1

Castel Gandolfo, commercianti estenuati perché manca l’acqua: “Ora servono i fatti!”

In grande difficoltà l’Amministrazione di Castel Gandolfo con la questione di carenza del servizio idrico da parte del gestore Acea.

Una situazione che sta alimentando non poche polemiche, a tal punto che il sindaco Milvia Monachesi ha scritto un post sul social Facebook per aggiornare la cittadinanza.



Al post della sindaca ha risposto pubblicamente Francesco Curci, residente di Castel Gandolfo ed esercente, il quale non ha risparmiato di esternare una critica che sembra andare oltre la “situazione acqua”: “Cara Milvia, apprezzo l’iniziativa di chiamare un avvocato per concordare un’azione contro Acea, mi permetto però di dirti che avresti dovuto farlo da tempo, perché sono ormai mesi e mesi che questa situazione va avanti. Certo: meglio tardi che mai, ma vorrei che per un attimo ti mettessi nei panni di chi, come me, vive di turismo e rischia di ritrovarsi una, due, tre recensioni negative su TripAdvisor – o sui vari altri portali che si occupano di turismo – da parte di clienti che si sono ritrovati in camere senz’acqua…Noi esercenti dobbiamo e vogliamo sentire che l’Amministrazione è dalla nostra parte e troppo spesso invece vi sentiamo lontani anni luce…ma è possibile, ad esempio, che non si riesca ad avere nemmeno un numero di telefono a cui rivolgerci quando dobbiamo segnalare la mancanza d’acqua?…possibile che dobbiamo essere presi in giro dal call center di Acea che ci risponde o che non risultano guasti o che segnaleranno (non si sa bene a chi)?…tu devi PRETENDERE che a fronte di un disservizio così palese e continuo ci sia almeno rispetto nei nostri confronti. Alza la voce, vai a parlare coi dirigenti, minaccia sanzioni…ma per favore basta con le parole: ora servono i fatti

Una stanchezza, quella dei commercianti di Castel Gandolfo, dovuta, si presume, al fatto che non si palesino ancora iniziative mirate a risolvere il problema il prima possibile.