Connect with us

Castelli Romani

Rocca di Papa, 150 lavoratori licenziati: siglato in Regione un protocollo per il reinserimento

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

“Bene il protocollo d’intesa, sottoscritto da Regione Lazio e sindacati, che tutela i lavoratori della clinica San Raffaele di Rocca di Papa. Stiamo parlando di circa 150 persone che hanno ricevuto una lettera di pre-licenziamento da parte della direzione aziendale e che grazie a questo accordo potranno essere ricollocate in altre strutture dello stesso gruppo o, in alternativa essere inserite in un “Bacino di ricollocazione” dal quale i privati accreditati dovranno prioritariamente attingere in caso di assunzione di personale”. Così il consigliere regionale Loreto Marcelli, vice-presidente della Commissione Sanità, a margine della Seduta congiunta con la Commissione Sanità, politiche sociali, integrazione sociosanitaria, welfare, per un’audizione sulla vertenza dei lavoratori della clinica San Raffaele di Rocca di Papa. “Ho seguito – ha proseguito Marcelli – fin dalle sue prime fasi questa vicenda, insieme al deputato del Movimento 5 stelle Francesco Silvestri, che si è tempestivamente mosso con una interrogazione al Ministro Speranza, prospettando la necessità che venisse istituito un tavolo di concertazione con la Regione, per trovare una soluzione. L’accordo sottoscritto, va perfezionato ma è senza dubbio un primo passo verso una possibilità che può essere estesa anche ad altri contesti di questo tipo. Quello che adesso preoccupa è che il territorio di Rocca di Papa, a prescindere da questa vicenda, sia privo dei servizi sanitari essenziali. Per questo faccio un appello alla Giunta regionale affinché si attivi per garantire ai cittadini della zona almeno un presidio sanitario che eroghi le prestazioni di base, per evitare che debbano essere costretti a spostarsi anche per fare solo un prelievo”.

Non è mancato l’intervento di Eleonora Mattia, Presidente della IX Commissione Lavoro del Consiglio regionale del Lazio: “Con l’audizione di oggi – dice Mattia – abbiamo acceso un faro su una delle tante conseguenze dell’emergenza sanitaria che ci ha colpito, in cui troviamo strutture di accoglienza private che perdono l’accreditamento e lavoratori che rimangono senza lavoro dopo essere stati in prima linea nella battaglia contro il Covid insieme a medici e infermieri. Questa è la situazione attuale della casa di cura privata accreditata San Raffaele di Rocca di Papa a cui è stato revocato l’accreditamento e dei suoi 150 lavoratori rimasti senza stipendio. Fermo restando il riconoscimento per legge regionale dell’esperienza che i lavoratori hanno maturato nelle strutture private per eventuali selezioni pubbliche, è stato anche firmato tra la Regione Lazio e le maggiori sigle sindacali il protocollo che assicura il ricollocamento degli operatori in un bacino dal quale possono attingere le Rsa che ricercano personale o il reinserimento in altre strutture del gruppo che ha licenziato a causa della sospensione o perdita dei requisiti per l’accreditamento. In considerazione del fatto che il San Raffaele, a Rocca di Papa, è l’unico polo sanitario e garantisce il lavoro, quindi la dignità, a molte famiglie, spesso anche moglie e marito operatori della stessa struttura, credo sia importante mettere in campo tutte le misure per la salvaguardia occupazionale e che l’azienda – sottolinea – continui a garantire le retribuzioni anche attraverso il ricorso agli ammortizzatori sociali messi a disposizione dalla legge. Come Presidente della IX Commissione Lavoro offro tutta la mia disponibilità per garantire a tutte queste lavoratrici e lavoratori il futuro. Ringrazio il collega Pino Simeone, gli assessorati alla sanità e al Lavoro della Regione Lazio, le lavoratrici, i lavoratori e tutte le forze sindacali intervenute oggi per lo spirito di collaborazione”.

Castelli Romani

Ciampino, manutenzione strade: continuano le asfaltature

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuti
image_pdfimage_print

Proseguono i lavori di manutenzione stradale su tutto il territorio comunale. Completato il rifacimento di via Isonzo, nel tratto compreso tra via Veneto e via Adamello, al momento i lavori di ripristino del manto stradale sono in corso su via Italia, via Trieste e via Fiume.

“Proseguono gli interventi di manutenzione di strade e marciapiedi secondo il cronoprogramma che abbiamo messo a punto d’intesa con i nostri uffici tecnici e le ditte preposte – ha spiegato l’Assessore Alessandro Silvi – In questa fase ci stiamo concentrando sul ripristino della pavimentazione nelle vie cittadine oggetto di lavori per la realizzazione della fibra. Dalla seconda metà del 2023, proseguiremo con il rifacimento straordinario delle strade di competenza comunale partendo dalle vie più ammalorate. Un lavoro intenso che ci vedrà impegnati nei diversi quartieri cittadini, dando priorità anche alle zone più periferiche. Solo per citare alcuni dei prossimi interventi: rifacimento di marciapiedi e pavimentazione stradale di via Mascagni e via Verdi, marciapiede in via Toscanini e messa in sicurezza di un tratto di via Biroli, rifacimento della pavimentazione stradale di via Marcandreola e un tratto di via Romana Vecchia, messa in sicurezza dei marciapiedi di via Genova, via Atene, via Ancona e via Potenza”.

“Stiamo lavorando per migliorare la nostra Città – ha aggiunto la Sindaca Emanuela Colella – con l’obiettivo di rendere le nostre strade più sicure per tutti gli utenti dotando al tempo stesso i diversi quartieri di una connettività ultra veloce, sicura e affidabile. Terminato l’intervento su via Isonzo, sono in corso i lavori su via Italia, via Trieste e via Fiume: in particolare quest’ultima attendeva già da tempo un importante attività di riqualificazione. Non solo, siamo già pronti a intervenire su un’altra arteria stradale del territorio: viale di Marino, dove partiremo già da domani”.

Continua a leggere

Castelli Romani

Rocca Priora, trekking delle tre fonti: un percorso alla scoperta dei tre gioielli dell’ingegneria idraulica preromana

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura < 1 minuti

image_pdfimage_print
ROCCA PRIORA (RM) – Il 28 gennaio, alle ore 9.00, si partirà da Via Monte Ceraso a Rocca Priora, altezza civico n. 5, per una sessione di trekking in cui si seguirà un percorso ad anello e si scopriranno diverse curiosità riguardanti il territorio circostante.
 
Geologia, idrogeologia, morfologia del territorio ed ecosistema bosco saranno i temi principali che verranno sondati durante questa esperienza in cui si visiteranno tre fonti importanti per Rocca Priora: fonte La Tegola e fonte Piscaro che hanno origini molto antiche e ancora oggi conservano i loro cunicoli scavati nella roccia vulcanica risalenti al periodo preromano. Queste fonti erano e sono ancora dei veri e propri gioielli dell’ingegneria idraulica del passato: attraverso pendenze e canali di percolazione, portavano l’acqua in diverse zone del paese. L’ultima che si visiterà sarà fonte Ceraso.
 
L’escursione avrà una durata di circa 4 ore e il rientro è previsto per le 13.00. Si percorreranno 7 chilometri, con un dislivello assoluto di 260 metri. L’escursione presenta una difficoltà media ed è adatta a chi è ha una buona propensione a camminare nei boschi e nella natura. L’esperienza sarà tenuta dall’Associazione Latium Volcano, socia della DMO Castelli Romani. La guida è disponibile anche in lingua inglese.
 
Gli organizzatori consigliano di portare una bottiglietta d’acqua, scarpe da trekking e di indossare abbigliamento comodo e adatto al clima invernale. E infine che sarebbe opportuno portare con sé anche un kway.
 
 
 
 



Continua a leggere

Castelli Romani

Ciampino, Sport e disabilità: nella sala consiliare del Comune un primo incontro con le associazioni del territorio

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura < 1 minuti

image_pdfimage_print
Bilancio positivo per l’incontro svoltosi ieri pomeriggio in sala consiliare in tema di inclusività. All’iniziativa organizzata dall’Amministrazione comunale hanno partecipato i referenti delle associazioni sportive del territorio, il CIP – Comitato Italiano Paralimpico del Lazio e la FISDIR – Federazione Italiana Sport Paralimpici degli Intellettivo Relazionali.

“Il tavolo di confronto svoltosi ieri – hanno spiegato l’Assessora alle Politiche sociali Alessandra Mantuano e il Consigliere Delegato allo Sport Emilio Biondi – rappresenta un primo passo importante nella giusta direzione. Come Amministrazione vogliamo pianificare e sviluppare l’attività sportiva per gli atleti con disabilità intellettiva e relazionale. Vedere la partecipazione di così tante società sportive del territorio è il segnale concreto della bontà della nostra iniziativa”.



 

Soddisfatta la Sindaca Emanuela Colella: “Un incontro importante – ha dichiarato la Prima Cittadina – È la prima volta che nell’area della Città Metropolitana di Roma Capitale viene organizzato un tavolo tematico che sviluppa percorsi sportivi con caratteristiche inclusive coinvolgendo tutte le realtà interessate, dalle associazioni sportive agli Enti sovracomunali. A questo incontro ne seguiranno altri che coinvolgeranno le scuole del territorio e i Comuni limitrofi”.

 

Continua a leggere

SEGUI SU Facebook

SEGUI SU Twitter

I più letti