Connect with us

Sport

POLISPORTIVA BORGHESIANA (II DIV. MASCHILE), SCIPIONI: «ROSA CORTA, MA STIAMO FACENDO BENE»

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Redazione

Roma – La prima squadra maschile della Polisportiva Borghesiana, guidata da coach Peppe Scipioni, sta stringendo i denti. I ragazzi capitolini, infatti, sono alle prese con un organico un po’ risicato, ma stanno comunque tenendo botta in campo. Nell’ultimo turno la Polisportiva Borghesiana ha vinto 3-2 su un Marino che sul suo campo, nella partita d’andata, si era imposto 3-0. «Nonostante i castellani occupino una bassa posizione di classifica – dice Scipioni – hanno una squadra valida, composta da giocatori aitanti e da giovani di buona qualità. Il loro attuale piazzamento è forse dovuto al fatto che non sempre hanno presentato la squadra che ho visto nell’ultimo turno contro di noi». I capitolini, comunque, l’hanno spuntata al tie-break al termine di una gara tirata che ha recitato questi parziali: 25-22, 23-25, 25-14, 19-25 e 15-12. «Una buona prestazione da parte del nostro gruppo che da un po’ di tempo deve fare i conti con alcuni problemi di organico. Abbiamo una rosa attualmente un po’ corta e dovremo fare di necessità virtù fino a fine stagione. Ma al gruppo dei giocatori più esperti stiamo affiancando pian piano alcuni elementi più giovani: abbiamo un palleggiatore 21enne, tre ragazzi del ’98 e recentemente abbiamo inserito anche due ragazzi del 2000, mio figlio Edoardo e Armando DeVito». Nel prossimo turno la Polisportiva Borghesiana sarà ospite della Sport Promotion ultima della classe. «Una buona occasione per dare un po’ di spazio in più proprio ai nostri ragazzi, senza però abbassare la guardia – dice Scipioni – Siamo stati per tutta la stagione tra il quarto e il quinto posto e vogliamo cercare di rimanerci anche perché le prime tre del girone hanno obiettivamente un altro passo».
Intanto, a proposito di giovani, la responsabile del settore volley Giuliana Montaldi vuole sottolineare «l’ottimo lavoro che sta portando avanti proprio Erica Proietti sui ragazzi dell’Under 17. Magari stanno facendo un po’ di fatica a livello di risultati, ma i loro miglioramenti sono sensibili e non è un caso che anche la prima squadra “beneficia” dell’apporto di alcuni elementi di questo gruppo».

Calcio

Ssd Colonna (calcio, I cat.), il rimpianto di Ciavatta: “Con la Cavese un pareggio che sa di beffa”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Colonna (Rm) – Un altro pareggio per la Prima categoria del Colonna. Dopo l’1-1 interno con l’Atletico Lariano del debutto (arrivato tra l’altro in inferiorità numerica), i ragazzi di mister Luca Esuperanzi hanno impattato 3-3 sul difficile campo della Cavese. “Un pareggio beffardo perché abbiamo dominato dal primo all’ultimo minuto – dice il centrocampista classe 1995 Marco Ciavatta – Avremmo dovuto chiudere il primo tempo in vantaggio di un paio di gol e invece eravamo sotto 1-0. Abbiamo colpito un palo e una traversa e abbiamo sciupato una serie di ghiotte opportunità. Nel secondo tempo abbiamo ripreso con lo stesso atteggiamento e siamo riusciti a pareggiare i conti con la mia rete, frutto di un bell’assist di Sgarra che poco dopo ha segnato il gol del sorpasso. Purtroppo una disattenzione difensiva ha provocato il calcio di rigore con cui la Cavese ha raggiunto il pari, ma a una decina di minuti dalla fine siamo tornati avanti col sigillo di Bendia. Nel finale, sugli sviluppi di un calcio di punizione, è arrivato il gol del definitivo 3-3. Il pari ci va davvero stretto, ma la strada imboccata è quella giusta”. Il Colonna ha aperto con due punti il suo campionato di Prima categoria: “Dobbiamo guardare alle prestazioni e per questo dico che l’avvio è positivo. Il gruppo c’è, i giocatori sono seri e si allenano bene: è normale che c’è un po’ di rammarico dopo la gara di Cave, ma ci vuole anche del tempo per amalgamare una rosa che è quasi totalmente nuova. Il rapporto con mister Esuperanzi? E’ complessivamente buono, poi ovviamente ci sono degli scambi di vedute com’è normale in tutte le squadre”. L’ex Monte Porzio spiega i motivi che lo hanno portato a Colonna: “Ho parlato col direttore sportivo Gianluca Cippitelli che mi ha illustrato il progetto ambizioso di questa società e ci abbiamo messo poco ad accordarci”. La chiusura è sul prossimo turno, quello interno con la Polisportiva Borghesiana: “So che hanno cambiato molto rispetto alla scorsa stagione, ma in ogni caso il nostro obiettivo è chiaro: vogliamo vincere anche perché dobbiamo fare un bel filotto per proporci ai vertici della classifica come è nelle nostre intenzioni”.

Continua a leggere

Calcio

Asd Vis Casilina (calcio, Terza categoria), Pasquini: “Convinto della forza di questa squadra”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Roma – E’ il momento del debutto per la Terza categoria della Vis Casilina. Nel week-end in arrivo in casa capitolina partono tutti i campionati provinciali e quindi in primis le varie selezioni giovanili agonistiche e la nuova prima squadra che il presidente Enrico Gagliarducci (il quale avrebbe tranquillamente potuto accettare un ripescaggio in Seconda) ha fortemente voluto far partire dalla “base” del calcio dilettante. Domenica i ragazzi affidati al neo mister Stefano Pasquini, che di fatto sarà al debutto da primo allenatore, scenderanno in campo per la prima giornata di campionato al “De Fonseca” contro la Pro Marcellina: “Arriviamo a questo appuntamento con diversi acciaccati tra cui due o tre elementi importanti – dice Pasquini – Gli altri sono in buona condizione, anche se c’è qualcuno che ancora deve perfezionare il tesseramento. In caso di necessità, comunque, possiamo contare su qualche ragazzo dell’Under 19”. Il mercato è ancora aperto in casa Vis Casilina: “Stiamo completando la rosa anche se ovviamente la categoria non attira”. Nell’ultimo allenamento congiunto è arrivato uno scivolone sul campo dell’Atletico Torbellamonaca, ma Pasquini non sembra preoccupato: “E’ stato semplicemente un test per dare spazio e valutare tutti i giocatori della nostra rosa, compresi alcuni giovani. Domenica magari non saremo al top della forma, ma la squadra metterà in campo tanta voglia di giocarsela. Non conosciamo il valore dei primi avversari né di quelli dell’intero girone: per farci un’idea bisognerà attendere la fine del girone d’andata, ma la mia convinzione rimane quella estiva. Questa squadra ha tutte le potenzialità per fare un campionato da vertice”. Per l’allenatore della Vis Casilina non c’è alcun “richiamo” dal campo: “E’ chiaro che fare il giocatore è stata una parte importante della mia vita sportiva, ma non ho ripensamenti: sono concentrato sul ruolo di allenatore anche perché ho ancora tanto da imparare”.

Continua a leggere

Calcio

Cavese Academy 1919 (calcio), Zammarrelli e le giovanili: “Vogliamo i regionali in due anni”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Cave (Rm) – E’ una settimana importante per la Cavese Academy 1919. Nel week-end iniziano i campionati giovanili provinciali e per tutte le società si tratta di una vera “rinascita” dopo lo scorso anno di stop totale. A maggior ragione lo sarà per la società dei presidenti Daniele Flavi ed Emanuele Giacchè che hanno ricostruito un importante movimento nel giro di qualche mese. Il merito maggiore va ad Armando Zammarrelli, direttore sportivo dell’intera agonistica e della Scuola calcio: “Abbiamo fatto uno sforzo notevole e siamo riusciti a portare ai nastri di partenza dei campionati giovanili quattro categorie su cinque, visto che ci mancano solo i 2006 (ovvero l’Under 16, ndr). Un compito reso ancor più difficile dalla presenza di società limitrofe che hanno squadre nei regionali e nell’Elite, ma è sicuramente un punto di partenza importante. Le rose che abbiamo allestito sono numericamente al completo, è chiaro che c’è tanto da lavorare per fare il salto di qualità”. L’obiettivo che si sono posti Zammarrelli e la Cavese Academy 1919 è comunque molto ambizioso: “Ragioniamo su un discorso triennale, ma in realtà vorremmo cercare di conquistare tutte le categorie regionali nell’arco di due stagioni. Sarà dura, ma ce la metteremo tutta”. In quest’annata, almeno in fase di pronostico, le squadre della Cavese Academy 1919 partono senza pressioni di risultato: “Le nostre compagini possono fare dei discreti campionati, poi vedremo cosa dirà il campo”. L’entusiasmo, comunque, è tangibile: “Sono rimasto impressionato dal vedere le tribune dell’Ariola sabato scorso: ci saranno state circa 400 persone per un triangolare della nostra Under 19 con Olevano e Valle Martella”. Un quadro positivo che si “estende” anche al settore di base: “Abbiamo superato quota 140 iscritti per la Scuola calcio, ben oltre le nostre iniziali speranze: non possiamo che esserne orgogliosi” dice Zammarrelli che ha trovato un immediato feeling con tutta la società: “Sento il sostegno e la fiducia dei presidenti, il rapporto tra di noi va alla grande”.

Continua a leggere

I più letti