Connect with us

Castelli Romani

Rocca di Papa, Giannone: “Un paese dilaniato dal malaffare e corruzione”

Clicca e condividi l'articolo

Clamorosa la denuncia dell’ex vicesindaco. Cristiana Zarneri, cittadina di Rocca di Papa e attivista in politica, a seguito della vicenda Giannone, si è addirittura allontanata da Fratelli d’Italia

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

ROCCA DI PAPA (RM) – Il ciclone Giannone a Rocca di Papa ha creato non poche crepe, timori e scompiglio in una cittadina che tutto sommato non ha mai dato nell’occhio per cronache che riguardassero presunte speculazioni edilizie e simili. Eppure l’ex vicesindaco Veronica Giannone con deleghe all’Urbanistica ha lanciato accuse pesanti denunciando malaffare e corruzione senza fare nomi ma con riferimenti ben precisi a fatti e circostanze. In una diretta web Giannone parla del consiglio comunale a cui lei non ha partecipato per non prestare il fianco a chi l’ha voluta fuori dai giochi perché evidentemente dava fastidio. Un consiglio comunale dove ci sarebbe stato addirittura “l’assist della consigliera Sciamplicotti” al sindaco.

Per Giannone il web è il mezzo più diretto per parlare ai cittadini

Per questo motivo l’ex vicesindaco di Rocca di Papa ha letto una lettera aperta ai cittadini, uno scritto che è un insieme di pezzi raccolti nel tempo e che mostra un dietro le quinte di una oscura gestione di Governo passata e attuale e per cui Giannone ha presentato delle denunce. Veronica Giannone ha parlato senza timore di rappresentare “tutto il senso di frustrazione di una persona, donna, moglie e madre alla prima esperienza amministrativa”. Una donna che si è impegnata per tutelare gli interessi collettivi ma ha trovato in Rocca di Papa “un paese dilaniato dal malaffare complice della politica affarista e corrotta”. Parole che pesano come macigni quelle di una donna a cui il sindaco di Rocca di Papa ha tolto le deleghe perché contraria a “un sistema che ha prodotto assuefazione e deriva sociale ma non in tutti” piuttosto la corruzione ha colpito una “certa casta che anche con un cambio di governo trova continuità”.

 

Giannone ha aperto il suo ufficio all’Urbanistica a tutti i cittadini senza prevaricazioni

Ha trovato un settore “logoro, spremuto viziato dall’impostazione settaria data dai politici” a discapito di una collettività che ha tanti problemi. Ha affrontato questioni rilevanti come il Piano di Recupero urbano giardino degli Ulivi “sul quale – denuncia Giannone – mancano all’appello centinaia di migliaia di euro di opere di urbanizzazione mai realizzate e sul quale è stata fatta una rimodulazione della cubatura da servizi al pubblico a servizi privati con uno schiocco di dita”.

 

Poi l’ex amministratrice ha parlato del piano Calcare lasciato incompiuto con milioni di euro di opere di urbanizzazione mai realizzate

“Una speculazione edilizia senza precedenti, una variante di milioni di metri cubi fatta ad hoc con politici che fanno i costruttori e contemporaneamente tecnici e progettisti tutti coinvolti un intreccio affaristico ancora in corso che non deve passare inosservato specie se ci sono di contro 189 sentenze passate in giudicato per abuso edilizio a carico di alcuni cittadini di Rocca di Papa, un paradosso micidiale, una contraddizione che andrebbe impressa sui muri di ogni angolo del paese”.

 

Poi il caso delle antenne

per cui Giannone ha chiesto con forza la rimozione dal dup – documento unico di programmazione-. Giannone ha detto esplicitamente che a seguito della sentenza di maggio, il primo cittadino dava la sua parola al gruppo Mediaset che le sue antenne sarebbero rimaste dove si trovano.

E poi ancora il piano regolatore firmato Boccia Sciamplicotti, un “lavoro senza anima” e che prevedeva una variante speciale anche per Monte Cavo.

 

Giannone non ha voluto essere strumento

Giannone ha denunciato inciuci e corruzione e in ultimo è stata isolata proprio perché contraria a questo sistema. Sono tanti i cittadini che le hanno espresso solidarietà e anche diversi quelli che non l’hanno capita e che adesso, come succede in tutti i paesi, tentano di screditarne l’immagine come si faceva con le streghe bruciate vive a metà del 1.200 quando addirittura alcune donne erano viste come satana perché indossavano i pantaloni e cavalcavano come gli uomini.

 

La solidarietà di Cristiana Zarneri

Cristiana Zarneri, cittadina di Rocca di Papa e attivista in politica, a seguito della vicenda Giannone, si è addirittura allontanata da Fratelli d’Italia il partito politico di riferimento: “Vista la reticenza di FdI Rocca di Papa a prendere una posizione netta al riguardo, che possa far risaltare l’estraneità del partito da qualsiasi mancanza di chiarezza, ritengo di non poter più svolgere il mio ruolo politico, in quanto sono persona sempre stata chiara e libera nelle mie posizioni laddove trovo necessario prenderle, pertanto rassegno le mie dimissioni da FdI Rocca di Papa. Da cittadina di Rocca di Papa, mi sento profondamente colpita dalle affermazioni di Veronica Giannone. Avendo lei ricoperto per un anno e mezzo la seconda carica della città, nonchè il ruolo di assessore all’urbanistica, non posso non darLe credito. Ritengo, per il buon nome di Rocca di Papa, anche nell’interesse di chi la governa e l’ha governata, debba intervenire il Commissario prefettizio per fare definitivamente chiarezza”.

 

Anche il Comitato Pro Case di Rocca di Papa ha chiesto chiarezza dopo le esternazioni di Giannone

“Pretendiamo chiarezza e attendiamo risposte da chi di competenza, ovvero dall’ Amministrazione Comunale, rispetto ai fatti evidenziati dalla signora Veronica Giannone. Non bastano smentite, occorrono prove che dicano che quanto sottolineato dall’ ex Vice Sindaco è falso e infondato per chiudere una volta per tutte questa vicenda”, e spero vivamente che in consiglio comunale queste prove vengano messe all’attenzione del popolo tutto. Il ruolo che ricopro ormai da tempo impone anche per chiarezza e trasparenza di essere informati in merito a questioni che non possono passare sotto silenzio. Come ha ricordato anche la signora Veronica Giannone “ci sono 189 sentenze passate in giudicato per abuso edilizio a carico di alcuni cittadini di Rocca di Papa”. Occorre dare delle risposte a queste famiglie, madri e padri di famiglia che lottano da anni per evitare di rimanere per strada e per scongiurare il pericolo di lasciare senza un tetto la propria prole. Dopo le affermazioni dell’ex Vice Sindaco, le istituzioni hanno il dovere di rispondere. Qualora vi fosse stato qualche passaggio a vuoto da parte di qualcuno, che il colpevole paghi. C’è bisogno di trasparenza, i cittadini di Rocca di Papa la meritano”.

 

Il sindaco di Rocca di Papa chiede di fare i nomi

Intanto il sindaco di Rocca di Papa Emanuele Crestini ha invitato Giannone a “fare chiarezza, a fare i nomi e a tutelare le persone che non c’entrano nulla”. Tra l’altro in una lunga nota ha ribadito: “Naturalmente siamo in democrazia e tutti hanno diritto al loro punto di vista. Parlando davanti al telefono cellulare a casa sua, Giannone definisce queste accuse “la sua verità”.
Peccato che “la sua verità” arrivi dopo che è stata sollevata dall’incarico di assessore e vicesindaco; dopo che ha disertato un consiglio comunale che era stato indetto appositamente perché facesse chiarezza su queste vicende, sulle presunte minacce e pressioni che avrebbe ricevuto. Invece la signora Giannone non si è presentata. Ha rifiutato il confronto in consiglio comunale, che – ricordo – è il luogo deputato alla discussione democratica. I cittadini avrebbero potuto apprendere così, direttamente, il contenuto delle sue denunce. Ma forse qualche consigliere avrebbe potuto fare qualche domanda, confutare qualche ipotesi. Questo non lo so, ma Giannone ha preferito, scegliere altre modalità, evitando così ogni forma di contraddittorio e soprattutto, evitando ancora una volta di fare nomi e cognomi dei presunti mafiosi di questa città, mettendo tutti in un unico calderone. Non basta gridare al vento che c’è la mafia, occorre anche indicare quali sono i mafiosi, per consentire alle autorità di allontanarli dal sistema civile di questa città”.

Staremo a vedere come andrà a finire, intanto sono stati chiamati in causa fatti gravi e dovere degli organi di stampa è approfondire la questione.

IL VIDEO DENUNCIA DELL’EX VICE SINDACO DI ROCCA DI PAPA

Castelli Romani

Ariccia, sgominato giro di usura ai Castelli Romani: in manette broker con la passione del biliardo

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

I Carabinieri della Compagnia di Velletri hanno dato esecuzione, in Ariccia, a un provvedimento cautelare – emesso dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Velletri su richiesta della locale Procura – nei confronti di un soggetto V.M. di anni 52, ritenuto responsabile del reato di usura. Un altro soggetto C.S. di anni 38 è stato indagato a piede libero per mediazione usuraia.

Eseguite perquisizioni delegate presso abitazioni, ritenuti “luoghi sicuri” dell’arrestato ed utilizzati per l’occultamento di documentazione.

L’attività investigativa condotta dai militari della Stazione di Ariccia e coordinata dalla Procura della Repubblica di Velletri, ha consentito di far emergere un collaudato e storico giro di usura nel territorio dei Castelli Romani con base operativa nel comune di Ariccia. Le indagini, svolte con ausilio di attività tecniche di intercettazione telefoniche e ambientali, hanno permesso di individuare molte vittime alcune delle quali costrette a ricorrere al prestito al quale venivano applicati tassi usurai per far fronte a debiti di giochi o semplicemente per poter eseguire esami clinici. Il tasso usuraio è stato stimato mediamente al 180% annuo ma in alcuni casi ha superato il 1000% annuo.

L’indagato a coloro che tardavano i pagamenti, era solito attuare un timore psicologico ingegnoso. Difatti induceva la vittima a ritenere di avere alle spalle da una vera e propria organizzazione, a cui doveva rivolgersi per poter concedere eventuali proroghe nei pagamenti e che sarebbe immediatamente intervenuti in caso di mancato pagamento.

I summit con la fantomatica organizzazione avvenivano presso una sala giochi, dove in realtà l’indagato si recava per dar sfogo alla sua infrenabile passione per il biliardo.

Fortunatamente le vittime, tutte domiciliate nell’hinterland castellano e tra le quali sono presenti anche persone che si sono rivolte all’aguzzino poiché necessitanti di denaro per ricorrere a cure salvavita, hanno trovato la forza di reagire collaborando con i Carabinieri allo smantellamento del sistema usuraio che oramai da anni agiva indisturbato nell’area dei castelli Romani.

Continua a leggere

Castelli Romani

Frascati, stretta sulla movida: il sindaco emette una ordinanza

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Dopo il weekend di movida con il mancato rispetto delle più elementari norme di
comportamento, l’Amministrazione comunale ha deciso di assumere una Ordinanza
più restrittiva, rispetto a quelle già emesse, al fine di disciplinare i comportamenti
serali degli avventori dei locali serali e dei visitatori della Città, per garantire la
sicurezza delle persone e le norme di distanziamento introdotte dal Governo.

Il
Sindaco Roberto Mastrosanti ha inoltre informato la Prefettura di Roma e le Forze
dell’Ordine in merito alle decisioni prese, chiedendo di condividere nelle sedi deputate
le necessarie misure di tutela dell’ordine e della salute pubblica. L’Ordinanza sarà in
vigore da stasera fino al 3 giugno 2020 con la possibilità di essere replicata in futuro.
«Dispiace che ancora una volta nel fine settimana non siano state rispettate le regole
nazionali sul distanziamento e quelle generali del buon senso e buona educazione –
dichiara il Sindaco Roberto Mastrosanti -. Per questo abbiamo deciso di intervenire con
una serie di norme più restrittive, per evitare che comportamenti irrispettosi del
vivere sociale e della salute dei cittadini possano vanificare quanto di buono fatto in
questi due mesi. Mi auguro che in futuro tutti si comportino con maggiore
responsabilità, evitando atteggiamenti sciocchi quanto dannosi per la comunità».

L’ordinanza n. 108 del 25.05.2020, emessa oggi, prevede infatti la chiusura alle ore
24.00 tutti i giorni della settimana, delle attività di somministrazione di alimenti e
bevande sul posto, comprese le attività artigianali, con esclusione di quelle integrate
in aree di servizio e strutture ricettive. La vendita da asporto sarà invece sospesa a
partire dalle ore 23.00, per cui fino a Mezzanotte si potrà consumare ma solo
all’interno dei locali.
L’Ordinanza prevede inoltre dalle ore 23.00 alle ore 05.00, tutti i giorni della
settimana, il divieto di intrattenersi, sostare e/o consumare cibi e bevande in molte
zone del centro storico; ed in particolare in Piazza Paolo III; Largo Duca di York;
Piazza del Matone; Via del Matone; P.zza San Rocco; Viale Regina Margherita; Largo
Pentini; Via Principe Amedeo; Via Farnetti; Via Buttarelli; Piazza Mazzini; Piazza Monte
Grappa; Piazza del Mercato; Piazza del Gesù; Piazza San Pietro; Piazza Roma; Piazza
Marconi; Passeggiata Belvedere; Viale Annibal Caro; Viale Vittorio Veneto; e le vie e
strade adiacenti a queste strade. Dalle ore 23.00, infine, è fatto divieto di
consumare alcolici all’aperto nell’intero territorio comunale.
Le attività commerciali al dettaglio invece dovranno chiudere alle ore 21.30, fatta
eccezione per le farmacie e le parafarmacie; mentre per le medie e grandi strutture di
vendita, come i supermercati, l’Ordinanza prevede i seguenti orari: dal lunedì al
sabato dalle ore 07.00 alle ore 21.30; domenica e i festivi dalle ore 08.00 alle ore
15.30.

La Zona a Traffico Limitato (ZTL), in deroga alle disposizioni regolamentari comunali,
sino al 03 giugno 2020, al fine di limitare il transito veicolare all’interno del centro
storico, osserverà i seguenti orari: dal lunedì al giovedì dalle ore 22.00 alle 05.00.
Venerdì, sabato e prefestivi dalle ore 20 alle ore 05.00; domenica e festivi dalle ore 13
alle 05.00.

Continua a leggere

Castelli Romani

Albano Laziale, il Comune inaugura il taxi sociale

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

ALBANO LAZIALE (RM) – Un nuovo servizio per non lasciare indietro nessuno! I Servizi Sociali di Albano Laziale inaugurano il Taxi Sociale da mettere a disposizione della comunità per il trasporto di persone anziane, diversamente abili o con problemi dettati da condizioni fisiche, psichiche, sociali o familiari. Questo ulteriore servizio è totalmente gratuito e consentirà ai residenti nel territorio comunale di essere accompagnati anche nei territori limitrofi per visite mediche, disbrigo di pratiche o altre necessità. Per usufruirne i cittadini interessati che ne hanno diritto potranno prendere appuntamento al numero 3462584375.

Il veicolo, modello Fiat Doblò, è stato acquisito in comodato d’uso gratuito per un periodo di quattro anni, grazie anche al contributo di alcune aziende del territorio: Albamedica, GTA, NOV, Progetto Ambiente, R&S Car Center, Selind e Tecnologie Meccaniche.

“Confermiamo la grande attenzione, che ha sempre contraddistinto l’operato dell’Amministrazione Comunale in questi anni, verso le fasce più fragili della comunità – commenta il Consigliere Comunale Gabriele Sepio – Anche in questo caso abbiamo dato vita ad un ulteriore progetto innovativo, che contribuisce a rendere i Servizi Sociali del Comune di Albano Laziale sempre più un laboratorio di politiche sociali nel territorio nazionale e nella regione Lazi”».

Il Sindaco Nicola Marini ha concluso: “In questi anni abbiamo messo in campo strumenti utili per la fasce più deboli della popolazione e per i bisogni sempre crescenti delle persone più fragili. La gestione dell’emergenza Covid-19 ne ha dato ampia dimostrazione”.

Continua a leggere

I più letti