1

Decreto Pillon e il caso del sindaco di Nemi: ecco chi ha detto no

NEMI (RM) – Il decreto Pillon e il caso di Nemi al centro dell’intervista rilasciata dai consiglieri comunali di “Ricomincio da Nemi” Carlo Cortuso e Patrizia Corrieri e dalla presidente dell’associazione Ponte Donna Carla Centioni.
A Nemi il gruppo consiliare rappresentato da Cortuso e Corrieri aveva presentato la mozione scritta dall’associazione “Non una di Meno” per dire no al decreto presentato dal senatore Pillon, in tema soprattutto di separazioni e divorzi, che prevede l’introduzione di diversi istituti come la mediazione familiare, il piano genitoriale, l’affido paritario, la casa coniugale, il mantenimento per i figli maggiorenni.

Carlo Cortuso, Patrizia Corrieri e Carla Centioni a Officina Stampa del 30/5/2019 hanno parlato degli effetti del decreto Pillon e della mozione respinta a Nemi

Un disegno, quindi che secondo i pareri contrari, qualora divenga legge, cambierà tutto o forse non cambierà nulla. Sicuramente l’attuale assetto normativo necessita di essere rivisitato, viste le innegabili aberrazioni a cui ha dato luogo, ma le modifiche oggi in discussione paiono essere talmente drastiche e contraddittorie, da rischiare di trovare scarsa applicazione nelle aule dei tribunali, rendendo per altro più incerte le trattative che potrebbero condurre i coniugi al raggiungimento di una definizione consensuale. Il timore è che, se oggi a dormire in auto ci finivano solo i papà, un domani a far loro compagnia potrebbe aggiungersi anche qualche mamma, secondo il principio della più svilente casualità, con buona pace della Giustizia e della equità sociale.

A Nemi, la mozione presentata da Cortuso e Corrieri, è stata respinta senza se e senza ma dall’intera maggioranza consiliare a guida del sindaco Alberto Bertucci. Una chiara presa di posizione, quella del sindaco nemese e dell’intera maggioranza, che non può che essere interpretata come un voto a favore per il decreto Pillon.

A far scoppiare la polemica, però, la presenza dello stesso sindaco di Nemi all’inaugurazione del nuovo centro antiviolenza di Ariccia

“Quanta ipocrisia al Comune di Nemi! – Ha commentato sul social Fb la consigliera Corrieri – Ma chi a Nemi ha respinto la mozione contro il DDL Pillon promossa da Non Una Di Meno Castelli Romani, cosa ci fa col sorriso di plastica in prima fila? In consiglio comunale Alberto Bertucci ha difeso il ddl Pillon, un obbrobrio che tutti i movimenti, le associazioni per i diritti delle donne ed i centri antiviolenza hanno fortemente condannato perché mette a tacere e rivittimizza le donne vittime di abusi tra le mura domestiche! Orrore!”

Dura condanna al comportamento del sindaco anche da parte della segretaria del partito Democratico di Nemi Azzurra Marinelli che sempre sul social Fb ha definito la bocciatura della mozione come “Un gravissimo oltraggio alla dignità delle donne, un’ imperdonabile offesa ai cittadini”.