Connect with us

Cultura e Spettacoli

ISERNIA: SALA STRACOLMA PER IL FILM DEDICATO A CHARLES MOULIN, PITTORE EREMITA

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 2 minuti Presentato nella sala grande della Provincia di Isernia, si replicherà il 7 gennaio a Campobasso

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

di Simonetta D'Onofrio

Isernia – La sala grande della Provincia di Isernia stracolma, con alcune decine di partecipanti costretti a vedere la proiezione del documentario in piedi, è stata la cornice che ha accompagnato la presentazione di “Moulin – Il poeta del pastello”.

Un film nato, oltre che dall’esigenza di raccontare una storia poco conosciuta, ma di particolare valore storico e culturale, anche dall’impegno che una piccola amministrazione comunale ha profuso per valorizzare il territorio, nello splendido panorama delle Mainarde, immerse nel Parco Nazionale di Abruzzo, Lazio e Molise.

L’incontro tra il giovane sindaco di Rocchetta al Volturno, paese arrampicato sui monti che delimitano il confine tra , determinato a realizzare un percorso museale per mantenere vivo il ricordo del pittore che ha scelto questo angolo di terra per condurre la sua esistenza da eremita, e un regista innamorato dell’eccentrico personaggio, tanto da averlo studiato e seguito da venticinque anni, ha dato vita a un prodotto originale, apprezzato dal pubblico presente.

Il documentario ha rappresentato per il regista Perluigi Giorgio una prova impegnativa. Da circa venticinque anni ha raccolto informazioni sul pittore, ha visitato i luoghi dove conduceva la sua esistenza da eremita, si è immedesimato talmente nell’esperienza di vita dell’artista, che è stato naturale per lui prestare il suo volto a Moulin sulla pellicola.

Abbiamo chiesto a Teodoro Santilli, sindaco di Rocchetta a Volturno, di raccontarci come è nata questa collaborazione:

È stato il Comune di Rocchetta a cercare Pierluigi Giorgio, o è stato lui a cercare voi?
In realtà tramite l’avvocato Roberto Iocca, col quale abbiamo fatto questo progetto di valorizzare Moulin, la sua figura, e tutta la valle del Volturno con la sua arte, lui conosceva Pierluigi Giorgio, me l’ha presentato. Subito è nata questa collaborazione, non ci sono state mai divergenze, siamo andati d’accordo dall’inizio. È stata una unione, una condivisione d’intenti, anche perché lui aveva già l’intenzione di realizzare questo documentario, e gli serviva solo uno spunto e un appoggio da parte di questa amministrazione.
 

Questo documentario ora è un trampolino per cercare di valorizzare il territorio di Rocchetta, e di Castelunovo. Quali sono i prossimi passi che verranno realizzati?
Stiamo facendo un museo tutto dedicato a Moulin, un percorso che porta, a piedi ovviamente, dal museo fino al rifugio dove viveva, tabellato con le frasi più importanti di Moulin e la rappresentazione delle sue opere, poi delle mostre e un catalogo di arte, con tutte le sue opere, catalogate e criticate da studenti.
 

Le istituzioni superiori, Provincia e Regione, hanno partecipato al progetto?
La Regione ci ha dato una mano, la Provincia ci ha supportato, con questa sala per la proiezione, ma il grosso dell’onere è ricaduto sul Comune.
 

Nel documentario si vede come molti paesani erano affezionati al pittore. Anche qualche suo parente era tra costoro?
Personalmente no, non ho avuto parenti che l’hanno frequentato, e questo mi dispiace quasi, però ho conosciuto molte persone che hanno avuto a che fare con lui, e che mi raccontano molti aneddoti.

Il 7 gennaio si replicherà a proiezione a Campobasso, presso l’auditorium dell’ex GIL, alle ore 19:30
 

Castelli Romani

Castel Gandolfo, grande attesa per l’appuntamento con Osho

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Giovedì 29 febbraio, alle ore 18.30 presso i locali de “La Quintessa” in via Spiaggia del Lago 20 la presentazione del libro “Er pugno se fa co la destra o co la sinistra?”

“Er pugno se fa co la destra o co la sinistra?” (Rizzoli) è il libro di Federico Palmaroli (Osho) che sarà presentato giovedì 29 febbraio, alle ore 18.30, a Castel Gandolfo (Roma).

L’ideatore e animatore de “Le Frasi di Osho” sarà l’ospite d’onore dei Cocktail d’Avanguardia, l’appuntamento culturale promosso da Meta Magazine e Meta Promotion, presso i locali de La Quintessa in via Spiaggia del Lago 20 a Castel Gandolfo. Nella suggestiva cornice del Lago Albano il noto vignettista presenterà il suo ultimo libro “Er Pugno se fa co la destra o co la sinistra?”. A dialogare con l’autore ci sarà il giornalista Andrea Titti.

“Abbiamo scelto di invitare Federico Palmaroli”, sottolinea Andrea Titti, “per aprire la nuova stagione dei Cocktail d’Avanguardia, perché riteniamo la sua arte abbia offerto un modo nuovo di comunicare la politica e la società di questo tempo. Ironico e pungente, dando nuova linfa e rappresentazione al linguaggio della romanità. Un vero esponente di avanguardia appunto”.

Continua a leggere

Cultura e Spettacoli

Artisti digitali, introspezione visiva e disegni 3d: i punti chiave per una rappresentazione fedele dello spazio e della profondità

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

L’introspezione visiva nel disegno 3D si riferisce alla capacità di creare rappresentazioni tridimensionali realistiche che riflettano fedelmente la percezione umana dello spazio e della profondità.

Questo concetto è fondamentale per i designer 3D, gli artisti digitali, gli animatori e gli architetti, poiché influisce sulla qualità e sull’esperienza visiva del prodotto finale. Ecco alcuni punti chiave riguardanti l’introspezione visiva nel disegno 3D:

  1. Prospettiva e profondità: Nel disegno 3D, la prospettiva è un elemento essenziale per creare l’illusione di profondità nello spazio. Gli oggetti più vicini all’osservatore appaiono più grandi e nitidi, mentre quelli più lontani sono più piccoli e sfocati. L’introspezione visiva comporta la corretta gestione della prospettiva per garantire che gli oggetti nel disegno 3D sembrino posizionati realisticamente nello spazio tridimensionale.
  2. Illuminazione e ombreggiatura: La gestione dell’illuminazione e delle ombre è fondamentale per creare una sensazione di profondità e realismo nel disegno 3D. L’introspezione visiva richiede la corretta modellazione delle ombre per riflettere la posizione e l’intensità della luce nell’ambiente virtuale. Questo contribuisce a definire la forma degli oggetti e a creare una percezione accurata della profondità.
  3. Materiali e texture: Utilizzare materiali e texture realistici è importante per migliorare l’introspezione visiva nel disegno 3D. I materiali dovrebbero rispondere realisticamente alla luce e all’ombra, riflettendo le proprietà fisiche degli oggetti reali. Ad esempio, la superficie di un oggetto metallico dovrebbe riflettere la luce in modo diverso rispetto a una superficie opaca o lucida.
  4. Progettazione dei dettagli: L’introspezione visiva richiede attenzione ai dettagli nella progettazione 3D. Aggiungere dettagli come rughe sulla pelle, graffi su una superficie o crepe in un muro contribuisce a rendere l’ambiente virtuale più realistico e coinvolgente. Questi dettagli influenzano la percezione della profondità e della dimensione degli oggetti nel disegno 3D.
  5. Utilizzo della prospettiva atmosferica: La prospettiva atmosferica è un’altra tecnica utilizzata per migliorare l’introspezione visiva nel disegno 3D. Aggiungendo dettagli atmosferici come foschia o nebbia, è possibile creare una sensazione di profondità e distanza tra gli oggetti nell’ambiente virtuale.

L’introspezione visiva nel disegno 3D è essenziale per creare rappresentazioni tridimensionali realistiche e coinvolgenti. Questo richiede la corretta gestione della prospettiva, dell’illuminazione, delle ombre, dei materiali, dei dettagli e della prospettiva atmosferica per garantire che gli oggetti nel disegno 3D appaiano posizionati realisticamente nello spazio tridimensionale e offrano un’esperienza visiva convincente.

Continua a leggere

Cultura e Spettacoli

Produzioni cinematografiche, dal 35millimetri all’8k: nuove frontiere creative per esperienze visive sempre più coinvolgenti agli spettatori

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

L’evoluzione delle produzioni cinematografiche dalle pellicole 35 millimetri all’era digitale con risoluzioni fino all’8K ha segnato una trasformazione significativa nell’industria cinematografica. Ecco una panoramica di questa evoluzione:

  1. Pellicola 35mm: Per gran parte della storia del cinema, le pellicole 35mm sono state il mezzo principale per registrare e proiettare film. Questa tecnologia ha prodotto immagini di alta qualità e ha dominato l’industria cinematografica per decenni. Le pellicole 35mm offrivano una risoluzione adeguata per il grande schermo e sono state utilizzate per molti dei classici del cinema.
  2. Pellicola IMAX e 70mm: In aggiunta al formato 35mm, sono stati sviluppati formati speciali come IMAX e 70mm per fornire immagini di alta qualità su schermi ancora più grandi. Questi formati sono diventati popolari per i film ad alta definizione e per le esperienze cinematografiche immersive.
  3. Passaggio al digitale: Negli ultimi decenni, c’è stato un passaggio significativo dalle pellicole analogiche al digitale. Le telecamere digitali hanno iniziato a sostituire le cineprese tradizionali, offrendo una maggiore flessibilità e un costo di produzione inferiore. Questo cambiamento ha reso più accessibile la produzione cinematografica e ha aperto nuove possibilità creative.
  4. Risoluzione digitale: Con l’avvento delle telecamere digitali ad alta definizione (HD), è stata introdotta una maggiore risoluzione nelle produzioni cinematografiche. Il passaggio all’HD ha migliorato la qualità dell’immagine e ha consentito ai filmmaker di catturare dettagli più fini sullo schermo.
  5. 4K e 8K: Negli ultimi anni, le telecamere digitali hanno continuato a evolversi, offrendo risoluzioni sempre più elevate. Il 4K (circa 4000 pixel di larghezza) e l’8K (circa 8000 pixel di larghezza) rappresentano gli standard più recenti in termini di risoluzione digitale. Queste risoluzioni offrono un dettaglio incredibile e una qualità dell’immagine senza precedenti, consentendo agli spettatori di immergersi completamente nell’esperienza cinematografica.
  6. Post-produzione digitale: Oltre alla registrazione digitale, la post-produzione digitale ha trasformato il modo in cui vengono modificate e ottimizzate le immagini cinematografiche. Gli effetti visivi, la correzione del colore e altre tecniche di post-produzione sono diventate parte integrante della produzione cinematografica moderna, consentendo ai filmmaker di realizzare visioni creative sempre più complesse.

In sintesi, l’evoluzione delle produzioni cinematografiche dalla pellicola 35mm all’8K riflette l’incessante progresso tecnologico nell’industria del cinema, consentendo ai filmmaker di esplorare nuove frontiere creative e offrire esperienze visive sempre più coinvolgenti agli spettatori.

Continua a leggere

SEGUI SU Facebook

I più letti