Bracciano, tegola della Corte dei Conti: bocciato il piano di riequilibrio. Situazione difficile a Palazzo

BRACCIANO (RM) – Momenti difficili al Comune di Bracciano. Una tegola per il palazzo comunale: la Corte dei Conti ha bocciato il Piano di riequilibrio predisposto dal Comune di Bracciano. La bocciatura concerne le deliberazioni del giugno 2016 da parte del Commissario Prefettizio, con i poteri del Consiglio Comunale, e del settembre 2016 da parte del nuovo  Consiglio Comunale, a soli 2 mesi dal suo insediamento.

Ma ancora gli amministratori del Comune di Bracciano non ne conoscono le motivazioni

È arrivata una lettera che ha gelato la situazione che potrebbe essere fraintesa se non si conoscono bene i fatti e purtroppo se la situazione non verrà chiarita nelle opportune sedi il Comune potrebbe essere commissariato. Solo quando arriveranno le motivazioni dal Comune si potrà valutare se intentare un ricorso ai gradi successivi di giudizio e nel rispetto dei procedimenti che regolano la fattispecie.

Ma soltanto nelle prossime ore si riuscirà ad essere più precisi in merito alle intenzioni del sindaco di Bracciano Armando Tondinelli

“Preme evidenziare  – ha chiarito il primo cittadino in una nota – come questa situazione sia stata ereditata in toto dalla precedente Amministrazione e nulla può essere  addebitato a quella attuale. Il futuro del nostro paese è la priorità della nostra Amministrazione e dunque nell’attesa che le motivazioni della sentenza vengano rese note, ed agire di conseguenza, sarà nostra cura  predisporre sostanziali correttivi al Piano, preparandoci anche all’ipotesi di ritirare il vecchio formulandone uno nuovo che privilegi  più i risparmi strutturali rispetto alle alienazioni, ipotesi su cui si basava quasi totalmente il Piano passato e giudicato non congruo. Sono convinto – ha concluso Armando Tondinelli – che riusciremo nell’intento anche perché la situazione finanziaria del nostro Comune è notevolmente migliorata in questi ultimi 2 anni e consente margini di manovra. Mi auguro, infine, che la vicenda  non costituisca occasione di sterili ed inutili polemiche da parte di chicchessia né  si dia adito  a falsi trionfalismi perché in questa occasione non ci sono vincitori ma solo vinti”




BRACCIANO: GABRIELLI SCIOGLIE IL COMUNE. ARRIVA IL COMMISSARIO

di Chiara Rai

Bracciano (RM) – Solo ieri sono arrivate le dimissioni di massa dei consiglieri di maggioranza del Comune di Bracciano e oggi già la città lacustre alle porte di Roma ha un commissario straordinario nominato stamattina dal prefetto di Roma, Franco Gabrielli.

Alessandra de Notaristefani di Vastogirardi è il nome del viceprefetto che traghetterà il Comune fino alle prossime amministrative. Il Prefetto ha inoltre affiancato a Notaristefani di Vastogirardi un sub commissario individuato nella persona di Maria Gabriella Casaccio. Intanto oggi Il sindaco Pd Giuliano Sala, insieme alla sua squadra, spiegherà in una conferenza stampa, le motivazioni che hanno spinto alla decisione delle dimissioni di massa. Anche se presumibilmente è intuibile che siano cause di carattere giudiziario. Infatti il sindaco ha parlato ieri di "decisione difficile, impegnativa" ma tutta via necessaria per far valere le ragioni sue e dei consiglieri in altre sedi.

Nel frattempo la Procura di Civitavecchia sta indagando sulla regolarità di appalti pubblici. Nei fatti ci sono diverse questioni scottanti che hanno dato bei grattacapo all'amministrazione in questi ultimi tempi, a cominciare da alcune presunte irregolarità sul bando di affidamento della gestione delle farmacie comunali e ancora alla gestione della discarica di Cupinoro e presunte attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti.




BRACCIANO, CUPINORO: DANNI ERARIALI PER OLTRE 4,7 MILIONI DI EURO

di Alberto De Marchis

Bracciano (RM) – Colpo di scena dei finanzieri sulla discarica di Cupinoro sulla quale i riflettori rimarranno ancora accesi per qualche tempo. Per la discarica di Cupinoro, a Bracciano, la Guardia di finanza di Viterbo ha accertato danni erariali per oltre 4,7 milioni di euro. Il tutto emerge da una complessa indagine partita nel giugno del 2011 e condotta dalle fiamme gialle. Sono coinvolte ben 169 persone per 19 enti locali che dovranno risarcire in 4 mesi pena il sequestro dei beni.

La scoperta del danno erariale è la conseguenza di accertamenti disposti dalla Procura Regionale della Corte dei Conti volti a verificare la gestione della società “Bracciano Ambiente S.p.a.”, interamente partecipata dal Comune di Bracciano.

Ci sarebbe per di più un coinvolgimento molto forte del Comune di Bracciano che deriva da un rilevante debito accumulato dall'Ente nei confronti della partecipata Bracciano Ambiente S.p.a., costituita “in house”; ente locale che, tra l’altro, proprio in ragione della sua partecipazione totalitaria nella Bracciano Ambiente S.p.a. ne avrebbe omesso anche “controllo analogo”.

Spese per cessioni di crediti ad istituti bancari o alternativamente finanziari sostenute dalla Bracciano Ambiente S.p.a. per sopperire ad esigenze di liquidità causate da ritardi nei pagamenti da parte degli Enti locali conferenti r.s.u. presso la discarica di Cupinoro sarebbero state al centro di indagini molto approfondite. 

Staremo a vedere cosa succede.  

LEGGI ANCHE:

 05/02/2014 BRACCIANO: DOPO LA CHIUSURA DI CUPINORO RIFIUTI A VITERBO 30/01/2014 BRACCIANO: CUPINORO CHIUDE IN ATTESA DI PERMESSI E AUTORIZZAZIONI PER AMPLIAMENTO

 26/01/2014 BRACCIANO, CUPINORO: VOLUMETRIE AUTORIZZATE ESAURITE. LA BRACCIANO AMBIENTE CHIUDE LA DISCARICA IN ATTESA DELL'AMPLIAMENTO
 23/01/2014 BRACCIANO, LA DOMANDA DEI COMITATI E ASSOCIAZIONI CONTRO LA DISCARICA ALL'ASSESSORE REGIONALE MICHELE CIVITA: "CARO CIVITA, MA I 450.000 METRI CUBI?"
 22/01/2014 BRACCIANO: SEL PRESENTA UNA MOZIONE CONTRO LA DISCARICA DI CUPINORO IN CONSIGLIO REGIONALE
 18/01/2014 LAZIO, RIFIUTI: ANCORA EMERGENZA, ANCORA DISCARICHE ILLEGALI. SUBITO COMMISSIONE D'INCHIESTA REGIONALE SUGLI ULTIMI VENTI ANNI DI GESTIONE RIFIUTI
 09/01/2014 BRACCIANO, CUPINORO: I CITTADINI SCRIVONO A IGNAZIO MARINO SU QUELLA PICCOLA "DISCARICA" DA 4MILA TONNELLATE AL DI'
 04/01/2014 BRACCIANO: CONTRO L'ALLARGAMENTO DELLA DISCARICA DI CUPINORO SI ATTENDE IL RESPONSO DEL TAR
 27/12/2013 BRACCIANO, CUPINORO NUOVO LOTTO "VAIRA 1": PARTITO IL RICORSO AL TAR
 16/12/2013 BRACCIANO, CUPINORO: ECCO PERCHE' NON DEVONO ESSERE REALIZZATI IMPIANTI INDUSTRIALI
 15/12/2013 CERVETERI, CUPINORO: PRONTA LA BATTAGLIA LEGALE
 04/12/2013 ROMA / BRACCIANO, DISCARICHE FALCOGNANA E CUPINORO: IL MINISTERO BLOCCA FALCOGNANA E ALEMANNO GUARDA A CUPINORO?
 04/12/2013 CERVETERI, DISCARICA CUPINORO: "CERCASI DISPERATAMENTE SINDACO"
 28/11/2013 BRACCIANO, DISCARICA CUPINORO: SI PREPARA IL RICORSO AL TAR
 28/11/2013 BRACCIANO, CUPINORO: BUFERA SUI PERMESSI DI COSTRUZIONE RILASCIATI DAL COMUNE ALLA BRACCIANO AMBIENTE
 27/11/2013 BRACCIANO, DISCARICA CUPINORO: COLPO DI SCENA, IL MINISTERO CHIEDE AL COMUNE DI RITIRARE IL PERMESSO DI COSTRUIRE
 23/11/2013 CERVETERI, DISCARICA CUPINORO. IL SINDACO RIBADISCE: "NO AI RIFIUTI DI ROMA"
 22/11/2013 BRACCIANO, DISCARICA CUPINORO: SI SCAVA ALLA RICERCA DELLA VERITA'
 19/11/2013 BRACCIANO, CUPINOROPOLI. TUONA IL COMITATO BRACCIANO STOP DISCARICA: "CHI HA AUTORIZZATO GLI SCAVI SENZA PERMESSI?"
 14/11/2013 BRACCIANO, DISCARICA CUPINORO: CONTESTANO CON FIALETTE PUZZOLENTI IN CONSIGLIO COMUNALE
 09/11/2013 BRACCIANO, DISCARICA CUPINORO: L'EUROPA S'E' DESTA
 06/11/2013 BRACCIANO, OGGI LA PROTESTA DEI CITTADINI DI BRACCIANO ALL’UNIVERSITA’ AGRARIA
 05/11/2013 BRACCIANO, AMPLIAMENTO DISCARICA CUPINORO: IL FALLIMENTO DELLA POLITICA
 03/11/2013 BRACCIANO, RIFIUTI: A CUPINORO PROSEGUE LO SVERSAMENTO DELLA "MONNEZZA"
 28/10/2013 BRACCIANO, CUPINORO: IL COMITATO BRACCIANO STOP DISCARICA DICE NO AI RIFIUTI DI ROMA.
 26/10/2013 BRACCIANO, CUPINORO: LANCIATA LA MOBILITAZIONE DAL BASSO
 26/10/2013 BRACCIANO, CUPINORO: LE PROTESTE SI FANNO SEMPRE PIU’ SERRATE
 24/10/2013 BRACCIANO, DISCARICA. "BUONGIORNO MONNEZZA": LE TELECAMERE DELLA RAI SBARCANO A CUPINORO
 23/10/2013 BRACCIANO, DISCARICA EXTRA LARGE: VIETATO ABBASSARE LA GUARDIA
 23/10/2013 BRACCIANO, CUPINORO: BOTTA E RISPOSTA TRA DIPENDENTI E PRESIDENZA DELLA BRACCIANO AMBIENTE SPA
 21/10/2013 BRACCIANO, CUPINORO: LA BRACCIANO AMBIENTE RISPONDE ALLA LETTERA DEI 26 DIPENDENTI
 21/10/2013 BRACCIANO, PROTESTA CUPINORO: 4 MANIFESTAZIONI ED UNA DIRETTA RAI CONTRO LA DISCARICA
 20/10/2013 CERVETERI, GESTIONE RIFIUTI. ASSOTUTELA ATTENDE RISPOSTE "VELOCI"
 19/10/2013 BRACCIANO, CUPINORO: "LA QUESTIONE SI FA SERIA"
 18/10/2013 BRACCIANO, DISCARICA CUPINORO: LA PROTESTA ARRIVA AL CONSIGLIO REGIONALE DEL LAZIO
 17/10/2013 ANGUILLARA, DISCARICA CUPINORO: IL CONSIGLIO COMUNALE STRAORDINARIO
 16/10/2013 BRACCIANO, CUPINORO: SUL CONSIGLIO COMUNALE INFUOCATO ARRIVA LA NOTA DELL'AMMINISTRAZIONE
 16/10/2013 BRACCIANO, DISCARICA CUPINORO: CONSIGLIO COMUNALE INFUOCATO
 15/10/2013 ANGUILLARA, DISCARICA CUPINORO: CONSIGLIO COMUNALE STRAORDINARIO APERTO
 15/10/2013 BRACCIANO, DISCARICA CUPINORO: DOMANI LA PROTESTA SOTTO LA SEDE DEL CONSIGLIO REGIONALE DEL LAZIO
 14/10/2013 BRACCIANO, DISCARICA CUPINORO: I CITTADINI DICONO NO A UNA MALAGROTTA BIS
 12/10/2013 ANGUILLARA, DISCARICA CUPINORO: "IL SILENZIO DEGLI INNOCENTI"
 10/10/2013 BRACCIANO, CUPINORO: SABATO IL PRIMO INCONTRO APERTO TRA AMMINISTRAZIONE E CITTADINANZA
 10/10/2013 BRACCIANO, RIFIUTI CUPINOROPOLI: FUOCO INCROCIATO TRA CARONE E SALA
 08/10/2013 DISCARICA CUPINORO: I SINDACI DI ANGUILLARA, BRACCIANO, CERVETERI E LADISPOLI SI SONO INCONTRATI CON NICOLA ZINGARETTI E MICHELE CIVITA
 08/10/2013 BRACCIANO, CUPINOROPOLI: PEZZILLO – TONDINELLI: “LA DISCARICA SARA’ ILLEGALE”
 07/10/2013 ANGUILLARA – SCEGLIAMO ITALIA CHIEDE LA CONVOCAZIONE URGENTE DI UN CONSIGLIO COMUNALE APERTO PER RIBADIRE NO ALLO SCEMPIO DI CUPINORO
 06/10/2013 BRACCIANO, CUPINORO. DE SANTIS DICE NO AI RIFIUTI DI ROMA SUI TERRENI DELL'UNIVERSITA' AGRARIA
 06/10/2013 BRACCIANO, CUPINOROPOLI: L'ASSOCIAZIONE "I CITTADINI CONTRO LE MAFIE" E IL M5S CHIEDONO CHIAREZZA
 05/10/2013 BRACCIANO, CUPINORO: PARLA IL PRESIDENTE DELLA BRACCIANO AMBIENTE SPA
 03/10/2013 BRACCIANO DISCARICA: QUEL “SOTTILE” E INSOSTENIBILE PESO DELLA MONNEZZA
 02/10/2013 BRACCIANO, DISCARICA: LADISPOLI E CERVETERI NON VOGLIONO UNA “MALAGROTTA” A CUPINORO
 02/10/2013 BRACCIANO, CUPINORO. SEL: "SPUNTA IL LUNGO NASO DEL SINDACO PINOCCHIO"
 02/10/2013 BRACCIANO, DISCARICA: VECCHIE E NUOVE SU CUPINORO…
 01/10/2013 BRACCIANO, CUPINORO: ARRIVANO 20 MILA TONNELLATE DI RIFIUTI E DI … POLEMICHE
 01/10/2013 BRACCIANO, CUPINORO: IL SINDACO PRECISA CHE NON C'E' STATA NESSUNA VENDITA DI TERRENI A PRIVATI
 29/09/2013 BRACCIANO, "CUPINHORROR": QUAL'E' IL FUTURO DELLA DISCARICA?




BRACCIANO: AL VIA IL PRIMO DEI QUATTRO INCONTRI DEL PROGETTO "FAMILIA"

Redazione

Bracciano (RM) – Sabato 18 gennaio 2014 alle 17,30 presso la Sala Conferenze dell’Archivio Storico di Bracciano, in piazza Mazzini, 5 (piazza del Castello), con ingresso libero, avrà luogo il primo dei quattro incontri del Progetto “FAMILIA”.
Il progetto intende offrire ai genitori un’occasione di confronto sui problemi che quotidianamente si trovano ad affrontare nella relazione padre-madre-figlio. Spesso le difficoltà di comunicazione tra genitori e figli sono riconducibili di volta in volta ad una svalutazione di sé o dell’altro, attraverso un non-riconoscimento di bisogni o di richieste di aiuto.

SUAVITER Costruiamo Futuro, Associazione Culturale e Teatrale, lavorando in continua relazione con i ragazzi, e il Comune di Bracciano, per sua natura centro della vita di relazione dell'individuo, invitano tutti i genitori a partecipare e prendere spunto da questo interessantissimo ciclo di incontri ideato e diretto da due operatoti dell’associazione SIMPAT (Società Italiana di Metodologie Psicoterapeutiche e Analisi Transazionale): la dott.ssa Paola Filoni e la dott.ssa Onia Patricelli che ci propongono quattro appuntamenti, a cadenza quindicinale, che si svolgeranno secondo il seguente programma:
1°)   Genitori  e figli: impariamo a stare insieme
2°)   Alla scoperta delle nostre qualità
3°)   Parlare con i nostri figli
4°)   Un buon padre, una buona madre
Le modalità di conduzione prevedono:
 –     momenti informativi e lavori di gruppo;
 –     utilizzo di modalità interattive volte a favorire il dialogo;
 –     utilizzo dell’Analisi Transazionale come teoria di riferimento.

Gli argomenti trattati saranno finalizzati alla ricerca, dopo un’attenta analisi, di modalità comunicative atte a favorire nei genitori, e poi nei figli, l’autostima e l’autonomia.
 




BRACCIANO, DISCARICA CUPINORO: COLPO DI SCENA, IL MINISTERO CHIEDE AL COMUNE DI RITIRARE IL PERMESSO DI COSTRUIRE

di Luca Pagni

Il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo si è espresso in modo contrario con la soprintendenza per i beni architettonici e paesaggistiche per le province di Roma, Frosinone, Latina, Rieti e Viterbo, con atto recante il protocollo 33958 del 26 novembre 2013 presso gli uffici del Comune di Bracciano.

Il Ministero chiede al Comune di ritirare il permesso a continuare le opere che attuano di fatto l’ampliamento della discarica di Cupinoro gestita dalla Bracciano Ambiente.

Tra i permessi da ritirare anche il rilasciato permesso di costruire n. 02/2013 del 10.01.2013 n. 844 del Comune di Bracciano a favore della Bracciano Ambiente SPA.

La soprintendenza ha effettuato un sopralluogo nella Discarica di Cupinoro con il “Reparto Operativo- Sezione Archeologia del Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale", per la verifica dello stato dei luoghi.

La verifica è stata implementata da un sopralluogo presso gli uffici della Bracciano Ambiente con il neo Amministratore Unico, Avv Marcello Marchesi, che ha visto la consegna presso l’Ente della documentazione.

La soprintendenza ricorda che le terre su cui insiste la discarica sono tutte di proprietà dell'Università Agraria e che ricadono in “ambiti paesaggistici sottoposti a tutela ai sensi degli artt n. 134 e 142, comma 1 (aree di interesse archeologico già individuato) e D.Lgs. 22 gennaio 2004 n.42 e s.m.i. (Università agrarie e uso civico).

Tra le considerazioni leggiamo le affermazioni che riferiscono non solo il non chiedere da parte dell’amministrazione accettante il progetto di ampliamento, del sopralluogo e del parere delle autorità responsabili di tali ambiti territoriali, ma anche il netto contrasto con quanto disposto dall’art 145, ovvero “senza prescritta autorizzazione paesaggistica”.

Ìl Ministero ha chiesto all’amministrazione vigente del Comune di Bracciano di annullare il permesso di costruire n. 02/2013 del 10/01/2013 con protocollo n. 844 concesso alla Bracciano Ambiente, a prescindere dall'esistenza e dal ritrovamento o meno, nelle aree interessate, di reperti archeologici…”

I cittadini in movimento che hanno reperito il documento e quelli contro le mafie e la corruzione dimostrano ancora una volta di avere occhi ed orecchie ben aperti sulla vicenda, aupicando che l'amministrazione comunale inizi a fare scelte nella direzione del bene comune, sollecitato da molti cittadini. che continuano ad inviare istanze a tutela del diritto alla salute.

Intanto il Sindaco di S. Marinella è indagato per omesso controllo su Ecocentro e si stringono le maglie anche su Bracciano.

Di questo e di tanto altro si parlerà oggi in un' assemblea generale, organizzata dal Comitato Bracciano Stop Discarica,  dei cittadini di BRACCIANO e CASTEL GIULIANO, CERVETERI, I TERZI, BORGO SAN MARTINO, VALCANNETO, CERI, MANZIANA, ORIOLO, CANALE MONTERANO, LADISPOLI, ANGUILLARA, TREVIGNANO dalle ore 19.00 in poi, presso l’Oratorio di piazza don Cesolini, a Bracciano.

LEGGI ANCHE:

23/11/2013 CERVETERI, DISCARICA CUPINORO. IL SINDACO RIBADISCE: "NO AI RIFIUTI DI ROMA"
22/11/2013 BRACCIANO, DISCARICA CUPINORO: SI SCAVA ALLA RICERCA DELLA VERITA'

BRACCIANO, CUPINOROPOLI. TUONA IL COMITATO BRACCIANO STOP DISCARICA: "CHI HA AUTORIZZATO GLI SCAVI SENZA PERMESSI?"

 05/11/2013 BRACCIANO, AMPLIAMENTO DISCARICA CUPINORO: IL FALLIMENTO DELLA POLITICA




BRACCIANO: I NUMERI DEL CONSUNTIVO 2012 ILLUSTRATI DALL’ASSESSORE AL BILANCIO CLAUDIO CIERVO

Redazione

Bracciano (RM) – Rispetto del Patto di Stabilità, un avanzo di amministrazione di 733mila euro, aumento delle percentuali di copertura delle spese di alcuni servizi alla persona come la mensa scolastica, lieve flessione della spesa per il personale rispetto al 2011, un aumento dell’indice dell’autonomia impositiva, notevole calo dei trasferimenti statali. Sono questi alcuni dati del Rendiconto Finanziario per l’Esercizio 2012 discusso ed approvato dal Consiglio comunale di Bracciano nel corso dell’ultima seduta del 21 maggio scorso.

“Riguardo le entrate – ha sottolineato nella sua relazione l’assessore al Bilancio Claudio Ciervo – l'indice di autonomia finanziaria  è aumentato passando dall'83,04 per cento del 2011 all'88,37 del 2012. Ciò essenzialmente per la nuova entrata dell'Imu accertata per circa 5 milioni e mezzo di euro e completamente incassata a febbraio 2013. La sua introduzione ha tuttavia – ha aggiunto Ciervo – ha comportato una diminuzione dell'incasso dell'addizionale Irpef comunale sui redditi fondiari relativi ad immobili non locati, oltre che del Fondo sperimentale del riequilibrio con tagli evidenti nei trasferimenti erariali scesi da 74,72 euro per abitante del 2011 a 25,63 euro per abitante nel 2012. Maggiori entrate si sono registrate inoltre per l'addizionale comunale Irpef, da 1 milione e 616mila euro circa a un milione 736mila euro circa del 2012. E' cresciuto inoltre – ha commentato Ciervo – l'indice di autonomia impositiva dal 51,20 per cento del 2011 al 59,52 per cento del 2012. Un calo dell'entrate è imputabile sostanzialmente ai proventi della farmacia comunale scesi da 1.597.841,89 del 2011 a 1.223.464,10 del 2012. Diminuzione inoltre di 66mila euro dell'introito dovuto da altri Comuni che conferiscono alla discarica a seguito dell'introduzione della raccolta differenziata porta a porta. L'esercizio – ha detto ancora l'assessore Ciervo – ha registrato la positiva riduzione dell'indice di indebitamento pro-capite passato da 1373,77 euro del 2011 a 1320,09 euro del 2012 ciò anche al fatto che nel 2012 non sono stati contratti nuovi mutui".

Per quanto riguarda le uscite Ciervo ha parlato di una diminuzione delle spese per il personale scese da 4.139.299,93 del 2011 a 4.124.288,54 del 2012. Per lo smaltimento dei rifiuti – ha aggiunto Ciervo – la spesa complessiva è stata di 2.671.755 euro. Tra le spese 53mila euro per custodia cani randagi e per interventi chirugici a gatti randagi oltre a 77mila euro circa per i Servizi di Protezione Civile”. 

In riferimento ai servizi dell’ente a domanda individuale “il livello di efficacia ed efficienza – ha sottolineato Ciervo – si è mostrato soddisfacente in particolare per la mensa scolastica con una percentuale di copertura di spese del 67,36 per cento”. Nella discussione che è seguita i consiglieri di minoranza, tra i quali Pezzillo e Elena Carone Fabiani hanno messo in evidenza, spostando il dibattito sull’attuale fase di crisi della Bracciano Ambiente, sui 955mila euro di debiti fuori bilancio dovuti alla multiservizi facendo riferimento anche ad un passaggio della relazione del collegio dei revisori dei conti in cui si parla di “un potenziale squilibrio finanziario”. Prima dell’approvazione del conto consuntivo il sindaco, sottolineando tra le altre cose il parere favorevole nel suo complesso dell’organismo dei revisori dei conti, ha ribadito la convocazione a breve di un Consiglio comunale aperto nel corso del quale il Consiglio comunale darà i suoi indirizzi nella gestione futura della multiservizi comunale.




BRACCIANO, CON LA BELLA STAGIONE RITORNA IL PIEDIBUS

Redazione

Bracciano (RM) – “Per fare il Piedibus ci vuole poco, un po’ di bimbi in un bel gioco”. Sono i primi due versi dell’inno al Piedibus che da questa mattina e per un mese torna a risuonare a Bracciano. Con la bella stagione infatti riprende, grazie all’apporto di 9 volontari, l’iniziativa Piedibus. In sostanza i bimbi – al momento hanno aderito in 36 – vengono accompagnati a scuola a piedi. Il Piedibus come lo scuolabus ha dei capilinea e delle fermate lungo il percorso. “Sono molti i vantaggi” spiega Luisa de Michele, coordinatrice per il progetto per conto dei genitori. “In primo luogo – precisa – si combatte l’inquinamento dell’aria e del traffico cittadino, si impara a capire la segnaletica, inoltre i bimbi acquistano sicurezza”. “Anche quest’anno – spiega Gianpiero Nardelli, vicesindaco con delega alla Pubblica Istruzione – torna questa modalità ecologica per andare a scuola che lo scorso anno ha avuto un buon riscontro. Fino al 12 giugno il Piedibus – dice ancora Nardelli – sarà attivo sui tre percorsi ormai già sperimentati, rosso, da via Principe di Napoli a piazza Dante, verde da piazza Formaggi a piazza Dante, blu a via Claudia 90 a piazza Dante. Un ringraziamento va ai volontari e ai genitori che con il loro impegno consentono di riproporre una iniziativa originale, divertente e soprattutto educativa”. Il Piedibus, realizzato in collaborazione tra Comune di Bracciano e Istituto Comprensivo Bracciano Scuola Primaria, è gratuito. Per coloro che volessero aderire i moduli di iscrizione per volontari e partecipanti sono disponibili presso la Scuola Elementare e presso l’Ufficio Relazioni con il Pubblico del Comune di Bracciano.

LEGGI ANCHE:

26/05/2012 BRACCIANO, TUTTI PAZZI PER IL PIEDIBUS.
20/03/2012 BRACCIANO, SI SPERIMENTA IL PIEDIBUS



BRACCIANO, LA COMMISSIONE EUROPEA APPROVA LE STRATEGIE DI RIDUZIONE CO2 DEL COMUNE

Redazione

Bracciano (RM) – Doppio primato di Bracciano in fatto di lotta al cambiamento climatico. Il Comune di Bracciano, nell’ambito del Patto dei Sindaci, infatti non solo è stato il primo comune della provincia di Roma ad adottare il Piano di Azione per l’Energia Sostenibile ma, oggi, è anche il primo comune dell’hinterland romano per il quale è stato completato il processo di valutazione ed approvazione da parte della Commissione europea. La Commissione europea ha infatti comunicato l’approvazione ufficiale del Piano di Energia Sostenibile del Comune di Bracciano.

“Il Piano – commenta l’assessore alle Politiche Culturali del Comune di Bracciano è ora operativo. L’obiettivo è quello di ridurre entro il 2020, nell’ambito della nota strategia 20-20-20, le emissioni di anidride carbonica del 26 per cento rispetto al 2004.

Sulla base di dati oggettivi di partenza – spiega Lucci –  il Piano indica infatti una serie di interventi di risparmio ed efficientamento energetico volti a ridurre le emissioni di gas ad effetto serra, responsabili del cambiamento climatico in atto. Con il sì della commissione europea – commenta ancora l’assessore Lucci con soddisfazione – Bracciano entra a far parte, da oggi degli oltre 1.100 comuni d’Europa che hanno ottenuto il placet delle istituzioni europee delle strategie da adottare. Il Piano indica nell’efficientamento degli edifici e delle strutture comunali, il settore dove effettuare le maggiori riduzioni di emissioni, seguito poi dal settore trasporti. Il documento indica esclusivamente azioni di competenza dell’amministrazione comunale da mettere in atto. In questo senso vanno, tra gli altri, le realizzazioni di impianti di pubblica illuminazione a led in via Isonzo e in un tratto di via Braccianese. Si è intervenuti anche ad un risparmio energetico con l’ammodernamento degli impianti di riscaldamento degli stabili comunali, dalle scuole materne al centro anziani, oltre agli uffici del municipio. Rientrano poi nelle azioni previste e già realizzate la sostituzione delle luci votive con lampadine led nel cimitero e l’avvio della differenziata porta a porta. Per avere una diminuzione delle emissioni del 20 per cento dobbiamo passare dalle 4,57 tonnellate pro capite di CO2 del 2004 a 3,66 tonnellate di CO2 nel 2020”.
 




BRACCIANO, IL CONSIGLIO COMUNALE DISPONE GLI INDIRIZZI STRATEGICI DELLA BRACCIANO AMBIENTE SPA

Sala: "Riguardo alle richieste che mi sono giunte di istituzione di un Comitato di Partecipazione e Trasparenza relativo alla gestione della società sottolineo che questo Comune ha attuato dei processi partecipativi istituzionalizzati sulla complessità delle tematiche che interessano il Comune e il territorio e siamo sempre disponibili ad attivare processi che garantiscano partecipazioni reali, non strumentali e non di singole parti”.

 

Redazione
Delineati nel corso dell’ultimo Consiglio comunale del 10 ottobre scorso gli indirizzi strategici della Bracciano Ambiente spa, la multiservizi del Comune di Bracciano ad intero capitale pubblico. Sull’argomento ha relazionato l’assessore alle Politiche Ambientali Paola Lucci. Importanti novità sono state introdotte per quando riguarda l’assetto societario. In primo luogo si è deciso che il Piano di Sviluppo e il Piano Economico e Finanziario, secondo rapporti semestrali, vengano sottoposti all’approvazione del Consiglio comunale secondo quanto disposto dal Regolamento per l’Ufficio del Controllo Analogo approvato con la delibera di Consiglio n. 35/2008. Apportate inoltre modifiche in attuazione del decreto spending review alla composizione del Consiglio di Amministrazione che dovrà formato da 3 membri dei quali uno esterno e due individuati tra i dipendenti del Comune di Bracciano. I tre membri, individuati con votazione a scrutinio segreto, sono Antonio Bucefalo, responsabile dell’Area Pubblica Istruzione del Comune di Bracciano, Biancamaria Alberi, responsabile dell’Ufficio di Gabinetto del Comune di Bracciano, Marcello Marchesi con funzioni di presidente. Decisi inoltre dalla massima assise comunale gli indirizzi strategici di carattere industriale anche alla luce delle normative europee che stabiliscono il divieto di conferimento in discarica del cosiddetto rifiuto “tal quale” dal 31 dicembre 2012. Due gli impianti previsti è già autorizzati dalla Regione Lazio. Il primo è un impianto di trattamento della FORSU (frazione organica da rifiuto solido urbano)  della capacità di 30mila tonnellate l’anno che produce biogas per mezzo di un digestore anaerobico. Per la realizzazione non si esclude il ricorso a capitali privati. Il secondo impianto previsto è di preselezione con TMB /Trattamento meccanico biologico da realizzare con le migliori tecniche disponibili (Best Available Techniques) della potenzialità modulare di 135mila tonnellate annue con un costo stimato comprensivo di opere civili e meccaniche di 15 milioni e 500mila euro. Si è inoltre deliberato di presentare una richiesta di Valutazione di Impatto Ambientale alla Regione Lazio per il progetto di realizzazione di un nuovo invaso di conferimento dei soli rifiuti trattati, adiacente all’attuale discarica di Cupinoro, in via di esaurimento, per una volumetria di 450mila metri cubi del costo stimato di 3milioni di euro. Negli indirizzi dati alla Bracciano Ambiente spa si prevede inoltre l’estensione al 100 per cento del territorio comunale della raccolta differenziata porta a porta allo scopo di pervenire agli obiettivi fissati dalla normativa vigente. Nella discussione che ne è seguita  il consigliere comunale di minoranza Marcello Iacono Pezzillo, pur dichiarandosi concorde con il piano industriale, ha contestato la trattazione in un’unica delibera delle questioni relative agli assetti societari ed industriali. Il consigliere comunale Patrizia Riccioni avrebbe preferito maggiori approfondimenti. E’ stata inoltre data lettura da parte del presidente del Consiglio comunale Maurizio Capparella di una dichiarazione contraria di Bracciano Bene Comune. “Un piano industriale così delineato – dice il sindaco Giuliano Sala – in primo luogo è destinato a dare garanzie in termini del mantenimento dell’occupazione dei circa 90 dipendenti della Bracciano Ambiente. Contestualmente prevediamo l’allargamento della raccolta differenziata porta a porta a tutto il territorio. Si tratta di un indirizzo già presentato agli elettori che evidentemente in maggioranza condividono le nostre linee. Altre alternative ad oggi non risultano possibili. Nessuno dei 25 Comuni che usufruiscono dell’impianto di Cupinoro d’ora in poi potrà conferire se non effettua sul proprio territorio la raccolta differenziata. I due impianti previsti – aggiunge Sala – sono già stati autorizzati dalla Regione Lazio. E’ ovvio che non appena si procederà alla realizzazione si terrà conto delle migliore tecnologie disponibili in quel momento e non quelle già oggetto di Autorizzazione Integrata Ambientale proprio per far sì che gli impianti siano i più efficienti possibile dal punto di vista ambientale. La recente normativa, che abbiamo recepito, in fatto di assetto societario – prosegue – mette poi una pietra miliare e dispone che sia l’organo rappresentativo del Comune a dover decidere del futuro della multiservizi e non già, come è accaduto finora, il solo Consiglio di Amministrazione della società. Riteniamo che – precisa ancora il sindaco – quella da noi delineata sia ad oggi l’unica strada possibile per gestire un settore come quello dei rifiuti, considerando che anche il migliore ciclo integrato di fatto genera una componente residuale di rifiuto da conferire in un impianto specifico. Riguardo alle richieste che mi sono giunte di istituzione di un Comitato di Partecipazione e Trasparenza relativo alla gestione della società sottolineo – aggiunge Sala – che questo Comune ha attuato dei processi partecipativi istituzionalizzati sulla complessità delle tematiche che interessano il Comune e il territorio e siamo sempre disponibili ad attivare processi che garantiscano partecipazioni reali, non strumentali e non di singole parti”.
 




BRACCIANO OSPEDALE PADRE PIO, NEGRETTI: "RIPRISTINARE I SERVIZI PRECEDENTI AL DECRETO 80"

Redazione

“L’auspicio è che si dia il via ad un nuovo inizio mirato a riportare l’ospedale di Bracciano non solo a garantire i livelli minimi di legge ma a ripristinare tutti quei servizi precedenti al decreto 80 del piano di riordino ospedaliero del Lazio. E’ necessario inoltre che venga dato seguito a quanto stabilito con sentenza del Consiglio di Stato che annulla quanto stabilito dal decreto 80 nella parte relativa al Comune di Bracciano”.  Così, ieri mattina, si è espresso Mauro Negretti, consigliere con delega alla Sanità intervenuto in rappresentanza del Comune di Bracciano alla cerimonia di avvio del cantiere per una nuova centrale di sterilizzazione che verrà realizzata entro 120 giorni laddove erano le ex sale operatorie al secondo piano della struttura ospedaliera. “Siamo qui  – ha detto ancora Negretti – per dimostrare l’attenzione che il Comune di Bracciano ha per questa struttura ospedaliera”. A margine dell’incontro Negretti ha inoltre sottolineato che “se è vero – come ha detto Squarcione – che i reparti non sono stati accorpati e pur vero che non si è potuto lavorare al meglio. Ad esempio Ortopedia per via del trasferimento di ortopedici a Civitavecchia non ha potuto effettuare operazioni chirurgiche, né effettuare servizi ambulatoriali, né di reparto. Ci auguriamo – ha detto ancora Negretti – che la nuova centrale di sterilizzazione, l’apertura del nuovo pronto soccorso fissata per il prossimo 12 ottobre e l’arrivo di una nuova Tac per un valore di 300mila euro, indichino davvero una inversione di tendenza tesa a ridare all’ospedale il ruolo che gli appartiene di presidio ospedaliero. Da parte nostra abbiamo sollecitato a più riprese la piena applicazione della sentenza del Consiglio di Stato del maggio scorso e, in carenza di risposte, siamo pronti a rivolgerci alla Magistratura”. 

tabella PRECEDENTI:

04/08/2012 BRACCIANO, OSPEDALE PADRE PIO: MOZIONE UNANIME DEL CONSIGLIO COMUNALE PER ADEMPIMENTO SENTENZA CONSIGLIO DI STATO
06/07/2012 BRACCIANO CHIUSURA OSPEDALE PADRE PIO, RIFONDAZIONE COMUNISTA: LA DECISIONE DI NUOVO ALLA POLVERINI
05/07/2012 SPENDING REVIEW: 2013, IVA AL 21,5 MONTI "SALVA" I PICCOLI OSPEDALI
05/07/2012 BRACCIANO OSPEDALE PADRE PIO RISCHIO CHIUSURA: IL SINDACO SI APPELLA A MARIO MONTI E A RENATO BALDUZZI
08/06/2012 BRACCIANO, PADRE PIO: SALA A GUITARRINI: "CARO MAX. IL BENE COMUNE LO ABBIAMO DIFESO NOI CHE C'ERAVAMO!"
08/06/2012 BRACCIANO, OSPEDALE PADRE PIO: LE CONSIDERAZIONI DI GUITARRINI (BBC) SULLA RECENTE SENTENZA DEL CONSIGLIO DI STATO
30/05/2012 BRACCIANO, SALVO L'OSPEDALE PADRE PIO
17/05/2012 BRACCIANO, PADRE PIO: LA NOTA DI GIULIANO SDANGHI COMPONENTE DIRETTIVO PRC
17/05/2012 BRACCIANO, PADRE PIO: AL VIA LO SMANTELLAMENTO DI ORTOPEDIA
07/04/2012 BRACCIANO, OSPEDALE PADRE PIO E SALUTE, CHI LI DIFENDE E CHI NO
14/03/2012 BRACCIANO, OSPEDALE PADRE PIO, UDIENZA DI MERITO FISSATA PER IL 13 APRILE 2012
09/03/2012 BRACCIANO OSPEDALE ULTIMO MINUTO: IL CONSIGLIO DI STATO CONFERMA LA SOSPENSIVA
09/03/2012 BRACCIANO, OSPEDALE PADRE PIO. SI ATTENDE IL VERDETTO DEL CONSIGLIO DI STATO
01/03/2012 BRACCIANO OSPEDALE, NUOVA UDIENZA IL 9 MARZO. SINDACO SALA: "SPERIAMO CHE VENGANO RICONOSCIUTE LE NOSTRE RAGIONI"
24/02/2012 ANGUILLARA: COME GUARDARE CON SERENITA’ AL FUTURO?
16/02/2012 LAZIO SANITA', IL FALLIMENTO DEL DECRETO POLVERINI
15/02/2012 BRACCIANO OSPEDALE PADRE PIO, FORSE SI SALVA


 




BRACCIANO, SETTIMANA EUROPEA PER MOBILITÀ SOSTENIBILE: VISITE GRATUITE AL CENTRO STORICO

Redazione

Anche a Bracciano si celebra la Settimana Europea per la Mobilità Sostenibile, manifestazione annuale mirata alla promozione di una mobilità mirata al rispetto della salute e dell’ambiente. Ed a Bracciano l’evento si sposa con la promozione culturale. In programma infatti per sabato 22 settembre delle visite guidate al centro storico di Bracciano. Orario di partenza dal punto di informazioni turistiche in piazza VI Novembre alle  11 e alle 16,30. Promossa dalla Commissione Europea, la Settimana Europea della Mobilità Sostenibile "In città senza la mia auto" si svolgerà dal 16 al 22 settembre 2012. La manifestazione ha l'obiettivo di incoraggiare i cittadini all'utilizzo di mezzi di trasporto alternativi all'auto privata per gli spostamenti quotidiani: a piedi, in bicicletta o con mezzi pubblici.

Promossa dalla Commissione Europea, la Settimana Europea della Mobilità Sostenibile “In città senza la mia auto” si svolgerà dal 16 al 22 settembre 2012, negli anni è diventata un appuntamento internazionale che ha l’obiettivo di incoraggiare i cittadini all’utilizzo di mezzi di trasporto alternativi all’auto privata per gli spostamenti quotidiani: a piedi, in bicicletta o con mezzi pubblici. Sono modalità di trasporto sostenibile che, soprattutto per chi vive in città, oltre a ridurre le emissioni di gas climalteranti, l’inquinamento acustico e la congestione, possono giocare un ruolo importante per il benessere fisico e mentale di tutti. Diminuendo e migliorando le modalità di spostamento a livello locale, le città europee possono migliorare il bilancio energetico e le prestazioni ambientali del sistema dei trasporti e allo stesso tempo rendere la vita nelle città più sana e sicura. Il contesto urbano, infatti, rappresenta una grande sfida per la sostenibilità in Europa e la Settimana Europea della Mobilità Sostenibile, contribuendo a sensibilizzare i cittadini e gli amministratori, è un chiaro esempio di come le iniziative a livello europeo possano incoraggiare e agevolare l’azione a livello locale. La Settimana Europea è dunque un’occasione per i Comuni per presentare proposte alternative e sostenibili per i cittadini e ottenere da questi un utile feedback. Quest’anno l’argomento scelto dalla Comunità Europea è “Muovendosi verso la giusta direzione”, che intende evidenziare il ruolo della pianificazione integrata per la realizzazione di un’efficace sistema di mobilità sostenibile in ambito urbano. I Piani di mobilità urbana sostenibile PUMS sono lo strumento  per definire un sistema di misure correlate in grado di soddisfare le esigenze dell’utenza e delle imprese, migliorando nel contempo la qualità ambientale. La Commissione Europea nel 2009 ha adottato il Piano d’azione sulla mobilità urbana, a sostegno delle autorità locali per sviluppare il PUMS. Sul sito www.mobilityplans.eu sono disponibili le linee guida  della Commissione Europea per sviluppare il PUMS, mentre sul sito ufficiale EMW sono riportate le Best Practice Guide di EMW 2012 e i casi studio attuati da alcune città europee durante il 2011. Il Ministero dell’Ambiente aderisce anche quest’anno alla Settimana europea condividendone gli obiettivi, svolgendo un ruolo di coordinamento nazionale e supporto di iniziative ed eventi promossi dai Comuni e associazioni e invitando i cittadini a partecipare all’iniziativa.  La Settimana rappresenta un’occasione per le istituzioni, le organizzazioni e le associazioni di tutta Europa per promuovere i propri obiettivi volti ad incrementare la mobilità sostenibile e la qualità della vita, per condividere i diversi punti di vista e promuovere una diversa cultura del muoversi, per accrescere sempre più la consapevolezza nei cittadini e cambiarne le abitudini. E’ una opportunità per tutti i Comuni partecipanti per dimostrare quanto i temi ambientali li riguardino.