Connect with us

Metropoli

Anguillara Sabazia, manutenzione del piccolo teatro: Bianchini e Stronati rispondono alle esternazioni “imbarazzanti” della sindaca

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 3 minuti
image_pdfimage_print

ANGUILLARA SABAZIA (RM) – Non è tardata ad arrivare la replica di Silvio Bianchini Consigliere e capogruppo Pd al Comune di Anguillara Sabazia e di Enrico Stronati presidente dell’associazione “Progetto Comune” in merito ad alcune esternazioni della prima cittadina ex pentastellata riguardo il fatto che lo scorso 21 dicembre i consiglieri regionali Gianluca Quadrana e Michela Califano hanno fatto proprie le istanze avanzate da Bianchini e Stronati portandole quindi in Giunta regionale per poi arrivare alla bella notizia di ieri relativa l’approvazione dell’atto che impegna la Regione a reperire i fondi necessari per la
manutenzione straordinaria dei locali adibiti a teatro della scuola media San Francesco.

Imbarazzante! Questo il solo aggettivo possibile per commentare il comunicato del 27.12.2018 a firma della Sindaca Anselmo in merito all’ODG presentato dai Consiglieri Califano e Quadrana che, oggi, è stato approvato, come promesso”, affermano Bianchini e Stronati [vedi ODG approvato – LINK].

L’Amministrazione, nel suo triviale modo di esprimersi, ormai prassi in tutti i suoi comunicati – fa sapere Bianchini – definisce i Consiglieri regionali «amichetti» miei e di Stronati. Non conosco il significato del termine «amichetti» usato in questo contesto, magari lei si, lo spiegasse. Per me la politica rappresenta una cosa molto seria e mai potrei pensare ad un mio referente politico o un mio collega di amministrazione in qualità di amichetto”.

Certo, Michela Califano e Gianluca Quadrana sono persone che conosciamo da molti anni – aggiunge Stronati – con i quali esiste un rapporto di reciproca stima e fiducia. Non si ottiene, altrimenti, la presentazione e approvazione di un ODG che impegna la Regione a finanziare i lavori di manutenzione straordinaria del nostro piccolo teatro della Scuola Media se non esistesse collaborazione e condivisione di intenti tra la politica sul territorio e quella regionale”.

Nella trans triviale che spesso colpisce la penna dell’Amministazione comunale – continuano – non si capisce l’obiezione mossa. Si passa dal dichiarare che il Comune non ha bisogno di soldi (dal loro comunicato si apprende che avrebbero stanziato 5.000 euro) per sistemare il Teatro per poi passare a scaricare le responsabilità alla interdizione all’uso dei locali sulla Dirigente scolastica, quindi affermano che il Teatro non ha bisogno di manutenzione straordinaria e suggeriscono di occuparci della 167, etc etc” [vedi nota RSPP del febbraio 2018 – LINK].

Un guazzabuglio, una farneticazione, tipica dei grillini nostrani, per fare tanto rumore per nulla. Evidentemente il nervosismo gioca strani scherzi alla Sindaca e i suoi solidali.

Noi abbiamo interceduto presso la Regione per poter avere da questi l’impegno all’erogazione delle somme individuate nel quadro economico della DGC n. 80 del 05.08.2016, approvata proprio dalla Giunta Anselmo, avente ad oggetto “Approvazione studio di fattibilità per la manutenzione straordinaria ed arredo dei locali adibiti a teatro presso la scuola media San Francesco – Richiesta contributo di cui alla D.G.R. Lazio n. 365/2016. L.R. 27/2006 Art. 63” – LINK.

Suddetta Delibera parla espressamente di “Interventi di manutenzione straordinaria ed arredo dei locali adibiti a Teatro presso la scuola media S. Francesco” e nel quadro economico è riportato il totale di Euro 52.832,00. Fondi che sono necessari sia alla dichiarazione di agibilità, sia all’ammodernamento e miglioramento dei locali.

Dopo l’approvazione della DGC n. 80/2016 e la partecipazione al corrispondente bando, la Giunta grillina ha, però, omesso di informare la cittadinanza di essere stata bocciata essendosi classificata 75^ su 77 progetti presentati (vedi Allegato A – DGR n. G14489 del 06.12.2016 LINK). Un dettaglio, ovviamente.

A questo punto una Amministrazione seria, meno bulla, composta da persone educate e dedite al lavoro, ringrazierebbe e collaborerebbe per sfruttare al meglio questa occasione. O se i limiti caratteriali sono così evidentemente marcati da non consentire ai suoi componenti di agire come il buon senso e la buona educazione suggerirebbero, optare per il silenzio sarebbe una delle possibili alternative.

La riapertura, la sistemazione, l’ammodernamento e il potenziamento del Teatro della scuola media (anche per finalità volte alla proiezione di filmati) è un fine al di sopra delle parti, è un obiettivo che non dovrebbe avere colori per il bene dei ragazzi e delle tante associazioni culturali. Ma ai nostri Amministratori interessa più lo scontro, verbale o fisico che sia, piuttosto che affrontare e risolvere i problemi.

Noi abbiamo agito solo nell’interesse dei ragazzi e delle associazioni culturali – concludono Bianchini e Stronati – abbiamo ottenuto l’approvazione dell’ODG che impegna la Regione a finanziare i fondi necessari agli interventi di manutenzione straordinaria del Teatro. L’Amministrazione si impegni affinché questi fondi possano essere richiesti e spesi al meglio per riconsegnare i locali alla collettività in tempi rapidi, evitando – possibilmente – atteggiamenti triviali che non si addicono ad una Amministrazione comunale ma soprattutto non interessano i cittadini”.

Silvio Bianchini e Enrico Stronati

Metropoli

Colleferro, stretta su dipendenze e uso dei social: ragazzi impegnati

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Nei giorni scorsi, i Carabinieri della Compagnia di Colleferro in collaborazione con l’Associazione per la Cura delle Dipendenze Patologiche (ACuDiPa) hanno tenuto sette conferenze, rivolte agli studenti delle Scuole Medie (L. Da Vinci di Colleferro – Leone XIII di Carpineto Romano – IC L. Da Vinci di Labico) e delle Scuole Superiori (IPSIA di Colleferro – IIS e ITCG “A. Gramsci” di Valmontone – ITIS “S. Cannizzaro” e IIS “G. Marconi” di Colleferro, organizzate con la collaborazione delle rispettive Direzioni Scolastiche nell’ambito delle attività di formazione della “cultura della legalità”.
Gli incontri tenuti dal Comandante della Compagnia dei Carabinieri di Colleferro, accompagnato dai Comandanti di Stazione di Valmontone, Labico e Carpineto Romano, e dalla Dott.ssa Sara Nocera, Emergency Supporter, rappresentante dell’Associazione ACuDiPa,, impegnata nell’attività correlate alla cura delle dipendenze patologiche.
Hanno partecipato alle conferenze complessivamente oltre 1000 alunni dei citati plessi scolastici che insistono sul territorio, con i quali i relatori si sono intrattenuti diverse ore ed hanno stimolato la riflessione sull’importanza del rispetto delle regole nella vita di tutti i giorni, sul bullismo e cyberbullismo, sull’uso consapevole dei social e pericoli della rete ed infine sulle dipendenze giovanili, in particolare alcool e droga.
Le conferenze, iniziate con il saluto e il ringraziamento dei Dirigenti Scolastici, hanno riscosso grande interesse da parte dei giovani con numerose domande e interventi durante i quali i relatori hanno sottolineato che l’osservanza delle regole di vita, diritti e doveri – un binomio inscindibile, va considerata come un’opportunità per crescere insieme, non come un limite al proprio essere.
L’attività si inserisce nel quadro delle iniziative intraprese dal Comando Provinciale Carabinieri di Roma che ha come obiettivo la promozione e lo sviluppo della cultura della legalità nell’ambito di tutti gli istituti di istruzione della provincia.

Continua a leggere

Metropoli

Castelnuovo di Porto, banda del buco in azione: furto in una tabaccheria

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Nella notte del 14 febbraio 2024 tre persone, con volto travisato, si sono introdotte in una tabaccheria situata sulla via Flaminia nel Comune di Castelnuovo di Porto, trafugando sigarette e “Gratta&Vinci” per un valore di circa 20.000 euro. Per compiere il furto si sono serviti di un piccone, praticando un buco nel soffitto dell’esercizio commerciale, facendo accesso e agendo indisturbati. Durante le fasi finali del colpo, però, una pattuglia dei Carabinieri della Stazione di Riano, nel corso del normale servizio di prevenzione e repressione dei reati, ha intravisto il nebbiogeno del sistema di sicurezza del locale ed è intervenuta per una verifica. L’arrivo dei militari ha messo in fuga i tre che, portando al seguito parte della refurtiva, hanno attraversato la via Flaminia e superato i binari della linea ferroviaria, riuscendo ad allontanarsi.
Dopo un breve inseguimento a piedi, però, i Carabinieri sono riusciti a bloccare e arrestare un 43enne romeno, già con precedenti specifici.
A seguito del primo intervento, inoltre, il lavoro di ricostruzione e pattugliamento dell’area ha consentito di rinvenire la quasi totalità della refurtiva asportata, restituita ai titolari, nonché gli attrezzi utilizzati per lo scasso e una radio portatile utilizzata per le comunicazioni tra i ladri.
L’arrestato è stato dunque messo a disposizione dell’Autorità Giudiziaria per l’udienza di convalida che si è celebrata nella mattinata di ieri e al termine della quale è stato sottoposto agli arresti domiciliari presso la propria abitazione.
Sono tutt’ora in corso le operazioni utili all’individuazione dei complici del furto.
Si comunica il tutto nel rispetto dei diritti dell’indagato (da ritenersi presunto innocente in considerazione dell’attuale fase del procedimento, fino a un definitivo accertamento di colpevolezza con sentenza irrevocabile) e al fine di garantire il diritto di cronaca costituzionalmente garantito.

Continua a leggere

Metropoli

Formello, sanzioni e chiusura struttura ricettiva: controlli a tappeto

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica e tutela dei consumatori e dei lavoratori. Queste le direttrici che, nei giorni scorsi, hanno indirizzato l’attività dei Carabinieri della Compagnia di Roma Cassia nel territorio di Formello (RM).
I Carabinieri della locale Stazione, infatti, coadiuvati dal personale del Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro e del Reparto Carabinieri Tutela Agroalimentare di Roma, nonché del Nucleo Elicotteri Carabinieri di Roma Urbe, hanno predisposto un servizio finalizzato alla tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica, della salute dei consumatori e all’osservanza della normativa sulla sicurezza sui luoghi di lavoro.
In particolare, i Carabinieri hanno dato esecuzione al decreto emesso dal Questore di Roma con il quale è stata disposta la sospensione della licenza, e contestuale chiusura per 10 giorni, per una struttura ricettiva del posto. Il provvedimento è scaturito da numerosi controlli effettuati dai Carabinieri che hanno attestato l’abituale frequentazione da parte di soggetti gravati da precedenti penali corroborati da un arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, dell’aprile scorso, che aveva coinvolto un 27enne albanese trovato in possesso di dosi di cocaina.
In via Formellese, i Carabinieri hanno anche sanzionato amministrativamente, per complessivi 10.000 euro, la rappresentante legale di un supermercato per aver posto in vendita alimenti e prodotti sfusi da forno senza le indicazioni riportanti gli allergeni, nonché carne al taglio sprovvista delle indicazioni sulla rintracciabilità del prodotto e l’amministratore unico di un bar/pasticceria, per complessivi 1.474 euro, per non aver esibito la documentazione riguardante la formazione sulla sicurezza sul luogo di lavoro del personale dipendente.
I controlli dei Carabinieri proseguiranno anche nei prossimi giorni.

Continua a leggere

SEGUI SU Facebook

I più letti