Connect with us

Senza categoria

Regionali Sicilia: una partita sul filo dell’astensionismo

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Reading Time: 4 minutes
image_pdfimage_print

Dalle 8 di questa mattina in Sicilia si sono aperti i seggi per le elezioni regionali, che chiuderanno alle 22. Lo scrutinio inizierà domattina alle 8. Sono circa quattro milioni e mezzo i votanti chiamati alle urne. Cinque i candidati alla presidenza: Giancarlo Cancelleri del M5S, Claudio Fava della sinistra, Roberto La Rosa dei Siciliani liberi, Fabrizio Micari del centrosinistra e Nello Musumeci del centrodestra. Settanta i parlamentari da eleggere all’Assemblea regionale, dopo che una legge costituzionale approvata nel 2013 ha ridotto il numero che dalle prime elezioni regionali, il 20 aprile ’47, era di 90.

Alle 12 ha votato il 10,8% degli elettori In Sicilia per le elezioni regionali, alle 12, dopo il riepilogo di tutte le sezioni, ha votato il 10,8% degli elettori (503.537 su 4.661.111) con un lieve calo dello 0,43% rispetto alle regionali del 2012 quando aveva votato l’11,23%. L’unica provincia dove l’affluenza è maggiore è quella di Ragusa: ha votato l’11,24% rispetto al 10,82% del 2012. I dati sono del servizio elettorale della Regione siciliana.

 

Crocetta vota a Gela: “Lascio con animo sereno” “Non sono legato alla poltrona. Lascio con l’animo sereno, di chi ha fatto il proprio dovere. Per me si chiude una fase della mia vita e se ne apre un’altra che trovo molto stimolante perché penso a un impegno politico immediato, diretto, tra la gente, a me più congeniale”. Così il Governatore uscente della Sicilia, Rosario Crocetta, all’uscita dal seggio in contrada Scavone, a Gela, dove ha votato nel pomeriggio.

 

Fotografa scheda in seggio a Modica, denunciata
Una donna è stata sorpresa a fotografare la scheda elettorale mentre esercitava il suo diritto al voto in un seggio a Modica (Rg): A tradirla, il classico ‘clic’ della foto, che ha insospettito il presidente di seggio e gli scrutinatori. L’elettrice è stata fermata e condotta in commissariato.

 

Fico (M5S): “Grave scorrettezza la replica dell’intervista di Berlusconi su Canale 5” “La replica dell’intervista di Maurizio Costanzo a Berlusconi andata in onda questa mattina su canale 5 è una grave scorrettezza. In questo caso a essere tradito è lo spirito delle norme che regolano una campagna elettorale. Ci sono dei principi e dei valori, e c’è il buon senso che dovrebbe ispirare l’attività delle emittenti radiotelevisive, che in questo senso hanno una forte responsabilità. Si tratta di mezzucci di bassa lega compiuti non a caso il giorno stesso di una elezione così importante, nella vana speranza di influenzare il voto. Per fortuna i cittadini non sono…. come le televisioni di Berlusconi credono”. Lo scrive Roberto Fico, deputato M5S e presidente della Vigilanza Rai.

 

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha votato per le regionali siciliane alle 9.35, nel seggio della scuola Giovanni XXIII-Piazzi a Palermo. Il candidato governatore Nello Musumeci (Centrodestra) voterà a Militello (Ct), mentre Claudio Fava (Sinistra) voterà a Gravina di Catania (Ct). Il candidato Fabrizio Micari (Centrosinistra) voterà a Palermo, così come Roberto La Rosa (Siciliani liberi). Il candidato presidente della Regione per il M5s Giancarlo Cancelleri voterà invece a Caltanissetta.

 

Si tratta dell’ultima tornata elettorale prima delle Politiche, l’ultimo test a disposizione di partiti e coalizioni per misurarsi su una legge non troppo lontana dal Rosatellum. In Sicilia la politica italiana si gioca molto e, da domani, i risultati del voto delle Regionali saranno strumento privilegiato per chi, nel Pd, nel centrodestra e anche nel M5S, aspiri a cambiare gli equilibri interni.
Gli ultimi appelli via web di Beppe Grillo e Giancarlo Cancelleri e la polemica sullo scrutinio organizzato a dieci ore dalla chiusura delle urne infiammano la giornata del silenzio elettorale. “Sappiate che questo è un referendum tra un mondo che si sta estinguendo e noi che guardiamo l’orizzonte”, è l’appello anti-astensione che, dal blog, lancia Grillo rivolgendosi soprattutto ai giovani: “Con lo statuto speciale possiamo veramente cercare insieme a voi di cambiarla questa Sicilia. Se ci riusciremo non lo so, voglio essere onesto. Noi potremmo diventare un punto di riferimento”, sottolinea ancora Grillo ripetendo i concetti chiave delle sue tre incursioni in Sicilia. E poco dopo è Giancarlo Cancelleri a rivolgersi alle star tv siciliane – da Ficarra e Picone a Fiorello – chiedendo loro un aiuto per portare gli elettori alle urne.

 

“Grillo e Cancelleri violano il silenzio elettorale, auspico l’intervento delle autorità competenti”, è la reazione dello staff del candidato di centrodestra Nello Musumeci mentre il deputato siciliano della Lega, Alessandro Pagano, incalza: “eccoli qui i campioni della legalità, violano il silenzio”. Un dato, tuttavia, appare alle spalle della polemica: l’astensionismo sarà un fattore chiave del voto con il M5S convinto che più gente andrà votare più aumenteranno le chance di vittoria. Già, perché in Sicilia si produrrà quasi certamente un testa a testa tra centrodestra e M5S.

 

 

E il centrosinistra? Fabrizio Micari, candidato di Pd-Ap, appare, stando alle ultime rilevazioni pubblicate, “condannato” al terzo posto. E la distanza tra Micari e i due favoriti nonché la percentuale che prenderà il Pd rischia di innescare un terremoto interno ai Dem e contro Matteo Renzi. Con una postilla: la performance di Claudia Fava, candidato sostenuto da Mdp e SI, potrebbe perfino insidiare il rettore di Palermo.

 

“Vincerà il centrodestra e a sinistra sarà il caos”, è la previsione del capogruppo FI Renato Brunetta. Alla chiusura dei seggi (alle 22) gli exit poll daranno le prime risposte. Per lo spoglio, però, si dovrà attendere le 8 di lunedì e lo scrutinio posticipato non è piaciuto a tutti. “È sbagliato lasciare le urne chiuse per l’intera notte di domenica, non se ne capisce la ragione. Se qualcuno volesse fare il furbo avrebbe maggiori opportunità”, attacca Erasmo Palazzotto di Sinistra Italiana laddove ieri, Cancelleri si diceva fiducioso nelle forze dell’ordine, ma sottolineava: “Non capisco il motivo di questa decisione”. Una decisione che, al termine della campagna degli “impresentabili” e di tweet violenti, rischia di gettare altra miccia in un pagliaio già in fiamme.

 

Senza categoria

Marino, ballottaggio: fine dell’era a 5 stelle. Stefano Cecchi è il nuovo sindaco

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Reading Time: 2 minutes
image_pdfimage_print

Bruognolo: “Noi della Lega saremo a fianco del sindaco Cecchi”

MARINO (RM) – Termina la parentesi pentastellata per la città di Marino governata in questi ultimi 5 anni dal sindaco Carlo Colizza che ha perso il ballottaggio con Stefano Cecchi, sostenuto da 6 civiche oltre che da Forza Italia e Lega.

“Grazie di cuore a tutti voi che mi avete sostenuto fino all’ultimo. Cecchi sindaco è una realtà grazie a voi!” Questo il commento del nuovo primo cittadino sul social Facebook a margine della vittoria elettorale.

“Voglio ringraziare tutti gli elettori che nelle due tornate hanno contribuito a definire il nuovo governo comunale. – Ha dichiarato il sindaco uscente Carlo Colizza (M5s) – A chi mi ha sostenuto, ai tanti che ho incontrato ed incontrerò nei giorni a seguire va il mio rispetto e la mia stima, questa città merita unione di intenti affinché il suo futuro sia il migliore possibile. E’ tempo di pace, di controllo per i finanziamenti chiesti che arriveranno a breve, di collaborazione nel rispetto del risultato che le urne ci hanno consegnato. Ringrazio i dipendenti comunali tutti, così come gli uomini e le donne della nostra Partecipata, i volontari e quanti hanno aiutato la nostra comunità nel tempo di Covid. Mi auguro che il tempo delle polemiche, delle menzogne, degli scontri politici giunga al termine adesso chiedo a tutti di mostrare amore per la nostra Città affinché questa prosegua nel suo rilancio. Amare Marino è naturale e l’amore non si mostra solo quando le cose vanno nel migliore dei modi, si testimonia nelle azioni a prescindere dalle condizioni. Un pensiero speciale per tutti i consiglieri, gli attivisti, gli assessori ed i cittadini che ci hanno aiutato in questi anni. Auguro il meglio al nuovo Sindaco di Marino Stefano Cecchi. Rispetteremo il ruolo conferito, onoreremo il mandato ricevuto, fieri di essere Marinesi.”

Bruognolo: “Noi della Lega saremo a fianco del sindaco Cecchi”

“Mi congratulo con il  nuovo sindaco di Marino Stefano Cecchi per aver condotto una campagna elettorale all’insegna del fair play, ricca di idee e contenuti, frutto del suo costante impegno sul territorio. – Così in una nota Tony Bruognolo Segretario politico della Lega provincia Roma Sud – A lui – ha proseguito la nota di Bruognolo – va il mio ringraziamento e il mio augurio di buon lavoro. Un altro grazie va al coordinatore locale, ai membri del direttivo , ai candidati e agli elettori della Lega che si sono spesi per un risultato straordinario. La Lega sarà rappresentata a Palazzo Colonna da i consiglieri eletti Anna Martella, Eugenio Pisani, Paolo Esposto e Francesca Puliti. Per Marino si apre finalmente una stagione di speranza. Noi della Lega – conclude la nota – saremo a fianco del sindaco Cecchi per mettere in campo  quei progetti e quelle iniziative attese da tutti i cittadini di Marino.”

Continua a leggere

Senza categoria

Atletica Frascati, De Santis vice campione d’Italia Cadetti. La Ricci: “E’ un grande risultato”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Reading Time: 2 minutes

image_pdfimage_print

Frascati (Rm) – L’Atletica Frascati è stata protagonista anche ai campionati italiani Cadetti che si sono tenuti a Parma nello scorso fine settimana. Il club del presidente Sandro Di Paola ha applaudito lo splendido argento di Francesco De Santis sui 300, ma anche Diego Carletti (quarto nel triplo) ha sfiorato il podio e poi va segnalato il quinto posto di Ginevra Di Mugno nei 2000 e il terzo posto nella finale B dei 300 per Chiara Padoan. L’exploit l’ha indubbiamente fatto De Santis che si allena a Cerveteri ed è seguito dall’allenatrice Loredana Ricci: “Francesco è entrato con il secondo tempo italiano annuale (36’38) e ce l’ha messa tutta per vincere la maglia tricolore. Ha vinto la batteria di sabato e poi domenica mattina ha corso la finale arrivando solo alle spalle di Junior Igene dello Spezia Marathon e chiudendo col tempo di 36’68. E’ un grande risultato perché è poco tempo che si è dedicato all’atletica leggera: ha iniziato a settembre del 2019 e in precedenza aveva fatto basket. E’ un velocista ed è bravo anche nel mezzofondo, ma soprattutto è un ragazzo eccezionale che si fa volere bene da tutto il gruppo e si dedica allo studio. Ora inizieremo la preparazione invernale, poi l’anno prossimo anno lavoreremo molto sui 400 e 800, specialità che inizierà a fare indoor da febbraio. Il risultato è anche la fotografia migliore della fondamentale collaborazione che abbiamo con l’Atletica Frascati e che è nata per creare una realtà dove tutti i ragazzi possono trovare la propria dimensione e puntare in alto. Voglio ringraziare anche pubblicamente tutti i componenti della famiglia Di Paola, persone che come noi qui a Cerveteri lavorano tante ore sul campo per dare il massimo ai ragazzi nonostante non abbiano strutture all’altezza”.
Grandi soddisfazioni anche dai campionati regionali Ragazzi (Under 14) che si sono tenuti a Colleferro: doppio titolo per Andrea Schiano (sui 60 e nel lungo), Sofia Iacoangeli (alto e vortex), Flaminia Caruso (lungo e 1000). Titolo di campioni regionali anche per Leonardo Di Mugno (che nel vortex va oltre i 65 metri) e Sofia Corini (nel peso) oltre alle staffette 4×100 maschile (Adriano Pagano, Leonardo Di Mugno, Alessandro Saddi e Andrea Schiano) e femminile (Giorgia Sala, Flaminia Caruso, Angelica Bocaj, Sofia Iacoangeli). Da segnalare anche l’ottimo secondo posto di Alessandro Saddi nei 1000 e il terzo nei 60, il secondo di Sofia Corini nel vortex e i terzi di Giorgia Sala nei 1000 e Angelica Bocaj nei 60.
Infine domenica prossima a Roma, allo stadio delle Terme di Caracalla, è in programma l’ultima gara in pista con l’attesa finale regionale del “Trofeo delle provincie” della categoria Ragazzi.



Continua a leggere

Senza categoria

Artena, Andreassi-Piazzoni (Italia Viva): “Commissariamento atto necessario, ora un progetto di nuovo sviluppo serio per la città”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Reading Time: < 1 minute
image_pdfimage_print

ARTENA (RM) – “Il commissariamento del Comune di Artena, un atto assolutamente dovuto vista la situazione creatasi, è scaturito dall’irresponsabilità della maggioranza, incapace persino di approvare un provvedimento fondamentale come il bilancio” – dichiarano Luca Andreassi e Ileana Piazzoni, coordinatori di Italia Viva della Provincia di Roma – “Da mesi i consiglieri comunali di opposizione denunciavano la violazione costante delle norme, da parte di una compagine amministrativa già segnata da una pesante indagine giudiziaria tuttora in corso”.

“Il nostro ringraziamento” – proseguono – “va a tutti i consiglieri di opposizione, ai cittadini che non si sono arresi, al Prefetto e al Ministero dell’Interno, per l’attenzione riservata a un territorio troppo spesso trascurato. Ora finalmente la comunità di Artena potrà scegliere il proprio futuro”.

“Italia Viva, con il suo consigliere Ermini Latini, ha lavorato tenacemente perché questo fosse possibile e sarà protagonista di un progetto di nuovo sviluppo serio per una città con grandi potenzialità, in cui la legalità e la trasparenza devono tornare ad essere prioritari”, concludono i due coordinatori del partito di Matteo Renzi.

Continua a leggere

I più letti