Connect with us

In evidenza

RomaTPL ancora non paga. Comune silente, Sindacati all’attacco

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

ROMA – Incassato il via libera al concordato preventivo di Atac da parte della maggioranza dei creditori (circa il 50%), l’Amministrazione Comunale ora potrà, finalmente, tornare a occuparsi dei 1000 lavoratori della RomaTPL, ancora fermi al palo, in attesa di ricevere la busta paga relativa a dicembre. Che doveva essere erogata, nel rispetto del Contratto Nazionale, entro il 31 passato.

C’è da dire che stavolta la vertenza sia, considerati gli sviluppi degli ultimi mesi, più complessa di quanto si possa immaginare, se letta con piglio oggettivo nella sua complessità. Poiché si inserisce nel complicato Risiko del trasporto pubblico locale romano, dove si gioca una partita da un miliardo di euro, tra il salvataggio dell’Azienda Capitolina e l’affidamento dei 30milioni di chilometri delle linee periferiche, e dove è necessario mantenere saldi gli equilibri.

Può sembrare ardito l’accostamento delle cose, ma non va dimenticato che la RomaTPL è uno dei principali debitori di Atac, insieme al Consorzio Metrebus (FS e Cotral), pertanto vien facile pensare che, in questa ottica, il Comune abbia, nella fase antecedente all’approvazione del concordato, allentato la presa al fine di avere nell’Assemblea dei creditori pure il consenso del secondo gestore di TPL a Roma. Che, paradossalmente, malgrado le sue lacune, tiene ancora in mano il banco.

Ma nelle supposizioni, ipotesi o semplice equazione di un puzzle macchinoso, emerge, prepotentemente, il dramma che stanno di nuovo vivendo gli autisti, ausiliari e amministrativi di quella Società. Che oltre a subire questo, lamentano da tempo i metodi repressivi che sarebbero stati adottati dal Capo del Movimento dall’inizio del suo mandato, circa un anno fa, in RomaTPL e in COTRI, socio paritetico. Lo ha denunciato, come le altre sigle in passato, l’Organizzazione Sindacale USB, nel documento inviato il 7 gennaio, ai vertici del Campidoglio e al Prefetto di Roma, col quale ha aperto ufficialmente le “procedure di raffreddamento e di conciliazione”. Si parla di “metodi coercitivi e discriminatori” come “blocco dei cambi turno e pressioni nei confronti dei lavoratori che denunciano malattia, guasti, Legge 104 ect.” e della mancata “possibilità dei lavoratori di fruire delle ferie maturate”. Ma non basta. L’USB sottolinea, “l’inserimento dello straordinario nei turni senza l’autorizzazione dell’OdE” e un “uso eccessivo della repressione disciplinare”. “Vista la gara”, incalza Claudio De Francesco del SICEL, “al peggio non c’è mai fine”.

L’inciso infiamma la diatriba e mette, di conseguenza, in guardia anche i dipendenti dello stesso COTRI. I quali, preso atto dei trascorsi, rischiano anch’essi lo slittamento delle spettanze di dicembre, alla stregua dei colleghi della RomaTPL, le quali, secondo gli accordi, dovrebbero essere corrisposte entro il 10 di ogni mese.

David Nicodemi

Editoriali

L’Italia e l’urlo di Munch: gigante salvaci tu!

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Una fra le varie analisi della celeberrima opera “L’Urlo di Munch”, quella di Sonia Cappellini per Storia dell’Arte, ha il pregio di suscitare nel lettore nuove interpretazioni ed una nuova simbologia del dipinto di Edward Munch.

Per chi scrive, quell’urlo ben sia conforme con il grido dell’Italia pensando al suo angoscioso futuro, grida per paura, per dolore e urla per rabbia. L’autrice dell’analisi nel farci notare il volto umano sfigurato, simbolicamente in quel volto non può che esserci il volto del “Belpaese”, completamente anch’esso sfigurato, deturpato, umiliato e vilipeso.

Quando, sempre l’autrice, descrivendo il dipinto dice che la figura “sembra a malapena mantenersi in posizione eretta, quasi non avesse spina dorsale” a noi il pensiero va a un’Italia depauperata, divisa tra mille interessi lobbistici, le numerose correnti, frazionismi e fazioni di partiti senza alcuna reale conoscenza del paese reale, i tanti carrieristi in lotta eterna per il potere, un fiume carsico di corruttori, corrotti ed evasori attraversando il sottosuolo della penisola e colate di lava di malcontento e conclamata povertà che si accumulano nelle periferie sia al nord che al sud pronti a divampare.
Per finire con la simbologia, il dipinto mostra “quell’essere umano” che mentre sostiene la testa sembra chiudere le orecchie e Sonia Cappellini commenta: “come se la stessa persona non fosse in grado di sostenere il grido che lei stessa sta emettendo”.

E’ proprio così, l’Italia chiude le orecchie perché, ahinoi, non è in grado di supportare oltre perchè l’Italia ha rotto gli argini e la “cloaca massima” nazionale ha invaso puri e duri.
Soccombono le istituzioni e gli organi di garanzia, langue la vita sociale e agonizza la giustizia. Anela la democrazia ed il diritto sta venendo mortificato.

La libertà di opinione si mette in forse, quella personale è in quarantena ed il variegato mercato dell’informazione si arricchisce sempre più di multiformi bancarelle di tg, riviste, giornali e talk show e carrozzoni vari. A questo punto è d’obbligo la riflessione: cosa s’intende veramente con neutralità e obiettività della stampa? In che misura c’entra la collocazione politica dei telegiornali?
Dice Paolo Del Debbio: “mille ragioni, mille opinioni” al che ci si sente autorizzati a dire: tanti telegiornali, tante collocazioni politiche e tante versioni dei fatti di cronaca.

E’ così? Più che la pandemia l’Italia teme il collasso delle istituzioni, il degrado ed il decadimento del sistema, della vita sociale. Il famoso dipinto dell’artista norvegese mostra un cielo al tramonto con linee di rosso sangue e sullo sfondo ci si intravedono due figure. Queste non vedono, non sentono, non accorrono. A questo punto l’Italia grida: Gigante pensaci tu. Draghi risponde: ci penso io; il cielo sorride e la speranza rinasce nei cuori di tutti.

Continua a leggere

Cronaca

Caso Vannini, la Cassazione conferma condanne per famiglia Ciontoli: in serata la costituzione in carcere

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Sono definitive le condanne a 14 anni per Antonio Ciontoli, e a 9 anni e 4 mesi per la moglie Maria Pezzillo e i figli Martina e Federico, per l’omicidio di Marco Vannini, morto nella loro casa di Ladispoli nella notte tra il 17 e il 18 maggio 2015. La quinta sezione penale della Cassazione ha confermato la sentenza d’appello bis, del 30 settembre scorso, che aveva condannato Ciontoli per omicidio con dolo eventuale e il resto della famiglia per concorso anomalo.

Alla lettura della sentenze della quinta sezione della Cassazione, che ha confermato le condanne per la famiglia Ciontoli per la morte di Marco Vannini, la piccola folla di parenti e conoscenti assiepata fuori dall’aula è scoppiata in un applauso.

Il rigetto dei ricorsi degli imputati è stato accolto da urla di gioia.

“Ci siamo battuti per 6 anni, la paura c’è sempre ma ci abbiamo creduto fino alla fine. Ora giustizia è fatta”. È la prima reazione della mamma di Marco Vannini, Marina, visibilmente commossa dopo la sentenza della Cassazione.

“Sono contento che finalmente è stata fatta giustizia per Marco. Gli avevamo promesso un mazzo di fiori se fosse stata fatta giustizia e domani è la prima cosa che farò”. È il primo commento del papà di Marco Vannini, Valerio, dopo la conferma delle condanne dei Ciontoli in Cassazione.

Amici e conoscenti di Marco Vannini hanno atteso in piazza Cavour, davanti alla sede della Cassazione, la lettura della sentenza. I cartelli che hanno esposto stamattina, e che chiedevano “Giustizia per Marco” sono stati corretti in “Giustizia è fatta”. I genitori di Marco, Valerio e Marina, sono stati accolti dagli applausi.

Stasera la famiglia Ciontoli si costituirà in carcere. Lo riferisce l’avvocato Gian Domenico Caiazza, uno dei difensori, dopo le condanne definitive stabilite dalla Cassazione per l’omicidio di Marco Vannini.

Continua a leggere

Castelli Romani

Nemi, Salvini a sorpresa in giro per il borgo: “Bellissimo”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

NEMI (RM)Matteo Salvini con la sua fidanzata Francesca Verdini, vestiti casual, sorridenti, in giro per le vie di Nemi, delizioso paesino in provincia di Roma a soli 20 minuti dalla Capitale.

Lui ne ha approfittato anche per indossare una mascherina con le fragole, frutti rossi simbolo del piccolo paese. E’ entrato nelle botteghe del delizioso Corso Umberto I e ha detto: “Davvero un bellissimo posto”. Tante le persone che gli hanno chiesto dei selfie e lui, volentieri, li ha concessi. Gentile, sereno insieme alla sua fidanzata.

Continua a leggere

I più letti