Connect with us

Redazione Lazio

ROMA SCANDALO SCHIAFFINI TRAVEL, COLACECI INIZIA A PARLARE

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 3 minuti Colaceci: "mi dispiace che il mio partito non mi abbia chiesto spiegazioni dando cosi l'idea che siamo tutti uguali."

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 3 minuti
image_pdfimage_print

Alberto De Marchis

Amalia Colaceci inizia a parlare, dopo pagine e pagine di cronaca con il suo nome schiaffato sulle prime pagine dei giornali “Colaceci indagata, scandalo” ecc… L’assessore provinciale Colaceci rompe il silenzio e rilascia una intervista sul Corriere della Sera in uscita oggi. Poi inizia ad aprirsi anche su Fb, dove chiaramente si evince la sua voglia di rompere un silenzio che per primo ha mantenuto quello che la Colaceci definisce “il suo partito”. Sostanzialmente il messaggio che l’assessore vuole trasmettere è che questa vicenda sarebbe stata montata ad arte dal Pdl per colpire il centrosinistra. Ci sono le elezioni capitoline e certamente una bella “batosta” a Zingaretti potrebbe indebolire i suoi radicati consensi. Chissà. Intanto ecco le esternazioni di Colaceci: “Amici per chi ha voglia o e' curioso , comprate il Corriere della Sera cronaca di Roma… trovate una mia intervista che inizia a ricostruire un po' di verita'…. non esiste nessuna accusa di associazione per delinquere, nessuna accusa di truffa, gli indagati non sono 29 …nessuno scandalo storico come imprudentemente annunciato dalla Pdl. Gli indagati sono 13, io sono stata infilata in questa vicenda in questi ultimi mesi con l'accusa di concorso con alcuni dirigenti della Provincia in frode per fornitura alla Pubblica Amministrazione ( reato contestato alle ditte che svolgevano l'appalto)… come se, almeno questo si capisce dall'atto , avessi omesso di controllare . Non diro' nulla su questa ipotesi giuridica perche' i processi si fanno nelle aule di Tribunale ed io rispetto moltissimo la funzione giudiziaria e chi la svolge… dico solo che nulla proprio nulla di quanto e' stato detto su di me corrisponde alla verita', che questo e' il livello della informazione nel nostro Paese . Una roba da matti…. Colaceci: "mi dispiace che il mio partito non mi abbia chiesto spiegazioni dando cosi l'idea che siamo tutti uguali. Non e' cosi', non facciamo tutti politica nello stesso modo , lo dobbiamo gridare forte per evitare di alimentare l'antipolitica e dare forza a questi vergognosi metodi…”

ALTRI tabella:

Castelli Romani

Montecompatri, neonato morto dopo circoncisione: in manette due donne accusate di omicidio preterintenzionale

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuti
image_pdfimage_print

Indagata anche la mamma del piccolo
 
MONTECOMPATRI (RM) – Sono state fermate dai Carabinieri della sezione Operativa della Compagnia di Frascati e della Stazione di Colonna, su decreto di fermo del Pubblico Ministero della Procura della Repubblica di Velletri, per i reati di omicidio preterintenzionale aggravato ed esercizio abusivo di una professione, due donne nigeriane gravemente indiziate di avere operato l’intervento di circoncisione sul bambino nigeriano morto la mattina del 24 marzo scorso.
 
Anche la madre del bambino è indagata in stato di libertà, gravemente indiziata per concorso in omicidio preterintenzionale. L’autopsia accerterà le cause della morte del bimbo. L’ininterrotta attività di indagine svolta dai Carabinieri, coordinati dalla Procura della Repubblica di Velletri, dal momento in cui il bambino era deceduto, ha consentito di raccogliere gravi elementi indiziari in ordine al fatto che la madre del neonato avesse richiesto per il tramite di una delle due donne l’intervento della seconda al fine di praticare la circoncisione al figlio presso la propria abitazione di Montecompatri; che la seconda donna avesse effettuato l’intervento con l’aiuto della prima. La mattina del 24 marzo scorso la mamma disperata, dopo il malore del bambino, ha chiamato il 112 e ha chiesto aiuto a una pattuglia di Carabinieri della Stazione di Colonna che stava eseguendo un posto di controllo in via Casilina, all’altezza del capolinea della metro C; inutile la corsa in ospedale dell’ambulanza scortata dai Carabinieri. Sono stati sequestrati i cellulari di tutti i coinvolti nella vicenda e, presso l’abitazione della seconda donna, la somma di euro 4.240, ritenuta provento dell’esercizio abusivo della professione, numerose siringhe e medicinali vari. Entrambe le donne fermate sono state tradotte presso la casa circondariale di Roma Rebibbia-Femminile in attesa della convalida.
 

Continua a leggere

Cronaca

Roma, borseggi e furti nel centro storico: 19 persone arrestate nel fine settimana

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuti
image_pdfimage_print

In manette anche due giovani sorpresi a derubare una mamma distratta mentre accudiva il suo bambino
 
 
ROMA – Nell’ambito dei servizi mirati alla prevenzione e al contrasto dei furti nei luoghi di maggiore interesse e affluenza del centro storico, i Carabinieri della Compagnia Roma Centro, nel corso del fine settimana, hanno arrestato 19 persone gravemente indiziate del reato di furto.
 
Nel particolare, i Carabinieri del Comando Roma Piazza Venezia hanno bloccato due 22enni romeni, senza fissa dimora, che, in piazza dell’Esquilino, approfittando della distrazione di una mamma che stava accudendo il suo bambino, le hanno sfilato la borsa lasciata appesa alle maniglie del passeggino. I due sono stati arrestati e la refurtiva recuperata.
 
I Carabinieri hanno poi arrestato 8 cittadini stranieri – tre di etnia rom e due sudamericani – sorpresi a derubare i passeggeri a bordo della metropolitana linea “A”, in particolare tra le fermate “Barberini” e “Colosseo”, e altri 4 – un cittadino italiano e tre sudamericani – sorpresi a derubare turisti intenti a cenare ai tavoli esterni dei locali del centro storico, sfilando portafogli e telefoni cellulari da borse e zaini appoggiati sulle sedie.
 
Infine, altre 5 persone, tutte senza fissa dimora e con precedenti, sono state arrestate dai Carabinieri del Nucleo Scalo Termini dopo essere stati sorpresi a rubare all’interno dei negozi della Galleria Forum Termini.
 
Le vittime dei furti hanno tutte presentato regolare denuncia e nel corso delle udienze tenutesi presso le aule di piazzale Clodio, gli arresti sono stati convalidati.
 

Continua a leggere

Cronaca

Amatrice, la Fanfara a Cavallo della Polizia di Stato ospite d’onore al Palio dei Somari Sindaci

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuti
image_pdfimage_print

AMATRICE (RI) – La Fanfara a Cavallo della Polizia di Stato è stata l’ospite d’onore alla nota manifestazione culturale del “Palio dei Somari Sindaci” che si è svolta, nel week end appena trascorso, ad Amatrice, davanti ad una folta presenza di spettatori.
 
A margine del “Palio dei Somari” vero e proprio, tenutosi nel “somarodromo”, nei pressi del “Ponte della Rinascita”, ad Amatrice, nella mattinata del 26 marzo 2023, si è tenuta, presso il monumento i Caduti del terremoto del 24 agosto 2016, all’interno del Parco Don Minozzi, una breve cerimonia di raccoglimento alla quale era presente un Picchetto d’Onore della Fanfara a Cavallo della Polizia di Stato.
 
Nel pomeriggio della stessa giornata, poi, a conclusione della manifestazione, la Fanfara a Cavallo della Polizia di Stato si è esibita, eseguendo brani del proprio vasto repertorio musicale che spazia dalla musica contemporanea alla musica classica, davanti a numerosi entusiasti spettatori.
 
 

Continua a leggere

SEGUI SU Facebook

SEGUI SU Twitter

I più letti