Valmontone, figlio violento minaccia e aggredisce gli anziani genitori per ottenere denaro

VALMONTONE (RM) – Incessanti richieste di denaro accompagnate da minacce, aggressioni verbali e fisiche nei confronti dei propri genitori conviventi. Sono queste le motivazioni che hanno portato i Carabinieri della Compagnia di Colleferro ad arrestare un 34enne di Valmontone, già conosciuto alle forze dell’ordine, per il reato di maltrattamenti in famiglia.

I Carabinieri della Stazione di Valmontone, a seguito della richiesta di aiuto pervenuta al 112, sono intervenuti presso l’abitazione del padre 76enne e della madre 70enne, dove hanno immediatamente bloccato il figlio violento che ancora li stava aggredendo e minacciando.

Ricostruito l’accaduto, i Carabinieri della Stazione di Valmontone hanno accertato le ripetute richieste di denaro sfociate sempre in aggressioni fisiche e verbali.

I Carabinieri hanno così arrestato il 34enne che, ad esito del rito direttissimo presso il Tribunale di Velletri, è stato sottoposto al divieto di dimora nel Comune di Valmontone.




Roma, dopo 43 anni Raggi mette in pensione l’Estate Romana e inaugura Romarama

ROMA – L’Estate Romana non esiste più ed al suo posto nasce Romarama, il nuovo palinsesto culturale della Capitale che, per la sua prima edizione, prevede eventi, concerti e manifestazioni di vario tipo, dal mese di luglio a dicembre.

Il nuovo ‘contenitore’ culturale, che di fatto mette in pensione l’Estate romana inventata 43 anni fa, nel 1977, dall’allora assessore alla Cultura, Renato Nicolini, è stato presentato in Campidoglio dal sindaco di Roma, Virginia Raggi, e dal vice sindaco e assessore alla Cultura, Luca Bergamo. Al suo interno, Romarama contiene bandi, singoli eventi e molteplici manifestazioni legati a musei e istituzioni culturali esistenti.

Tanti gli eventi previsti: dalla stagione estiva del Teatro dell’Opera alle riaperture del Globe Theatre e del Macro.Dall’Estate al Maxxi, dall’1 al 30 luglio, alla grande mostra I marmi Tolonia fino al ritorno della Collezione Roma con una grande mostra fotografica curata da Francesco Zizola. Dal 15 al 25 ottobre ritorna la Festa del Cinema di Roma e da settembre a novembre in carnet la 35a edizione del Romaeuropa Festival.

Tornano anche i concerti nella Cavea dell’Auditorium Parco della Musica: dopo l’annunciato Max Gazze’ previsto per il 2, 3 e 4 luglio, Diodato, Alex Britti e Daniele Silvestri anche i Latte e i suoi Derivati il 5 luglio, tra le novità Le Vibrazioni, l’Orchestraccia e Irene Grandi e per il 2021/22 è previsto il battesimo del “Museo delle periferie di Tor Bella Monaca”.

Finalmente ecco la nuova stagione culturale– ha commentato la sindaca Raggi- che costituisce  un punto di svolta per Roma. Il Covid ha condizionato molto la nostra vita ma c’era necessità di tornare ad incontrarsi e vivere gli spazi della nostra città. Quindi abbiamo inteso rivoluzionare il paradigma della nostra estate. E per questo abbiamo anche cambiato il nome ed è nata Romarama“.

L’esigenza di cambiare e inventare un nuovo nome nasce– ha aggiunto Bergamo- sembrandoci fondamentale dare un messaggio sul fatto che la funzione della vita culturale negli spazi pubblici debba essere esercitata nel corso di tutto l’anno.

Anche con manifestazioni innovative e numerose novità. Invece di avere tante singole manifestazioni separate abbiamo creato un palinsesto unico. È come se l’estate romana avesse conquistato il resto dell’anno“. “Il nome non e’ forse propriamente bellissimo,forse- ha aggiunto scherzando Bergamo – Me ne assumo la responsabilità” ma la sindaca ha commentato che si tratta però di ” un nome di impatto“.

“Romarama, l’arte che muove la città”, la nuova identità è una creazione dell’illustratrice Chiara Fazi per Zètema, si tratta di un neologismo che riprende il suffisso –orama  [dal gr. ὅραμα/veduta]  usato in poche parole composte, coniate sul modello di panorama, fino alla comparsa negli anni ’50 di cinerama che permette immagini molto simili alla percezione dell’occhio umano dotato di visione periferica. Il riferimento, dunque, è al significato del suffisso ma anche alla sfida di cercare con sguardo più ampio, quello che unisce il singolo alla comunità, le vie per una rinascita fondata sul cambiamento, la fiducia nel futuro del nostro Paese, come accadde anche nel dopoguerra. La frase l’arte che muove la città, si ispira alla canzone di Lucio Dalla “La sera dei Miracoli” dedicata a Roma: “si muove la città, con le piazze i giardini e la gente nei bar“. Romarama parla, così di una visione ampia di Roma e di una collettività che riprende a muoversi, dopo il blocco, e torna a vivere spazi comuni, seppur con il distanziamento fisico e il contingentamento, comunque insieme.




Genzano, il “Cane a Norma”: successo per l’infiorata al centro cinofilo

GENZANO – Nuove idee per una tradizione antica. Nella sede dell’associazione sportiva dilettantistica “Il Cane a Norma” a Genzano, è andata ieri in scena l’Infiorata, riservata esclusivamente ai soci del centro cinofilo. Grazie all’esperienza e all’arte della maestra infioratrice Margherita Piselli e al suo gruppo di lavoro, educatori cinofili e associati hanno partecipato a realizzare, con i petali dei fiori, il quadro che ha riprodotto il logo dell’Asd.

In epoca di Covid, insomma, anche “Il Cane a Norma” ha voluto mantenere viva la tradizione. Il quadro ha permesso di conoscere da vicino l’Infiorata: dalla preparazione al posizionamento dei fiori. “È stato un grande successo – ha detto il presidente dell’Asd, Giorgio Guglielminotti – siamo molto soddisfatti”




Frascati, ragazza rischia di perdere la mano finita nel tritacarne

FRASCATI (RM) – Una ragazza di 28 anni rischia di perdere la mano sinistra per un incidente sul lavoro. La donna è infatti rimasta incastrata con la mano sinistra nel tritacarne mentre era intenta a lavorare il ripieno per la pasta fresca nel pastificio di via Diaz a Frascati.

Sul posto sono dovuti intervenire i Vigili del Fuoco che sono riusciti a liberare l’arto dopo un’ora. La 28enne è stata trasportata con l’elisoccorso al Policlinico Agostino Gemelli di Roma in codice rosso dove i medici stanno tentando di ricostruire la mano alla ragazza.

Sono state avviate indagini su quanto avvenuto da parte dei carabinieri di Frascati e dagli ispettori della Asl Rm6. L’attività commerciale e il macchinario sono stati posti sotto sequestro per gli accertamenti giudiziari.




Albano Laziale, Movimento Futuro Italia sostiene il candidato a sindaco Matteo Mauro Orciuoli

Il Movimento Futuro Italia, sostiene il candidato a Sindaco della Città di Albano Laziale, Matteo Mauro Orciuoli. Di seguito la nota di Marica Roma, leader del Movimento. “

L’incontro con il centro destra del Movimento Futuro Italia è stato proficuo, un confronto serrato e costruttivo sulle linee programmatiche, sugli obiettivi da raggiungere nell’interesse della città di Albano e del benessere dei cittadini, ci ha visto coprotagonisti nel condividerne i contenuti rinnovando quell’entusiasmo sopito in questo periodo di quarantena, entusiasmo che riprende vita come una fenice dalle proprie ceneri, ora che la campagna elettorale sta entrando nel vivo..

Ritrovarci intorno ad un tavolo dove senza filtri né finte intese, rivolgendo lo sguardo ai meriti degli intenti e agli intenti degli scopi, il Movimento Futuro Italia con i rappresentanti della coalizione di centro destra si sono quindi trovati a ragionare su modi, progetti e possibilità di far tornare, rendere e creare un albano tutta migliore.

Per questo e sempre nell’intento di perseguire, quelle che sono le proposte che hanno unito gli uomini e le donne (i veri protagonisti del cambiamento, portatori delle richieste del territorio), candidati nella lista del Movimento Futuro Italia, guidata da Marica Roma, hanno deciso di sostenere la candidatura a Sindaco di Matteo Mauro Orciuoli”.




Caposele, un fine settimana con l’area archeologica che torna protagonista

CAPOSELE (LT) – L’area archeologica di Caposele sarà scenario questo fine settimana per le giornate europee dell’archeologia.

“La scelta dell’ area archeologica Caposele non è casuale ma è nella narrazione della città, nello svelare bellezza in un museo all’aperto che può competere con Ercolano e Pompei: dalla tomba di Cicerone alla Villa di Mamurra, Formia cammina nella storia” il commento del vice sindaco e assessore alla cultura e ai servizi sociali Carmina Trillino, durante la presentazione della conferenza stampa tenutasi ieri nel sito. Lavoro di sinergia, scelta di continuità, impegno nella valorizzazione, consapevolezza del potenziale patrimoniale della città sono stati gli argomenti dei commenti degli assessorati ai lavori pubblici Pasquale Forte, al Patrimonio Paolo Mazza e alle politiche ambientali Orlando Giovannone. Il sito archeologico è stato liberato da rifiuti abbandonati da tempo, è stato attenzionato da interventi manutentivi e di pulizia del verde restituendo la visibilità di una parte del patrimonio archeologico. “Dall’ inizio dell’ assessorato perseguo con veemenza l’idea che i luoghi hanno un’anima attraverso la quale una comunità si narra. I luoghi non nascondono l’anima della comunità, la conservano migliorandone l’aspetto. Al cambiamento non si oppone resistenza, si agevola qualora esprima esigenze nuove e inedite della Comunità. Lo studio, i pareri, le esigenze, la necessità, la differenza tra reale e realtà. L’abitare è vivere ” ha aggiunto il vice sindaco.

Sono seguiti i ringraziamenti per la Soprintendenza in particolare alla dottoressa Paola Refice, con cui il Conune di Formia crede nello spirito collaborativo.

Giusto e grande merito alla Rta Sinus Formianus rappresentata dal presidente Vito Auriemma che mai fa mancare supporto alla conoscenza e alla divulgazione dei siti archeologici della città.

L’evento organizzato dalla Rta Sinus Formianus vede già il tutto completo con trecento prenotazioni e nel pieno rispetto del protocollo anti Covid-19 “Restituire bellezza a bellezza il fine da seguire e perseguire “.




Vitorchiano, arrestato un pusher del luogo già noto alle forze dell’Ordine

VITORCHIANO (VT) – In manette un 19enne del luogo, già noto alle forze dell’Ordine, con l’accusa di spaccio di sostanze stupefacenti.

I carabinieri della stazione di Vitorchiano hanno notato il 19enne, durante un sevizio di osservazione e controllo in Piazza Umberto finalizzato a reprimere episodi di spaccio nella cittadina, mentre cedeva una dose di 5 grammi di marijuana ad un altro giovane.

I militari sono quindi intervenuti immediatamente bloccando l’azione di spaccio.

Perquisita l’abitazione dello spacciatore sono stati trovati altri 50 grammi di marijuana. Il pusher a quel punto è stato dichiarato in arresto dai carabinieri e ristretto presso la sua abitazione in regime di arresti domiciliari. Il giovane assuntore con atti a parte verrà invece segnalato alla Prefettura di Viterbo .




Viterbo, domani torna il mercatino dell’antico

L’assessore Mancini: “Un’altra iniziativa che torna finalmente alla normalità. Rispettiamo le disposizioni anti Covid”

VITERBO – Domenica 21 giugno, terza domenica del mese, torna l’appuntamento in centro con il Mercatino dell’antico. A ricordarlo è l’assessore allo sviluppo economico e alle attività produttive Alessia Mancini. “

Un’altra iniziativa che torna finalmente alla normalità. Un ritorno dopo la sospensione dovuta all’emergenza epidemiologica. È con grande piacere che annuncio il ritorno di questo appuntamento. Durante la fase di lockdown i nostri mercati alimentari non si sono mai interrotti, nel rispetto delle normative. I non alimentari sono ripartiti subito, non appena consentito dalla Regione. E domenica, terza domenica del mese, sarà la volta del nostro Mercatino dell’antico dedicato al collezionismo, all’hobbistica, all’oggettistica, all’antiquariato e al modernariato”.

L’appuntamento si terrà come di consueto in piazza dei Caduti e via Ascenzi, dalle 8 alle 20, nel rispetto delle misure di sicurezza previste dai vigenti provvedimenti. 




Anguillara Sabazia, il M5s presenta il programma elettorale

ANGUILLARA SABAZIA (RM) – Il M5s sarà presente alle prossime elezioni ad Anguillara Sabazia anche se ancora non si conosce il nome dei candidati che formeranno la compagine politica che si presenterà agli elettori. Sarà proposta – fanno sapere – una squadra competente che partecipi con amore alla vita concreta della città, cosa che è mancata alla passata amministrazione”.

Dopo il fallimento della precedente consiliatura pentastellata, che ha portato all’attuale commissariamento dell’Ente locale, il M5s di Anguillara Sabazia fa mea culpa riguardo valori come condivisione e partecipazione che sono venuti meno nella passata amministrazione “per inesperienza – giustificano dal M5s – ma soprattutto per arroganza di alcuni amministratori che non hanno mai voluto accettare le critiche e il confronto”.

Il programma che viene presentato agli elettori si basa sui seguenti punti:

  • Rilascio di regolari concessioni balneari Via Reginaldo Belloni e Martignano
  • Salottini su via Reginaldo Belloni
  • Piano colore centro storico
  • Raccolta differenziata al 75% con notevole risparmio ripartito in bolletta – nuovo bando ciclo dei rifiuti. Finanziamento aree periferiche tramite bando di città metropolitana;
  • Progetto Anguillara Sabazia città sostenibile con incarico ad architetti Ghofranian/Mondati/Brancaleoni. Anguillara Sabazia entra a far parte nelle Dimore storiche della Regione Lazio con il Torrione e i giardini.
  • Centro antiviolenza a Colle Sabazio
  • Realizzazione di uno strumento urbanistico a tutela dell’ ambiente con un recupero urbano della città.
  • Un piano di recupero per la località di vigna di valle (già era stato dato un incarico) che porti finalmente uno sviluppo turistico alla zona balneare.
  • Scuole: nuove verifiche sismiche più approfondite e una scuola sicura e salubre per tutti i bambini di Anguillara Sabazia con demolizione dei CONTAINERS!
  • Piano straordinario viabilità ( Anguillara Sabazia città sostenibile ) con una visione diversa di decoro urbano ;
  • Convenzione e promozione turistica con i comuni del lago per un offerta più ampia che coinvolga tutto il territorio sabatino.




Albano Laziale, mense scolastiche. Europa Verde: “Fornitura del cibo da migliorare”

ALBANO LAZIALE (RM) – Servizio di fornitura del cibo distribuito nelle mense scolastiche di Albano Laziale da migliorare. Secondo il movimento ecologista Europa Verde l’amministrazione comunale deve perseguire l’obiettivo attraverso:

  • L’aumento della quota di alimenti primari, integri, biologici e locali all’interno del menù delle mense scolastiche;
  • L’introduzione di una maggior variabilità degli alimenti forniti, garantendo freschezza e stagionalità;
  • La diffusione di una cultura sulla corretta alimentazione, attraverso una rete di incontri tra famiglie e istituzioni comunali con la partecipazione di nutrizionisti e chef;
  • La promozione di un’alimentazione che prediliga frutta e verdura di stagione, legumi, frutta secca e semi oleaginosi;
  • Una maggior trasparenza nella gestione dei servizi mensa con pubblicazione sul sito del comune di audit di controllo dell’azienda fornitrice del servizio;
  • Un aggiornamento dei criteri di comparazione della gara per la fornitura del servizio mensa, in grado di riconoscere un adeguato punteggio per quei concorrenti che assicurano il massimo circa i punti precedenti in materia di qualità, freschezza, genuinità e variabilità degli alimenti.

Italia e Malta paesi con più alta prevalenza di obesità tra i bambini

“Tra 22 Paesi dell’area europea, – ricordano Giorgio Simonetti e Elisabetta Rossi di Europa Verde Albano Laziale – Italia e Malta risultano tra i paesi con la più alta prevalenza di obesità tra i bambini che non sono mai stati allattati: più di 1 bambino su 5, ossia il 21,2%”.

Lo dice l’OMS e lo ribadisce la Fondazione Ai.Bi. per bocca del suo presidente Franco Griffini. Franco Cerutti, Presidente SIEDP (Società Italiana di Endocrinologia e Diabetologia Pediatrica) in un articolo del 2016 affermava: “Il numero di giovani e bambini con diabete tipo 1 è in crescita, particolarmente nella fascia di età inferiore ai 6 anni”. Il diabete tipo 1 in età evolutiva, pur costituendo una minima parte della totalità delle persone che soffrono di diabete, è una delle endocrinopatie più frequenti in età pediatrico-adolescenziale, oltre ad essere una malattia cronica che, se non affrontata precocemente e in modo adeguato, può provocare un impatto familiare e sociale negativo.

Il cambiamento sociale della famiglia italiana, – proseguono Simonetti e Rossi – passata da una cultura contadina del dopoguerra a quella ormai cittadina-impiegatizia dell’età odierna, ha portato nel piatto degli italiani alimenti e surrogati di alimenti che prima non erano presenti. Da una cucina casalinga, fatta di cibi primari non trasformati industrialmente e di stagione, siamo passati a prodotti artificiali, creati dalle industrie alimentari, e a prodotti non più stagionali, grazie all’uso intensivo di conservanti e pesticidi. Gli zuccheri poi occupano ormai un posto predominante nell’alimentazione, perennemente presenti in merendine, succhi e bibite colorate.

Come poter uscire da questo andazzo generale? Le nostre scelte quotidiane determinano il cammino della nostra vita e queste scelte nascono dall’informazione e dalla consapevolezza di ciò che ci circonda e quindi anche di ciò che decidiamo quotidianamente di mettere nel nostro piatto.
È indispensabile quindi una presa di coscienza e un senso di responsabilità dei genitori di bambini e ragazzi, per far sì che si torni ad un concetto di alimentazione in funzione non soltanto della semplice soddisfazione del palato ma anche in funzione dell’equilibrio fisico, emotivo e psichico dell’individuo.
In questi termini un’alimentazione olistica (dal greco antico “olos”=il tutto, la totalità dell’essere umano) considera l’individuo nella sua totale interezza e può permetterci non solo di mantenere il giusto peso forma, ma anche di scoprire quanto la natura possa guidarci verso un’alimentazione completa e bilanciata: è il cibo stesso la prima cura quotidiana contro l’inquinamento e lo stress.
L’Alimentazione Olistica (nata nel 1991 nell’Università di Urbino) [4] si basa su prodotti naturali al 100% e limita al massimo – se non del tutto – i prodotti raffinati, come farina bianca e zucchero bianco, così come tutti i prodotti industriali preconfezionati. In particolare, la dieta olistica raccomanda dolcificanti (sciroppo di acero, malto di riso, stevia) in sostituzione dello zucchero e raccomanda il gomasio (sesamo+sale marino) in sostituzione del comune sale da cucina.

Oltre che dentro casa, è necessario che una corretta alimentazione diventi un punto fermo programmatico anche dentro le nostre scuole. È indispensabile diffondere e creare una cultura della sana e corretta alimentazione: chi per motivi salutistici, etici e religiosi segue una dieta vegetariana o vegana, deve poter trovare nelle scuole dei menù consoni a tali scelte alimentari.

La ricerca e l’acquisto di alimenti di stagione, prodotti con metodi biocompatibili per l’ambiente, dovrebbero poi avvenire nell’ambito di aziende agroalimentari di zona, così da limitare le emissioni di inquinanti e di CO2 per la distribuzione degli alimenti e in più attivare un volano ecosostenibile che possa rendere la comunità consapevole del proprio territorio attraverso la conoscenza delle aziende che vi sono presenti.

Un volano quindi da cui nasca coesione, consapevolezza, responsabilità e che sia di basso impatto per l’ambiente che ci ospita senza rinunciare a quanto la natura può donarci ogni giorno.

“Europa Verde Albano – hanno concluso Simonetti e Rossi – crede fortemente che una presa di coscienza sulla nostra attuale alimentazione e lo sviluppo di una cultura alimentare possano permetterci di fare delle scelte più consapevoli per tutelare la salute e l’ambiente delle prossime generazioni, senza dimenticarci delle famiglie e degli anziani che vivono il presente della nostra comunità. Ricordandoci quanto affermava Ippocrate: “Lascia che il cibo sia la tua medicina e la medicina sia il tuo cibo”.




Castelli Romani: tutto pronto per rilanciare il Turismo

Lunedì 15 giugno i rappresentanti del Consorzio Sistema Bibliotecario Castelli Romani, molti dei suoi amministratori, i Presidenti del Parco dei Castelli Romani, della Comunità Montana, del GAL e dell’IRVIT, hanno incontrato in videoconferenza l’Assessore al Turismo della Regione Lazio Giovanna Pugliese.

Un confronto aperto e costruttivo che ha visto anche la partecipazione di un folto gruppo di operatori del turismo, uno dei settori più duramente colpiti dagli effetti della pandemia. “Abbiamo avvertito l’urgenza di raccogliere le istanze degli operatori del nostro territorio e la necessità di dare loro delle risposte concrete”, ha dichiarato il Presidente del Consorzio Giuseppe De Righi che ha aggiunto, “è fondamentale stabilire un raccordo diretto con la Regione Lazio, individuare all’interno del programma di rilancio regionale le opportunità e le misure adatte a massimizzare la promozione di tutta l’area dei Castelli Romani. Condivisione progettuale e lavoro sinergico tra le Amministrazioni e gli Enti territoriali sono essenziali; dobbiamo ripartire facendo “sistema” per attrarre risorse che siano un aiuto effettivo per le imprese, rilanciando anche il ruolo della DMO Castelli Romani come catalizzatore di iniziative e interlocutore con gli stakeholder”.

Ampia ed esaustiva la disamina dell’Assessore regionale Giovanna Pugliese: “Il settore turistico ha subito il contraccolpo più duro di questa crisi epocale; l’Italia vedrà una drammatica flessione del turismo straniero, che nel Lazio si attestava oltre il 60% delle presenze. Occorre ragionare su soluzioni nuove, la nostra Regione, con il suo immenso patrimonio naturale e artistico, ha tutte le potenzialità necessarie. Dobbiamo mettere a sistema le risorse di cui disponiamo, pensare prodotti turistici alternativi rivolti ad un turismo interno, più consapevole e meno estemporaneo, capace di accogliere il cittadino turista che apprezza la straordinaria ricchezza culturale e paesaggistica che abbiamo da offrire”. L’Assessore ha poi illustrato tutte le misure a fondo perduto messe a disposizione dalla Regione Lazio per contribuire al riavvio delle attività in sicurezza: 20 milioni di euro stanziati per la ripartenza dell’intero settore (alberghi, attività extra alberghiere imprenditoriali e non, agenzie di viaggio, tour operator) e il Piano turistico triennale 2020-2022, recentemente passato in Consiglio, che punta a rafforzare il prestigio del brand Lazio.

“La nuova programmazione turistica vuole stimolare le Amministrazioni locali e tutti gli operatori privati a proporre e attuare progetti che coinvolgano i principali settori produttivi della Regione, secondo una logica di rete. Tutte le imprese dei Castelli Romani sono invitate a partecipare” ha aggiunto la Pugliese, “spero che questo sia l’inizio di un lavoro condiviso che evolva in un sistema continuo e solido; i Castelli Romani possiedono un potenziale eccezionale che deve essere promosso come merita, attraverso una narrazione del territorio che punti a valorizzare ogni aspetto della sua eterogenea ricchezza, dando vigore al ruolo della DMO Castelli Romani, favorito anche dall’imminente cambio statutario del Consorzio SBCR che potrà d’ora in poi occuparsi a pieno titolo di promozione territoriale”. Al termine del suo intervento, su sollecitazione del Direttore del Consorzio Giacomo Tortorici, l’Assessore si è impegnata a favorire il lavoro in rete dei Comuni piuttosto che le iniziative presentate da soggetti singoli.

Compatta e unitaria la posizione dei Presidenti degli Enti territoriali: Gianluigi Peduto, Parco Regionale Castelli Romani; Francesco Paolo Posa, IRVIT; Stefano Bertuzzi, GAL; Danilo Sordi, Comunità Montana. Tutti hanno espresso pieno appoggio a una politica di rilancio basata sul lavoro sinergico e sulla condivisione di idee e progetti che valorizzino le risorse turistiche del territorio incentivando un’offerta di tipo qualitativo piuttosto che quantitativo. Al termine della videoconferenza, piena soddisfazione è stata espressa dagli operatori di settore che hanno ringraziato l’Assessore per la disponibilità mostrata e il Presidente De Righi per averli invitati a prendere parte al confronto.