Connect with us

Roma

ROMA DIRIGENTE DI POLIZIA ISCRITTO NEL REGISTRO DEGLI INDAGATI PER ARRESTO ILLEGALE

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 2 minuti Determinante un filmato che ha ripreso i momenti dell'arresto di Stefano Fuccelli, così i reati contestati sono: arresto illegale, ingiuria e percosse

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

di Cinzia Marchegiani

Roma – E’ ufficiale, il Pubblico Ministero Colaiacono ha aperto un fascicolo con il numero 14028/2014 a carico di un dirigente della Polizia e lo iscrive sul Registro degli indagati alla Procura di Roma, per aver arrestato illegalmente Stefano Fuccelli, Presidente del Partito animalista Europeo che il giorno del 25 novembre 2013 mentre stava manifestando pacificamente sulla Piazza Montecitorio a Roma, assieme al popolo Pro-Stamina.

I fatti li ricordano tutti i presenti vicini a Stefano Fuccelli che lo vedono preso in disparte, strattonato e sbattuto con le mani contro un blindato della Polizia di Stato e successivamente arrestato per essersi rifiutato di togliere uno striscione indicante una "connivenza tra le lobby del farmaco e la classe politica corrotta e senza Scrupoli", così i reati contestati sono arresto illegale, ingiuria e percosse.

Importante la registrazione dell’arresto grazie a ZONEDOMBRA TV presente in quel momento, filmato che è stato importante ai fini dell’acquisizione e conferma della denuncia dello stesso Fuccelli, che senza giri di parole affonda l’accusa: "Mi è stato negato il diritto costituzionale di manifestare e di esprimere una mia opinione, questo non è più uno Stato di Diritto ma di Polizia. Il funzionario delle Forze dell'ordine che ha disposto l'arresto mi ha accusato di eversione contestando la mia presenza alla manifestazione e minacciando di arrestarmi qualora fossi rimasto. Dopo aver proceduto al sequestrato dello striscione sono stato prelevato con forza e condotto al Commissariato di P.S. Trevi quindi denunciato in stato di libertà e tradotto presso il locale Gabinetto di Polizia Scientifica per i rilievi foto dattiloscopici.  Mi è stato impedito di partecipare alla protesta in modo del tutto arbitrario, per questo ho conferito mandato al mio difensore Avv. Cugini di presentare denuncia querela per privazione della libertà personale in base all'art. 605 c.p. ovvero per arresto illegale a carico del funzionario che ha dato ordine di procedere al mio prelevamento. Determinante il video l'abuso di potere."

L’Ufficio Stampa del Partito Animalista Europeo ha da poco diramato la comunicazione affinché venga resa giustizia non solo d’informazione, ma soprattutto a ricordare che ogni cittadino può esprimere le sue opinioni e non per questo deve essere tradotto con forza dalla Polizia, sicuramente un atto isolato, ma che va comunque sempre condannato.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Metropoli

Anguillara Sabazia, furti auto di turisti in sosta: 2 arresti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Era da qualche tempo che i Carabinieri di Anguillara Sabazia ricevevano segnalazioni per furti su autovettura, in particolare ai danni di turisti che, dopo avere parcheggiato su via Trevignanese, si recavano in spiaggia.Per arginare il fenomeno che stava turbando l’usuale serenità del comune sabatino, i Carabinieri hanno quindi organizzato un mirato servizio di osservazione nel corso del quale hanno notato due soggetti avvicinarsi con aria furtiva ad un’autovettura parcheggiata. I due, dopo avere infranto un finestrino laterale del veicolo, sono stati sorpresi a impossessarsi di un trolley e a tentare di allontanarsi immediatamente ma sono stati inseguiti e raggiunti dai Carabinieri, che li hanno bloccati e perquisiti. In loro possesso, i Carabinieri hanno rinvenuto due cassette degli attrezzi e un trapano, risultate provento di furto perpetrato poco prima con le medesime modalità e restituiti al legittimo proprietario.Gli arrestati, due uomini di 29 e 38 anni, dopo una notte passata in camera di sicurezza, sono stati sottoposti a giudizio con rito direttissimo presso il Tribunale di Civitavecchia, dove il loro arresto è stato convalidato, applicando la misura della custodia cautelare in carcere.

Continua a leggere

Castelli Romani

Castel Gandolfo, morto in ospedale il 35enne affogato ieri al lago

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

L’uomo era stato rianimato da alcuni bagnanti e trasportato in elisoccorso all’ospedale Gemelli

CASTEL GANDOLFO (RM) – E’ morto in ospedale il 35enne di nazionalità irachena che ieri era stato rianimato da alcuni bagnanti al lago Albano di Castel Gandolfo dopo aver avuto un malore ed essere annegato.

L’uomo era stato portato in elisoccorso all’ospedale capitolino del Gemelli in situazione disperata dove è poi deceduto a causa di alcune complicazioni.

Continua a leggere

Castelli Romani

Castel Gandolfo, annega nel lago e viene salvato in extremis da alcuni bagnanti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

CASTEL GANDOLFO (RM) – Un 35enne annega nel lago Albano di Castel Gandolfo e viene salvato da alcuni bagnanti che avevano appena effettuato un corso di BSLD (manovre di primo soccorso con impiego di defibrillatore) promosso dagli operatori sanitari della Asl Roma 6 per la sicurezza in mare e nei laghi.

“Queste iniziative formative producono effetti benefici multidimensionali: ci aiutano a salvare vite; avvicinano le istituzioni ai cittadini; ci rendono persone migliori. I miei ringraziamenti vanno ai nostri operatori sanitari, che si stanno dedicando con grande passione a questo progetto” ha detto il direttore generale della Asl Roma 6, Cristiano Camponi.

Continua a leggere

I più letti