila euro di fondi ministeriali anch’essi gettati in “discarica”.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Ambiente

Castel Gandolfo, ok dalla Regione: il lago Albano è balneabile

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

CASTEL GANDOLFO (RM) – Anche quest’anno si può fare il bagno al Lago Albano di Castel Gandolfo. A renderlo noto è la Regione Lazio con il Decreto a firma del Presidente Nicola Zingaretti – n. T00121 del 18 maggio 2018 – di individuazione e classificazione delle acque destinate alla balneazione per la stagione balneare 2018.

La Regione Lazio, in occasione della stagione balneare apertasi lo scorso 1 maggio e che durerà fino al 30 settembre prossimo, ha eseguito i prelievi in tre punti differenti del Lago Albano: 1750 m. a destra dell’emissario, 4350 m. a destra dell’emissario e alla Cabina di sollevamento della Villa Pontificia. In queste ultime due aree la qualità delle acque è “eccellente” ed è risultata “buona” nel primo punto di prelievo, corrispondente al tratto di costa di fronte il Lungolago.

Per quanto riguarda la sorveglianza dei cianobatteri e per garantire un costante monitoraggio della salute delle acque, la Regione Lazio – sulla base della valutazione dei dati storici, dell’analisi dei nutrienti e della valutazione della trasparenza – ha indicato che il Lago Albano rientra in quei bacini con fioriture per i quali è necessario procedere ad una pianificazione delle attività di prelievo e analisi da parte di Arpa Lazio.

Le informazioni sulle aree balneabili del Lago Albano sono disponibili sul sito istituzionale del Comune di Castel Gandolfo ed anche sul portale internet del Governo “acque di Balneazione”.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Ambiente

Ariccia, trovati due piccoli allocchi: i Guardiaparco li consegnano alla Lipu

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

ARICCIA (RM) – Sono stati consegnati ai guardiaparco del Parco dei Castelli Romani due piccoli allocchi, trovati nel territorio di Ariccia (RM), probabilmente caduti dal nido e in situazione di pericolo. Trattandosi di nidiacei non ancora in grado di volare, sono stati affidati alle cure del CRFS Lipu Roma, dove saranno cresciuti adottando modalità volte a limitare il contatto con l’uomo. Una volta resi indipendenti e in grado di volare saranno rimessi in libertà.

Nel nido non c’è spazio per allungare e rafforzare le ali: per farlo i piccoli, devono lasciarlo e imparare a conoscere il territorio circostante, l’ambiente in cui sono nati prima di essere completamente cresciuti. Capita, soprattutto in primavera, di imbattersi in situazioni simili, per questo è importante sapere come comportarsi.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

giugno: 2018
L M M G V S D
« Mag    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

L’Osservatore su Google+

Le più lette

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it