Connect with us

Scienza e Tecnologia

Honor presenta Magic 4 Pro, lo smartphone con la super ricarica

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Honor, nel corso del Mobile World Congress di Barcellona, ha annunciato il nuovo smartphone Magic 4 Pro. A fine 2020, l’azienda era stata venduta da Huawei ad un consorzio di oltre 30 agenti, rivenditori e distributori. Fuori dal controllo del colosso cinese, il marchio ha reintrodotto nei suoi telefoni i servizi di Google, esclusi dai prodotti di Huawei per via del ban statunitense ancora in corso. Honor Magic 4 Pro monta un recente processore Snapdragon 8 Gen 1, un display da 6,81 pollici e tecnologia migliorata per il sensore di riconoscimento delle impronte. Il comparto fotografico poggia su tre fotocamere che sottendono il doppio flash. Il sensore principale è da 50 megapixel, al fianco del quale c’è un ultra grandangolare sempre da 50 megapixel e un teleobiettivo da 64 megapixel. La chicca è il supporto alla ricarica super veloce a 100 watt con il cavo, che vuol dire portare il telefono da un’autonomia azzerata al massimo, in circa 30 minuti. Il prezzo di vendita è di 1.099 euro. Insieme al Pro, Honor ha presentato anche il Magic 4, con specifiche al ribasso e un prezzo di 900 euro. A Barcellona, il produttore cinese ha confermato l’arrivo in Europa del Watch GS 3, un smartwatch dalle sembianze classiche e finiture in acciaio. Infine, gli Earbuds Pro 3, auricolari dal design simile agli AirPods Pro di Apple, con la particolarità di essere dotati di una funzione di misurazione della temperatura corporea.

F.P.L.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scienza e Tecnologia

L’evoluzione di Internet e dei Social Network: verso un futuro sempre più interconnesso

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

L’inizio di Internet: dalle Reti Universitarie al World Wide Web

L’avvento di Internet risale agli anni ’60, quando ARPANET, una rete di computer del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, fu creata per facilitare la comunicazione tra gli enti governativi e le università. Tuttavia, fu solo nel 1991, con la nascita del World Wide Web grazie a Tim Berners-Lee, che Internet iniziò a trasformarsi nella rete globale che conosciamo oggi. Questo strumento rivoluzionario ha permesso la condivisione di informazioni su scala mondiale, aprendo le porte a innumerevoli possibilità di comunicazione e collaborazione.
Il primo sito web pubblicato, info.cern.ch, conteneva informazioni su come utilizzare il Web e configurare un server. Da quel momento in poi, la crescita di Internet fu esponenziale, con il numero di siti web che passò da poche centinaia a milioni in pochi anni. L’introduzione di browser come “Netscape” e “Internet Explorer” rese poi la navigazione sul web accessibile a un pubblico più vasto, segnando l’inizio dell’era digitale.

La Rivoluzione dei Social Network: Connettere il mondo

I social network hanno rappresentato il passo successivo nell’evoluzione di Internet. Nel 2004, Facebook fu lanciato da Mark Zuckerberg, segnando l’inizio di una nuova era di interconnessione sociale. Questo ha cambiato radicalmente il modo in cui le persone comunicano, condividendo informazioni e costruendo relazioni.
I social network non solo hanno modificato la comunicazione, ma hanno anche avuto un impatto significativo su vari aspetti della società. Hanno facilitato la nascita di movimenti sociali, come la Primavera Araba e il movimento #MeToo, permettendo alle persone di unirsi e mobilitarsi per cause comuni. Tuttavia, hanno anche sollevato preoccupazioni riguardo alla privacy, alla sicurezza dei dati e alla diffusione di informazioni false.

L’evoluzione di Internet e dei social network è stata straordinaria, e il futuro promette di essere altrettanto dinamico e rivoluzionario. Con l’integrazione di tecnologie emergenti e un crescente focus sulla privacy e la sicurezza, ci avviciniamo a un’era in cui le interazioni digitali saranno ancora più profonde e significative.

Il mondo sarà più interconnesso che mai, aprendo nuove possibilità per la comunicazione, la collaborazione e la creatività. Le aziende e gli individui dovranno adattarsi rapidamente a questi cambiamenti, abbracciando le nuove tecnologie e i nuovi approcci per rimanere rilevanti. Mentre ci prepariamo per questo futuro interconnesso, è essenziale considerare sia le opportunità che le sfide che esso comporta, lavorando insieme per creare un ambiente online sicuro, inclusivo e innovativo.

Continua a leggere

Scienza e Tecnologia

Sand Land. Il videogame ispirato all’opera di Akira Toriyama

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 4 minuti
image_pdfimage_print

Sand Land è un classico action-RPG in terza persona ispirato al manga del maestro Akira Toriyama, autore di fumetti del calibro di Dragon Ball e Arale, scomparso purtroppo recentemente. Il titolo, disponibile su PC e sulle piattaforme di vecchia e nuova generazione di Microsoft e Sony, è ambientato nel mondo di Sand Land, che come suggerisce il nome è una sconfinata landa desertica devastata da una lontana guerra fra esseri umani e una razza umanoide che ormai si crede estinta. Ed è proprio all’inizio del gioco che Rao, uno sceriffo umano con un passato misterioso, si reca alla città dei demoni in cerca di aiuto per un compito davvero speciale, ovvero: trovare la Sorgente Leggendaria e riportare l’acqua in questo mondo. Tale impresa se portata a termine farebbe nel contempo cadere l’egemonia del Re, arricchitosi vendendo l’acqua alla popolazione assetata. Alla richiesta disperata dell’uomo rispondono due demoni: Beelzebub e Thief, che si uniscono alla carovana. Sono proprio loro i tre protagonisti di Sand Land, in particolare lo è Beelzebub che è il personaggio bisognerà controllare. Nella seconda parte dell’avventura si unirà poi attivamente anche Ann, una ragazza alla ricerca dei suoi familiari. Come dicevamo qualchje riga più in alto, Sand Land è un action in terza persona con alcuni elementi RPG come ad esempio il sistema di livelli e di progressione dei personaggi. I comandi sono i classici: attacco potente, attacco debole, schivata, salto e una mossa speciale in grado di causare un grande ammontare di danni ma che ha bisogno di essere caricata attraverso un’apposita barra che si riempie mettendo a segno colpi o utilizzando un particolare bonus acquistabile dai venditori. Il sistema di progressione è quindi abbastanza classico ed è basato sui punti esperienza: ogni livello raggiunto permette di acquistare un perk nell’albero delle skill. I perk più potenti richiedono la spesa di più di uno skill point. In Sand Land è chiaro fin da subito che i veicoli e le loro personalizzazioni ricoprono un luogo centrale all’interno del gioco. Nel titolo il mondo di gioco è vasto e piuttosto monocolore, quindi spostarsi unicamente a piedi avrebbe fatto rapidamente annoiare anche il giocatore più navigato. Esiste comunque un sistema di viaggio rapido che permette di raggiungere istantaneamente tutti i luoghi già visitati, con tantissimi e punti di “teletrasporto”. Tuttavia, nonostante ciò, i veicoli rappresentano il modo principale con cui ci si sposta per brevi distanze e si combatte contro i nemici. Il tank è il primo mezzo che è possibile ottenere, e fino alla seconda parte del gioco è anche il veicolo più potente e manovrabile fra tutti. In seguito, si può sbloccare il Salta-Bot, una sorta di Metal Gear che permette di saltare e raggiungere piattaforme molto in alto; l’automobile e la moto, ma anche l’hovercraft e la potente armatura da battaglia. Tutti i mezzi possono poi essere personalizzati profondamente, dal cambio di colore, possibile attraverso un venditore apposito più avanti nel gioco, alla modifica dei vari componenti per aumentarne la potenza o la velocità o la difesa. I componenti possono essere trovati come loot del gioco sconfiggendo i nemici, oppure possono essere creati attraverso i materiali ottenuti dalle casse posizionate in tutto il mondo di gioco.

Un altro elemento cardine di Sand Land è rappresentato dalla città di Spino, legata a doppio filo con lo svolgimento della trama. Essa infatti funge da quartier generale per il party. Il centro all’inizio è ridotto a poco più di un cumulo di macerie e si sviluppa nel corso del gioco man mano che vengono completate le quest secondarie. Attraverso queste missioni è possibile, infatti, recuperare vari personaggi che diventeranno i nuovi abitanti della città e apriranno nuove botteghe che incrementano i servizi disponibili. In questo modo è possibile acquistare tutto quanto serve per portare a termine il gioco senza cercarlo nelle città-discarica sparse qua e là. Le missioni secondarie legate a Spino però non sono l’unica cosa che è possibile fare nel mondo di Sand Land. Esistono infatti missioni casuali che si incontrano durante un viaggio a piedi/con un veicolo e possono essere ad esempio il salvataggio di un venditore braccato dai predoni o dai raptor. Sono presenti un gran numero di caverne del tesoro da scoprire e razziare, e alcune strutture speciali come rovine o discariche che contengono i pezzi più potenti per potenziare i veicoli. Nelle rovine, razziando i bauli disseminati al loro interno, si possono recuperare le monete d’oro antiche che possono essere scambiate con il gatto Lassi per ottenere le mappe con la posizione di tutti gli scrigni del tesoro. Menzione d’onore, infine, va fatta ai comparti video e audio di Sand Land. In particolar modo il primo: il gioco è in cel shading come da tradizione dei giochi tratti da anime/manga. In Sand Land però raggiunge un grado di pulizia e di dettaglio che raramente si può ammirare in altre produzioni simili. Il gioco è al 99% in terza persona con visuale alle spalle dall’alto, ma in alcune sezioni di un paio di dungeon, la visuale passa a scorrimento laterale in stile platform. Anche il comparto audio è molto curato, con musiche avvincenti e che ben si adattano alla situazione che intendono accompagnare. L’amore che il team ha riversato nei confronti delle tavole originali di Sand Land è percepibile anche nell’ottima cura delle scenografie: in alcuni frangenti, certi scorci paesaggistici ricordano moltissimo le spigolosissime composizioni rocciose che il buon Toriyama amava disegnare. Il gioco si può infine completare in una trentina di ore circa, senza andare eccessivamente veloce. Il gioco è integralmente doppiato in inglese o giapponese, con sottotitoli in italiano. Tirando le somme, Sand Land è un adattamento videoludico che esprime tantissimo affetto nei confronti dell’opera da cui è tratto. Una gestione divertente e variegata dell’arsenale di veicoli e un cast di personaggi carismatici fanno da contraltare ad un open world un po’ scialbo (a causa della natura del mondo) e a un combat system piuttosto farraginoso. Per tutto il resto c’è la nostalgia a fare da padrona, in un’avventura rivolta principalmente ai fan dell’adorabile Beelzebub. A nostro avviso sia che si sia amanti dell’opera, sia che si sia fan del maestro Toriyama, Sand Land è un titolo che merita di essere giocato.

GIUDIZIO GLOBALE:

Grafica: 8

Sonoro: 8

Gameplay: 7,5

Longevità: 7

VOTO FINALE: 7,5

Francesco Pellegrino Lise

Continua a leggere

In evidenza

WhatsApp si rifà il look e aggiorna le sue funzioni

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

WhatsApp ha annunciato il rilascio di un aggiornamento che introduce un design rinnovato per l’app iOS e Android. Gli utenti raggiunti dall’update potranno notare una nuova tavolozza di colori e altre modifiche che rendono più fluida l’esperienza di utilizzo su entrambe le piattaforme. “Nel corso degli anni, ci siamo principalmente dedicati all’integrazione di nuovi strumenti all’interno dell’applicazione” spiega Meta in una nota ufficiale. “Con la costante espansione delle funzionalità, abbiamo sentito la necessità di far evolvere anche il design. Il nostro obiettivo era rendere il prodotto più fresco e moderno, senza però stravolgere la sua funzionalità principale”. Con l’aggiornamento, WhatsApp adotta il colore verde come tonalità principale in tutte le applicazioni. Dopo aver esaminato oltre 35 varianti di colore, gli sviluppatori hanno deciso di aderire al verde iconico di WhatsApp, creando una palette che consenta di ottenere abbinamenti cromatici in tutta l’app. Di conseguenza, elementi come badge di avviso e pulsanti di notifica appariranno solo in verde. Su Android, la barra delle schede è stata spostata nella parte inferiore dello schermo, rendendo WhatsApp più simile alla versione per iPhone. Proprio qui, viene introdotta una nuova area per gli allegati, con una visione più chiara delle opzioni disponibili durante l’invio di file. Per la modalità oscura, WhatsApp afferma di aver modificato i colori per fornire un contrasto più elevato e toni atti a “ridurre l’affaticamento degli occhi in ambienti con scarsa illuminazione”. L’app ha anche ricevuto nuove animazioni e sfondi per la chat. Sarà inoltre possibile selezionare i filtri per i messaggi non letti e per i gruppi con un semplice tocco, per recuperare le chat singole e di gruppo preferite.

F.P.L.

Continua a leggere

SEGUI SU Facebook

I più letti